Spesso, soprattutto all’inizio di un’attività, ci si trova ad acquistare, per l’ufficio, mobili di scarsa qualità, guardando solo ad aspetti futili, come ad esempio il prezzo, l’abbinamento del colore con l’arredo circostante, lo spazio in cui collocarlo oppure allo stile dei mobili già presenti nell’ufficio, in modo che non “stoni”.

Non si pensa mai, invece, all’ergonomicità degli elementi che scegliamo come arredamento e a quanto sia importante questo aspetto, per consentire un’esperienza lavorativa migliore. Fortunatamente ci troviamo in un periodo di transizione, un periodo in cui si sta diffondendo, fortunatamente, la credenza che, grazie ad un ambiente ergonomico, possa esserci un rendimento lavorativo migliore, soprattutto se si tratta di attività che si svolgono esclusivamente in ufficio.

Quando parlo di ufficio, mi rivolgo anche a tutti i lavoratori freelence che, quindi, possono svolgere il loro lavoro da casa. Quando la propria abitazione diventa anche il proprio ufficio, è importante predisporla, il più possibile, in modo da farla diventare un’ambiente comodo e che non influenzi, a lungo andare, la nostra postura e la nostra salute.

Attenzione, ergonomico non vuol dire comodo, sicuramente i due aspetti sono legati tra loro ma l’ergonomia oltre che alla comodità pensa al benessere, già in fase di progettazione, della persona che dovrà utilizzare quel determinato elemento, che sia una scrivania o una o più poltrone da ufficio, rendendolo adattabile alle sue esigenze.

Cosa vuol dire Ergonomico

Vorrei fare alcuni esempi per far comprendere più a fondo il significato di ergonomico: le sedie o le poltrone da ufficio devono avere degli schienali alti almeno quanto la lunghezza del busto, in modo che la schiena possa appoggiarsi per intero e non affaticarsi, comportando stress e contratture. Il sedile, deve essere regolabile in base all’altezza della persona che ci si dovrà sedere, in modo che i piedi poggino a terra e che le gambe, in questa maniera, non si addormentino.

Togliendo normative e leggi, una regola, fondamentale, per quanto riguarda gli arredamenti ergonomici, esiste anche se si parla di scrivanie da ufficio, le quali dovrebbero essere personalizzate in base all’altezza e alla statura di ogni dipendente. Si potrebbero, quindi, acquistare delle scrivanie regolabili in altezza in modo che ognuno possa adattarle in base a come si sente più comodo.

Ora che abbiamo una definizione precisa del termine ergonomico vorrei proporvi un articolo sicuramente interessante e poco dispendioso che potreste sicuramente inserire all'interno dei vostri uffici per iniziare il passaggio da "ufficio classico" ad "ufficio ergonomico". 

 

Articoli che cambiano la vita

Una volta spiegato il significato di ergonomico e perchè è così importante avere un’arredamento del genere in ufficio, vorrei farvi qualche esempio di elementi fondamentali per il vostro benessere e quello dei dipendenti. Cosa non può mancare in un “ufficio ergonomico” che si rispetti?

  • Poltrona da ufficio: uno degli elementi fondamentali è una comoda, o meglio, ergonomica poltrona. Per essere tale deve avere determinati requisiti, di fondamentale importanza. Lo schienale alto, come già accennato prima non è, infatti, l’unico elemento che la rende ergonomica, deve avere anche un poggia ginocchia, una seduta inclinabile, dei braccioli, possibilmente imbottiti, per appoggiare le braccia in comodità e delle sedute alternative alla classica, in modo da consentirci di cambiare posizione di tanto in tanto.
  • Scrivania: deve essere regolabile, sia in altezza che in inclinazione, per consentire la giusta angolatura oculare e non nuocere alla vista. Non basta infatti regolare lo schermo del pc, è importante che il piano di appoggio si adatti alla statura della persona che lo sta utilizzando.
  • Lampada: ognuno dovrebbe avere una lampada con collo flessibile, in modo da direzionarla dove ha più bisogno e, soprattutto, non averla dentro gli occhi. E’ importante, inoltre, per la vista, che il punto che dobbiamo mettere a fuoco, che si parli di un libro, un manuale o un documento sia ben illuminato, in questo modo non dovremo sforzare gli occhi rischiando mal di testa ed emicrania.
  • Pedane poggia – piedi: il poggia piedi è fondamentale per la circolazione, migliora la postura con conseguente alleviamento dei dolori alla schiena. Chi sta ore seduto sa bene quanto sia scorretto appoggiare i piedi alla sedia e quanta pressione inutile si crei sulla schiena.
  • Poggia – polsi: Sono fondamentali per chi scrive molto al computer, aiutano a rilassare i nervi del polso, evitando in questo modo scomode tendiniti o altri dolori che potrebbero costringerci ad interrompere il lavoro per giorni.




Potrebbe interessarti

Master/Diploma di Specializzazione Biennale: scopri i Master ICOTEA

Studiare per conseguire un master biennale

La laurea oggi è diventata un titolo non più sufficiente quando ci si trova con la necessità di acquisire delle competenze e conoscenze nuove in un settore. Per rispondere a questa esigenza, in pratica, si è resa necessaria la creazione di Master, cioè dei percorsi formativo post-laurea, di solito connessi a una o più materie, con lo scopo di trattare o approfondire alcune tematiche della stessa.

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Esclusione dagli studi di settore: approfondiamo l'argomento

immagine per esclusione studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tipi di contratti di lavoro: vediamo in quest'articolo quali sono!

immagine esemplificativa di tipi di contratto di lavoro

I tipi di contratti di lavoro sono vari ma la definizione di contratto è una sola, ovvero si tratta di un negozio giuridico. quindi “una manifestazione di volontà destinata a produrre effetti giuridici ammessi dall’ordinamento giuridico”.

Contratti con Partita Iva: ecco quali tipologie esistono

Immagine esemplificativa contenuta nell'articolo Contratti con Partita Iva: ecco quali tipologie esistono

Il contratto con partita Iva prevede in primis l'inserimento del lavoratore, con annessa iscrizione, alla Gestione Separata dell'Inps.

Offerte lavoro Friuli Venezia Giulia: tutte le occasioni!

cercare lavoro in friuli venezia giulia

Ampliamo la nostra sezione dedicata al lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte lavoro Friuli Venezia Giulia. Innanzitutto è importante sapere che la ricerca del lavoro in Friuli Venezia Giulia è accompagnata da una interessante politica regionale. Infatti, la regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, regola la politica del lavoro tramite la legge regionale n. 18/2005, che disciplina tutte le materie riguardanti il lavoro che rientrano nelle competenze della Regione.

Contratto a tempo determinato: informazioni su durata e proroga

Immagine d'esempio usata nell'articolo Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Livelli contrattuali del settore metalmeccanico: ecco un approfondimento

Immagine usata per illustrare l'articolo I livelli del contratto dei metalmeccanici

Oggi parliamo dei Livelli contrattuali del settore metalmeccanico. Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi anche...

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consulente aziendale: qual è esattamente il suo compito?

Un lavoro molto richiesto al giorno d’oggi è sicuramente quello del consulente aziendale. Con l’aumento degli investimenti imprenditoriali e la nascita di sempre e più numerose aziende, la figura del consulente aziendale diventa sempre più importante.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

immagine per Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi tutto...
Go to Top