| Master e Università | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Società | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Può essere anche il lavoratore stesso a decidere di lasciare il posto di lavoro per andare a lavorare presso un datore di lavoro che magari gli offre condizioni salariali più vantaggiose rispetto alle precedenti o per altri motivi di carattere pratico e/o personale; il dipendente in questo caso dovrà presentare la sua lettera di dimissioni.

Quando un rapporto lavorativo finisce è necessario sempre dare il dovuto preavviso, sia che si tratti di licenziamento sia che ci si trovi di fronte ad un caso di dimissioni. Ai sensi dell'articolo 2120 del Codice Civile è inoltre obbligatorio effettuare il calcolo e il dovuto pagamento del TFR, acronimo del Trattamento di fine rapporto, detto anche liquidazione o buonuscita.

Termini di pagamento del TFR

Il pagamento del TFR, trattamento di fine rapporto è dunque obbligatorio ed è costituito dall'ammontare del denaro accumulato durante gli anni lavorativi, calcolato mediante somma di ogni anno di lavoro a un valore equivalente alla retribuzione dell'anno in corso divisa per un coefficiente pari a 13.5.

Il pagamento del TFR deve essere elargito obbligatoriamente al lavoratore non appena si verifica la cessazione del rapporto di lavoro stesso rispettando inoltre i termini previsti dai Contratti Collettivi Nazionali di categoria.

Il pagamento del TFR per il settore terziario ha ad esempio come termine 30 giorni dalla fine del rapporto lavorativo, mentre quello relativo alla categoria del commercio prevede la corresponsione entro 45 giorni.

Mancato pagamento TFR

Nei casi di mancato pagamento del TFR il datore di lavoro dovrà prima possibile elargire la somma che spetta all'ex dipendente con l'aggiunta di tutti gli interessi calcolati fino al momento dell'effettivo pagamento.

Quando non è stato effettuato il pagamento del TFR, il lavoratore ha diritto ad inoltrare una lettera di sollecito ai fini del pagamento stesso; nel caso in cui il datore di lavoro non paghi il TFR si potrà successivamente procedere ad azioni legali vere e proprie.

È stato infine istituito il Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto che si sostituisce al datore di lavoro nei casi di impossibilità e mancato pagamento del TFR; i pagamenti vengono effettuati entro 60 giorni dall'invio della richiesta da parte del lavoratore.

Pagine correlate Pagamento TFR

Pagamento TFR: termini e omissioni





Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Licenziamento

Giusta causa e giustificato motivo

A tempo indeterminato

Lettera licenziamento

Mobilità

Collettivo

Novità Monti

Provvedimenti disciplinari

Provvedimenti

Sanzioni disciplinari

Lettera di richiamo

Dichiarazione sostitutiva

Dimissioni

Lettera dimissioni

Dimissioni online

Preavviso dimissioni

Tempi di preavviso

Modulo dimissioni

Periodo di prova

Periodo di prova

Prova contratto atipico

Patto di prova

TFR

Rivalutazione TFR

Anticipo TFR

Pagamento TFR

Liquidazione TFR

Tassazione TFR




Curriculum vitae

Bandi e Concorsi

Lavoro e Famiglia

Diritti del Lavoratore

Tutto sulla Pensione


  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.