Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro capita, per burocrazia, di dover fornire un curriculum una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti. Chiaramente, tra le richieste più gettonate, in questo tipo di colloqui, compare quasi sempre la consegna di un documento che attesti, ove presente, il nostro status di laureati con la tesi di laurea che sia laurea brevetriennale o quinquennale.

Quando consegnare l'autocertificazione della laurea breve, triennale o quinquennale

Naturalmente è importante consegnare una autocertificazione della laurea raggiunta in facoltà che sia completa e soprattutto corretta in ogni minimo dettaglio, per evitare che, in caso di controlli di burocrazia da parte dell'azienda, un minimo errore possa inficiare la prosecuzione del nostro rapporto di lavoro.

La comodità dell'autocertificazione del titolo di studio

Piuttosto che passare per la facoltà della nostra vecchia Università dove abbiamo discusso la tesi, ma anche piuttosto che recarci in copisteria a fotocopiare l’atto di laurea, risulta notevolmente più semplice stilare un’apposita autocertificazione della laurea breve, sia triennale che quinquennale che per la burocrazia è valida.

Di seguito presentiamo un modello semplice ma utile, da seguire in caso di necessità, ma senza il bisogno sistematico di essere troppo fedeli all’originale! N.B.: per facilitare la comprensione, spesso i moduli prestampati richiedono, indirettamente, la compilazione degli stessi in stampatello.

Fac Simile modulo dell'autocertificazione della laurea

Io sottoscritto (cognome e nome) ___________________________________________________________
Nato a___________________________ il giorno___________________
Codice fiscale___________________________________________ cittadinanza ___________________________
Residente a________________________________ in (via o piazza)_________________________________ n°_____
Cap____________

Consapevole che, in caso di dichiarazioni mendaci, incorrerò nelle pene stabilite dal Codice Penale e che, inoltre, decadrò dai benefici eventualmente conseguiti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera;

dichiaro

di avere conseguito presso la Facoltà di_______________________________
dell’Università _________________________________________ di ________________________________
il titolo di ____________________________________________________________________
nel giorno___________________________ con punteggio_______________________________

in fede.

Firma______________________________________________

Guida generale all'autocertificazione degli esami sostenuti e del voto finale

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Così come avviene per la laurea, dopo la tesi, è possibile effettuare una certificazione in maniera autonoma per dichiarare il numero e la tipologia di esami sostenuti, oltre che naturalmente per altre dichiarazioni meno legate al mondo degli studi e universitario. Quella che la legge definisce come “dichiarazione sostitutiva di certificazione” è possibile in molti casi, e vale per lo stesso periodo temporale dei documenti che va a sostituire.

Se ti stai chiedendo quando è possibile sfruttare questa dichiarazione, la risposta è pressochè immediata. Innanzitutto, può essere utilizzata l'autocertificazione della laurea nel caso di invio di un curriculum o rapporti con l'ufficio delle pubbliche amministrazioni: stiamo parlando dunque di Università, comuni, province, regioni e altri enti pubblici.
Altri casi che possono presentarsi riguardano la comunicazione con chi gestisce i servizi pubblici: Poste Italiane, Telecom Italia, ACI, Enel, e via di seguito.
Questi moduli possono essere rivolti anche a determinati uffici di servizi privati che ne consentono chiaramente l'utilizzo. Ed il ricorso.

Tutto ciò è possibile da non molti anni, secondo quanto previsto dall'art. 15 L. 12 novembre 2011, N 183,

laurea2

Se poi ti stai chiedendo quali sono i soggetti che possono fare ricorso a questo tipo di risorsa, ecco un breve elenco per fare maggior chiarimento:

  • tutti i cittadini italiani
  • tutti i cittadini che appartengono all'Unione Europea
  • tutti i cittadini che provengono da paesi extracomunitari, che posseggono un regolare permesso di soggiorno

Una volta compilata, in carta semplice e senza dover pagare imposte di bollo, si può allegare al curriculum o presentare agli sportelli o negli uffici dove è necessario, sia personalmente, che via fax, ricordandosi in questo caso di allegare una copia del documento di identità.
Qualora, anche se previsto dalle normative del caso, un impiegato del servizio non accetta la nostra autocertificazione della laurea, può essere segnalato in quanto sta violando i doveri di ufficio.

Potrebbe interessarti

Giornate massime di disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Pensione minima INPS: di quale importo hai diritto?

persone anziane in pensione felici

In questo caso lo Stato aiuta gli interessati una somma di denaro integrativa rispetto alla pensione maturata. L’entità dell’Inps pensioni minime varia ogni anno. Il compito della riscossione dei contributi previdenziali spetta a determinati organismi, tra i quali l’Inps, l’Istituto nazionale per la Previdenza Sociale. I lavoratori che prestano sevizio nelle pubbliche amministrazioni invece versano i propri contributi all’Inpdap.

Pensione di reversibilità Inps: vediamo nel dettaglio in cosa consiste

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contributi in conto impianti: di cosa si tratta? Ecco una piccola guida

Contributi in conto impianti

I contributi in conto impianti vengono erogati per ridurre i costi di acquisizione di beni ammortizzabili; non producono ricavi o sopravvivenze attive, pur concorrendo alla formazione del reddito per competenza.

Iscrizione all'albo dei giornalisti: ecco come iscriversi all'albo

iscrizione albo giornalisti

Chi è il pubblicista? Il giornalista pubblicista è la figura professionale disciplinata dalla legge 69/1963. L'art. 1 della suddetta legge afferma che “Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi”.

Lavorare come promoter? Ecco un approfondimento da non perdere

lavorare come promoter: un'immagine di questa professione

Lavorare come promoter può rappresentare la soluzione lavorativa ideale per chi cerca un’attività non a tempo pieno. Solitamente le offerte di lavoro promoter durano qualche giorno o al massimo 1 o 2 settimane. Le offerte di lavoro promoter sono ben remunerati, circa 6 – 7 euro l’ora e la durata media di lavoro è di 8 ore al giorno.

Leggi anche...

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi anche...

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.