Spesso, soprattutto all’inizio di un’attività, ci si trova ad acquistare, per l’ufficio, mobili di scarsa qualità, guardando solo ad aspetti futili, come ad esempio il prezzo, l’abbinamento del colore con l’arredo circostante, lo spazio in cui collocarlo oppure allo stile dei mobili già presenti nell’ufficio, in modo che non “stoni”.

Non si pensa mai, invece, all’ergonomicità degli elementi che scegliamo come arredamento e a quanto sia importante questo aspetto, per consentire un’esperienza lavorativa migliore. Fortunatamente ci troviamo in un periodo di transizione, un periodo in cui si sta diffondendo, fortunatamente, la credenza che, grazie ad un ambiente ergonomico, possa esserci un rendimento lavorativo migliore, soprattutto se si tratta di attività che si svolgono esclusivamente in ufficio.

Quando parlo di ufficio, mi rivolgo anche a tutti i lavoratori freelence che, quindi, possono svolgere il loro lavoro da casa. Quando la propria abitazione diventa anche il proprio ufficio, è importante predisporla, il più possibile, in modo da farla diventare un’ambiente comodo e che non influenzi, a lungo andare, la nostra postura e la nostra salute.

Attenzione, ergonomico non vuol dire comodo, sicuramente i due aspetti sono legati tra loro ma l’ergonomia oltre che alla comodità pensa al benessere, già in fase di progettazione, della persona che dovrà utilizzare quel determinato elemento, che sia una scrivania o una o più poltrone da ufficio, rendendolo adattabile alle sue esigenze.

Cosa vuol dire Ergonomico

Vorrei fare alcuni esempi per far comprendere più a fondo il significato di ergonomico: le sedie o le poltrone da ufficio devono avere degli schienali alti almeno quanto la lunghezza del busto, in modo che la schiena possa appoggiarsi per intero e non affaticarsi, comportando stress e contratture. Il sedile, deve essere regolabile in base all’altezza della persona che ci si dovrà sedere, in modo che i piedi poggino a terra e che le gambe, in questa maniera, non si addormentino.

Togliendo normative e leggi, una regola, fondamentale, per quanto riguarda gli arredamenti ergonomici, esiste anche se si parla di scrivanie da ufficio, le quali dovrebbero essere personalizzate in base all’altezza e alla statura di ogni dipendente. Si potrebbero, quindi, acquistare delle scrivanie regolabili in altezza in modo che ognuno possa adattarle in base a come si sente più comodo.

Ora che abbiamo una definizione precisa del termine ergonomico vorrei proporvi un articolo sicuramente interessante e poco dispendioso che potreste sicuramente inserire all'interno dei vostri uffici per iniziare il passaggio da "ufficio classico" ad "ufficio ergonomico". 

 

Articoli che cambiano la vita

Una volta spiegato il significato di ergonomico e perchè è così importante avere un’arredamento del genere in ufficio, vorrei farvi qualche esempio di elementi fondamentali per il vostro benessere e quello dei dipendenti. Cosa non può mancare in un “ufficio ergonomico” che si rispetti?

  • Poltrona da ufficio: uno degli elementi fondamentali è una comoda, o meglio, ergonomica poltrona. Per essere tale deve avere determinati requisiti, di fondamentale importanza. Lo schienale alto, come già accennato prima non è, infatti, l’unico elemento che la rende ergonomica, deve avere anche un poggia ginocchia, una seduta inclinabile, dei braccioli, possibilmente imbottiti, per appoggiare le braccia in comodità e delle sedute alternative alla classica, in modo da consentirci di cambiare posizione di tanto in tanto.
  • Scrivania: deve essere regolabile, sia in altezza che in inclinazione, per consentire la giusta angolatura oculare e non nuocere alla vista. Non basta infatti regolare lo schermo del pc, è importante che il piano di appoggio si adatti alla statura della persona che lo sta utilizzando.
  • Lampada: ognuno dovrebbe avere una lampada con collo flessibile, in modo da direzionarla dove ha più bisogno e, soprattutto, non averla dentro gli occhi. E’ importante, inoltre, per la vista, che il punto che dobbiamo mettere a fuoco, che si parli di un libro, un manuale o un documento sia ben illuminato, in questo modo non dovremo sforzare gli occhi rischiando mal di testa ed emicrania.
  • Pedane poggia – piedi: il poggia piedi è fondamentale per la circolazione, migliora la postura con conseguente alleviamento dei dolori alla schiena. Chi sta ore seduto sa bene quanto sia scorretto appoggiare i piedi alla sedia e quanta pressione inutile si crei sulla schiena.
  • Poggia – polsi: Sono fondamentali per chi scrive molto al computer, aiutano a rilassare i nervi del polso, evitando in questo modo scomode tendiniti o altri dolori che potrebbero costringerci ad interrompere il lavoro per giorni.




Potrebbe interessarti


Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Reddito di cittadinanza: come usufruirne?

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Leggi tutto...

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...

Formazione scuola: ICOTEA triplica i vantaggi

Immagine che rimanda alla formazione scolastica

Oggi il settore dell’istruzione è il contesto strategico sul qual investire e la formazione professionale del personale è il punto di partenza per rilanciare il sistema educativo italiano.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Trova lavoro in Veneto: come orientarsi tra i portali che affollano il web?

La Regione Veneto si preoccupa molto della situazione lavorativa dei suoi cittadini. Per questo motivo ha creato numerosi portali dedicati all'argomento che aiutino nel processo di orientamento e ricerca dell'occupazione. Molti di questi hanno strumenti adatti a sfogliare numerose offerte di lavoro in Veneto. 

Leggi tutto...

Finanziamenti imprenditoria femminile

La legge che regola i finanziamenti imprenditoria femminile è la legge numero 215/92. Il fine della legge consiste nell'incrementare l’imprenditoria rosa garantendo pari opportunità e facilitando l’economia di un territorio. 

Leggi tutto...

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Leggi tutto...

Lavorare in ospedale: quale professione scegliere?

In ambito ospedaliero esistono diverse professionalità, dal “portantino” al medico chirurgo. Per lavorare nelle aziende ospedaliere pubbliche con contratto a tempo indeterminato è necessario superare un concorso pubblico bandito dall’azienda ospedaliera stessa per poter accedere alle graduatorie.

Leggi tutto...

Cerco lavoro call center: ecco le offerte

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Contributi in conto esercizio

Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

Leggi tutto...

Leggi anche...


La maternità nel CCNL Contratto di Commercio: come muoversi

Il CCNL Contratto di commercio, rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013, dedica un intero titolo alla disciplina della maternità, definendone l’intero quadro normativo in termini di diritti, retribuzione, permessi e astensione dalla prestazione lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Formazione permanente: perché è importante?

La formazione permanente (detta anche Lifelong learning) è l'insieme dei processi di apprendimento che si verificano dopo la prima fase di formazione scolastica, all'università o sul lavoro, atti ad arricchire le competenze, migliorando le qualifiche professionali.

Leggi tutto...
Go to Top