La tecnologia e Internet sono strumenti di cui non si può fare a meno, al giorno d'oggi, per trovare un lavoro soddisfacente e in linea con le proprie aspettative. Un valido esempio in merito proviene da AppLavoro, che permette a tutti gli iscritti di mettere in risalto la propria professionalità e le proprie competenze per riuscire a individuare una mansione appropriata. Chi trova lavoro su AppLavoro beneficia di una vera e propria classifica nazionale che raggruppa i lavoratori migliori del nostro Paese: il servizio ha il pregio di conferire un valore reale alle capacità dei professionisti.

Alla ricerca di un lavoro

trovare lavoro tramite AppLavoro

Ovviamente, non è questo il solo metodo a cui ci si possa affidare per la ricerca di un lavoro nel nostro Paese. Chi si cimenta in questa attività desidera che la ricerca sia il più possibile veloce e al tempo stesso efficace: un lungo periodo di disoccupazione può determinare un consistente dispendio di energie sia dal punto di vista nervoso che sul piano fisico, ma lo stesso discorso è valido anche per chi ha un lavoro che non lo soddisfa e non vede l'ora di cambiare azienda. Il fatto è che la stessa ricerca di un impiego può essere considerata un'attività dispendiosa: questo è il motivo per il quale vale la pena di informarsi a proposito delle strategie migliori da adottare e delle tecniche più redditizie. Due sono i traguardi da raggiungere: da un lato la riduzione delle tempistiche di ricerca; dall'altro lato l'incremento delle probabilità di ottenere dei colloqui e, quindi, di venire assunti per le mansioni a cui si aspira.

Trovare lavoro con l'aiuto di AppLavoro in Italia non è un'impresa impossibile

Chi non riesce a trovare un lavoro semplicemente non ha voglia di lavorare: i posti di lavoro in Italia ci sono, e sono anche tanti. Ovviamente, è necessario essere disposti a impegnarsi e a mettere in gioco sé stessi: se non si dispone di alcuna competenza specifica non si può sperare di essere chiamati da una o più aziende, ma è meglio darsi da fare e formarsi, apprendere e imparare. La ricerca di un impiego, inoltre, si deve fondare su una strategia oculata e ben pianificata; che ci si affidi ad AppLavoro o si seguano strade tradizionali, è opportuno in primo luogo capire in quale ambito si è interessati a lavorare, per poi valutare qual è il tipo di carriera che si è intenzionati a intraprendere. Si tratta, dunque, di riflettere sulle caratteristiche della mansione a cui ci si dovrà dedicare per la maggior parte dei giorni feriali: da ciò deriva anche una valutazione sulle competenze che dovranno essere messe sul tavolo.

Le motivazioni

Prima di redigere il proprio curriculum vitae e l'eventuale lettera di presentazione destinata ad accompagnarlo è indispensabile capire da quali motivazioni si è mossi, così da riuscire a porsi dei traguardi concreti e non velleitari. Come si diceva all'inizio, Internet è una preziosa fonte di cui ci si può servire. Anche per inviare i curriculum: nella maggior parte dei casi oggi non ha più senso consegnare i cv a mano, ma tutto avviene tramite la posta elettronica. Specialmente se ci si vuole rivolgere alle grandi aziende, basta recarsi sul loro sito web per individuare la sezione denominata "Lavora con noi", dove sono riportate tutte le istruzioni che devono essere seguite da chi intende avanzare una candidatura, senza dover ricorrere quindi all'utilizzo di strumenti come AppLavoro.

I portali di lavoro

Sempre sul web ci sono anche numerosi portali dedicati a questo settore: è sufficiente specificare il settore a cui si è interessati o la mansione in cui ci si vuole cimentare per poi avviare una ricerca che può basarsi anche su filtri e impostazioni regolabili. Il tutto in forma gratuita, naturalmente. 

Potrebbe interessarti

Condono fiscale 2019: tutto quello che devi sapere

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Turni di lavoro e di riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Permesso parentale

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Tour Leader: ecco il lavoro dell'hostess di terra

La Tour Leader è un'hostess di terra che prende un gruppo in partenza per un viaggio dal proprio paese d’origine, lo accompagna, assiste e segue in un viaggio all’estero e lo riaccompagna nel paese d’origine senza mai lasciarlo.

Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

Immagine esemplificativa per l'articolo Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

L'articolo 37 della Costituzione tutela e protegge l'impiego delle donne e dei minori (che abbiano compiuto 15 anni) ericonosce paritàdi lavoro e di retribuzione per uomini e donne. All'articolo 38 sono stabilite le norme per la previdenza e assistenza e per le assicurazioni obbligatorie, mentre all'articolo 39 è affermato il diritto della libertà dell’organizzazione e dell’attività sindacale. In ultimo l'articolo 40 definisce il principio del diritto di sciopero dei lavoratori.

Leggi anche...

Sanzioni disciplinari sul luogo lavoro: quando si rischia

sanzione disciplinare

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Leggi anche...

AppLavoro: la Startup che rivoluziona il mondo del lavoro

trovare lavoro tramite AppLavoro

La tecnologia e Internet sono strumenti di cui non si può fare a meno, al giorno d'oggi, per trovare un lavoro soddisfacente e in linea con le proprie aspettative. Un valido esempio in merito proviene da AppLavoro, che permette a tutti gli iscritti di mettere in risalto la propria professionalità e le proprie competenze per riuscire a individuare una mansione appropriata.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.