Il 14 agosto 2013 è entrata in vigore la riforma delle professioni introdotta con la Legge 148/2011 e disciplinata dal D.P.R. 137/2012 che rende obbligatoria la stipula di un’assicurazione professionale – per esempio, un’assicurazione professionale per architetti, una per i commercialisti, ingegneri, geometri, psicologi, medici, avvocati, consulenti del lavoro e così via. L’assicurazione protegge il professionista dai rischi legati al normale svolgimento della propria attività. A titolo esemplificativo, si riportano le specifiche riguardanti una RC professionale tipo per architetti e ingegneri.

Cosa copre una RC professionale generica

Le assicurazioni di Responsabilità Civile Professionale coprono i professionisti iscritti all’albo o all’ardine dai rischi professionali nello svolgimento della professione qualora si provochino danni a terzi. Le compagnie assicurative richiedono un corrispettivo (premio assicurativo) in base al quale possono intervenire a salvaguardia del patrimonio del professionista e per la copertura delle spese di risarcimento.

Ma quali sono gli errori da cui l’assicurato è coperto?:

  • Errori di negligenza quando il professionista non compie doverosamente la propria professione nell’ambito in cui opera;
  • Svolgimento di attività e mansioni vietate o non conformi alla propria professione o per cui non vi è un’adeguata formazione;
  • Errori di imperizia per mancanza di esperienza o di specificità nell’ambito professionale (un cardio-chirurgo che opera in chirurgia estetica senza la dovuta esperienza o competenza).

Ogni compagnia assicurativa redige specifiche diverse in base alla professione e alla tipologia di rischi in cui si può incorrere, per cui è bene che il professionista richieda una polizza specifica per la professione e ne legga attentamente il prospetto informativo. Prima di sottoscrivere una polizza è, inoltre, bene vagliare diversi preventivi; le informazioni fondamentali che servono alla compagnia per formulare un preventivo sono:

  1. L’attività professionale;
  2. Il massimale richiesto, ovvero l’importo massimo che la compagnia è disposta a risarcire in caso di danni;
  3. L’importo del fatturato annuo del professionista al netto dell’IVA;
  4. Gli anni di retroattività, ovvero la possibilità di estendere a ritroso nel tempo l’efficacia del contratto rispetto alla sua data reale di stipula.

Con queste informazioni, la compagnia assicurativa è in grado di formulare una quotazione. Sulla base del confronto di diverse proposte assicurative, si sceglie la compagnia più idonea alle proprie esigenze e si passa alla stipula vera e propria con un approfondimento delle specifiche, delle garanzie e dei rischi.

Come funziona un’assicurazione professionale per architetti e ingegneri

L’assicurazione RC Professionale per architetti deve essere stipulata da ingegneri e architetti che sono iscritti all’albo professionale, che assumono una responsabilità diretta verso terzi e che potrebbero con la loro attività recare danni morali o pregiudizio economico a terzi nella non corretta esecuzione dell’incarico.

La sola iscrizione all’albo non implica l’obbligo di avere un’assicurazione, occorre che la professione venga esercitata effettivamente in forma autonoma e per conto proprio, ovvero che assumono direttamente la responsabilità del lavoro. Chi sono gli architetti e ingegneri tenuti all’obbligo della RC professionale?:

  1. Gli architetti CTU (Consulenti tecnici di Ufficio) ovvero quei professionisti che vengono incaricati dai tribunali nell’ambito di procedure giudiziarie e che – anche in qualità di organi ausiliari del giudice – assumono comunque nei confronti di terzi la responsabilità civile per l’esecuzione corretta dell’incarico.
  2. Gli architetti con partiva IVA, inclusi i collaboratori di studi professionali qualora il rapporto di collaborazione assume forme contrattuali diverse dal lavoro dipendente.
  3. Anche gli architetti che esercitano senza timbro, perché qualsiasi attività si svolga – più o meno riconducibile alla propria professione – determina l’obbligo della copertura assicurativa.

Gli architetti esenti dall’obbligo di assicurazione professionale sono coloro che esercitano alle dipendenze di un datore di lavoro, pubblico o privato, perché l’impegno della copertura è preso dal datore di lavoro. Anche il professionista che svolge un incarico solo ed esclusivamente per conto di una società non è obbligato a sottoscrivere una polizza assicurativa.

Quali sono le coperture specifiche per una RC professionale architetti

L’RC professionale per architetti e ingegneri copre i rischi e i danni provocati da:

  • Inadempienza;
  • Negligenza;
  • Imprudenza;
  • imperizia ossia la mancata osservanza delle norme che dovrebbero essere conosciute;
  • colpe gravi o lievi;
  • violazione della privacy;
  • perdita documenti;
  • diffamazione, ingiuria;
  • colpe a carico di dipendenti e collaboratori.

Mentre non sono prese in considerazione le richieste di risarcimento per danni dovuti a dolo, omissioni dolose o quando il professionista manifesta la volontà di commettere un illecito. Al di là delle tutele legate alla professione è possibile estendere la copertura agli infortuni e malattia del professionista nel caso non riesca a portare a termine l’attività, la tutela legale in caso di contenziosi per il rimborso delle spese legali e la tutela per la responsabilità solidale qualora il professionista venga chiamato da solo a rispondere dei danni dei suoi collaboratori.

Maggiori sono le garanzie e le tutele richieste, maggiore sarà il premio assicurativo da versare alla compagnia, per questo vi è la possibilità di stipulare particolari assicurazioni professionali in convenzione con la Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti – INARCASSA.

Il Consiglio Nazionale degli Architetti ha pubblicato delle linee guida in materia di assicurazione professionale, specificando che il mancato rispetto dell’obbligo di assicurazione per i liberi professionisti esercenti costituisce un illecito disciplinare sottoposto a sanzioni. L’applicazione delle sanzioni è di competenza dell’Ordine Territoriale di appartenenza del professionista.





Potrebbe interessarti

Previdenza sociale: quali soggetti deve tutelare

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Leggi tutto...

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Agevolazioni imprenditoria femminile

Donne impegnate a parlare di finanziamenti nell'imprenditoria femminile

Chi può richiedere le agevolazioni dell’imprenditoria femminile? Possono presentare il progetto per ottenere le agevolazioni previste dalla legge per l’imprenditoria femminile, i seguenti soggetti giuridici

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mepa, cos'é e come funziona

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare con la Partita Iva: quali sono gli obblighi?

libero professionista che lavora con la partita iva

Chi intende aprire una partita IVA deve sapere che, oltre ai vantaggi che da essa potrà trarne, sarà soggetto al rispetto e all'osservanza di alcuni obblighi specifici.

Leggi tutto...
Go to Top