Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti. Chiaramente, tra le richieste più gettonate, in questo tipo di colloqui, compare quasi sempre la consegna di un documento che attesti, ove presente, il nostro status di laureati.

Autocertificare il titolo di studio

Naturalmente è importante consegnare una autocertificazione della laurea che sia completa e soprattutto corretta in ogni minimo dettaglio, per evitare che, in caso di controlli da parte dell'azienda, un minimo errore possa inficiare la prosecuzione del nostro rapporto di lavoro.

La comodità dell'autocertificazione del titolo di studio

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Piuttosto che passare per la nostra vecchia Università, ma anche piuttosto che recarci in copisteria a fotocopiare l’atto di laurea, risulta notevolmente più semplice stilare un’apposita autocertificazione.

Di seguito presentiamo un modello semplice ma utile, da seguire in caso di necessità, ma senza il bisogno sistematico di essere troppo fedeli all’originale! N.B.: per facilitare la comprensione, spesso i modelli prestampati richiedono, indirettamente, la compilazione degli stessi in stampatello.

Fac Simile modello dell'autocertificazione di laurea

Io sottoscritto (cognome e nome) ___________________________________________________________
Nato a___________________________ il giorno___________________
Codice fiscale___________________________________________ cittadinanza ___________________________
Residente a________________________________ in (via o piazza)_________________________________ n°_____
Cap____________

Consapevole che, in caso di dichiarazioni mendaci, incorrerò nelle pene stabilite dal Codice Penale e che, inoltre, decadrò dai benefici eventualmente conseguiti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera;

dichiaro

di avere conseguito presso la Facoltà di_______________________________
dell’Università _________________________________________ di ________________________________
il titolo di ____________________________________________________________________
nel giorno___________________________ con punteggio_______________________________

in fede.

Firma______________________________________________

Guida generale all'autocertificazione degli esami sostenuti e del voto finale

Così come avviene per la laurea, è possibile effettuare una certificazione in maniera autonoma per dichiarare il numero e la tipologia di esami sostenuti, oltre che naturalmente per altre dichiarazioni meno legate al mondo degli studi e universitario. Quella che la legge definisce come “dichiarazione sostitutiva di certificazione” è possibile in molti casi, e vale per lo stesso periodo temporale dei documenti che va a sostituire.

Se ti stai chiedendo quando è possibile sfruttare questa dichiarazione, la risposta è pressochè immediata. Innanzitutto, può essere utilizzata l'autocertificazione della laurea nel caso di rapporti con le pubbliche amministrazioni: stiamo parlando dunque di Università, comuni, province, regioni e altri enti pubblici.
Altri casi che possono presentarsi riguardano la comunicazione con chi gestisce i servizi pubblici: Poste Italiane, Telecom Italia, ACI, Enel, e via di seguito.
Questi moduli possono essere rivolti anche a determinati servizi privati che ne consentono chiaramente l'utilizzo. Ed il ricorso.

Tutto ciò è possibile da non molti anni, secondo quanto previsto dall'art. 15 L. 12 novembre 2011, N 183,

Se poi ti stai chiedendo quali sono i soggetti che possono fare ricorso a questo tipo di risorsa, ecco un breve elenco per fare maggior chiarimento:

  • tutti i cittadini italiani
  • tutti i cittadini che appartengono all'Unione Europea
  • tutti i cittadini che provengono da paesi extracomunitari, che posseggono un regolare permesso di soggiorno

Una volta compilata, in carta semplice e senza dover pagare imposte di bollo, si può presentare agli sportelli o dove è necessario, sia personalmente, che via fax, ricordandosi in questo caso di allegare una copia del documento di identità.
Qualora, anche se previsto dalle normative del caso, un impiegato del servizio non accetta la nostra autocertificazione, può essere segnalato in quanto sta violando i doveri di ufficio.





Potrebbe interessarti

Codice tributo per F23: ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa il codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Immagine esemplificativa della professione di guardiano del faro

Essere guardiano del faro è un sogno romantico per molte persone, si tratta di una professione che non si può svolgere senza la giusta passione da parte di chi è interessato a questo mestiere.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Fatturazione elettronica 2019: una svolta o una condanna per l’Italia?

Adesso esiste la fatturazione elettronica

Tra poco più di un mese, con l’ingresso del 2019, diverse cose cambieranno: una di questa è la metodologia di emissione, trasmissione e conservazione di tutte le fatture che a differenza di ciò che succedeva in passato verranno elaborate per via elettronica consentendo l’abbandono definitivo di ogni supporto cartaceo e abbattendo le spese di spedizione e/o di conservazione.  

Leggi anche...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...
Go to Top