Trovare lavoro non è un’impresa facile, soprattutto perché la concorrenza al giorno d’oggi è alta: perché allora non investire nella propria formazione e aumentare le proprie conoscenze per risaltare in mezzo a tanta altra gente?

Con l’aumento della digitalizzazione, sempre più aziende stanno approdando su internet, aprono pagine sui social network e gestiscono siti dove forniscono informazioni sul loro lavoro e tengono aggiornati i possibili clienti. Sono necessarie, perciò, sempre più figure specializzate in grado di gestire queste risorse: sviluppatori, programmatori, manager, editor.

Se si vuole investire, quindi, in un lavoro promettente, duraturo e proficuo, una delle migliori strade è quella di intraprendere una carriera proprio nel settore delle tecnologie e dell’informatica. Il vantaggio infatti sta nel fatto che questo mondo è in continua espansione ed in continuo aggiornamento: ogni giorno ci sono delle nuove funzionalità, nuove piattaforme, nuove informazioni. Per questo sono disponibili migliaia di percorsi lavorativi differenti e stimolanti. Un ulteriore punto a favore di questo ambiente, è che non bisogna per forza avere una laurea, un master e un dottorato in informatica. Quello che le aziende e i responsabili delle assunzioni cercano sono soprattutto la voglia di imparare e le famose soft skills, ovvero le competenze trasversali. È molto richiesta, infatti, l’abilità di sapersi adattare e di coniugare due settori che a prima vista potrebbero sembrare del tutto scollegati. Per questo motivo saper programmare e costruire un sito web dal nulla potrebbe portarti a lavorare per qualsiasi azienda in qualsiasi settore. Perciò non resta altro che avvicinarsi al mondo della programmazione.

Come imparare a programmare se non si hanno le basi? Si può partire da zero? 

Assolutamente sì. Digitando semplici parole come “corso per programmatori” o “imparare a programmare dal nulla” in un qualsiasi motore di ricerca, si trovano numerose opportunità, diversi corsi che di distinguono per metodo di insegnamento, durata, linguaggio di programmazione e obiettivo finale. Per diventare sviluppatore web, quindi, c’è davvero l’imbarazzo della scelta: tra gli istituti formativi che ci sentiamo di segnalare per affidabilità e qualità dell’offerta, c’è aulab, che vanta un ottimo numero di assunzioni post-corso. 

Ma se su internet si trovano tante risorse gratuite, tanti video, tante informazioni, perché scegliere di frequentare un corso? Sicuramente, se si hanno le condizioni economiche, è meglio seguire un percorso guidato da insegnanti, tutor ed esperti qualificati che hanno già esperienza nel campo della programmazione. Loro possono darti consigli e suggerimenti su come risolvere dei problemi, aiutarti quando ti blocchi e far sviluppare le tue abilità e i tuoi ragionamenti. E questo può fare la differenza.

In fin dei conti, però, il vero ed unico metodo per avanzare nel mondo della programmazione è la pratica. Studiare pagine e pagine di codice dai libri, senza mai applicare le regole apprese non servirà a niente. L'unico modo efficace per imparare bene e velocemente è proprio quello di provare, provare e ancora provare. Sembra una frase fatta, ma in questo campo “imparare dai propri errori” è quasi una filosofia di vita: senza esercitarsi e senza commettere sbagli, non si impara e non si cresce. 

formazione-lavoro.jpg

Un altro fattore importante, però, è la pazienza: scrivere un codice all’inizio potrebbe richiedere ore ed ore, ma non bisogna scoraggiarsi subito. Del resto, come ogni altra cosa, scrivere un codice richiede i suoi tempi. Dopo aver fatto un po’ di esperienza e dopo aver preso mano con il linguaggio di programmazione, il lavoro sarà molto più semplice. 

Armandosi di pazienza, voglia di imparare, di mettersi in gioco e in discussione, le porte del lavoro si apriranno se saprai applicare le conoscenze apprese nel tuo percorso di formazione, e le tue possibilità aumenteranno se non smetterai mai di imparare.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.