Nella dichiarazione dei redditi è possibile ottenere delle detrazioni per figli a carico. Chi richiede deve dichiarare ogni anno i nominativi, con i relativi codici fiscali, dei familiari di cui richiede la detrazione. Con la Legge di Stabilità 2013, pubblicata sulla GU del 29 dicembre 2012, si rimette mano alla materia, cambiando dei parametri a partire dal 1 gennaio 2013.

Come usufruirne?

Il comma 221 dell'articolo unico della legge finanziaria per l'anno 2008 ha modificato l'art. 23 del D.P.R. n. 600/1973, in merito alle modalità di richiesta delle detrazioni d'imposta per i figli a carico. In sintesi, le novità principali sono:

  • Le detrazioni figli a carico o coniuge sono riconosciute se il lavoratore dichiara di avervi diritto, indicando le condizioni e comunicando tempestivamente eventuali variazioni;
  • la dichiarazione deve essere annuale;
  • con riferimento alle detrazioni per familiari a carico, la dichiarazione deve contenere anche il codice fiscale dei soggetti per i quali viene richiesta la detrazione.

Occorre presentare domanda all'Agenzia delle Entrate oppure al Caaf: saranno loro a valutare i requisiti e a determinare l'importo esatto della detrazione.

La documentazione richiesta è il semplice calcolo del reddito complessivo. Nel caso di portatori di handicap, è possibile che venga richiesto il certificato dello stato di handicap rilasciato dall'Asl.

Cosa accade durante il conguaglio

Scopri le detrazioni per i figli a carico delle madri lavoratrici

Nel caso in cui i modelli di detrazione non saranno restituiti entro il termine fissato, la fine dell’anno o prima della fine del rapporto di lavoro, in sede di conguaglio fiscale saranno recuperate le detrazioni figli a carico (o coniuge) eventualmente attribuite al lavoratore nei mesi precedenti.

Facciamo due calcoli

Le detrazioni base per i figli a carico (che siano naturali, adottivi, affidati, affiliati) per effetto della nuova disciplina salgono a 950€ per i figli di età pari o superiore ai tre anni, mentre secondo la vecchia legge, la detrazione era 800€. Per i figli più piccoli, da 900€ sale a 1200€.

La maggiorazione per i figli portatori di handicap va da 220€ a 400€.
Si sottolinea come il figlio o i figli debbano essere fiscalmente a carico dei genitori (o del genitore), ovvero non deve dichiarare un reddito superiore ai 2840,51€.

I vari importi, eccetto la maggiorazione relativa ai figli portatori di handicap, sono soggetti a modifiche a seconda del reddito: a partire da un reddito pari a 95000€, infatti, questi valori possono scalare.

Le detrazioni vanno ripartite fra i genitori in maniera uguale (50%), a meno di accordi precedenti. Se ad esempio un genitore dichiara un reddito maggiore dell'altro, può richiedere l'affidamento della detrazione completa, ma questo passaggio deve avvenire consensualmente.

In caso di separazione, la detrazione spetta al genitore al quale sono affidati i figli; se vige l'affidamento congiunto, a meno sempre di accordi specifici, si ritorna alla ripartizione originaria. Nel caso in cui un genitore sia a carico dell'altro, l'intera detrazione spetta a quest'ultimo. Per le famiglia con più di quattro figli, è prevista un'ulteriore detrazione di 1200€.

I limiti di reddito per il 2020

Scopri le detrazioni per i figli a carico delle madri lavoratrici

Entriamo nel merito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2020 sulle detrazioni e i bonus per figli a carico e quindi parliamo della novità principale, ovvero i nuovi limiti del reddito sulla dichiarazione 2020. I limiti, infatti, dovranno essere considerati in vista del 730 che presenteremo quest’anno sull’anno fiscale 2019. Entrando nel dettaglio, il limite di reddito per figli di età inferiore ai 24 anni, aumenta a 4.000 euro, mentre rimane fermo a 2.850,51 euro il limite di reddito se i figli a carico hanno più di 24 anni. La novità, relativamente alla dichiarazione dei redditi 2020 e quindi all’anno fiscale 2019, ha conseguenze pratiche proprio nella compilazione della dichiarazione e nella verifica dei limiti e dei requisiti per ottenere le eventuali detrazioni fiscali per i figli e più in generale per i familiari a carico.

Ma vediamo come funziona, allora, questo nuovo limite di reddito aumentato fino a 4.000 euro per i figli a carico 2020. In realtà, va precisato che non si tratta di una reale novità, in quanto annunciato da tempo, ma solo della sua prima applicazione effettiva nella dichiarazione 2020. È stata la Legge di Bilancio 2018 a introdurre l’innalzamento del limite di reddito, ma quest’anno troverà la sua applicazione pratica. Dunque, a partire dall’anno di imposta 2019 e quindi dalla dichiarazione 2020 i figli a carico sono anche quelli che percepiscono redditi fino alla soglia dei 4.000 euro, qualora siano under24. Questo nuovo limite, tuttavia, vale soltanto con il paletto dell’età, mentre se i figli a carico sono over24 il limite di reddito dei giovani – per poterli ancora considerare a carico della propria famiglia – è fissato sempre ai soliti 2.840 euro. Un primo passo che quindi va, probabilmente, nella direzione di una ridefinizione ulteriore dei requisiti sui figli e familiari a carico. Questo limite, inoltre, si applica anche alle famiglie non sposate, ovvero le unioni civili.
I familiari che vengono considerati fiscalmente a carico, anche qualora non conviventi o residenti all’estero sono:

  • il coniuge purché non separato;
  • i figli, al di là di limiti anagrafici;
  • il coniuge separato qualora vi siano le condizioni previste dalla legge;
  • altri familiari effettivamente a carico come i discendenti dei figli, i propri genitori, i suoceri, i fratelli e sorelle e così via.

Per questi ultimi, tuttavia, va dimostrato che si tratta di familiari effettivamente conviventi e a carico economico del contribuente in questione.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.