La Maternità è il momento in cui forse la burocrazia è l'ultimo dei pensieri, eppure è necessario pensare anche a quello. Probabilmente per alleggerire questi momenti una buona lettura potrebbe essere la soluzione! Ecco per i le nostre lettrici un consiglio per rendere i mesi della gravidanza più confortanti:

A chi spetta l'assegno?

L’assegno spetta se:

  • la lavoratrice già gode di una tutela previdenziale ed ha versato almeno tre mesi di contributi
  • la madre è disoccupata;
  • qualora la lavoratrice abbia interrotto il rapporto di lavoro per dimissioni durante il periodo di gravidanza

L'importo dell'assegno di maternità dello Stato è pari a 1.902,90 euro.

Come fare domanda?

L'assegno maternità dei Comuni spetta ai soggetti sopracitati e alle cittadine extracomunitarie con lo
status di rifugiate politiche, anche se non sono in possesso della carta di soggiorno.
Tale assegno spetta se:

  • la madre non gode di alcuna indennità ad altro titolo
  • vive in un nucleo familiare con indicatore della situazione economica (ISE) inferiore a determinati tetti. Per il 2009, il valore ISE per un nucleo familiare di tre persone non deve superare i 32.222,66 euro.

Importante: l’assegno spetta per ogni figlio. L'importo dell'assegno di maternità del Comune è pari a 309,11 € mensili per cinque mesi, per complessivi 1.545,55 €.

La domanda dell'assegno di maternità del Comune va chiesto al Comune di residenza, entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall'ingresso in famiglia in caso di adozione, e viene pagato dall'Inps.

Requisiti necessari per ricevere l'assegno di maternità

Tra le misure di sostegno alle famiglie a basso reddito c’è l’assegno di maternità (DLgs. 151/2001 Capo XIII). Tale assegno può essere a carico dello Stato, e quindi erogato e concesso direttamente dall’Inps, oppure può essere a carico del Comune ed essere concesso, quindi, dai Comuni ed erogato dall’Inps in presenza di determinati requisiti reddituali. Qui di seguito illustreremo l’assegno per maternità dello Stato.

E per il padre?

E’ necessaria, infine, la sussistenza di regolare soggiorno e residenza in Italia del padre - o del coniuge della deceduta - e che il minore si trovi presso la sua famiglia anagrafic.

Maternità, gli altri bonus e incentivi

Da quest’anno, tuttavia, il bonus diventa universale, questo significa che verrà corrisposto a tutte le famiglie italiane, senza badare al reddito come invece avveniva in precedenza. Sarà, piuttosto, il valore del bonus a cambiare in base all'ISEE minorenni.
Il bonus bebè, dunque, varierà in questo modo:

  • avrà un valore pari a 1.920 euro per la durata di un anno se il nucleo familiare del genitore che ne fa richiesta non supera i 7.000 euro annui;
  • avrà un valore pari a 1.440 euro se invece il nucleo familiare del genitore che fa domanda per l’assegno supera i 7.000 euro, ma è inferiore ai 40.000 euro;
  • avrà un valore pari a 960 euro se, infine, il nucleo familiare a cui appartiene il genitore che fa domanda per il bonus supera con il proprio ISEE i 40.000 euro annui.

La legge di bilancio, quindi, ha individuato sostanzialmente tre fasce di reddito ma in ogni caso viene confermato anche un valore del bonus del 20 per cento in più se nel corso del 2020 c’è anche un altro figlio. Tuttavia, queste non sono le uniche novità del bonus bebè visto che a partire dal prossimo anno, il 2021, a meno di ulteriori cambiamenti in corso d’opera, il governo intende arrivare a quello che viene definito fin da ora come l’assegno unico. Questo significa, tradotto in parole povere, sintetizzare tutte le diverse agevolazioni previste in caso di maternità e paternità, tra congedi, bonus, agevolazioni e assegni, in una sola formula che vada a semplificare e integrare con un unico strumento a 360 gradi quanto oggi è invece frastagliato e differenziato. L’intento, dunque, è proprio la semplificazione del sistema di agevolazioni pensato per sostenere e incentivare la natalità in Italia. Con l’assegno unico, quindi, si avrebbe un’agevolazione pensata per ciascun figlio a carico. Anche in questo caso l’assegno verrebbe erogato per la durata di 12 mesi e con un importo di 240 euro per ogni figlio minore e di 80 euro per ogni figlio over 18 che sia ancora a carico del nucleo familiare. Un’altra idea è anche quella di introdurre un sistema unico di agevolazioni che non superi i 400 euro al mese per ogni bimbo che non superi i 3 anni di età.

Potrebbe interessarti

Calcolo ISEE online: ecco come procedere per non sbagliare

Calcolo ISEE online

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Ecocert INPS: ecco cos'è l'estratto conto contributivo

Ecocert INPS

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Ecocert INPS: ecco cos'è l'estratto conto contributivo

Ecocert INPS

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Corsi sul trading online: come faccio a scegliere?

Corsi di trading online

Fare degli investimenti online senza possedere alcuna conoscenza è pressoché rischioso se non impossibile. Il trading online, infatti, è un settore molto tecnico e necessita di una specifica formazione per essere vissuto in modo appropriato. Non ci sorprendiamo, quindi, se sul web sono nati molti corsi di trading online dedicati alla formazione.

Inoccupato: cosa è e in cosa differisce dalla disoccupazione

Immagine per Inoccupato

Se si è nella condizione definita "inoccupato", il nostro consiglio è quello di presentare una dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa da consegnare al Centro per l'Impiego o il modello di Autocertificazione di disoccupazione.

Leggi anche...

Riforma del lavoro: la storia degli interventi che hanno cambiato l'Italia

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi anche...

Corsi singoli: la nuova offerta Icotea

I corsi singoli sono un’opportunità messa a disposizione di chi, per motivi di aggiornamento culturale e professionale, intende seguire insegnamenti universitari, senza però iscriversi ad un corso di laurea.