L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Tale “diritto” non presuppone di per sé un automatismo di concessione: l’azienda può respingere la richiesta opponendo l’incompletezza o l’inadeguatezza dei motivi o della documentazione. La richiesta, motivata e corredata da adeguata documentazione, deve essere inviata direttamente alla Segreteria Amministrativa della Direzione Risorse Umane.

Questo è soltanto uno degli ostacoli che le giovani mamme in carriera dovranno affrontare, forse una buona lettura potrà aiutarvi a districarvi in questo labirinto tra lavoro e maternità. Vi consiglio il libro sotto citato: cliccando sull'immagine potrete acquistarlo immediatamente!

Il trattamento economico nell’aspettativa per maternità

L’aspettativa per maternità, come gli altri tipi di aspettativa, comporta la perdita del trattamento economico, che viene sospeso a partire dalla giornata in cui si interrompe il servizio e viene ripreso il giorno del rientro. Continuano ad essere versati dall’azienda, invece, i contributi previdenziali.

Ad ogni modo ciascun genitore può richiedere di astenersi dal lavoro fino al compimento degli 8 anni di età del figlio (per cercare di aiutarlo in una fase cruciale della sua crescita). Questa astensione rientra, appunto, nell’aspettativa per maternità. La madre dopo l’astensione obbligatoria ha il diritto di astenersi dal lavoro fino ad un massimo 6 mesi consecutivi o frazionabili.

Modalità di retribuzione di questo periodo

E’ importante ribadire ancora quali sono le modalità di retribuzione per tutto il periodo dell’aspettativa per maternità.
Infatti, è previsto che al genitore che usufruisce di tale aspettativa possa essere riconosciuto, al massimo e solo in determinati casi particolari, un trattamento economico pari al 30% dello stipendio.

Le nuove norme sulla maternità: ecco gli ultimi aggiornamenti

Per la sua natura discrezionale l’aspettativa per maternità è stata soppiantata nel corso degli ultimi anni dall’attività dei giuslavoristi, i quali attraverso il Decreto Legislativo 151 del 26 marzo 2001, altresì detto “Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53” offre una serie di possibilità alla madre, e al padre, che lavorano, che sono senz’altro più eque e più tutelanti per i lavoratori/genitori che intendono usufruirne.

Dopo l'aspettativa, l'indennità

Vediamo insieme quali sono le varie categorie che una volta dimostrato di avere i requisiti ideali, hanno diritto ad una indennità di maternità che possa sostituire la normale modalità di retribuzione prevista in caso di lavoro dipendente. Va specificato innanzitutto che questo diritto spetta non solo alle donne che hanno partorito, ma anche ai padri che possono usufruirne.
Si parla innanzitutto di lavoratrici con contratto di dipendenti presso privati, delle seguenti tipologie:

  • lavoro dipendente dell'appaltatore
  • somministrazione di lavoro
  • lavoro intermittente
  • part time
  • lavoro distaccato
  • lavoro ripartito
  • apprendistato
  • contratto di inserimento

Naturalmente l'indennità viene concessa se il periodo è successivo all'inizio dell'attività.
Seguono poi fra le aventi diritto a questa concessione, le donne che lavorano come dipendenti di enti pubblici o assimilabili ad esso, le disoccupate da meno di 60 giorni (per periodi superiori ai 60 giorni, esistono particolari eccezioni per cui si rimanda alla normativa specifica).
Per quanto riguarda l'elenco completo, si rimanda al portale ufficiale dell'INPS.

Casi particolari di congedo

In merito alla condizione di indennità per i padri, il congedo è concesso solo in casi particolari: infermità grave, malattia o morte della madre, nonché abbandono da parte della partner del bambino o affidamento esclusivo dello stesso. Comunque, il genitore di sesso maschile deve dimostrare di avere tutti i requisiti presentati in circolare 8/2003 punto 10 - msg 8774/2007.
Non si concede invece il congedo per maternità alle lavoratrici del settore pubblico, ma non di ruolo, le quali possono varie riferimento alle circolari apposite per verificare l'effettivo ente a cui poter richiedere un trattamento simile. Anche per quanto riguarda le lavoratrici del Fondo Volo, il trattamento viene demandato per conto dell'Inps alla gestione previdenziale della Cassa Marittima Tirrena, che va a sostituire in pratica tutte le normali funzione dell'ente previdenziale nazionale.

 



Potrebbe interessarti

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Perfezionarsi nella metodologia aba

Il corso di perfezionamento di Metodologia ABA, erogato da ICOTEA, ha come obiettivo quello di approfondire e fornire gli strumenti per l’applicazione di tale metodo in vari contesti sociali, educativi e di sviluppo. Il metodo ABA è composto da tecniche che si basano sull’uso dei principi relativi alla Scienza del Comportamento con il fine di cambiare delle condotte non proprio adeguate o di imparare nuove abilità.

Leggi tutto...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Il flusso di cassa o cash flow nella terminologia anglosassone è la somma del reddito netto di una società, degli ammortamenti e degli accantonamenti a riserva (includendo le riserve ordinarie e straordinarie, vale a dire le deduzioni contabili che non danno luogo a effettivi esborsi monetari).

Leggi tutto...

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

l'importanza di avere una laure nell'ambito della mediazione linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Redditi diversi: normativa e caratteristiche

Il TUIR è il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modifiche. Il TUIR comprende gli articoli tra il 67 e il 71 dedicati alla voce Redditi Diversi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Anticipo del TFR: diamo uno sguardo a come cambiano le regole

richiesta di anticipo del TFR

Molto spesso il lavoratore deve far fronte alla fine del rapporto lavorativo che lo ha tenuto, per un periodo più o meno lungo, alle dipendenze di un datore di lavoro. Quando si verifica una circostanza di questo tipo, le cause possono essere di diversa natura e sono da imputarsi, a seconda dei casi o al datore di lavoro oppure al lavoratore stesso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecco la verità sul Condono 2019

come funziona il condono per il 2019

Per coloro che sono impegnati in un contenzioso di natura tributaria o fiscale con lo Stato italiano, negli ultimi mesi si è affacciata la possibilità di poterlo chiudere in maniera definitiva e senza considerevoli esborsi di natura economica. Infatti, le autorità governative, all'interno della prevista Legge di Bilancio 2019, hanno predisposto il Decreto Legge 119/2018, la cosiddetta "Pace Fiscale", cioè una sorta di condono nel 2019 e che, tra le altre cose, consentirà anche, almeno in teoria, ulteriori entrate allo Stato.

Leggi tutto...
Go to Top