| Master e Università | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Società | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un colloquio motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande colloquio la personalità oltre al profilo del candidato.

Ci sono diverse tipologie di domande per il colloquio in base all’argomento trattato possiamo per semplificazione definirle:

Domande colloquio relative al percorso formativo

Tale tipo di domande può comprendere delucidazioni su:

  • studi effettuati,
  • materie preferite,
  • relazioni con i compagni o gli insegnanti.

Se si è svolto anche un percorso universitario le domande del colloquio potrebbe vertere sulle difficoltà incontrate o sulle modalità di studio e preparazione agli esami.

Domande colloquio relative alle esperienze lavorative

Solitamente il selezionatore pone domande circa l’azienda in cui si è lavorato precedentemente, il tipo di lavoro svolto e a volte anche sul tipo di contratto e la retribuzione percepita. Nel caso si stia ancora lavorando, con molte probabilità il reclutatore vi chiederà il perché vorreste cambiare.

Informazioni personali esposte durante il colloquio

Una delle domande che maggiormente mette in difficoltà i candidati è quella relativa ai propri pregi e i propri difetti. Riconoscere i propri difetti è molto importante perché mostra una consapevolezza del proprio io, al contempo è bene spiegare come si sta tentando di migliorare; è importante far sapere di aver già individuato gli strumenti per migliorarsi.

Le domande di colloquio personali includono anche i propri desideri e le proprie aspirazioni lavorative. Pensateci e rispondete in modo pronto e sincero. Dimostrare di avere fiducia nell’interlocutore significa sapersi raccontare.

Anche il candidato deve fare domande

Dal momento che lo scopo di un colloquio conoscitivo è anche quello di avere maggiori informazioni circa il lavoro che si andrebbe a svolgere, è bene chiedere delucidazioni relative a ciò che non è ancora chiaro. Porre domande non è un difetto, anzi mostra un reale interesse per la posizione aperta.

Prima di congedarvi dal colloquio, chiedete anche quale saranno i tempi per conoscere l’esito della selezione e se verrete contattati anche in caso non veniste scelti per la posizione.

In bocca al lupo!

Pagine correlate Selezione

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore





Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Colloquio

Colloquio motivazionale

Domande colloquio

Come vestirsi al colloquio

Colloquio di gruppo

Test selezione personale

Indicatori test MBTI

Tecniche di comunicazione

Trucchi colloquio





Curriculum vitae

Bandi e Concorsi

Lavoro e Famiglia

Diritti del Lavoratore

Tutto sulla Pensione


  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.