Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

A tal proposito ICOTEA, Istituto formativo riconosciuto dal MIUR, compie 20 anni in questo 2018. Un traguardo di non poco conto che sottolinea serietà ed impegno di un ente di formazione che ha iniziato il suo percorso nel lontano 1998.

Affidabilità, certificazioni ed accreditamenti vanno di pari passo e servono a dimostrare di essere una realtà affidabile in grado di erogare un servizio concreto e di qualità. Questo Istituto da prova di esserlo e lo dimostra con la sua timeline. Tra le prime certificazioni di ICOTEA si ricordano l’accreditamento presso il Ministero della Giustizia nel 2010, subito dopo presso il MIUR nel 2012. Nel biennio 2014/2015 viene riconosciuta anche dal Ministero della Salute e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri ottenendo la facoltà di rilasciare CFP ed ECM. Un Istituto attento alle richieste non solo del mercato, ma soprattutto del sociale, che cerca di dare un valore aggiunto nella sua offerta. Ciò si concretizza con l’erogazione del Corso di Laurea Triennale in Mediazione Linguistica e con l’apertura del suo portale ai soggetti con handicap visivo. Implementando le prestazioni del portale come previsto dall'allegato A del Decreto ministeriale 8 luglio 2005 (aggiornato dal DM 20 marzo 2013) di attuazione della Legge 4/2004 "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici", conosciuta come Legge Stanca, Icotea.it risulta accessibile e navigabile attraverso la tastiera, i lettori vocali e gli ausili in uso da parte degli utenti con disabilità.

Un'altra capacità che devono possedere gli Istituti del settore FAD è riuscire a tenersi sempre aggiornati. In questo senso proporre un’offerta sempre nuova è una loro prerogativa. Detto ciò, vista la legge di Bilancio 2018, nei commi da 594 a 601, che definisce la figura dell’educatore professionale socio-pedagogico, Icotea si è subito resa disponibile ad erogare un percorso ad hoc per raggiungere tale finalità. Sebbene il processo di realizzazione della cosiddetta legge Iori sia nato sotto il segno di una grande incertezza, la sua divulgazione ha comunque riacceso speranze in molti funzionari del settore riguardante la formazione primaria. Notiamo già dal testo dell’emendamento in questione, quanto sia stata sorprendente questa decisione politica che di fatto rimette in gioco molti educatori. Si può leggere infatti che “in via transitoria – e continua – acquisiscono la qualifica di educatore professionale socio-pedagogico, previo superamento di un corso intensivo di formazione per complessivi 60 crediti formativi universitari nelle discipline di cui al comma 593…” E si giunge al cuore del decreto con la comprensione dei commi per il quale si evince che in questo momento di “transizione” bisogna possedere almeno uno dei tre i requisiti necessari ad acquisire la qualifica di cui sopra:

  1. Inquadramento nei ruoli delle amministrazioni pubbliche a seguito del superamento di un pubblico concorso relativo al profilo di educatore;
  2. Svolgimento dell’attività di educatore per non meno di tre anni, anche non continuativi, da dimostrare mediante dichiarazione del datore di lavoro ovvero autocertificazione dell’interessato ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445;
  3. Diploma rilasciato entro l’anno scolastico 2001/2002 da un istituto magistrale o da una scuola magistrale.

Il corso è accessibile dai soggetti che abbiano almeno conseguito un diploma di scuola superiore. I vantaggi nel frequentarlo sono relativi al concorrere al re-inserimento nelle GAE, ottenere 50 ECM, 16 CFU extra per iscriversi al corso di Laurea in Mediazione Linguistica, 1 punto per le graduatorie di Istituto e mobilità. Ed ovviamente i 60 CFU necessari alla qualifica di Educatore socio-pedagogico. Questi punti, nello specifico i 60 CFU nelle materie pedagogiche, psicologiche e sociologiche sono necessari come è possibile visionare nel corpo della legge 205, comma 594 – 601 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2017 con entrata in vigore della legga in data 1/1/2018.



Potrebbe interessarti

Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Leggi tutto...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Inail: una guida alla modulistica

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. Ecco perché in Italia è stato istituito un ente pubblico apposito, non economico regolato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale istituto è l'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali).

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Leggi tutto...

RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

La sigla RSPP designa il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Tale figura professionale è un esperto in tema sicurezza.

Leggi tutto...

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Ecco la verità sul Condono 2019

come funziona il condono per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Jobs Act in sintesi: capiamo brevemente cos’è!

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Poste recruiting, il piano strategico di Poste Italiane

Immagine di poste italiane che rimanda al poste recruiting

Di recente, il gruppo Poste Italiane ha comunicato un piano strategico che vede un coinvolgimento nei prossimi anni per il lavoro alle poste che ha da poco presentato un piano strategico importante relativo ai periodi 2015 - 2019 con delle proposte di trasformazione del gruppo e più di 8000 assunzioni, con vari posti di lavoro dedicati a giovani laureati!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...
Go to Top