Home Page | Network Nigiara
Email

Contratto commercio terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Quali attività disciplina?

Il contratto del commercio disciplina ogni genere di attività lavorativa e di rapporto tra datore di lavoro e lavoratore stesso e per ogni genere di contratto, sia che si tratto di contratto a tempo determinato, che indeterminato o di somministrazione a tempo determinato.

E' stato inoltre rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013; l'ipotesi di accordo è stata firmata il 26 febbraio 2011. Le novità più importanti sonolegate agli aumenti dei minimi tabellari, che saranno in media di 86 euro per chi appartiene al IV livello. La retribuzione potrebbe inoltre subire aumenti legati al Fondo sanitario Est, qualora le imprese non versassero le imprese allo stesso la quota prevista.

Variazioni degli ultimi anni

Ha subito delle variazioni anche sui casi di malattia; varieranno infatti i valori di retribuzione dei primi tre giorni di malattia e dei primi due certificati durante l'anno. Nel contratto commercio terziario, diminuiranno inoltre i giorni di preavviso legati alle dimissioni o al licenziamento.

All'interno del CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro) sarà possibile visionare il contratto commercio terziario.

Le novità del Contratto commercio

È proprio nell'ottobre 2012 che scattano gli aumenti cui si è accennato. Per la precisione a partire dal 1° ottobre, saranno in vigore i seguenti aumenti lordi:

Minimi tabellari dal 1 ottobre 2012

  • Quadro: 2.484,64 euro
  • I livello: 2.063,04 euro
  • II livello: 1.852,11 euro
  • III livello: 1655,77 euro
  • IV livello: 1499,68 euro
  • V livello: 1403,22 euro
  • VI livello: 1310,96 euro
  • VII livello: 1194,89 euro

Aumenti lordi dal 1 ottobre 2012

  • Quadro: 27,78 euro
  • I livello: 25,02 euro
  • II livello: 21,64 euro
  • III livello: 18,50 euro
  • IV livello: 16 euro
  • V livello: 14,45 euro
  • VI livello: 12,98 euro
  • VII livello: 11,10 euro

Permessi e malattia nel contratto collettivo commercio

Il contratto commercio terziario ha modificato l'ammontare di ore che è possibile richiedere come permesso retribuito. Vi è una prima differenza fra piccole aziende (con meno di 15 dipendenti) e grandi aziende: i dipendenti delle prime hanno a disposizione 88 ore annue, mentre i lavoratori delle seconde 104.

Tuttavia, il monte ore disponibile dipende dall'anzianità del dipendente. Per tutti i nuovi assunti (ovvero coloro che sono sotto contratto dal 26 febbraio 2011) è possibile chiedere solo 36 ore di permesso l'anno per i primi due anni; una volta superato questo limite ed entro i quattro anni di attività, il valore aumenta di 28 per le piccole aziende e 36 per le grandi; dopo i quattro anni, è possibile richiedere tutto il monte ore stabilito dalla legge.

Se il contratto viene modificato – passando, ad esempio, da apprendistato a tempo indeterminato – il calcolo si basa sulla data della prima assunzione.

Per quanto riguarda i casi di malattia, la retribuzione non presenta diversità:

  • 100% del compenso per i primi tre giorni
  • 75% sino al 20esimo giorno
  • 100% dal 21esimo (da notare che l'integrazione viene finanziata dall'Inps)

Tuttavia, il primo caso si verifica solo per le prime due istante di malattia all'anno. All'ennesima occasione di assenza per patologia, la retribuzione sarà uguale al 66%; in caso di quarta malattia, invece, scenderà al 50%. Dalla quinta malattia, non si percepirà alcuna retribuzione.

Questa regola non vale se:

  • Il dipendente viene operato in day hospital o effettua un'emodialisi
  • Si certifica una malattia con prognosi iniziale non inferiore ai 12 giorni
  • Malattie gravi che richiedono cure salvavita
  • Tutte le malattie emerse dopo l'inizio di un'eventuale gravidanza

Come cambia la maternità

Alle lavoratrici spetta la maternità:

  • Nei due mesi precedenti il parto (ovvero, la presunta data)
  • Per il tre mesi successivi
  • Per i giorni non goduti della maternità prima del parto, quando questo sia anticipato

È possibile, previo certificato medico, di far slittare la maternità e astenersi dal lavoro a partire da un mese dalla presunta data del parto sino ai quattro mesi successivi.

Vale anche nel contratto commercio terziario, la possibilità di congedo parentale per il padre.



Ultimi aggiornamenti




Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Guida CCNL





 
www.arealavoro.org di Laura Perconti - email arealavoro@elamedia.it -