Il sogno americano non è un mito, ma una realtà che resiste nel tempo. Le opportunità di ottenere borse di studio per lavorare o studiare e dottorati post laurea negli Stati Uniti sono concreti, basta saper cercare.

Dove trovo le informazioni su borse di studio in USA?

I canali di ricerca affidabili sono diversi, innanzitutto il sito del MAE (Ministero degli Affari Esteri) sul quale è possibile monitorare le offerte di borse di studio, dottorati e master con una serie di link agli istituti che promuovono iniziative del genere.

Per coloro che hanno già le idee chiare sulla sede universitaria statunitense presso la quale desiderano svolgere o completare i propri studi, ci si può rivolgere direttamente al centro informazioni locale per l’istruzione negli Stati Uniti.

La borsa di studio Fullbright

Tra le opportunità più prestigiose si ricorda quella della Commissione Fullbright che con il programma Fullbright Best si rivolge esclusivamente ai giovani imprenditori e scienziati italiani, laureati in discipline scientifiche e che desiderano trascorrere un anno accademico (da 8 a 10 mesi) presso un’Università statunitense per mettere a punto un progetto innovativo da introdurre e continuare a sviluppare in Italia al rientro e con il sostegno del Comitato selezionatore composto dalle aziende che finanziano il programma.

La borsa di studio per gli USA di $35.000 copre le tasse universitarie e le spese di soggiorno, nonché il rimborso delle spese di viaggio di andata e ritorno fra la sede di residenza del borsista in Italia e la sede dell’università negli Stati Uniti fino ad un massimo di Euro 1.500.

La conoscenza della lingua inglese, certificata dal TOEFL, è tra i requisiti obbligatori, oltre alla laurea preferibilmente in una delle seguenti discipline: biotecnologia, nanotecnologia, scienze bio-mediche, tecnologia delle comunicazioni, ingegneria aerospaziale e dei nuovi materiali, design industriale, tecnologie per la protezione ambientale e la produzione energetica e altri campi ad alto contenuto tecnologico.

Come ottenere una borsa di studio in USA?

Finanziare l’istruzione post laurea non è semplice: più dei due terzi di studenti non americani utilizzano risorse economiche proprie o della famiglia per finanziare i propri studi, questo significa che in media solo il 20% di studenti e lavoratori non americani ottengono una borsa di studio sovvenzionata dal college o dall’università.

Inoltre, a seconda dell’istituto, la borsa di studio per l'America può essere a parziale copertura delle spese. È più facile trovare opportunità di finanziamento negli istituti e università di ricerca che non in altre tipologie di studio. Bisogna inoltre tener presente che le borse di studio per studenti internazionali sono molto competitive.

Per coloro che desiderano, comunque, autofinanziarsi gli studi in USA devono tener conto di una serie di aspetti e varianti (tasse di iscrizione, esami di ammissione, retta, libri e materiali di studio, vitto e alloggio, spese di viaggio, assicurazione sanitaria e spese personali) che possono far oscillare la spesa – per un anno di studi - tra i 13.000 e i 45.000 dollari. Per maggiori informazioni a riguardo si consiglia di consultare il sito della US Journal Academics.

La necessità del “visto”

Il passaporto è un documento di viaggio universalmente riconosciuto che certifica la nostra identità al momento di passare le frontiere. Da documento ordinario quale è, può richiederlo qualsiasi cittadino, anche minorenne. Se, infatti, una volta esisteva per i minori la possibilità di essere “registrati” sul passaporto dei genitori, con il nuovo passaporto elettronico tale possibilità è scomparsa definitivamente. Il passaporto è un titolo necessario per passare le frontiere di tutti quegli Stati non europei che sono riconosciuti dall’Italia. Il passaporto, inoltre, certifica esattamente la cittadinanza primaria dello studente suo proprietario, nonché l’autorità competente che ha rilasciato il documento.

Da dopo i tragici eventi connessi agli attentati terroristici del 2001, gli Stati Uniti sono diventati chiaramente più ferrei per quanto riguarda l’ingresso degli stranieri sul suolo nazionale. Perciò l’essere possessori di un passaporto è un dato necessario ma non sempre sufficiente per mettere piede negli Stati Uniti. Spesso bisogna infatti essere muniti di un visto, rilasciato da autorità americana, che certifichi lo scopo della nostra presenza negli U.S.A.

Esistono visti tra i più diversi, da quelli emessi per turismo (che, solitamente, non hanno mai durata superiore ai due o tre mesi) a quelli validi per motivi di lavoro, che possono restare validi, invece, anche per diversi anni. Il visto, sostanzialmente, corrisponde a quello che da noi è comunemente conosciuto come “permesso di soggiorno”.

Esenzione dal visto

L’unico tipo di passaporto emesso, a partire dai primi esperimenti dell’anno 2007, è però il nuovo modello denominato “passaporto elettronico”. Il passaporto elettronico è dotato, in calce, di un microchip visibile che consente di certificare all’istante una serie di dati immessi elettronicamente all’interno del microprocessore, quali ad esempio la fotografia del richiedente, i suoi dati anagrafici primari, l’Autorità che ha rilasciato il documento e, novità non presente nei normali passaporti, le impronte digitali del richiedente, prelevate all’interno di una sede della Questura.

Queste informazioni sono d’obbligo per tutti i soggetti che desiderino fare ingresso negli Stati Uniti senza visto. Infatti, grazie al suddetto microchip, che rientra all’interno del Visa Waiser Program, tramite il passaporto elettronico gli italiani potranno usufruire del beneficio di esenzione dal visto.

Tipologie di passaporto

Oltre ai documenti di viaggio rilasciati dalle autorità delle singole nazioni ai loro cittadini per l'espatrio, esistono particolari tipologie di passaporti speciali.

Lasciapassare

I funzionari delle Nazioni Unite sono dotati di lasciapassare (Laissez Passer) emessi dall'ONU che conferiscono ai portatori alcune immunità.

Passaporto Diplomatico

Per il personale diplomatico vengono emessi passaporti diplomatici (o "passaporti neri") che li identificano come rappresentanti diplomatici del loro paese. Possedere un passaporto diplomatico solitamente conferisce immunità diplomatica, e quindi l'esenzione da certe formalità (per esempio i bagagli non vengono perquisiti) e altre immunità nei confronti delle leggi locali. I passaporti diplomatici sono rilasciati ai funzionari di rango delle ambasciate, dei consolati e dei consolati onorari e in particolari circostanze possono essere rilasciati anche a privati cittadini.

Passaporto di servizio

I passaporti di servizio sono versioni leggere o ridotte dei passaporti diplomatici rilasciati, per esempio, al personale di pubbliche amministrazioni che presta servizio all'estero senza ricoprire un incarico che giustifichi il rilascio di un passaporto diplomatico.

Passaporto ufficiale

Alcuni stati emettono passaporti ufficiali per alcuni dei loro dipendenti statali quando viaggiano per scopi ufficiali. I portatori di questi passaporti possono in certi casi necessitare di un visto d'ingresso, mentre i portatori di passaporti normali non ne hanno bisogno. Caso esemplare è quello della Francia, dove i passaporti ufficiali necessitano di visto per i viaggi d'affari brevi.

Casi eccezionali: rifugiati e apolidi

Gli apolidi (persone sprovviste di cittadinanza), così come definiti dalla Convenzione di New York del 28/09/1954 e i rifugiati (coloro che hanno ottenuto asilo, così come definiti dalla Convenzione di Ginevra del 28/07/1951), viaggiano internazionalmente con documenti di viaggio emessi dal Paese che ha riconosciuto lo status. Questi sono accettati al posto del passaporto dal tutti gli Stati che hanno sottoscritto le relative Convenzioni.



Potrebbe interessarti

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Il colloquio di gruppo, anche detto Assesment Center, è un tipo di selezione in cui i candidati vengono invitati alla fase di recruitment insieme ad altri allo scopo di verificarne il potenziale tecnico, ma anche psico-sociale.

Leggi tutto...

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi tutto...

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Leggi tutto...

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il periodo di prova: conosci questa opportunità?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Leggi tutto...

Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno

Un'attività in questo ambito prevede soprattutto un talento e una propensione creativa in grado di far emergere le proprie idee su quelle degli altri. È importante anche seguire le tendenze del momento, creandone di nuove e stare al passo con i cambiamenti e il rinnovarsi dei trend.

Leggi tutto...

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Poste recruiting, il piano strategico di Poste Italiane

Di recente, il gruppo Poste Italiane ha comunicato un piano strategico che vede il coinvolgimento per i prossimi anni riguardo il lavoro alle poste; l’azienda ha da pochi mesi presentato un importante piano strategico relativo al periodo 2015 - 2019 con proposte di trasformazione del gruppo stesso e oltre 8000 assunzioni, con un numero di posti di lavoro dedicati ai giovani laureati!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro Friuli Venezia Giulia: tutte le occasioni!

cercare lavoro in friuli venezia giulia

Ampliamo la nostra sezione dedicata al lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca offerte lavoro Friuli Venezia Giulia. Innanzitutto è importante sapere che la ricerca del lavoro in Friuli Venezia Giulia è accompagnata da una interessante politica regionale. Infatti, la regione autonoma del Friuli Venezia Giulia, regola la politica del lavoro tramite la legge regionale n. 18/2005, che disciplina tutte le materie riguardanti il lavoro che rientrano nelle competenze della Regione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...
Go to Top