La Maternità è il momento in cui forse la burocrazia è l'ultimo dei pensieri, eppure è necessario pensare anche a quello. Probabilmente per alleggerire questi momenti una buona lettura potrebbe essere la soluzione! Ecco per i le nostre lettrici un consiglio per rendere i mesi della gravidanza più confortanti:

A chi spetta l'assegno di maternità?

L’assegno di maternità spetta se:

  • la lavoratrice già gode di una tutela previdenziale ed ha versato almeno tre mesi di contributi
  • la madre è disoccupata;
  • qualora la lavoratrice abbia interrotto il rapporto di lavoro per dimissioni durante il periodo di gravidanza

L'importo dell'assegno di maternità dello Stato è pari a 1.902,90 euro.

Come fare domanda?

L'assegno di maternità dei Comuni spetta ai soggetti sopracitati e alle cittadine extracomunitarie con lo
status di rifugiate politiche, anche se non sono in possesso della carta di soggiorno.
Tale assegno spetta se:

  • la madre non gode di alcuna indennitàad altro titolo
  • vive in un nucleo familiare con indicatore della situazione economica (ISEE) inferiore a determinati tetti. Per il 2009, il valore ISEE per un nucleo familiare di tre persone non deve superare i 32.222,66 euro.

Importante: l’assegno di maternità spetta per ogni figlio. L'importo dell'assegno di maternità del Comune è pari a 309,11 € mensili per cinque mesi, per complessivi 1.545,55 €.

La domanda dell'assegno di maternità del Comune va chiesto al Comune di residenza, entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall'ingresso in famiglia in caso di adozione, e viene pagato dall'Inps.

Requisiti necessari per ricevere l'assegno di maternità

Tra le misure di sostegno alle famiglie a basso reddito c’è l’assegno di maternità (DLgs. 151/2001 Capo XIII). Tale assegno può essere a carico dello Stato, e quindi erogato e concesso direttamente dall’Inps, oppure può essere a carico del Comune ed essere concesso, quindi, dai Comuni ed erogato dall’Inps in presenza di determinati requisiti reddituali. Qui di seguito illustreremo l’assegno per maternità dello Stato.

E per il padre?

E’ necessaria, infine, la sussistenza di regolare soggiorno e residenza in Italia del padre - o del coniuge della deceduta - e che il minore si trovi presso la sua famiglia anagrafic.

Maternità, gli altri bonus e incentivi

Da quest’anno, tuttavia, il bonus diventa universale, questo significa che verrà corrisposto a tutte le famiglie italiane, senza badare al reddito come invece avveniva in precedenza. Sarà, piuttosto, il valore del bonus a cambiare in base all'ISEE minorenni.
Il bonus bebè, dunque, varierà in questo modo:

  • avrà un valore pari a 1.920 euro per la durata di un anno se il nucleo familiare del genitore che ne fa richiesta non supera i 7.000 euro annui;
  • avrà un valore pari a 1.440 euro se invece il nucleo familiare del genitore che fa domanda per l’assegno di maternità supera i 7.000 euro, ma è inferiore ai 40.000 euro;
  • avrà un valore pari a 960 euro se, infine, il nucleo familiare a cui appartiene il genitore che fa domanda per il bonus supera con il proprio ISEE i 40.000 euro annui.

La legge di bilancio, quindi, ha individuato sostanzialmente tre fasce di reddito ma in ogni caso viene confermato anche un valore del bonus del 20 per cento in più se nel corso del 2020 c’è anche un altro figlio. Tuttavia, queste non sono le uniche novità del bonus bebè visto che a partire dal prossimo anno, il 2021, a meno di ulteriori cambiamenti in corso d’opera, il governo intende arrivare a quello che viene definito fin da ora come l’assegno unico. Questo significa, tradotto in parole povere, sintetizzare tutte le diverse agevolazioni previste in caso di maternità e paternità, tra congedi, bonus, agevolazioni e assegni, in una sola formula che vada a semplificare e integrare con un unico strumento a 360 gradi quanto oggi è invece frastagliato e differenziato. L’intento, dunque, è proprio la semplificazione del sistema di agevolazioni pensato per sostenere e incentivare la natalità in Italia. Con l’assegno unico, quindi, si avrebbe un’agevolazione pensata per ciascun figlio a carico. Anche in questo caso l’assegno di maternità verrebbe erogato per la durata di 12 mesi e con un importo di 240 euro per ogni figlio minore e di 80 euro per ogni figlio over 18 che sia ancora a carico del nucleo familiare. Un’altra idea è anche quella di introdurre un sistema unico di agevolazioni che non superi i 400 euro al mese per ogni bimbo che non superi i 3 anni di età.

A chi spetta l’assegno di maternità?

assegno di maternità

L’importo dell’assegno di maternità dello Stato è pari a 1.740,60 euro, sia per le nascite che per gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento.
Come fare domanda?
Vive in un nucleo familiare con indicatore della situazione economica (ISEE) inferiore a determinati tetti. Per il 2021, il valore ISEE per un nucleo familiare di tre persone non deve superare i 17.416,66 euro.
Importante: l’assegno di maternità spetta per ogni figlio. L’importo dell’assegno di maternità del comune è pari, le 2021, a 348,12 euro mensili per cinque mesi, ovvero 1.740,60 euro in un anno.

La legge di bilancio, quindi, ha individuato sostanzialmente tre fasce di reddito ma in ogni caso viene confermato anche un valore del bonus del 20 per cento in più se nel corso del 2021 dovesse esserci un altro figlio.
Nel corso del 2020 si è discussa la possibilità di arrivare ad effettuare quello che può essere definito come un assegno unico.
La legge 46 del 2021 del 6 aprile, infatti, prevede proprio l’assegno unico e le misure di sostegno alle famiglie sono state messe attualmente in atto.
A partire dal 1° Luglio 2021, infatti, per tutte le famiglie che hanno un figlio fino a 21 anni a carico verrà erogato un assegno mensile di un valore massimo di 250 euro, composto da un valore fisso ed uno variabile in base al reddito familiare.

Immagine d'esempio usata nell'articolo Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta
L’assegno unico ha la funzione di unificare e potenziare i contributi attualmente esistenti a sostegno dei nuclei familiari con figli a carico.
L’assegno sarà inoltre compatibile con il reddito di cittadinanza e verrà o erogato in maniera diretta oppure riconosciuto come credito di imposta.
Allo stato attuale sono possibili solo delle ipotesi, si crede che si dovrebbe assistere ad un importo pari a 161 euro al mese per ciascun figlio minorenne e 97 euro al mese per ciascun figlio maggiorenne per coloro che possiedono un’ISEE pari a 30.000 euro, per coloro i quali hanno un ISEE superiore allora si avrà un decremento non lineare fino ai 52.000, a tutela di chi ha un ISEE meno elevato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Requisiti per il Reddito di cittadinanza: eccoli elencati in modo chiaro

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Straordinari non pagati: sai cosa fare e a chi rivolgerti?

straordinari non pagati

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

I più condivisi

eTA per il Canada necessaria per un viaggio d'affari o vacanza: ecco tutte le informazioni utili!

Il Canada è un paese ambito per molti aspetti, dalla qualità della vita allo svago, dalla cultura alle attrazioni turistiche. In ogni caso che ci si vada per vacanza o per lavoro, l’ingresso nel Paese prevede un visto o l’autorizzazione chiamata eTA per un viaggio in Canada (electronic Travel Authorization – l’autorizzazione elettronica di viaggio).

Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi anche...

Enel Green Power: lavoro possibile? Vediamo dove e come

Immagine d'esempio usata nell'articolo Enel Green Power: lavoro possibile? Vediamo dove e come

Numerosi studi condotti dall'Istituti di Economia e Politica dell'energia e dell'Ambiente dell'Università Bocconi, è emerso che grazie all'avvento della filosofia della Green Economy, sono numerose le nuove aziende green che si stanno costituendo

Leggi anche...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.