Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

A tal proposito ICOTEA, Istituto formativo riconosciuto dal MIUR, compie 20 anni in questo 2018. Un traguardo di non poco conto che sottolinea serietà ed impegno di un ente di formazione che ha iniziato il suo percorso nel lontano 1998.

Affidabilità, certificazioni ed accreditamenti vanno di pari passo e servono a dimostrare di essere una realtà affidabile in grado di erogare un servizio concreto e di qualità. Questo Istituto da prova di esserlo e lo dimostra con la sua timeline. Tra le prime certificazioni di ICOTEA si ricordano l’accreditamento presso il Ministero della Giustizia nel 2010, subito dopo presso il MIUR nel 2012. Nel biennio 2014/2015 viene riconosciuta anche dal Ministero della Salute e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri ottenendo la facoltà di rilasciare CFP ed ECM. Un Istituto attento alle richieste non solo del mercato, ma soprattutto del sociale, che cerca di dare un valore aggiunto nella sua offerta. Ciò si concretizza con l’erogazione del Corso di Laurea Triennale in Mediazione Linguistica e con l’apertura del suo portale ai soggetti con handicap visivo. Implementando le prestazioni del portale come previsto dall'allegato A del Decreto ministeriale 8 luglio 2005 (aggiornato dal DM 20 marzo 2013) di attuazione della Legge 4/2004 "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici", conosciuta come Legge Stanca, Icotea.it risulta accessibile e navigabile attraverso la tastiera, i lettori vocali e gli ausili in uso da parte degli utenti con disabilità.

Un'altra capacità che devono possedere gli Istituti del settore FAD è riuscire a tenersi sempre aggiornati. In questo senso proporre un’offerta sempre nuova è una loro prerogativa. Detto ciò, vista la legge di Bilancio 2018, nei commi da 594 a 601, che definisce la figura dell’educatore professionale socio-pedagogico, Icotea si è subito resa disponibile ad erogare un percorso ad hoc per raggiungere tale finalità. Sebbene il processo di realizzazione della cosiddetta legge Iori sia nato sotto il segno di una grande incertezza, la sua divulgazione ha comunque riacceso speranze in molti funzionari del settore riguardante la formazione primaria. Notiamo già dal testo dell’emendamento in questione, quanto sia stata sorprendente questa decisione politica che di fatto rimette in gioco molti educatori. Si può leggere infatti che “in via transitoria – e continua – acquisiscono la qualifica di educatore professionale socio-pedagogico, previo superamento di un corso intensivo di formazione per complessivi 60 crediti formativi universitari nelle discipline di cui al comma 593…” E si giunge al cuore del decreto con la comprensione dei commi per il quale si evince che in questo momento di “transizione” bisogna possedere almeno uno dei tre i requisiti necessari ad acquisire la qualifica di cui sopra:

  1. Inquadramento nei ruoli delle amministrazioni pubbliche a seguito del superamento di un pubblico concorso relativo al profilo di educatore;
  2. Svolgimento dell’attività di educatore per non meno di tre anni, anche non continuativi, da dimostrare mediante dichiarazione del datore di lavoro ovvero autocertificazione dell’interessato ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445;
  3. Diploma rilasciato entro l’anno scolastico 2001/2002 da un istituto magistrale o da una scuola magistrale.

Il corso è accessibile dai soggetti che abbiano almeno conseguito un diploma di scuola superiore. I vantaggi nel frequentarlo sono relativi al concorrere al re-inserimento nelle GAE, ottenere 50 ECM, 16 CFU extra per iscriversi al corso di Laurea in Mediazione Linguistica, 1 punto per le graduatorie di Istituto e mobilità. Ed ovviamente i 60 CFU necessari alla qualifica di Educatore socio-pedagogico. Questi punti, nello specifico i 60 CFU nelle materie pedagogiche, psicologiche e sociologiche sono necessari come è possibile visionare nel corpo della legge 205, comma 594 – 601 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2017 con entrata in vigore della legga in data 1/1/2018.



Potrebbe interessarti

Master/Diploma di Specializzazione Biennale: scopri i Master ICOTEA

Studiare per conseguire un master biennale

La laurea oggi è diventata un titolo non più sufficiente quando ci si trova con la necessità di acquisire delle competenze e conoscenze nuove in un settore. Per rispondere a questa esigenza, in pratica, si è resa necessaria la creazione di Master, cioè dei percorsi formativo post-laurea, di solito connessi a una o più materie, con lo scopo di trattare o approfondire alcune tematiche della stessa.

Leggi tutto...

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Leggi tutto...

Elenco delle facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Cosa fare dopo le scuole superiori? Una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà universitarie presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Il contratto a intermittenza: in cosa consiste questo contratto?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto di lavoro a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Leggi tutto...

Contratto di lavoro: ecco quali sono le varie tipologie

Il contratto è un negozio giuridico cioè “una manifestazione di volontà atta a produrre effetti giuridici riconosciuti dall’ordinamento giuridico”.

Leggi tutto...

Operaio specializzato: definizione del suo lavoro

La figura dell'operaio è una delle quattro tipologie di lavoro subordinato insieme al ruolo di quadri, dirigenti e impiegati. La caratteristica principale di questa categoria è quella di essere legata allo svolgimento di mansioni di tipo manuale o tecnico.

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

ciclo di un tirocinio formativo

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ditta individuale: vantaggi e svantaggi

Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratti con Partita Iva: quali tipologie?

Il Dlgs n. 276/2003, che include al suo interno i dettami della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003 (legge Biagi), prevede l'inserimento di nuovi tipi di contratti, tra i quali c'è quello con partita Iva destinato alle classi di lavoratori autonomi (cooperatori, liberi professionisti, consulenti ecc.).

Leggi tutto...
Go to Top