| Master e Università | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione Nigiara
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Società | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità. Questa forma assistenziale viene concessa a invalidi, ciechi e sordomuti, lavoratori autonomi e dipendenti; per ottenerla, le capacità del soggetto devono essere ridotte a meno di un terzo in modo permanente.

Tipologie di invalidità

L'invalidità civile, fisica o mentale, viene riconosciuta parzialmente o totalmente ed è espressa in termini percentuali; essa è compresa tra il 67 % ed il 99 %. Quando l’invalidità è totale, ovvero pari al 100 %, il soggetto percepisce una pensione d’inabilità. Tutti coloro che presentano difficoltà a deambulare o a svolgere atti della vita quotidiana hanno diritto a un’indennità di accompagnamento.

Se la patologia potesse causare nel tempo un peggioramento delle condizioni di vita della persona, è necessario richiedere un "aggravamento" dell'invalidità (in termini %). È possibile presentare richiesta di visita di aggravamento presso l'Asl di competenza, utilizzando lo stesso modulo compilato nella richiesta di prima istanza e barrando la casella "aggravamento".

Da pensione di invalidità a pensione di vecchiaia

Al compimento dei 65 anni d’età per gli uomini e dei 60 per le donne, la pensione d’invalidità si trasforma in pensione di vecchiaia. Sono necessari 20 anni di contributi; qualora l'individuo non li avesse maturati, verrebbero considerati validi anche gli anni in cui l’interessato ha percepito l’assegno di invalidità senza lavorare.

Prima della presentazione della domanda per la pensione d'invalidità, il soggetto dovrà aver versato un minimo di cinque anni di contribuzione, di cui tre anni nell’ultimo quinquennio, e cinque anni di assicurazione INPS alle spalle.

Assegno di pensione di invalidità

L'assegno di invalidità ordinario non è da considerarsi come una pensione permanente; la sua erogazione dura infatti per un massimo di tre anni ed è rinnovabile su domanda dell'interessato, previa visita medico-legale. Dopo tre rinnovi, l'invalidità diventa definitiva; una volta raggiunta l'età pensionabile, l'assegno di invalidità diventa pensione di vecchiaia.

È possibile concedere l'invalidità anche se il soggetto continua a lavorare attivamente; in questo caso una visita medico-legale ha luogo annualmente.

Come richiedere tale pensione

La richiesta di invalidità va documentata con certificati medici, che la Commissione Medica per l'invalidità civile, presso l'Asl di residenza, dovrà valutare preliminarmente prima di chiamare l'interessato a visita di controllo. La presentazione della domanda decorre dal primo giorno del mese successivo la data della consegna, ovvero dal momento di collocamento a riposo.

L'indennità di accompagnamento, al contrario della pensione di invalidità (il cui limite di reddito personale annuo è per il 2007 di 14.256,92 euro), non contribuisce alla formazione del reddito, essendo destinata teoricamente a persona terza impegnata nell'assistenza al disabile).

Pagine correlate Pensione d'invalidità

Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

  • Cessione quinto pensione: tutti i vantaggi!
    La cessione del quinto della pensione è un prestito che viene rimborsato tramite la trattenuta di una porzione dello stipendio o della pensione.
  • Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?
    La pensione contributiva, disciplinata dalla legge 335/1995 della riforma Dini, è stata varata con lo scopo di contrastare il divario che si era venuto a creare nel sistema pensionistico italiano, nel quale i contributi versati dai lavoratori erano assai inferiori dei benefici percepiti.
  • Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari
    Se vogliamo calcolare l´età della pensione, possiamo comunque provare a fare un tentativo attraverso degli strumenti presenti su internet, che tengono conto di vari fattori in entrata, e restituiscono un dato veritiero, ma che dovrà poi tener conto delle modifiche future.
  • Riforma della Pensione Enasarco
    La Fondazione Enasarco, istituita nel 1938, è l´ Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti e Rappresentanti di Commercio; grazie alla pensione Enasarco, gli oltre 100.
  • Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?
    La pensione contributiva adotta un calcolo che ha portato il sistema pensionistico italiano a diminuire la differenza tra i contributi effettivamente versati e quanto percepito dall´individuo una volta finito di lavorare.





Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter

Abbonati ai FEED

Tipologie Pensione




Abbonati ai FEED

Info contratto

Elementi contratto

Nullo o annullabile

Contratto Colf

Regolarizzare Badanti

Job share

Buono lavoro

Lavoratori comunitari

Assumere rumeni o bulgari

Tredicesima badanti

Dipendenti PA

Retribuzione

Libera professione

Tredicesima dipendenti pubblici


  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.