Il 14 agosto 2013 è entrata in vigore la riforma delle professioni introdotta con la Legge 148/2011 e disciplinata dal D.P.R. 137/2012 che rende obbligatoria la stipula di un’assicurazione professionale – per esempio, un’assicurazione professionale per architetti, una per i commercialisti, ingegneri, geometri, psicologi, medici, avvocati, consulenti del lavoro e così via. L’assicurazione protegge il professionista dai rischi legati al normale svolgimento della propria attività. A titolo esemplificativo, si riportano le specifiche riguardanti una RC professionale tipo per architetti e ingegneri.

Cosa copre una RC professionale generica

Le assicurazioni di Responsabilità Civile Professionale coprono i professionisti iscritti all’albo o all’ardine dai rischi professionali nello svolgimento della professione qualora si provochino danni a terzi. Le compagnie assicurative richiedono un corrispettivo (premio assicurativo) in base al quale possono intervenire a salvaguardia del patrimonio del professionista e per la copertura delle spese di risarcimento.

Ma quali sono gli errori da cui l’assicurato è coperto?:

  • Errori di negligenza quando il professionista non compie doverosamente la propria professione nell’ambito in cui opera;
  • Svolgimento di attività e mansioni vietate o non conformi alla propria professione o per cui non vi è un’adeguata formazione;
  • Errori di imperizia per mancanza di esperienza o di specificità nell’ambito professionale (un cardio-chirurgo che opera in chirurgia estetica senza la dovuta esperienza o competenza).

Ogni compagnia assicurativa redige specifiche diverse in base alla professione e alla tipologia di rischi in cui si può incorrere, per cui è bene che il professionista richieda una polizza specifica per la professione e ne legga attentamente il prospetto informativo. Prima di sottoscrivere una polizza è, inoltre, bene vagliare diversi preventivi; le informazioni fondamentali che servono alla compagnia per formulare un preventivo sono:

  1. L’attività professionale;
  2. Il massimale richiesto, ovvero l’importo massimo che la compagnia è disposta a risarcire in caso di danni;
  3. L’importo del fatturato annuo del professionista al netto dell’IVA;
  4. Gli anni di retroattività, ovvero la possibilità di estendere a ritroso nel tempo l’efficacia del contratto rispetto alla sua data reale di stipula.

Con queste informazioni, la compagnia assicurativa è in grado di formulare una quotazione. Sulla base del confronto di diverse proposte assicurative, si sceglie la compagnia più idonea alle proprie esigenze e si passa alla stipula vera e propria con un approfondimento delle specifiche, delle garanzie e dei rischi.

Come funziona un’assicurazione professionale per architetti e ingegneri

L’assicurazione RC Professionale per architetti deve essere stipulata da ingegneri e architetti che sono iscritti all’albo professionale, che assumono una responsabilità diretta verso terzi e che potrebbero con la loro attività recare danni morali o pregiudizio economico a terzi nella non corretta esecuzione dell’incarico.

La sola iscrizione all’albo non implica l’obbligo di avere un’assicurazione, occorre che la professione venga esercitata effettivamente in forma autonoma e per conto proprio, ovvero che assumono direttamente la responsabilità del lavoro. Chi sono gli architetti e ingegneri tenuti all’obbligo della RC professionale?:

  1. Gli architetti CTU (Consulenti tecnici di Ufficio) ovvero quei professionisti che vengono incaricati dai tribunali nell’ambito di procedure giudiziarie e che – anche in qualità di organi ausiliari del giudice – assumono comunque nei confronti di terzi la responsabilità civile per l’esecuzione corretta dell’incarico.
  2. Gli architetti con partiva IVA, inclusi i collaboratori di studi professionali qualora il rapporto di collaborazione assume forme contrattuali diverse dal lavoro dipendente.
  3. Anche gli architetti che esercitano senza timbro, perché qualsiasi attività si svolga – più o meno riconducibile alla propria professione – determina l’obbligo della copertura assicurativa.

Gli architetti esenti dall’obbligo di assicurazione professionale sono coloro che esercitano alle dipendenze di un datore di lavoro, pubblico o privato, perché l’impegno della copertura è preso dal datore di lavoro. Anche il professionista che svolge un incarico solo ed esclusivamente per conto di una società non è obbligato a sottoscrivere una polizza assicurativa.

Quali sono le coperture specifiche per una RC professionale architetti

Assicurazione professionale per architetti

L’RC professionale per architetti e ingegneri copre i rischi e i danni provocati da:

  • Inadempienza;
  • Negligenza;
  • Imprudenza;
  • imperizia ossia la mancata osservanza delle norme che dovrebbero essere conosciute;
  • colpe gravi o lievi;
  • violazione della privacy;
  • perdita documenti;
  • diffamazione, ingiuria;
  • colpe a carico di dipendenti e collaboratori.

Mentre non sono prese in considerazione le richieste di risarcimento per danni dovuti a dolo, omissioni dolose o quando il professionista manifesta la volontà di commettere un illecito. Al di là delle tutele legate alla professione è possibile estendere la copertura agli infortuni e malattia del professionista nel caso non riesca a portare a termine l’attività, la tutela legale in caso di contenziosi per il rimborso delle spese legali e la tutela per la responsabilità solidale qualora il professionista venga chiamato da solo a rispondere dei danni dei suoi collaboratori.

Maggiori sono le garanzie e le tutele richieste, maggiore sarà il premio assicurativo da versare alla compagnia, per questo vi è la possibilità di stipulare particolari assicurazioni professionali in convenzione con la Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti – INARCASSA.

Il Consiglio Nazionale degli Architetti ha pubblicato delle linee guida in materia di assicurazione professionale, specificando che il mancato rispetto dell’obbligo di assicurazione per i liberi professionisti esercenti costituisce un illecito disciplinare sottoposto a sanzioni. L’applicazione delle sanzioni è di competenza dell’Ordine Territoriale di appartenenza del professionista.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Live streaming per formazione ed event marketing aziendale di successo

Nei due anni appena trascorsi, la pandemia ha cambiato e rivoluzionato le abitudini lavorative di tutti i settori. Le aziende spesso hanno optato per lo smart working e di conseguenza, anche tutto ciò che riguardava i processi formativi, l’aggiornamento, ha subito un grande cambiamento ed è stato assorbito dal mondo digitale.

Tabella pensionamento: una guida completa dell'argomento

Immagine d'esempio usata nell'articolo sulle tabelle di pensionamento

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

I più condivisi

I 20 anni di ICOTEA: le ultime novità

Acquisire esperienza nel settore della formazione online è un traguardo tanto impegnativo quanto importante. Con l’espansione dell’offerta in ambito FAD (Formazione a Distanza) non è facile trovare un ente che conosca a fondo il know how e sappia andare incontro alle esigenze degli studenti 2.0, individui che hanno voglia di studiare, non tempo da perdere.

Mancato pagamento dello stipendio: come comportarci?

Mancato pagamento dello stipendio

Uno dei motivi principali di conflitto fra azienda/datore di lavoro e lavoratore è sicuramente la mancata retribuzione, ovvero il mancato pagamento dello stipendio mensile o l'eventuale ritardo dello stesso Secondo il diritto del lavoro, è pacifico che il datore di lavoro, secondo quanto stabilito dal contratto, debba corrispondere a fine mese o quando indicato dal contratto stesso, lo stipendio concordato. Se vuoi avere delle delucidazioni sul calcolo del tuo stipendio netto leggi l'articolo che abbiamo preparato per te: clicca qui.

Calcolo della pensione Inpdap: come farlo e come richiederla?

calcolo pensione inpdap

Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Leggi anche...

Come scegliere la piattaforma di e-commerce più adatta al proprio business

ecommerce.jpg

Come scegliere la piattaforma di e-commerce più adatta al proprio negozio on line? Prima di iniziare e avviare un business sul web, occorre prestare attenzione ad alcuni fattori per scegliere al meglio la piattaforma più adatta. Vediamo insieme come orientarsi nella scelta e poter creare facilmente il proprio negozio on line.

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.