Aprire un’attività è cosa seria; il più delle volte è necessario metter da parte l’entusiasmo e ponderare bene tutte le opzioni. Per prima cosa è necessario scegliere che tipo di impresa si vuole creare, in seguito fare una stima dei costi di avvio e di amministrazione dell’impresa e valutare, se previste, le agevolazioni fiscali e finanziarie per i neo imprenditori. A volte è possibile rispondere a molte delle domande relative all’apertura di un’impresa, contattando o visitando il sito internet della Camera di Commercio. Nei siti ufficiali infatti sono presenti risposte alle domande principali di tipo teorico o pratico (ad es. spiegazione di cosa è un piano operativo, un piano di marketing, il marketing mix, iter e adempimenti burocratici, finanziamenti, modulistica).

Il dpcm 6 maggio 2009 sulla Gazzetta Ufficiale n.152 del 3 luglio ha semplificato l’iter necessario per aprire un’attività. Seguendo il principio della Comunicazione Unica è possibile inviare online un modulo unificato al Registro imprese della Camera di commercio competente per territorio ed assolvere tutti gli adempimenti necessari. In questo modo il Registro delle Imprese è divenuto il “centro nevralgico” per comunicare con le amministrazioni competenti. Queste ultime sono costituite dai seguenti enti: Registro delle imprese, Inps, Inail e Agenzia delle Entrate.

Tempi per aprire un'attività

Anche i tempi per aprire un’attività sono contenuti; ricevuto il modello, il Registro delle imprese rilascerà entro 24 ore il numero di partita IVA ed entro 7 giorni comunicherà i dati agli enti di cui sopra.
Il processo della Comunicazione Unica è divenuto canale obbligatorio per chi decide di aprire un’impresa, dal 31 marzo 2010. Tale sistema infine è utilizzato dagli imprenditori anche per comunicare modifiche o cessazioni delle attività.

Partire dalla partita IVA

Prima di aprire un’attività è necessario aprire una partita IVA: esistono ad oggi differenti regimi fiscali agevolati, per esser certi di possedere i requisiti di accesso e per eventuali difficoltà a districarvi in questo delicato ambito della burocrazia fiscale, vi consigliamo di chiedere un supporto ad un commercialista oppure all'Agenzia delle Entrate. E' bene però essere prudenti e soprattutto informati prima di diventare liberi professionisti.

Servizio su RaiNews: Come avviare un'impresa Offshore per eludere il fisco italiano

Sono tante le persone che sentono il desiderio di mettersi in proprio e di diventare lavoratori autonomi e magari aprire un’attività o un'impresa che sia in grado di soddisfare le esigenze di chi l'avvia e di chi sfrutterà i servizi o i prodotti offerti dalla stessa: un caso del genere è quello delle attività in franchising.

Molti dunque, invece del posto fisso e della stipula di un normale contatto di lavoro alle dipendenze di qualcun altro, decidono di intraprendere la carriera imprenditoriale, decidendo inoltre di aprire la partita iva. In molti casi si decide assieme ad altre persone di aprire un’attività, solitamente a responsabilità limitata o per azioni.

come aprire un'attività

È necessario sottolineare che con la Riforma Monti sono state introdotte nuove novità relative proprio ad aprire un’attività con Società a responsabilità limitata (Srl).

Avviare un'impresa con la Riforma Monti: cos'è una Società a responsabilità limitata

La società a responsabilità limitata (Srl, mentre in Svizzera è Sagl – Società a garanzia limitata) ha una propria personalità giuridica ha un suo patrimonio e dei propri capitali; è infatti un tipo di società di capitali.

Per aprire un’attività Srl è necessario infatti stipulare il relativo atto costitutivo che dovrà contenere: il cognome, il nome, la data, il luogo di nascita, il domicilio, la cittadinanza di ogni singolo socio;
la denominazione sociale, sottolineando l'intendo di istituire una società semplificata a responsabilità limitata; scrivere il Comune della sede e anche quello di eventuali e future sedi secondarie; l'
ammontare del capitale sociale non deve essere al di sotto di 10.000 euro per poter aprire una Srl tradizionale e di 1 euro per poter aprire una Srl definita “ad un euro” oppure “Srls” che arriva ad un massimo, però, di 10.000 euro; in entrambi i casi il capitale va versato prima della stesura dell’atto. Inoltre, il Consiglio Nazionale del Notariato non è obbligato a vigilare sulla tipologia di Srl in questione.

Per aprire un’attività Srl sono altresì necessari: controllo notarile ;versamento di almeno il 25% del denaro presso un istituto di credito, da sostituire anche con una polizza assicurativa o una fideiussione bancaria. 

Per quanto riguarda il notaio, questo, nel caso delle Srl può avere un costo pari a circa 1000 euro ma si consiglia, comunque, di richiedere diversi preventivi prima di scegliere, mentre nel caso delle Srls i servizi sono forniti gratuitamente e occorre pagare le sole spese di iscrizione al registro che, in entrambi i casi, deve essere effettuata entro 20 giorni.
Inoltre, se si supera la cifra di 120.000 euro sarà necessario nominare un collegio sindacale.
Anche nel caso delle Srls si è obbligati a versare almeno un quinto dei guadagni netti al fine di raggiungere il tetto minimo di 10.000 euro.

Tra gli altri costi abbiamo:

  • L’imposta di registro per l’atto costitutivo di circa 200 euro;
  • La tassa di vidimazione annuale dei libri sociali da versare prima della costituzione di circa 300 euro;
  • L’acquisto, la vidimazione e la bollatura dei libri sociali obbligatori di circa 100 euro; 

Tutto ciò può avvenire direttamente presso la Camera di Commercio (che è generalmente la soluzione più comune perché più economica).

Una volta aperta la Srl, vi sono dei costi fissi annuali:

  • La Camera di Commercio (200 euro)
  • Tassa di Concessione governativa vidimazione libri sociali (300 euro)
  • Diritti per deposito bilancio (150 euro)
  • Commercialista o spese simili per la tenuta della contabilità. (costo variabile)
  • Contributi per i lavoratori (dipende dal numero di soci e/o impiegati)

I nuovi articolo introdotti dalla Riforma

Tutto quello che concerne aprire un’attività Srl è regolato dall'articolo 2463 del Codice civile. Con la Riforma Monti è stato inoltre introdotto l'articolo 2463 bis (Società semplificata a responsabilità limitata). Viene dunque a formarsi la società semplificata a responsabilità limitata che può essere avviata esclusivamente da persone fisiche che hanno un'età che non superi i trentacinque anni d'età.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Testo della Legge Biagi: spiegazione della piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

3 Consigli per la scelta del master in fashion & luxury

La moda è una delle eccellenze del Made in Italy e rappresenta un settore che appassiona giovani da tutte le aree del mondo. Avere una laurea nel settore fashion è di per sé un buon punto di partenza, da approfondire con la scelta del giusto master post universitario. Oggi sono diverse le realtà che presentano un’offerta formativa in fashion & luxury, con proposte che vedono sempre più, accanto a lezioni in presenza, anche metodologie di studio online estremamente utili per la corretta formazione.

Manovra anti-coronavirus: ecco le norme del decreto a sostegno dell'Italia

manovra anti-coronavirus

La manovra anti-coronavirus è stata approvata oggi a seguito di un’importante riunione del Consiglio dei Ministri. È stata infatti finalmente approvato il decreto denominato "Cura Italia". In esso sono contenute le norme a sostegno dell’Italia e le misure economiche necessarie a rispondere all'emergenza dovuta al coronavirus.

I più condivisi

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

Come trovare lavoro sui i social network: scoprilo con noi!

immagine per come trovare lavoro sui social network

In un mondo in cui la concorrenza si fa sempre più serrata e arriva a valicare i confini nazionali, vedremo in che modo si possano aumentare le probabilità di trovare un’occupazione tramite il web, o comunque di sfruttarlo per trasformare una passione in una professione ben pagata. Quindi come trovare lavoro sui social network?

Le migliori app per organizzare il lavoro: veloci ed efficienti

La gestione e l’organizzazione del lavoro può essere facilitata dall’uso di alcune app da scaricare comodamente sul cellulare. Ormai, lo Smart Working è una realtà sempre più diffusa: c’è chi sceglie di lavorare a casa e chi invece si ritrova a doverlo fare su ordini del capo in ufficio. Smaltire il lavoro da casa, però, potrebbe non essere così immediato. Che cosa fare? Quali sono gli strumenti più utili per evitare di causare ritardi e non raggiungere gli obiettivi? Iniziamo dai grandi classici della tecnologia.

Leggi anche...

Lavorare nelle risorse umane: come gestire il personale

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lavorare nelle risorse umane: come gestire il personale

Un lavoro molto interessante e remunerativo, che richiede elevate capacità organizzative, è legato alla gestione delle risorse umane.

Leggi anche...

Contributi da riscatto: ecco tutte le informazioni di cui hai bisogno!

Contributi da riscatto

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.