La quattordicesima è riconosciuta al lavoratore una volta all'anno (nel periodo tra giugno, luglio e agosto. Per il giono specifico dipende dall'azienda). Il calcolo della quattordicesima si basa sulla retribuzione mensile fissa qualora il contratto di lavoro duri da almeno 12 mesi.

Si tratta infatti di uno stipendio extra la cui precisa regolamentazione dipende essenzialmente dai contratti collettivi nazionali. Tuttavia, tutti questi accordi concordati su alcune caratteristiche che qui vengono riportate.

Il profilo fiscale: a quanto ammonta l'importo in busta paga? Chi ne ha diritto?

Il calcolo della quattordicesima non differisce da quello della tredicesima: basta, infatti, fare riferimento ad una mensilità ordinaria epurandola da tutte le voci extra (indennità mensili, buoni pasto, ticket vari e così via).

Visto che si tratta di una mensilità vera e propria, occorre considerare anche i giorni d'assenza giustificata del lavoratore.
Se, come si diceva, il periodo di lavoro è pari ad almeno un anno, allora il calcolo è semplice; se, invece, il periodo del contratto è inferiore, si deve calcolare una media relativa al periodo di occupazione in proporzione ai mesi di lavoro.

Per tutto quello che riguarda contributi e profilo fiscale, la quattordicesima non differisce dalle altre mensilità: prevede infatti gli imponibili come tutti gli altri stipendi.

La maturazione della quattordicesima per i pensionati (quindi non solo per il commercio)

Al calcolo della quattordicesima sono interessati anche i pensionati. Alcuni di loro, infatti, possono aspirare a ricevere questa mensilità aggiuntiva.

La legge 127 del 2007, modificando la legislazione precedente, ha introdotto la possibilità per i pensionati che abbiano certi requisiti di godere di questa possibilità.

Possono beneficiarne i pensionati con un'età pari o superiore a 64 anni titolari di una pensione erogata da: assicurazione generale obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti; gestione pensioni per coltivatori diretti, mezzadri, coloni, artigiani, esercenti attività commerciali; appartenenti al clero; chi ha un assegno di invalidità.

Per quello che riguarda i requisiti, oltre a quello anagrafico, vi è quello reddituale. Il reddito dell'interessato non può superare di 1,5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (e quindi non in disoccupazione). Il tipo di quattordicesima, poi, dipende anche dall'anzianità contributiva: chi ha più contributi, può sperare in una mensilità maggiore.

È utile notare che il confronto fra il reddito e il Fondo pensioni è posteriore all'erogazione della somma: può succedere – ed è notizia di questi mesi – che l'Inps richieda la restituzione della somma.

La retribuzione e il calcolo esatto. A chi spetta?

Con una circolare l’Ente previdenziale INPS ha diramato i criteri e quanto spetta per la quattordicesima ai pensionati per l’anno 2014. La mensilità extra sarà beneficiata da coloro nati prima del 1 gennaio 1951 e per l’ammontare della somma bisogna prendere in considerazione alcuni fattori, uno dei quali è l’anzianità di servizio.

Fino a 15 anni di contribuzione la somma infatti sarà pari a 366 euro, che diventano 420 euro tra 15 e 25 anni di contributi per arrivare infine a 504 euro oltre i 25 anni di versamenti. In questo calcolo rientrano solo alcune tipologie di reddito mentre sono esclusi altri trattamenti, come indennità di accompagnamento, reddito di abitazione, trattamenti di fine rapporto più tutti quei redditi inclusi nella circolare 268 del novembre 1991 (come per esempio le pensioni di guerra o indennità per ciechi parziali o sordi prelinguali).

La crisi della mensilità extra e dell'assegno sociale. La tassazione

Purtroppo anche in questo campo si sentono e si ascoltano storie di lavoratori che non percepiscono questa mensilità extra nei tempi dovuti o non la percepiscono proprio. Nonostante sia in essere un contratto, infatti, i dipendenti sono costretti ad aspettare mesi per ricevere questa somma aggiuntiva (stesso discorso vale anche per la tredicesima) o di non riceverla affatto a causa della crisi economica dei datori di lavoro che non gli permette di pagare questi stipendi ai propri dipendenti. Questo aspetto va a incastrarsi nel discorso più generale del ritardo nel pagamento degli stipendi: succede che comunque i dipendenti siano pagati ma non si sa quando e questo provoca una situazione non positiva per il lavoratore, che tuttavia ha delle scadenze da dover rispettare, come il mutuo, le bollette o le spese di mantenimento dei figli.

Ormai infatti sempre più aziende si ritrovano con poca liquidità in cassa e annunciano ai lavoratori che i salari saranno versati in ritardo. Nei casi più gravi invece si arriva al non riconoscimento della mensilità extra, il che fa scoppiare polemiche e scioperi da parte del personale. Un esempio recente è testimoniato dalla Securpol Security che ha indetto uno sciopero generale per la mancanza del pagamento di tre salari, compresa la fatidica quattordicesima. Chiaro che situazioni di questo tipo portano solo malcontento e ansia tra i lavoratori, non sicuri neanche quando hanno un contratto firmato.

 

 



Potrebbe interessarti

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi tutto...

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Leggi tutto...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Inail: una guida alla modulistica

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. Ecco perché in Italia è stato istituito un ente pubblico apposito, non economico regolato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale istituto è l'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali).

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Concorso interno: vediamo di cosa si parla

La ricerca di un lavoro è spesso lunga e difficile. È necessario infatti munirsi di tanta pazienza e di buona volontà in primis per mettersi a cercare l'offerta di lavoro più adatta alle proprie competenze e agli studi precedentemente acquisiti.

Leggi tutto...

Legge imprenditoria femminile

La legge che disciplina l’imprenditoria femminile è la legge 215/92. Norma attraverso la quale il Ministero dell’Industria propone delle agevolazioni all’imprenditoria femminile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bacheca lavoro Trento

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Trentino.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Secondo un recente studio effettuato in Gran Bretagna, il rischio depressione sul lavoro per chi lavora più di 11 ore al giorno è maggiore di 2,5 volte rispetto al resto dei lavoratori. In particolare, il rischio depressione è più elevato per soggetti giovani e di sesso femminile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...
Go to Top