Aprire un e-commerce in drop shipping rappresenta una soluzione molto utile per coloro che vogliono avviare un'attività online. Difatti, con questa modalità ti possono vendere i propri prodotti su internet ma senza dover gestire un magazzino e la spedizione delle merci.

Che cos’è il drop shipping?

Per spiegare meglio di cosa si tratta possiamo definire il drop shipping come una tipologia di business destinata al commercio elettronico che si fonda su una collaborazione fra venditori e fornitori.

Permette di aprire un e-commerce, ovvero un'attività di vendita sulla rete senza appunto preoccuparsi della gestione della merce oppure degli ordini che arrivano ho ancora delle spedizioni. Chi vende con il drop shipping, infatti, non ha necessità di un negozio fisico, né di un magazzino ma dovrà soltanto individuare il fornitore ideale. In sostanza attraverso le attività tutti possono rendere online facendo un solo investimento ovvero aprire un e-commerce con sito vetrina.

Per capire come funziona, un proprietario dello shop online non entra in possesso fisicamente dei prodotti dropshipping che vende e, il suo e-commerce è solamente un sito vetrina attraverso il quale un cliente può vedere il prodotto e scegliere di comprarlo. Quindi, di chi sono questi prodotti in vendita? Del drop shipper, cioè l’azienda fornitrice legata al venditore. Infatti, sarà il drop shipper stesso a pensare alla gestione degli ordini e alla consegna delle merci al cliente finale.

Si potrebbe quasi definire come un gioco di squadra in cui il fornitore produce le merci e gestisce il magazzino e le consegne, invece il venditore promuove i prodotti per venderli. Questa modalità di business, infatti, è conosciuta anche come “commercio triangolare”, proprio perché composto da tre figure principali:

  • Il venditore che è colui che decide di aprire un e-commerce e vendere i prodotti;
  • Il drop shipper rappresentata dall’azienda che si occupa di produrre e fornire la merce, nonché di gestire l’ordine del cliente;
  • Il cliente finale che acquista i prodotti sull’e-commerce e lo riceve a casa propria.

Vediamo adesso perché aprire un e-commerce in dropshipping, come funziona, come avviare l’attività e che vantaggi vi sono.

La vendita senza magazzino

Immagine per aprire un e-commerce

Prima di iniziare a vendere su internet senza magazzino, è indispensabile vedere come funziona veramente un e-commerce in dropshipping.

L’ordine da parte da un utente, che acquista il prodotto da sito vetrina pagando direttamente online. Appena riceve l’ordine, questo, viene inviato all’azienda fornitrice dal venditore. Qui, il drop shipper si occuperà della gestione dell’ordine e di tutto il servizio logistico. Il drop shipper, infatti si occuperà di imballare e spedire del prodotto e poi consegnarlo al consumatore finale. Inoltre, proprio da contratto, il pacco non potrà recare segni grafici identificativi dell’e-commerce presso il quale il cliente ha fatto l’acquisto.

Il venditore prende una percentuale su ogni vendita che effettua. Dal prezzo di acquisto dei prodotti, infatti, il venditore detrarrà una percentuale da versare a drop shipper. I guadagni della vendita, quindi, si dividono quindi fra azienda fornitrice ed e-commerce.

Realizzare il sito vetrina

Per aprire un e-commerce in dropshipping è necessario realizzare un sito di vendita, cioè un e-commerce in cui presentare le merci e ricevere l’ordine dal cliente. Per crearlo si può optare per affidarsi a un programmatore o utilizzare una piattaforma per e-commerce open source del tipo di Shopify o WordPress. Un CMS open source rappresenta un’economica alternativa ad un esperto informatico tanto che molti imprenditori lo preferiscono. Aprire un e-commerce con relativo sito vetrina è l’unica spesa iniziale vera per il venditore. Il passo successivo sarà poi quello di promuoverlo con iniziative di marketing e di comunicazione.

Vantaggi del business

Ecco quali sono i principali vantaggi del venditore con il dropshipping:

  • Niente problematiche di gestione del magazzino e logistica;
  • Ridotti costi di avvio dell’attività.

Per l’azienda fornitrice invece i vantaggi sono:

  • Un aumento della visibilità dei propri prodotti online;
  • Un notevole risparmio sulle strategie di promozione delle merci;
  • La possibilità di concentrarsi sulle attività di produzione.




Potrebbe interessarti

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

immagine per Curriculum vitae in spagnolo

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum vitae in spagnolo.

Contratto a progetto: la riforma spiegata bene

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come entrare nell’Esercito italiano: ecco una guida imperdibile

Immagine usata nell'articolo Come entrare nell’Esercito italiano: ecco una guida imperdibile

Quando si valuta di intraprendere la carriera militare, bisogna prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali affinché il nostro percorso sia dei più accurati e idonei possibile. Del resto ne va del proprio futuro e non si può improvvisare niente o lasciare nulla al caso.

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Richiamo disciplinare sul lavoro: quando si rischia?

I provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. Vediamo cosa può realmente fare il nostro datore di lavoro per "punirci".

Esclusione dagli studi di settore: approfondiamo l'argomento

immagine per esclusione studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi anche...

Cripto valute, piattaforme e sistemi innovativi per lavorare online

bitcoin.jpg

Da una decina d’anni ormai si fa sempre più largo un nuovo sistema che è quello delle cripto valute, un termine che è entrato nel lessico comune e intorno al quale crescono una particolare attenzione e curiosità. E’ una sorte di piccola rivoluzione che coinvolge il sistema di compra/vendita. Ma in particolare di che cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos'è la concorrenza sleale e come difendere la tua azienda

Gestire una azienda è una attività estremamente complessa e difficile perché richiede all’imprenditore - in qualsiasi settore si trovi ad operare la sua impresa - un impegno costante sotto tantissimi punti di vista: non parliamo solo dell’attività lavorativa in senso stretto, ma ci riferiamo anche alla scelta dei fornitori e alla gestione dei rapporti con questi ultimi, alla cura della relazione con i clienti, alla gestione economica dell’azienda e, di conseguenza, ai contatti da tenere con le banche, i commercialisti e con tutti i diversi professionisti e, ultimo ma non meno importante, alla scelta dei dipendenti e dei collaboratori di cui avvalersi e alla continua necessità di gestire il personale nel modo più corretto per il buon andamento della vita aziendale.

Leggi tutto...
Go to Top