La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Calcolare quando si va in pensione

Se vogliamo calcolare l'età della pensione, possiamo comunque provare a fare un tentativo attraverso degli strumenti presenti su internet, che tengono conto di vari fattori in entrata, e restituiscono un dato veritiero, ma che dovrà poi tener conto delle modifiche future.

I dati necessari per il calcolo dell'età pensionabile

Gli strumenti online per il calcolo dell'età pensionabile sono semplici da trovare, facendo una rapida interrogazione ai principali motori di ricerca. Bisogna farsi trovare pronti con i seguenti dati: la tipologia di lavoro, il tipo di contratto, i dati anagrafici e il dato del numero di anni di contributi già versati.

In pochi istanti qualsiasi strumento per il calcolo dell'età pensionabile vi fornirà una proiezione del dato richiesto.

Di cosa tiene conto lo strumento per il calcolo pensione

Quando ci si affida agli strumenti per il calcolo dell'età pensionabile, bisogna considerare che ad oggi stimano una cifra basandosi su una speranza di vita fino al 2050. Ogni tre anni, gli strumenti vanno ad adeguare tale dato aumentando in questo modo la stima della speranza di vita, sulla base dei dati ISTAT.

Un altro dato da considerare in questo particolare periodo storico è l'abolizione delle quote per la pensione di anzianità, prevista dalla riforma Fornero. Questo significa che per andare in pensione, sarà necessario maturare 41 anni ed un mese di anzianità di contributi, per quanto riguarda le donne; un anno in più invece, per gli uomini. Ciò significa che non si terrà più conto dell'età anagrafica, ma solo di quella contributiva. Tale limite potrà essere spinto in avanti in riferimento all'aumento della speranza di vita. Questa riforma ha scatenato un sacco di polemiche, con le famose lacrime in diretta tv dell’ex Ministro Fornero al varo di questa legge. Una legge definita necessaria da parte delle istituzioni ma che ha gettato nel panico soprattutto una parte dei lavoratori, nati dopo il 1952, che hanno visto di colpo innalzarsi i requisiti per andare in pensione e non potendo accedervi a breve. Proprio dopo questa riforma, si è formato quel popolo degli esodati che è cresciuto a dismisura divenendo un problema di difficile risoluzione per il Paese.

Decurtamenti ulteriori sulla pensione

Inoltre, se una persona, nonostante abbia raggiunto l'età pensionabile secondo i requisiti indicati, va in pensione prima di aver raggiunto i 62 anni di età , subisce un decurtamento del 2% per ogni anno in anticipo.

Nel caso contrario in cui si voglia prolungare l'età della pensione, il rinvio non potrà andare oltre l'età anagrafica di 70 anni: tutti i contributi maturati durante questo periodo comportano un aumento del montante su cui verrà calcolato l'assegno.

Le eccezioni

I calcoli della riforma Fornero hanno tenuto fuori alcune categorie di persone, per le quali la soglia per andare in pensione è rimasta invariata. Stiamo parlando dei cosiddetti lavori usuranti, per i quali vale la quota 97.3, ossia avere 61 anni e tre mesi con 35 anni di contributi. Per lavori usuranti si intendono quei mestieri come i lavoratori notturni (per i quali tuttavia ci sono delle nette distinzioni all’interno della categoria), oppure le persone impiegate per esempio nelle miniere o nelle cave. Tuttavia, sembra che dal Governo si voglia metter mano a questo settore anche se una riforma è ancora lungi dall’essere discussa e approvata. L’esecutivo, inoltre, ha ribadito di non volere toccare le pensioni come fatto in precedenza, in riferimento al contributo di solidarietà varato dal Governo Letta per gli assegni superiori a 90 mila euro per i quali è stato attivato un prelievo tra il 6% e il 12%.

La stortura del sistema italiano

Ad un innalzamento dell’età pensionabile per i cittadini italiani non è corrisposto un simile trattamento per i politici che occupano ruoli importanti nelle istituzioni. L’esempio più eclatante riguarda i vitalizi concessi dalla Regioni; in alcuni Enti, come nel Lazio, addirittura si poteva aver diritto al vitalizio ad appena 50 anni. Queste storture (in altre Regioni il limite era di 55 anni) hanno scatenato un gran polverone nell’opinione pubblica tanto che gli amministratori locali sono stati costretti a cambiare la procedura che ovviamente non era nè al passo con i tempi nè una forma di rispetto per i cittadini comuni che invece devono aspettare oltre i 60 anni. A seconda delle Regioni, sono state compiute scelte differenti, come l’abolizione di cumulo tra più vitalizi (quello di assessore, di parlamentare e di parlamentare europeo) fissando una soglia massima di assegno, innalzamento dell’età per ricevere il vitalizio e prelievo di solidarietà. Le misure sono state necessarie perchè la spesa per i vitalizi era diventata una parte troppo consistente del bilancio dei Consigli Regionali. Inoltre una riforma del genere era obbligatoria per equiparare i politici al sistema attuale delle pensioni.





Potrebbe interessarti

Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato

Immagine usata per illustrare l'articolo Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094.

Tesi master universitario: struttura, obiettivi e contenuti

Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti.

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Pensione Enasarco: ecco la riforma e tutte le sue novità

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Pensione Enasarco: ecco la riforma

La Fondazione Enasarco, istituita nel 1938, è l' Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti e Rappresentanti di Commercio; grazie alla pensione Enasarco, gli oltre 100.000 agenti e rappresentanti di commercio (che lavorano a commissione) che abbiano concluso la loro esperienza lavorativa, possono usufruire di formule pensionistiche integrative. Di seguito un approfondimento sul regolamento da rispettare per usufruirne.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

immagine per Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Giorni ex festività: quali sono? Come fruirne?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Giorni ex festività: quali sono? Come fruirne?

Ai sensi delle previsioni contrattuali vigenti (artt. 50 e 16, rispettivamente, dei CCNL 8/12/2007 per i quadri direttivi e le aree professionali e 10/01/2008 per i dirigenti) ai lavoratori spetta annualmente un numero di permessi giornalieri retribuiti corrispondente alle giornate che (indicate come festività dagli art. 1 e 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260) non siano più riconosciute come tali, per conseguenti disposizioni di legge. Ecco alcune informazioni da sapere sui permessi ex festività.

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Leggi anche...

Pace Fiscale 2019: ecco la verità su una manovra molto discussa

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ditta individuale: vantaggi e svantaggi

Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Leggi tutto...
Go to Top