Scadenza ccnl commercio e rinnovo dei contratti collettivi nazionali

Il Contratto collettivo nazionale del lavoro è un documento indispensabile e previsto per legge che contiene tutte le direttive utili legate ai rapporti di lavoro di categoria. Ogni settore lavorativo ne ha infatti uno specifico che definisce tutto quello che concerne l'attività lavorativa stessa come la retribuzione, i termini dei singoli contratti individuali, le mansioni che devono essere svolte, le ore di lavoro e la scadenza come nel caso del CCNL Commercio.

Il Contratto collettivo nazionale del lavoro è inoltre una forma di tutela del lavoratore e viene stipulato tra le varie associazioni sindacali e i datori di lavoro, al fine di garantire trasparenza e poca concorrenza sul posto di lavoro.

Ogni contratto collettivo nazionale del lavoro relativo a un determinato settore e ad un livello specifico viene poi rinnovato periodicamente.

Quando è nato il CCNL

Il Ccnl è stato istituito in periodo fascista con modalità e fini totalmente diversi da quelli attuali. Oggi il contratto collettivo è una forma complessa di “solidarietà” fra gli appartenenti alla stessa classe di lavoro tramite la quali tutti gli iscritti ad un settore convogliano le loro esigenze in un testo dotato di valenza di legge.

Il Contratto collettivo nazionale del lavoro è inoltre una forma di tutela del lavoratore e viene stipulato tra le varie associazioni sindacali e i datori di lavoro, al fine di garantire trasparenza e poca concorrenza sul posto di lavoro.
Il Ccnl viene redatto per iscritto e ha una durata variabile, ma che di solito si attesta intorno ai quattro anni per la parte normativa, due anni per la retribuzione. Tre mesi prima della scadenza, le parti si devono riunire per operare il rinnovo del Ccnl.

Durante questo lasso di tempo, è il divieto di intraprendere qualsiasi azione di lotta sindacale. Se dopo i tre mesi, non è stato possibile rinnovare tale documento, ai lavoratori è concessa l'indennità di vacanza contrattuale ovvero un importo che dovrebbe, nelle intenzioni, preservare lo stipendio a prescindere dall'inflazione in atto.

Teoricamente la politica dovrebbe essere esente da questo processo. Tuttavia, nel caso di situazioni critiche, il Ministero del Lavoro può partecipare alla contrattazione o, addirittura, decidere attraverso i lodi governativi di modificare alcune parti del contratto che impone attraverso un decreto legge.

Cosa decide il Contratto collettivo

Il Ccnl stabilisce tutto ciò che riguarda il rapporto di lavoro fra una categoria e il suo interlocutore principale (il datore di lavoro).
Sostanzialmente vengono definiti elementi come l'orario di lavoro, le mansioni, la disciplina della maternità, le ferie, la retribuzione e così via e questa viene definita la “parte normativa” del Contratto. Viene anche stabilita la “parte obbligatoria”, che disciplina i diritti e i doveri delle parti in causa, ovvero quello che possono e non possono fare in quanto istituzioni i sindacati e i datori di lavoro.

Moltissime materie, infatti, dei contratti di lavoro vengono demandate al contratto collettivo che è fonte di riferimento per tutti i lavoratori.
Ogni contratto collettivo nazionale del lavoro relativo a un determinato settore e ad un livello specifico viene poi rinnovato periodicamente.

I settore per i quali esiste un Ccnl in Italia sono numerosi, fra questi:

I campi di interesse del CCNL commercio

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro è una tipologia di accordo nella quale le associazioni dei lavoratori e quelle degli imprenditori stabiliscono una serie di norme e regole di comportamento generali, atte a regolare i rapporti lavorativi nei settori del lavoro ivi rappresentati. Vedremo, nell'articolo che segue, quali sono le finalità di questo contratto per il settore commercio e servizi e in che modo funziona.

Come anticipato, il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro viene utilizzato per sancire:

  • una disciplina che regoli le relazioni industriali, ovvero i rapporti tra le categorie sindacali e gli imprenditori;
  • i contenuti fondamentali di tutti i contratti individuali delle aziende che operano nel settore interessato dal Contratto Collettivo; questo aspetto riguarda sia il campo giuridico (la quantità di ore di lavoro, la durata del rapporto di lavoro..), sia quello economico (i trattamenti di anzianità, la remunerazione..).

Le finalità del Contratto per i commercianti

Ciò che è alla base del Contratto Collettivo di Lavoro è l'esigenza di garantire una concorrenza corretta nel campo delle assunzioni, al fine di tutelare entrambe le parti. L'accordo è a livello nazionale proprio per poter controllare la totalità delle imprese, facendo sì che esse, in un continuo ridimensionamento dei costi, non portino ad un peggioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

I settori del Contratto Collettivo del Commercio

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Commercio interessa tutti i lavoratori delle aziende dei seguenti livelli /settori:

  • terziario (servizi)
  • commercio (incluse le attività di vendita per corrispondenza o online).

Le fonti del CCNL

Il rapporto di lavoro è disciplinato da tre tipologie di norme:

  • le leggi in materia;
  • il contratto collettivo;
  • il contratto individuale.

Queste tre leggi non sono poste sullo stesso piano ma in ordine gerarchico: nel caso si verifichino delle incongruenze, ha maggior importanza il testo della legge, quindi il CCNL e infine il contratto individuale.

I vantaggi per il lavoratore

Questa gerarchia delle fonti non viene considerata nel caso in cui la norma "inferiore" privilegi il lavoratore: in questo caso verrà osservata la legge più benevola verso il dipendente.
Infine, nel caso vi siano fonti in attrito che siano di pari importanza, viene fatta rispettare quella più recente.

Le attività incluse nel CCNL del commercio

Percapire cos'è il contratto per il commercio dobbiamo definire le attività commerciali che trattano beni appartenenti al settore:

  • Alimentazione
  • Merci d'uso e prodotti industriali
  • Ausiliari
  • Fiori, piante e affini
  • Servizi alle Imprese/alle Organizzazioni,
  • Servizi di rete,
  • Servizi alle persone.

Scadenza e rinnovo del CCNL per ogni categoria lavorativa

Il rinnovo del ccnl va effettuato dunque periodicamente soprattutto perché le dinamiche lavorative possono cambiare così come le esigenze del singolo lavoratore e del datore di lavoro. Con l'introduzione di nuove leggi e decreti il rinnovo del contratto collettivo nazionale di categoria può rivelarsi ancora più importante.

Dopo il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro di categoria, lo stesso ha scadenza tre anni e poi viene rinnovato nuovamente. E' utile inoltre per modificare le dinamiche relative alle ore di lavoro, all'ammontare dello stipendio e a tutto quello che è legato ai permessi e ai periodi di malattia o maternità.

Esempi

Il rinnovo del ccnl Commercio (Treziario e servizi) è stato ad esempio rinnovato l'uno gennaio 2011 ed è valido fino al 31 dicembre 2013, con importanti novità in materia di malattia, minimi tabellari, dimissioni, permessi e licenziamenti.

Quello che riguarda il ccnl dirigenti del commercio si è verificato invece il 27 settembre 2011 ed è stato stipulato tra Confocommercio e ManagerItalia ed avrà anch'esso una durata di tre anni. É necessario infine sottolineare che per rinnovare i vari contratti collettivi nazionali di categoria bisogna riuscire a trovare un accordo tra le parti.

Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di categoria avviene infatti dopo trattative più o meno lunghe a seconda dei casi, durante le quali, sindacati, datori di lavoro e lavoratori, discutono sui possibili contenuti del futuro ccnl stesso. Se si raggiunge un'intesa si stabilisce poi la data per emettere ed effettuare il rinnovo del ccnl.



Articolo aggiornato il

Ultimi aggiornamenti

Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Il CCNL

Livelli CCNL

Commercio e Servizi

Metalmeccanici

Turismo

Artigianato

Edili: novità

Agricoltura

Contratto commercio terziario

Livelli ccnl commercio

Livelli contratto metalmeccanici

Ccnl industria





 
ElaMedia Group SRLS Partita IVA: 12238581008 - Tel.06/99922584
www.arealavoro.org di Laura Perconti - email enr.mainero@gmail.com -