Diciamo la verità quante donne, madri da poco, desiderano o necessitano di ricominciare a lavorare? La maggior parte. Ma quante riescono con facilità a trovare una soluzione pratica che garantisca loro la cura dei figli anche durante la propria assenza? La risposta è: poche.

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

I vantaggi degli asili nido aziendali in Italia: rilevazione del fabbisogno e normativa

Per cercare di andare incontro alla coppia di neo-genitori, per facilitare (almeno in parte) il ruolo delle madri ed evitare l’assenteismo sul lavoro legato alla presenza dei figli, alcune aziende hanno creato dei nidi aziendali.

In questa struttura il genitore che lavora ottiene dei vantaggi:

  • Costi vantaggiosi
  • Struttura con personale qualificato
  • Orario di custodia più flessibile
  • Riduzione dello stress relativo alla "sistemazione e cura" dei figli durante l'orario di lavoro

D'altra parte, creare un nido aziendale significa vantaggi anche per l'azienda. In primis, tale iniziativa favorirà l'immagine dell'azienda anche tra i lavoratori, promuove e sostiene il lavoro femminile. Segnaliamo il sito Asilinido.biz che pubblica l'elenco delle aziende che hanno segnalato la presenza del nido aziendale.

Gli aspetti positivi

Spesso quando si parla di asili nido aziendali si considera solo il fatto che grazie alla loro presenza le mamme lavoratrici possono riprendere il proprio lavoro, nella totale sicurezza di aver lasciato il proprio bambino in mani sicure ed esperte. Ma gli aspetti positivi di un asilo nido sono molti altri, coivolgono soprattutto i bambini che li frequentano e sono illustrati nelle’elenco che segue.

  • Migliora la capacità dei bambini di relazionarsi fin da piccoli con gli altri.
  • Aiuta ad imparare a convivere con altre persone e a dividere gli spazi e gli oggetti, come i giocattoli. Quando il bambino sta a casa è libero di giocare con tutto ciò che vuole, soprattutto se non ha fratelli o sorelle, all’asilo tutto deve essere condiviso con gli altri.
  • Migliora la sicurezza in se stessi e la personale capacità di adattamento.
  • Aiuta ad essere più autonomi, indipendenti e responsabili. I bambini che frequentano un asilo nido imparano da subito che gli oggetti vanno trattati con cura, permettendo così di essere utilizzati anche dagli altri. Nel caso in cui un bambino rompe un gioco, non succede come a casa che il giorno dopo la mamma o il papà ne comprano uno uguale, il gioco rotto è ormai rovinato e viene buttato. Il bambino così impara a tenere alle cose che utilizza e a maneggiarle con cura.
  • Migliora le sue capacità cognitive e logiche grazie alla partecipazione a laboratori e attività specifiche. In un asilo nido tutte le discipline sono studiate per il benessere dei bambini, anche le simpatiche canzoncine che le insegnanti gli insegnano hanno uno scopo didattico.

Lo scopo principale delle strutture di questo genere è aiutare i bambini a crescere in salute e benessere, grazie alla partecipazione di percorsi equilibrati e studiati appositamente e alla presenza di personale qualificato e professionale. Spesso la maestra dell’asilo diventa un punto di riferimento importante sia per la mamma sia per il bambino. Inoltre la frequentazione di una struttura del genere aiuta il bambino ad imparare le prime conoscenze e a sviluppare le prime abilità, che gli saranno utili per tutta la vita e serviranno a costruire una personalità forte e dinamica.





Potrebbe interessarti

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Pagamento in ritardo dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Sacchetti personalizzati: un nuovo modo di creare valore per il tuo brand

shopping.jpg

Da quando le tradizionali buste di plastica sono diventate a pagamento, i brand hanno capito di poter sfruttare questo evento per produrre dei sacchetti personalizzati, spesso riutilizzabili, per poter aumentare la visibilità della propria azienda. Sacchetti personalizzati per le aziende: non solo un vezzo, ma un vero e proprio strumento di marketing, in grado di veicolare già dalla confezione la qualità e le caratteristiche di un prodotto.

Filosofia: qual è il lavoro giusto per i suoi laureati?

La facoltà di filosofia dell'Università rappresenta una delle scelte più sfidanti per lo studente appassionato di tale materia.

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

La maternità nel CCNL Contratto di Commercio: come muoversi

Il CCNL Contratto di commercio, rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013, dedica un intero titolo alla disciplina della maternità, definendone l’intero quadro normativo in termini di diritti, retribuzione, permessi e astensione dalla prestazione lavorativa.

Leggi tutto...

Lavorare nell'immobiliare: cosa bisogna conoscere?

Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top