Aprire un’attività è cosa seria; il più delle volte è necessario metter da parte l’entusiasmo e ponderare bene tutte le opzioni. Per prima cosa è necessario scegliere che tipo di impresa si vuole creare, in seguito fare una stima dei costi di avvio e di amministrazione dell’impresa e valutare, se previste, le agevolazioni fiscali e finanziarie per i neo imprenditori. A volte è possibile rispondere a molte delle domande relative all’apertura di un’impresa, contattando o visitando il sito internet della Camera di Commercio. Nei siti ufficiali infatti sono presenti risposte alle domande principali di tipo teorico o pratico (ad es. spiegazione di cosa è un piano operativo, un piano di marketing, il marketing mix, iter e adempimenti burocratici, finanziamenti, modulistica).

Il dpcm 6 maggio 2009 sulla Gazzetta Ufficiale n.152 del 3 luglio ha semplificato l’iter necessario per aprire un’attività. Seguendo il principio della Comunicazione Unica è possibile inviare online un modulo unificato al Registro imprese della Camera di commercio competente per territorio ed assolvere tutti gli adempimenti necessari. In questo modo il Registro delle Imprese è divenuto il “centro nevralgico” per comunicare con le amministrazioni competenti. Queste ultime sono costituite dai seguenti enti: Registro delle imprese, Inps, Inail e Agenzia delle Entrate.

Tempi per aprire un'attività

Anche i tempi per aprire un’attività sono contenuti; ricevuto il modello, il Registro delle imprese rilascerà entro 24 ore il numero di partita IVA ed entro 7 giorni comunicherà i dati agli enti di cui sopra.
Il processo della Comunicazione Unica è divenuto canale obbligatorio per chi decide di aprire un’impresa, dal 31 marzo 2010. Tale sistema infine è utilizzato dagli imprenditori anche per comunicare modifiche o cessazioni delle attività.

Partire dalla partita IVA

Prima di aprire un’attività è necessario aprire una partita IVA: esistono ad oggi differenti regimi fiscali agevolati, per esser certi di possedere i requisiti di accesso e per eventuali difficoltà a districarvi in questo delicato ambito della burocrazia fiscale, vi consigliamo di chiedere un supporto ad un commercialista oppure all'Agenzia delle Entrate. E' bene però essere prudenti e soprattutto informati prima di diventare liberi professionisti.

Servizio su RaiNews: Come avviare un'impresa Offshore per eludere il fisco italiano

Sono tante le persone che sentono il desiderio di mettersi in proprio e di diventare lavoratori autonomi e magari aprire un’attività o un'impresa che sia in grado di soddisfare le esigenze di chi l'avvia e di chi sfrutterà i servizi o i prodotti offerti dalla stessa: un caso del genere è quello delle attività in franchising.

Molti dunque, invece del posto fisso e della stipula di un normale contatto di lavoro alle dipendenze di qualcun altro, decidono di intraprendere la carriera imprenditoriale, decidendo inoltre di aprire la partita iva. In molti casi si decide assieme ad altre persone di aprire un’attività, solitamente a responsabilità limitata o per azioni.

come aprire un'attività

È necessario sottolineare che con la Riforma Monti sono state introdotte nuove novità relative proprio ad aprire un’attività con Società a responsabilità limitata (Srl).

Avviare un'impresa con la Riforma Monti: cos'è una Società a responsabilità limitata

La società a responsabilità limitata (Srl, mentre in Svizzera è Sagl – Società a garanzia limitata) ha una propria personalità giuridica ha un suo patrimonio e dei propri capitali; è infatti un tipo di società di capitali.

Per aprire un’attività Srl è necessario infatti stipulare il relativo atto costitutivo che dovrà contenere: il cognome, il nome, la data, il luogo di nascita, il domicilio, la cittadinanza di ogni singolo socio;
la denominazione sociale, sottolineando l'intendo di istituire una società semplificata a responsabilità limitata; scrivere il Comune della sede e anche quello di eventuali e future sedi secondarie; l'
ammontare del capitale sociale non deve essere al di sotto di 10.000 euro per poter aprire una Srl tradizionale e di 1 euro per poter aprire una Srl definita “ad un euro” oppure “Srls” che arriva ad un massimo, però, di 10.000 euro; in entrambi i casi il capitale va versato prima della stesura dell’atto. Inoltre, il Consiglio Nazionale del Notariato non è obbligato a vigilare sulla tipologia di Srl in questione.

Per aprire un’attività Srl sono altresì necessari: controllo notarile ;versamento di almeno il 25% del denaro presso un istituto di credito, da sostituire anche con una polizza assicurativa o una fideiussione bancaria. 

Per quanto riguarda il notaio, questo, nel caso delle Srl può avere un costo pari a circa 1000 euro ma si consiglia, comunque, di richiedere diversi preventivi prima di scegliere, mentre nel caso delle Srls i servizi sono forniti gratuitamente e occorre pagare le sole spese di iscrizione al registro che, in entrambi i casi, deve essere effettuata entro 20 giorni.
Inoltre, se si supera la cifra di 120.000 euro sarà necessario nominare un collegio sindacale.
Anche nel caso delle Srls si è obbligati a versare almeno un quinto dei guadagni netti al fine di raggiungere il tetto minimo di 10.000 euro.

Tra gli altri costi abbiamo:

  • L’imposta di registro per l’atto costitutivo di circa 200 euro;
  • La tassa di vidimazione annuale dei libri sociali da versare prima della costituzione di circa 300 euro;
  • L’acquisto, la vidimazione e la bollatura dei libri sociali obbligatori di circa 100 euro; 

Tutto ciò può avvenire direttamente presso la Camera di Commercio (che è generalmente la soluzione più comune perché più economica).

Una volta aperta la Srl, vi sono dei costi fissi annuali:

  • La Camera di Commercio (200 euro)
  • Tassa di Concessione governativa vidimazione libri sociali (300 euro)
  • Diritti per deposito bilancio (150 euro)
  • Commercialista o spese simili per la tenuta della contabilità. (costo variabile)
  • Contributi per i lavoratori (dipende dal numero di soci e/o impiegati)

I nuovi articolo introdotti dalla Riforma

Tutto quello che concerne aprire un’attività Srl è regolato dall'articolo 2463 del Codice civile. Con la Riforma Monti è stato inoltre introdotto l'articolo 2463 bis (Società semplificata a responsabilità limitata). Viene dunque a formarsi la società semplificata a responsabilità limitata che può essere avviata esclusivamente da persone fisiche che hanno un'età che non superi i trentacinque anni d'età.

Potrebbe interessarti

Livelli contrattuali del settore metalmeccanico: ecco un approfondimento

Immagine usata per illustrare l'articolo I livelli del contratto dei metalmeccanici

Oggi parliamo dei Livelli contrattuali del settore metalmeccanico. Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Condono fiscale: tutto quello che devi sapere sul caso

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Diritto al lavoro dei disabili: la tutela della legislazione

diritto al lavoro dei disabili

La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Maternità anticipata per lavoro a rischio: come presentare la domanda

maternità anticipata

Oggi affrontiamo un tema caro a molte donne: la Maternità anticipata per lavoro a rischio. Ciò vale per le lavoratrici dipendenti e per le libere professioniste iscritte alla Gestione separata. Coloro che svolgono un’attività autonoma non hanno l’obbligo di astenersi dal lavoro.

Benefit aziendali: cambia la politica delle aziende

Immagine esemplificativa di benefit aziendali

Gli incentivi ai dipendenti aiutano a tenere alta la motivazione nel posto di lavoro, che rappresenta uno fra i fattori determinanti per il buon successo di un progetto e di una impresa; per questo motivo, in questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento di questa pratica da parte di numerose aziende, che ne hanno capito l'importanza.

Leggi anche...

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi anche...

Lavorare come pizzaiolo: quali sono i corsi necessari?

lavorare come pizzaiolo

Il lavoro del pizzaiolo consente di approcciarsi con un ambiente stimolante giovanile, di stare a contatto con le persone e, alcune volte, anche di mettersi al centro dell’attenzione. Per lavorare come pizzaiolo ci vuole tanta passione e molta pazienza ma anche la voglia di imparare.