C’è chi cerca lavoro perché disoccupato e chi per trovare una posizione migliore e che possa dare più soddisfazioni in termini economici. Nell’uno e nell’altro caso è indispensabile avere un CV professionale, completo in ogni sua parte, essenziale ma informativo.

Quante volte ti sei chiesto come scrivere un CV professionale che funzioni e non sei riuscito a trovare la risposta che cercavi? Ci pensiamo noi a darti i consigli per scrivere il miglior curriculum vitae possibile. Poche e semplici indicazioni, che spesso si tendono a sottovalutare, ma che il più delle volte fanno la differenza. Se invece ti trovi nella spiacevole situazione di non aver tempo da perdere e vuoi avere il tuo curriculum bello e pronto, abbiamo la soluzione che fa per te: cvmaker.it.

Il curriculum vitae è il tuo biglietto da visita, attraverso uno o due fogli in cui riepiloghi le tue esperienze lavorative e formazione darai la prima impressione al tuo - chissà - prossimo datore di lavoro. Ecco quindi alcuni consigli per realizzare il tuo CV professionale.

Fai attenzione alla foto

Sembra scontato, ma non lo è. Fai molta attenzione alla foto che metti nel tuo CV professionale. Non metterne una a caso, scegline una di buona qualità, possibilmente non sgranata, nella quale si veda bene il volto. La luminosità deve essere quella giusta e nel momento del “clic” dovresti almeno tentare di accennare un sorriso. Insomma, l’ideale sarebbe rivolgersi a un fotografo, per avere una foto professionale e fare subito una bella impressione su chi ti somministrerà il colloquio di lavoro.

Occhio ai dati personali

Nome, cognome, data di nascita, residenza. Controlla dieci volte il tuo curriculum prima di mandarlo in stampa: i dati anagrafici inseriti devono essere corretti, non puoi permetterti di sbagliare. Ti sorprenderà sapere quante persone inseriscono puntualmente un numero di telefono sbagliato o una mail con un carattere in più o in meno. Il risultato è evidente: se il tuo profilo viene reputato interessante, non ci sarà modo di contattarti e assegnarti il posto di lavoro. Sei disposto ad arrivare a questo punto?

Frase chiave

È una strategia moderna che rende un CV professionale, oltre che efficace e performante. Inserisci il tuo nome e cognome in grande, e subito sotto aggiungi un sottotitolo che ti descriva al meglio. Una frase molto breve, che riesca a raccogliere la tua essenza di professionista. Se sei un giornalista, potresti scrivere qualcosa come “Scrivo per lavoro e lavoro per scrivere. Giornalista sempre sul pezzo”.

Le giuste esperienze di lavoro

CV professionale

All’interno di un CV professionale sono essenziali le informazioni riguardanti le tue esperienze lavorative passate. Un consiglio essenziale è quello di mettere in risalto in grassetto solo le esperienze più importanti, quelle che ti hanno formato e dato maggior prestigio. Se cerchi una nuova occupazione nel tuo stesso settore di competenza, non inserire i passaggi della tua carriera in ordine cronologico, ma dai la precedenza a quelle  esperienze che potrebbero avere maggior rilevanza in fase di colloquio.

Formazione

Laurearsi con 110 e lode può essere rilevante, ma dimostrare di avere competenze linguistiche e saper parlare più di una lingua, può essere ancor più rilevante. Molto dipende dal lavoro che cerchi, l’importante è saper cambiare prospettiva e mettere in risalto, di volta in volta, quelle competenze formative che potrebbero avvantaggiarti rispetto ad altri candidati per la stessa occupazione.

Inviare il CV professionale per e-mail: ecco cosa scrivere

Un errore purtroppo comune che viene spesso compiuto è quello di inviare il proprio curriculum tramite e-mail senza però inserire nulla se non il semplice documento in allegato.
Se quindi fino a qui vi abbiamo dato alcuni consigli su come scrivere un CV professionale, adesso è il momento di darvene alcuni su come fare a conquistare l’interesse dell’interlocutore che vi entrerà in contatto.

Non fate infatti mai l’errore di sottovalutare il messaggio che accompagna il curriculum pensando che nessuno lo legga perché, in realtà, non scrivere nulla pensando che debba essere il cv a parlare per voi potrebbe invece essere la ragione per cui il vostro documento non venga neanche tenuto in considerazione.

Ecco che il nostro consiglio è dunque quello di scrivere qualche riga di presentazione che evidenzi, prima di tutto, le ragioni per le quali ci si sta candidando, le proprie potenzialità e quale valore aggiunto si intende offrire all’azienda cui si sta facendo richiesta.

L’e-mail di accompagnamento, infatti, serve per mettere sotto una buona luce se stessi e soprattutto la propria voglia di fare ed ecco qualche consiglio per farlo nel migliore dei modi.
Il primo errore da non fare è quello di non inserire l’oggetto dell’e-mail che, anche se non sembra, è una delle parti più importanti quando si invia una richiesta di lavoro, soprattutto perché in sua assenza il messaggio potrebbe non essere neanche aperto.

Nell’oggetto preoccupatevi di inserire anche la posizione per cui vi state candidando e il vostro nome e, qualora venga richiesto, anche un’informazione aggiuntiva quale un numero identificativo dell’oggetto.

Successivamente, prima di farvi prendere dal panico perché non sapete cosa scrivere sulla vostra e-mail, leggete con attenzione le informazioni dell’annuncio perché spesso ci viene in realtà richiesto lì anche se non ce ne rendiamo conto immediatamente. Se nell’annuncio sono richieste informazioni particolari è essenziale seguirle alla lettera in modo tale da poter avere una chance di essere presi in considerazione.

Inoltre, assicuratevi di allegare tutti i documenti richiesti, in formato PDF e soprattutto ricordati di rinominare con il tuo nome il file del CV professionale in modo che chi lo scarichi sa già a chi questo appartiene.
Nel caso in cui inviaste anche una lettera di presentazione, siate brevi nel corpo dell’e-mail, altrimenti inserite il vostro nome, la vostra professionalità, il motivo della scelta dell’azienda e, soprattutto tutto quello che potresti offrirle e, naturalmente, non ti dimenticare la firma e l’eventuale profilo di LinkedIn.

 

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.