Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

E' bene quindi scegliere la tipologia di asilo nido che si vuole aprire: asili nido aziendali, baby parking condominiali, asili in casa e il sempre più diffuso asilo in formula franchising. Queste strutture per l’infanzia sono molto importanti perchè nella società moderna entrambi i genitori lavorano e non ci si può più permettere che madre o padre non lavori, a meno che non ci siano gravi situazioni lavorative, come licenziamenti o impossibilità a trovare una nuova occupazione. In questo quadro, diventa quindi necessario affidare i propri figli a queste strutture educative, che spesso però per limiti di graduatoria non accettano alcuni bambini mettendo in difficoltà le famiglie stesse.

Di seguito gli step e le regole principali per aprire un asilo nido

aprire un asilo nido

Legge e normativa

L'apertura di un asilo nido è disciplinata dalla Legge nazionale 1044/71, e soggetta a decreti regionali spesso diversissimi tra loro, E' bene informarsi negli uffici di Regione e Comune di appartenenza. Ospitando per il gioco, il pranzo e il riposo, bambini dai 3 mesi ai 3 anni, l'asilo deve trovarsi in una struttura idonea. Sarà il Comune a stabilire i requisiti necessari all'apertura di asili nido privati. Lo stesso ufficio poi rilascerà l'autorizzazione ad aprire l'asilo nido, che solitamente ha una validità di 3 anni. Proprio a riguardo, è necessario quindi consultare le informazioni che sono disponibili sui portali dei Comuni di appartenenza per conoscere nei dettagli norme, regolamenti e tutto ciò che c’è da sapere sull’apertura delle scuole educative per i bambini più piccoli.

Aprire un asilo nido, come per le altre attività imprenditoriali significa aprire: partita Iva, conto fiscale, iscrizione Registro Imprese, Inps, Inail, tassa rifiuti, ecc...

Requisiti della Struttura

La struttura in cui si aprirà l'asilo nido deve avere requisiti tecnici, strutturali, qualitativi e igienico- sanitari idonei. Dimensioni della struttura conformi agli standard previsti dal DPGR n. 47/R /2003. In particolare il Comune valuterà le caratteristiche quali: ubicazione, spazio esterno, cucina, rapporto mq/bambini. Spesso è necessario un sopralluogo della Aslper autorizzazione sanitaria e un sopralluogo dei Vigili del Fuoco per stabilire l'agibilità/abitabilità dei locali.

Questi ultimi devono essere divisi all'interno tra:

  • servizi generici
  • cucine
  • spazi destinati ai bambini
  • spazi destinati agli operatori e ai genitori
  • Formazione e personale

Il numero del personale deve rispettare il rapporto stabilito educatori/bambini. Gli educatori devono avere uno dei seguenti titoli di studio:

  • maturità liceo socio-psico-pedagogico;
  • dirigente di comunità infantile;
  • maestra di asilo;
  • operatore dei servizi sociali;
  • assistente di comunità infantile
  • maturità magistrale;
  • tecnico dei servizi sociali;
  • master per la formazione della prima infanzia;
  • titolo universitario pedagogico.

I problemi in questa struttura

Passiamo adesso a parlare dei problemi che debbono passare le famiglie italiane quando hanno un bimbo piccolo e chiedono l’iscrizione in questa scuola dell’infanzia. Troppe volte infatti ascoltiamo storie di bambini lasciati fuori dalle graduatorie che gettano nel panico le famiglie che non sanno a chi lasciare il proprio figlio visto che padre e madre lavorano durante il giorno. Un ruolo molto importante viene ricoperto in questo caso dai nonni, figure essenziali ed indispensabili. Ultimamente ha fatto poi molto clamore la storia sulle rette da pagare negli asili nido di Roma. Secondo le regole precedenti all’ultima delibera di Giunta del luglio 2014, le famiglie non erano tenute a pagare nessuna cifra per il terzo figlio mandato all’asilo. Dopo aver firmato anche un foglio del Comune con la tassazione uguale a zero, la Giunta ha approvato a luglio un documento con l’aumento delle tariffe anche in questi casi. L’aumento oscilla tra il 10% e il 15% e le famiglie si sono trovate così dall’oggi al domani a sostenere una spesa ulteriore che non era contemplata nel bilancio di casa. Rette che variano a seconda del modello ISEE presentato, ossia l’indicatore economico sul reddito totale della famiglia. Sempre prendendo come riferimento la Capitale d’Italia, sul sito ufficiale del Comune c’è una sezione apposita su come aprire questa struttura, con procedure e requisiti di qualità da rispettare, norme e leggi inerenti questo settore e cosa significare aprire un impianto educativo per i bambini più piccoli.





Potrebbe interessarti

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

ciclo di un tirocinio formativo

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tredicesima in maternità: quando maturano le condizioni?

Più volte abbiamo proposto pagine di approfondimento per la tredicesima mensilità. Come calcolarne l'importo? A chi spetta? Quando andrebbe corrisposta? In questa pagina abbiamo cercato di inserire tutte le informazioni principali e i link per approfondimenti specifici. Ecco la guida completa alla Tredicesima.
Leggi tutto...

Ccnl cooperative sociali: tutte le linee guida

Le cooperative sociali sono delle aziende che operano senza fini di lucro e svolgono attività per lo più di natura sociale. Come per tutte le categorie lavorative presenti in Italia anche le cooperative sociali dispongono di un loro specifico contratto collettivo nazionale del lavoro.

Leggi tutto...

Offerte di lavoro nella professione di architetto: progetta il tuo futuro!

progetto disegnato da un architetto

La creatività e l'ingegno va spesso a braccetto anche con la realizzazione e la costruzione di case e interni per le stesse. Esistono infatti figure professionali che si occupano proprio di questo, ovvero di realizzare progetti per le vostre abitazioni seguendo i vostri gusti e le vostre esigenze.

Leggi tutto...

Staff leasing: i vantaggi per le aziende, quando conviene

Lo staff leasing è una particolare tipologia di contratto di somministrazione di lavoro, nella quale il lavoratore è assunto a tempo indeterminato. Spesso quando si parla di somministrazione di lavoro si intende il contratto a tempo determinato: il lavoratore viene assunto da un’agenzia per il lavoro per un tempo precisamente specificato, durante il quale svolge per l’agenzia una precisa missine lavorativa. Nel caso dello staff leasing il contratto di somministrazione è a tempo indeterminato.

Leggi tutto...

Inoccupato: cosa significa e cosa lo differenzia dallo stato di disoccupazione

Ci si trova spesso a dover compilare dei moduli, per l'iscrizione al Centro per l'Impiego, nella domanda per partecipare ai corsi di formazione finanziati dal fondo sociale europeo, in cui sia richiesto se si è: disoccupato o inoccupato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

AppLavoro: la Startup che rivoluziona il mondo del lavoro

La tecnologia e Internet sono strumenti di cui non si può fare a meno, al giorno d'oggi, per trovare un lavoro soddisfacente e in linea con le proprie aspettative. Un valido esempio in merito proviene da AppLavoro, che permette a tutti gli iscritti di mettere in risalto la propria professionalità e le proprie competenze per riuscire a individuare una mansione appropriata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trova lavoro in Veneto: come orientarsi tra i portali che affollano il web?

La Regione Veneto si preoccupa molto della situazione lavorativa dei suoi cittadini. Per questo motivo ha creato numerosi portali dedicati all'argomento che aiutino nel processo di orientamento e ricerca dell'occupazione. Molti di questi hanno strumenti adatti a sfogliare numerose offerte di lavoro in Veneto. 

Leggi tutto...
Go to Top