Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

A tal proposito ICOTEA, Istituto formativo riconosciuto dal MIUR, compie 20 anni in questo 2018. Un traguardo di non poco conto che sottolinea serietà ed impegno di un ente di formazione che ha iniziato il suo percorso nel lontano 1998.

Affidabilità, certificazioni ed accreditamenti vanno di pari passo e servono a dimostrare di essere una realtà affidabile in grado di erogare un servizio concreto e di qualità. Questo Istituto da prova di esserlo e lo dimostra con la sua timeline. Tra le prime certificazioni di ICOTEA si ricordano l’accreditamento presso il Ministero della Giustizia nel 2010, subito dopo presso il MIUR nel 2012. Nel biennio 2014/2015 viene riconosciuta anche dal Ministero della Salute e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri ottenendo la facoltà di rilasciare CFP ed ECM. Un Istituto attento alle richieste non solo del mercato, ma soprattutto del sociale, che cerca di dare un valore aggiunto nella sua offerta. Ciò si concretizza con l’erogazione del Corso di Laurea Triennale in Mediazione Linguistica e con l’apertura del suo portale ai soggetti con handicap visivo. Implementando le prestazioni del portale come previsto dall'allegato A del Decreto ministeriale 8 luglio 2005 (aggiornato dal DM 20 marzo 2013) di attuazione della Legge 4/2004 "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici", conosciuta come Legge Stanca, Icotea.it risulta accessibile e navigabile attraverso la tastiera, i lettori vocali e gli ausili in uso da parte degli utenti con disabilità.

Un'altra capacità che devono possedere gli Istituti del settore FAD è riuscire a tenersi sempre aggiornati. In questo senso proporre un’offerta sempre nuova è una loro prerogativa. Detto ciò, vista la legge di Bilancio 2018, nei commi da 594 a 601, che definisce la figura dell’educatore professionale socio-pedagogico, Icotea si è subito resa disponibile ad erogare un percorso ad hoc per raggiungere tale finalità. Sebbene il processo di realizzazione della cosiddetta legge Iori sia nato sotto il segno di una grande incertezza, la sua divulgazione ha comunque riacceso speranze in molti funzionari del settore riguardante la formazione primaria. Notiamo già dal testo dell’emendamento in questione, quanto sia stata sorprendente questa decisione politica che di fatto rimette in gioco molti educatori. Si può leggere infatti che “in via transitoria – e continua – acquisiscono la qualifica di educatore professionale socio-pedagogico, previo superamento di un corso intensivo di formazione per complessivi 60 crediti formativi universitari nelle discipline di cui al comma 593…” E si giunge al cuore del decreto con la comprensione dei commi per il quale si evince che in questo momento di “transizione” bisogna possedere almeno uno dei tre i requisiti necessari ad acquisire la qualifica di cui sopra:

  1. Inquadramento nei ruoli delle amministrazioni pubbliche a seguito del superamento di un pubblico concorso relativo al profilo di educatore;
  2. Svolgimento dell’attività di educatore per non meno di tre anni, anche non continuativi, da dimostrare mediante dichiarazione del datore di lavoro ovvero autocertificazione dell’interessato ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445;
  3. Diploma rilasciato entro l’anno scolastico 2001/2002 da un istituto magistrale o da una scuola magistrale.

Il corso è accessibile dai soggetti che abbiano almeno conseguito un diploma di scuola superiore. I vantaggi nel frequentarlo sono relativi al concorrere al re-inserimento nelle GAE, ottenere 50 ECM, 16 CFU extra per iscriversi al corso di Laurea in Mediazione Linguistica, 1 punto per le graduatorie di Istituto e mobilità. Ed ovviamente i 60 CFU necessari alla qualifica di Educatore socio-pedagogico. Questi punti, nello specifico i 60 CFU nelle materie pedagogiche, psicologiche e sociologiche sono necessari come è possibile visionare nel corpo della legge 205, comma 594 – 601 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2017 con entrata in vigore della legga in data 1/1/2018.





Potrebbe interessarti

Corsi singoli: la nuova offerta Icotea

I corsi singoli sono un’opportunità messa a disposizione di chi, per motivi di aggiornamento culturale e professionale, intende seguire insegnamenti universitari, senza però iscriversi ad un corso di laurea.

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Maternità Anticipata: iter da seguire per presentare la domanda

maternità anticipata

Per astensione obbligatoria si intende il diritto della futura mamma di astenersi dal lavoro due mesi prima e tre mesi dopo il parto per un totale di cinque mesi. Ciò vale per le lavoratrici dipendenti e per le libere professioniste iscritte alla Gestione separata. Coloro che svolgono un’attività autonoma non hanno l’obbligo di astenersi dal lavoro.

Lavoro in Cina, la nuova frontiera economica

Immagine esemplificativa del lavoro in Cina

La Cina è senza ombra di dubbio una fra le più grandi potenze economiche internazionali di questo nuovo millennio. Da ormai vari anni tanti italiani trovano lavoro in Cina anche grazie alle offerte segnalate presso le ambasciate, i siti istituzionali o le agenzie interinali.

Disoccupati in Italia: statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Concorso interno: vediamo di cosa si parla

La ricerca di un lavoro è spesso lunga e difficile. È necessario infatti munirsi di tanta pazienza e di buona volontà in primis per mettersi a cercare l'offerta di lavoro più adatta alle proprie competenze e agli studi precedentemente acquisiti.

Leggi tutto...

Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Il flusso di cassa o cash flow nella terminologia anglosassone è la somma del reddito netto di una società, degli ammortamenti e degli accantonamenti a riserva (includendo le riserve ordinarie e straordinarie, vale a dire le deduzioni contabili che non danno luogo a effettivi esborsi monetari).

Leggi tutto...
Go to Top