Nella dichiarazione dei redditi è possibile ottenere delle detrazioni per figli a carico. Chi richiede deve dichiarare ogni anno i nominativi, con i relativi codici fiscali, dei familiari di cui richiede la detrazione. Con la Legge di Stabilità 2013, pubblicata sulla GU del 29 dicembre 2012, si rimette mano alla materia, cambiando dei parametri a partire dal 1 gennaio 2013.

Come usufruirne?

Il comma 221 dell'articolo unico della legge finanziaria per l'anno 2008 ha modificato l'art. 23 del D.P.R. n. 600/1973, in merito alle modalità di richiesta delle detrazioni d'imposta per i figli a carico. In sintesi, le novità principali sono:

  • Le detrazioni figli a carico o coniuge sono riconosciute se il lavoratore dichiara di avervi diritto, indicando le condizioni e comunicando tempestivamente eventuali variazioni;
  • la dichiarazione deve essere annuale;
  • con riferimento alle detrazioni per familiari a carico, la dichiarazione deve contenere anche il codice fiscale dei soggetti per i quali viene richiesta la detrazione.

Occorre presentare domanda all'Agenzia delle Entrate oppure al Caaf: saranno loro a valutare i requisiti e a determinare l'importo esatto della detrazione.

La documentazione richiesta è il semplice calcolo del reddito complessivo. Nel caso di portatori di handicap, è possibile che venga richiesto il certificato dello stato di handicap rilasciato dall'Asl.

Cosa accade durante il conguaglio

Scopri le detrazioni per i figli a carico delle madri lavoratrici

Nel caso in cui i modelli di detrazione non saranno restituiti entro il termine fissato, la fine dell’anno o prima della fine del rapporto di lavoro, in sede di conguaglio fiscale saranno recuperate le detrazioni figli a carico (o coniuge) eventualmente attribuite al lavoratore nei mesi precedenti.

Facciamo due calcoli

Le detrazioni base per i figli a carico (che siano naturali, adottivi, affidati, affiliati) per effetto della nuova disciplina salgono a 950€ per i figli di età pari o superiore ai tre anni, mentre secondo la vecchia legge, la detrazione era 800€. Per i figli più piccoli, da 900€ sale a 1200€.

La maggiorazione per i figli portatori di handicap va da 220€ a 400€.
Si sottolinea come il figlio o i figli debbano essere fiscalmente a carico dei genitori (o del genitore), ovvero non deve dichiarare un reddito superiore ai 2840,51€.

I vari importi, eccetto la maggiorazione relativa ai figli portatori di handicap, sono soggetti a modifiche a seconda del reddito: a partire da un reddito pari a 95000€, infatti, questi valori possono scalare.

Le detrazioni vanno ripartite fra i genitori in maniera uguale (50%), a meno di accordi precedenti. Se ad esempio un genitore dichiara un reddito maggiore dell'altro, può richiedere l'affidamento della detrazione completa, ma questo passaggio deve avvenire consensualmente.

In caso di separazione, la detrazione spetta al genitore al quale sono affidati i figli; se vige l'affidamento congiunto, a meno sempre di accordi specifici, si ritorna alla ripartizione originaria. Nel caso in cui un genitore sia a carico dell'altro, l'intera detrazione spetta a quest'ultimo. Per le famiglia con più di quattro figli, è prevista un'ulteriore detrazione di 1200€.

I limiti di reddito per il 2020

Scopri le detrazioni per i figli a carico delle madri lavoratrici

Entriamo nel merito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 sulle detrazioni e i bonus per figli a carico e quindi parliamo della novità principale, ovvero i nuovi limiti del reddito sulla dichiarazione 2020. I limiti, infatti, dovranno essere considerati in vista del 730 che presenteremo quest’anno sull’anno fiscale 2019. Entrando nel dettaglio, il limite di reddito per figli di età inferiore ai 24 anni, aumenta a 4.000 euro, mentre rimane fermo a 2.850,51 euro il limite di reddito se i figli a carico hanno più di 24 anni. La novità, relativamente alla dichiarazione dei redditi 2020 e quindi all’anno fiscale 2019, ha conseguenze pratiche proprio nella compilazione della dichiarazione e nella verifica dei limiti e dei requisiti per ottenere le eventuali detrazioni fiscali per i figli e più in generale per i familiari a carico.

Ma vediamo come funziona, allora, questo nuovo limite di reddito aumentato fino a 4.000 euro per i figli a carico 2020. In realtà, va precisato che non si tratta di una reale novità, in quanto annunciato da tempo, ma solo della sua prima applicazione effettiva nella dichiarazione 2020. È stata la Legge di Bilancio 2018 a introdurre l’innalzamento del limite di reddito, ma quest’anno troverà la sua applicazione pratica. Dunque, a partire dall’anno di imposta 2019 e quindi dalla dichiarazione 2020 i figli a carico sono anche quelli che percepiscono redditi fino alla soglia dei 4.000 euro, qualora siano under24. Questo nuovo limite, tuttavia, vale soltanto con il paletto dell’età, mentre se i figli a carico sono over24 il limite di reddito dei giovani – per poterli ancora considerare a carico della propria famiglia – è fissato sempre ai soliti 2.840 euro. Un primo passo che quindi va, probabilmente, nella direzione di una ridefinizione ulteriore dei requisiti sui figli e familiari a carico. Questo limite, inoltre, si applica anche alle famiglie non sposate, ovvero le unioni civili.
I familiari che vengono considerati fiscalmente a carico, anche qualora non conviventi o residenti all’estero sono:

  • il coniuge purché non separato;
  • i figli, al di là di limiti anagrafici;
  • il coniuge separato qualora vi siano le condizioni previste dalla legge;
  • altri familiari effettivamente a carico come i discendenti dei figli, i propri genitori, i suoceri, i fratelli e sorelle e così via.

Per questi ultimi, tuttavia, va dimostrato che si tratta di familiari effettivamente conviventi e a carico economico del contribuente in questione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Curriculum vitae in tedesco: il modello per chi cerca lavoro in Germania

curriculum in tedesco: ecco la bandiera tedesca

Scrivere un curriculum in tedesco? Attualmente sono molte le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere il lingua straniera; oltre ad inglese e francese, anche il tedesco è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Invalidità INPS: scopri chi ha diritto a questa pensione

Immagine usata nell'articolo Pensione d'invalidità mentale: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

Oggi diamo uno sguardo alla Pensione d'invalidità mentale e a come riceverla. La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità. Questa forma assistenziale viene concessa a invalidi, ciechi e sordomuti, lavoratori autonomi e dipendenti; per ottenerla, le capacità del soggetto devono essere ridotte a meno di un terzo in modo permanente.

I più condivisi

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Cosa è il demansionamento professionale?

demansionamento professionale

L'articolo 2103 c.c. definisce il significato del termine "demansionamento"; accezione che, chiariamo subito, deve essere, da una parte interpretata in modo elastico e dall'altra deve in modo imprescindibile garantire i diritti del lavoratore. Vediamo più nel dettaglio cosa si intende con il termine demansionamento professionale, con l'approfondimento che proponiamo oggi.

Contratto per le cooperative sociali: tutte le linee guida

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contratto per le cooperative sociali: tutte le linee guida

Il ccnl per le cooperative sociali contiene tutte le informazioni necessarie relative ai contratti territoriali e nazionali con tutte le competenze e le procedure di attuazione e rinnovo. 

Nel contratto si trovano tutte le linee guida relative ai periodi di apprendistato con i requisiti utili all'ammissione e le tipologie contrattuali relative ad esso. Sono inoltre riportati i canoni per il periodo di prova, per il periodo di formazione e per l'assunzione vera e propria con i requisiti del contratto, l'età e i limiti numerici.

Leggi anche...

Quali sono le professioni del futuro?

Oggi giorno trovare un lavoro sembra essere una delle imprese più difficili da compiere e non è raro che i giovani, prima di scegliere il percorso di studi da intraprendere, compiano ricerche che possano aiutarli in seguito. Informarsi sulle professioni del futuro può aiutare a comprendere verso cosa orientarsi ma è importante scegliere qualcosa che sia in linea anche con le proprie attitudini.

Leggi anche...

Come funziona la cassa integrazione: scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.