| Master e Universitą | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione Nigiara
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Societą | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Cassa integrazione tredicesima: a chi spetta

La cassa integrazione è uno specifico intervento dello Stato che viene richiesto dalle aziende o società che si trovano in gravi difficoltà finanziare e viene concessa per un periodo di tempo limitato. Lo scopo della cassa integrazione è di aiutare il titolare o i soci della azienda a risanare la situazione economica, in modo da evitare la chiusura dell’attività e la conseguente perdita del lavoro, di tutti coloro che avevano un impiego nell’azienda. Esistono due differenti tipologie di cassa integrazione, quella ordinaria e la cassa integrazione straordinaria.

La cassa integrazione ordinaria permette ai dipendenti di ricevere l’80% dello stipendio base, che spetta loro ogni mese. Questo genere di cassa integrazione può durare per massimo 13 settimane. Se in questo periodo la situazione economica della società non è migliorata di molto, il titolare può chiedere delle proroghe. La cassa integrazione straordinaria invece viene concessa dallo Stato in caso di ristrutturazione, dichiarazione di liquidazione coatta amministrativa, dichiarazione di fallimento ecc. E’ importante sapere che la cassa integrazione straordinaria spetta agli impiegati, ai quadri e agli operai ma purtroppo non spetta ai dipendenti che hanno contratti di formazione al lavoro, a progetto e di apprendistato.

Chi ha diritto a ricevere la cassa integrazione tredicesima

Le persone che purtroppo sono state messe in cassa integrazione e quindi ricevono uno stipendio inferiore a quello che avrebbero preso in condizioni lavorative normali, possono contare sulla cassa integrazione tredicesima. La tredicesima è una mensilità aggiuntiva che spetta alle persone che hanno un contratto a tempo determinato o indeterminato. Nel caso della cassa integrazione la tredicesima mensilità sarà ovviamente di importo inferiore alla normale tredicesima, perché viene calcolata in base alla somma delle mensilità ricevute in un anno.

Nel caso in cui però i dipendenti hanno una cassa integrazione che ha ridotto in parte le ore di lavoro settimanali o mensili, hanno diritto a ricevere l’intero importo della normale tredicesima mensilità. Lo Stato o l’ente di previdenza che corrisponde la cassa integrazione pagherà al dipendente l’80% della normale tredicesima, la parte restante, quindi il 20% della somma intera, sarà pagato dal datore di lavoro. Quindi le persone che si trovano in cassa integrazione possono almeno contare sulla cassa integrazione tredicesima.

Pagine correlate Cassa integrazione tredicesima

Cassa integrazione tredicesima: a chi spetta




Collegamenti esterni ( ultime news )


Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Disoccupazione e Cassa Integrazione




Curriculum vitae

Bandi e Concorsi

Lavoro e Famiglia

Diritti del Lavoratore

Tutto sulla Pensione


  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.