| Master e Università | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Società | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Apertura Partita Iva: l’iter da seguire

L’IVA è un’imposta che si applica sul valore aggiungo relativa a: cessioni di beni e prestazioni di servizi, eseguite in Italia, da tutti i titolari di Partita IVA. Chi decide di aprirla deve considerarla né un costo né un ricavo poiché a livello fiscale i titolari di possono compensare l’IVA a debito e quella a credito.

Quale è l’iter da seguire per l’apertura della Partita IVA?

Recarsi all’ufficio Iva o l'Ufficio delle entrate di competenza (in base al proprio domicilio fiscale) e compilare e presentare una dichiarazione. L’apertura (anche in caso di Partita Iva agevolata) deve essere effettuata entro 1 mese dalla data d'inizio dell'attività o della costituzione della società. Sarà necessario compilare

modello AA9/11 per l'apertura, la variazione e la chiusura in caso di persone fisiche modello AA7/10 nel caso di soggetti diversi da persone fisiche

A partire dall’aprile del 2010, i contribuenti che devono utilizzare il modello AA9/11 devono fare riferimento alla Comunicazione Unica, che va inviata in forma telematica al Registro delle Imprese.

Gli obblighi del titolare dopo l’apertura

Gli obblighi differiscono a seconda della tipologia di regime fiscale del titolare. Nel caso di lavoratore autonomo, oppure di ditta individuale, o ancora di società,

Chi apre la partita Iva, deve necessariamente tenere una documentazione della contabilità, ed ha l’obbligo della doppia fatturazione, una per sè ed una per il cliente. Ogni fattura deve essere dotata di un numero specifico e datata. Ogni documento fiscale del genere va registrato secondo le procedure di legge definite per il regime fiscale di cui si fa parte.

Obblighi per i collaboratori

l’iscrizione alla Gestione Separata Inps e obbligo di versamento di un contributo del 23,5% con cui è riconosciuta: l’indennità di maternità, l’indennità di malattia solo in caso di ricovero ospedaliero e l’assegno per il nucleo familiare l’iscrizione all’Inail.

Dopo l’apertura Partita Iva quali sono le operazioni soggette all’imposta?

Esistono:

Operazioni Imponibili, cioè operazioni su cui si applica l'IVA in aliquota variabile (4%, 10%, e 22%). Operazioni Non imponibili, su cui non si calcola l'Iva ma che sono comunque soggette agli altri obblighi formali. Operazioni Esenti, elencate dalla legge, su cui non si applica alcuna aliquota IVA, ma sono soggette generalmente agli altri obblighi formali e sulle quali non si può portare in detrazione l'imposta sugli acquisti.

Gli obblighi fiscali

Emissione di Fattura che deve contenere: la partita IVA e il codice fiscale di chi emette la fattura, la data di emissione e il numero progressivo della fattura, la ditta, la denominazione o la ragione sociale di chi emette la fattura e del cliente, la residenza o il domicilio dell'emittente e del cliente, la natura, la quantità e la qualità dei beni, ognuno con la sua aliquota, i corrispettivi e l'aliquota IVA applicata, l'ammontare dell'IVA distinta per aliquota. Registrazione di tutte le fatture emesse, i corrispettivi, le fatture ricevute e le bolle doganali su appositi registri. Detrazione relativa alle operazioni soggette ad imposta e alle operazioni non imponibili. Liquidazione, il versamento e la dichiarazione periodica dell'IVA in base al principio di compensazione.

Pagine correlate Tributi

Apertura Partita Iva: l’iter da seguire

  • Cessione quinto pensione: tutti i vantaggi!
    La cessione del quinto della pensione è un prestito che viene rimborsato tramite la trattenuta di una porzione dello stipendio o della pensione.
  • Contratti con Partita Iva
    Il Dlgs n. 276/2003, che include al suo interno i dettami della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003 (legge Biagi), prevede l´inserimento di nuovi tipi di contratti, tra i quali c´è quello con partita Iva destinato alle classi di lavoratori autonomi (cooperatori, liberi professionisti, consulenti ecc.)....
  • Regime fiscale forfettino: tutti i vantaggi!
    Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.
  • Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato
    Lo Stato e le norme fiscali prevedono un regime fiscale agevolato per i soggetti (persone fisiche ed imprese familiari) che aprono la partita IVA per avviare una nuova attività o per svolgere un lavoro autonomo (liberi professionisti).
  • Apertura Partita Iva: l’iter da seguire
    L’IVA è un’imposta che si applica sul valore aggiungo relativa a: cessioni di beni e prestazioni di servizi, eseguite in Italia, da tutti i titolari di Partita IVA.





Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Partita IVA

IVA

Aprire Partita IVA

Regime agevolato

Regime "forfettino"

Contribuenti minimi

Iva non residenti

Iva comunitaria 2011

Obblighi Partita Iva




Abbonati ai FEED

Contratto di lavoro

Contratto di lavoro

A tempo determinato

Parasubordinato

Contratti parasubordinati

App. professionalizzante

Apprendistato

Contratti atipici

Somministrazione lavoro

Lavoro occasionale

Lavoro intermittente

Contratto inserimento

Contratto con P.I.

Cococo

Staff-leasing

Job sharing

Lavoro ripartito

Telelavoro

Buoni lavoro occasionale



  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.