Per quanto possa sembrare scontato, non è chiaro per tutti di che cosa si occupi un avvocato del lavoro ed è per fare maggiore chiarezza che abbiamo deciso di descrivere chi sia e di che cosa si occupi l’avvocato del lavoro e soprattutto quanto sia importante come figura a cui rivolgersi nel momento del bisogno.
Con il termine “avvocato del lavoro” si intende qual professionista che si occupa di fornire un supporto in caso di necessità ed in particolare in tutto quello che riguarda i rapporti di lavoro tra le aziende o ditte individuali ed i loro dipendenti, collaboratori, agenti, insomma qualsiasi figura che necessita di essere tutelata attraverso l’applicazione dei propri diritti.
L’avvocato del lavoro può quindi porsi o a tutela del lavoratore dipendente o a tutela dell’impresa ed è soprattutto importante che sia costantemente informato per via dei costanti cambiamenti legislativi.

Ecco le attività che svolge per le aziende

Quando un’azienda necessita di un avvocato del lavoro vi si rivolge per motivi diversi, i più frequenti sono i seguenti:

  • Procedimento disciplinare, in questo caso l’azienda si rivolge all’avvocato affinché questo possa riprendere un dipendente per via di un comportamento non idoneo attraverso la stesura di una lettera, tenendo poi sotto controllo l’esito dell’intervento
  • Licenziamenti, regolando in questo modo la cessione del contratto di lavoro, questi possono essere di tipo disciplinare perché a seguito di fatti particolarmente gravi ed in questo caso, a contatto con gli istituti quali INPS e INAIL, l’avvocato del lavoro procede alla stesura della lettera di licenziamento; oppure di tipo necessario e quindi singolo o collettivo
  • Riorganizzazione dell’azienda, in questo caso ci si rivolge al professionista per poter ottenere un obiettivo ben preciso descritto dai gestori dell’azienda, in questo caso il professionista si occupa di effettuare licenziamenti, variazioni di orari di lavoro o di mansioni, variare le retribuzioni e così via…
  • Richieste di pagamento per risarcimento danni, infortunio, malattia professionale, rivolgendosi all’avvocato del lavoro affinché questo possa mettersi in contatto con il dipendente e definire chiaramente il problema

Come avrete sicuramente capito, l’avvocato del lavoro è una figura poliedrica e che si occupa di diverse questioni più o meno gravi permettendo ai proprietari o gestori delle aziende di poter evitare errori spiacevoli.

Ecco le attività che svolge per i lavoratori

avvocato del lavoro

Anche in questo caso i lavoratori si rivolgono all’avvocato del lavoro per essere tutelati in diverse occasioni ed evitare ingiustizie o situazioni spiacevoli.
In questo caso i motivi più frequenti per cui un lavoratore si rivolge a tale figura professionale sono i seguenti:

  • Procedimento disciplinare, in questo caso l’avvocato si occupa di ascoltare il lavoratore accusato di comportamento negligente e di supportarlo nella scrittura delle sue difese
  • Licenziamento disciplinare o per riorganizzazione, nel primo caso l’avvocato del lavoro cerca di trovare un punto di incontro con l’azienda ed evitare che la faccenda arrivi fino in tribunale; nel secondo caso cerca di verificare che il licenziamento sia avvenuto nel pieno rispetto delle leggi e per questo valido
  • Richiesta di pagamento per infortunio, malattia, risarcimento danni, in questo caso l’avvocato del lavoro si occupa di capire la faccenda ed aiutare il lavoratore nella richiesta andando poi a controllare le buste paga per verificare la presenza delle differenze di retribuzione
  • Pagamento stipendi, in questo caso il lavoratore vi si rivolge per recuperare gli stipendi eventualmente non pagati andando a redimere un ricordo da depositare in tribunale per ottenere il cosiddetto decreto ingiuntivo e in questo caso il datore dovrà procedere al pagamento entro 40 giorni (salvo validi motivi per opporsi).

Quello che è importante in quest’ambito è la tempistica: è essenziale essere tempestivi e rivolgersi ad un avvocato del lavoro nel minor tempo possibile, in caso di licenziamento illegittimo, ad esempio, non si può più intervenire se vengono superati i sei mesi.

Come si diventa avvocato del lavoro

Nel caso in cui non siate dei lavoratori o dei datori alla ricerca di un avvocato del lavoro ma dei semplici curiosi ed interessati alla causa, sappiate che per diventareavvocato del lavoro occorre prima di tutto, naturalmente, diventare avvocato e ottenere cioè il diploma di laurea magistrale in Giurisprudenza (meglio se la tesi di laurea è in Diritto del lavoro), completare i 18 mesi di praticantato e superare l’esame di abilitazione alla professione erogato una volta all’anno.
Naturalmente il consiglio principale è di svolgere il periodo di praticantato presso uno studio che si occupa principalmente o meglio se esclusivamente di tutto quello che riguarda il mondo del lavoro, in modo tale da approfittare di questo periodo d’obbligo per fare qualche prima esperienza.
Occorre poi acquisire una specializzazione in controversie di lavoro e quindi fare quante più esperienze possibili nei primi anni per poi diventare un professionista a tutti gli effetti, necessario a quasi tutti almeno una volta nella vita.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Calcolo della tredicesima per la badante: ecco alcuni spunti interessanti

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo  Calcolo della tredicesima per la badante: ecco alcuni spunti interessanti

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Revoca del Pin INPS: come funzionano i servizi online?

Revoca Pin INPS

Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

I più condivisi

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Inps modulistica online e attività dell'Ente: vediamo tutto nel dettaglio

Inps modulistica

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Video curriculum: sfrutta questo strumento per farti conoscere!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi anche...

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Leggi anche...

Sicurezza sul lavoro: le scarpe antinfortunistiche, un obbligo di legge per chi è esposto ai rischi

scarpe antinfortunistiche

L’uso di particolari scarponcini o calzature è un obbligo per chi nello svolgimento della propria attività è maggiormente soggetto a infortuni.

A stabilirlo è la normativa sull’abbigliamento da lavoro, oggi regolamentato dal D. Lgs. n. 81 del 2008, ex legge 626/94, che certifica in quali settori è necessario indossare un certo tipo di abbigliamento, necessario per proteggere il lavoratore dai rischi che coinvolgono salute e sicurezza.