Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato, tenendo conto di diversi elementi tra questi:

  • le ore di lavoro svolte;
  • la difficoltà della mansione lavorativa;
  • la tipologia di lavoro stesso;
  • peculiarità a carattere previdenziale e contributivo
  • molto altro ancora.

Tenendo conto dei fattori che ci interessano si può dunque facilmente, basta valutare attentamente ogni elemento importante ai fini del calcolo e il gioco è fatto.

È possibile che accadano però alcune situazioni in cui il lavoratore ha problemi proprio in merito alla riscossione dello stipendio. Può verificarsi infatti il mancato pagamento dello stipendio, oppure delle circostanze in cui lo stesso non venga elargito nei tempi dovuti e in ritardo.

Queste mancate elargizioni o semplici ritardi possono soprattutto accadere nell'ambito del settore privato. Difatti, alcune aziende possono avere mancanza di liquiditá (quindi di denaro), ad esempio, per un ritardo o il mancato pagamento inerenti forniture di prodotti o servizi. In ambito pubblico, tali inconvenienti sono piú rari, in quanto ministeri, enti statali o regioni hanno obblighi e scadenze molto piú rigidi. Comunque, un lavoro ed uno stipendio molto ambito, per diverse ragioni è quello degli insegnanti. Cerchiamo di vedere come avviene il calcolo dello stipendio di un docente.

Caratteristiche dello stipendio docenti

Viene dato ai singoli insegnanti dalle segreterie di ogni singola scuola; esso si calcola tenendo conto tenendo conto della liquidazione, ovvero di quanto ammonta la retribuzione effettiva. Il salario viene poi solitamente riscosso presso una banca o un ufficio postale delegato dall'istituto stesso.

Come per altri tipi di lavoro anche per chi percepisce lo stipendio dei docenti è necessaria l'iscrizione all'Inps e il ricorso ad essa per determinati casi di disoccupazione, previdenziali o assistenziali. Ci si deve invece rivolgere all'INPDAP, nei casi di pagamento del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) o del Trattamento di fine servizio (TFS).

Lordo e netto

Il compenso lordo di un docente è quello previsto e riportato sul contratto stesso di lavoro; lo stipendio netto va invece calcolato tenendo conto anche di quello che viene trattenuto a fini previdenziali, pensionistici ed eventualmente assistenziali. Per il calcolo dello stipendio netto di un docente è inoltre necessario conoscere il relativo imponibile fiscale, in modo da conoscere anche l'IRA, ovvero l'imposta sul reddito, che va versata periodicamente.

Lo stipendio di un docente si differenzia in base a diversi parametri, tra cui anche il grado dell'istituto scolastico in cui si lavora e il titolo posseduto dall'insegnante. In particolare, un docente della scuola dell'infanzia e primaria ed un docente diplomato che lavora negli istituti secondari di IIº grado, a livello iniziale, percepisce intorno ai 19.325 Euro lordi annui. Per quanto riguarda invece un docente di scuola media e un docente laureato che insegna in un istituto secondario di  IIº grado, lo stipendio annuo lordo, sempre a livello iniziale, è di circa 20.973 Euro.

Tali cifre si riferiscono a docenti con contratti a tempo indeterminato (dal 1º Settembre al 31 Agosto), mentre per quelli con contratti a tempo determinato che non coprono l'intero anno, stipulati dagli Uffici Scolastici Provinciali (USP) oppure dai singoli dirigenti degli istituti, lo stipendio viene calcolato in modo proporzionale al periodo di lavoro. Naturalmente, a queste somme lorde va aggiuta la 13a mensilitá, che viene solitamente pagata nel mese di Dicembre, nel cedolino unico di quel periodo.

Nel calcolo dello stipendio di un docente, si devono poi sottrarre la quota di tasse e contributi complessivi a carico del lavoratore. Nelle prime vi rientra l'Irpef (determinata in base al reddito totale del docente) e a cui poi si devono aggiungere le addizionali regionali e comunali, che tendono a variare secondo la residenza del lavoratore. Una volta sottratti allo stipendio lordo le tasse, bisogna poi considerare eventuali detrazioni spettanti per lavoro dipendente, coniuge e/o figli a carico. Queste sono cifre che variano in base al reddito e al numero di figli posseduti. 

Pignoramento del salario

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Si possono inoltre verificare casi di di pignoramento dello stipendio, se il dipendente ha dei debiti personali o direttamente col datore di lavoro. Le modalità di riscossione dello stipendio variano comunque a seconda delle varie categorie lavorative e dei settori nei quali si lavora; diversi sono infatti gli stipendi dei dipendenti della Pubblica amministrazione da quelli dei lavoratori autonomi, dei dipendenti privati o dei docenti e degli insegnanti.

Il Governo Renzi ha rivoluzionato il sistema della scuola e con esso gli stipendi dei docenti. La riforma dell’esecutivo punta a stabilizzare i tanti precari dando al tempo stesso nuove linee guida sulla scuola attraverso un aggiornamento delle materie e un’integrazione delle stesse.

Cosa cambia per i docenti

La rivoluzione sarà varata ad inizio 2015 per entrare in vigore dal prossimo settembre. Lo scopo principale della riforma è quella di abbattere la fastidiosa forma del precariato, attraverso l’abolizione delle graduatorie a esaurimento, le cosiddette Gae. Quasi 150mila insegnanti precari saranno stabilizzati, dei quali la metà per strutture d’infanzia. Cambierà anche lo stipendio dei docenti: gli scatti interesseranno due docenti su tre e seguiranno il merito. L’aumento è calcolabile in circa 60 euro netti al mese che porteranno i docenti a poter guadagnare fino a 9 mila euro in più rispetto al loro guadagno. Quindi, per fare carriera non varrà solo l’anzianità di servizio per una scuola che finalmente riconoscerà il valore del merito. Per fare questo gli insegnanti saranno tenuti a seguire obbligatoriamente dei corsi di formazione. Cambierà anche la struttura del corpo docenti per il sostegno dei ragazzi: sarà valutata la preparazione dei singoli per poter affidare loro i diversi casi di disabilità che non possono essere riassunti in un’unica categoria. Un altro punto fondamentale è quello di dare uno stop alle supplenze cercando di formare un corpo docenti qualificato per ogni esigenza, allungando per questo scopo il tempo pieno per arginare il fenomeno dell’abbandono della scuola e integrando di più le materie che servono al mondo d’oggi, come lo studio delle lingue straniere (inglese soprattutto) e l’informatica.
Per questo piano, compreso lo stipendio dei docenti, si valuta che sia necessario un investimento da tre miliardi di euro, dei quali uno subito. Le risorse necessarie saranno reperite tramite la spending review. Questi soldi serviranno a pagare il parco docenti e a far assumere i 148 mila precari che dovranno essere stabilizzati come riporta il documento del premier Renzi. Questi soldi saliranno probabilmente a quattro miliardi tra dieci anni quando si dovranno trovare le risorse per pagare gli eventuale scatti di merito. Il miliardo da trovare subito riguarda invece la spesa per i primi quattro mesi di retribuzione, che partirà come detto dall’inizio del prossimo settembre.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Calcolo della pensione Inpdap: come farlo e come richiederla?

calcolo pensione inpdap

Calcolo della pensione Inpdap? Dalla riforma sul sistema previdenziale italiano, pure l'Inpdap si è conformata alla differenziazione fra la previdenza obbligatoria e la previdenza complementare.

Contratto di lavoro a tempo indeterminato: tutto sull'argomento

contratto di lavoro a tempo indeterminato

Esistono infatti diverse forme di contratti di lavoro. C’è quello a tempo determinato, quello di collaborazione occasionale e il Co.Co.pro. Il più ambito tra le tipologie di contratti lavorativi però, nonché quello solitamente più utilizzato dai datori di lavoro, è sicuramente il contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

I più condivisi

Anticipo del TFR una seconda volta: come cambiano le regole

richiesta di anticipo del TFR

Molto spesso il lavoratore deve far fronte alla fine del rapporto lavorativo che lo ha tenuto, per un periodo più o meno lungo, alle dipendenze di un datore di lavoro. Quando si verifica una circostanza di questo tipo, le cause possono essere di diversa natura e sono da imputarsi, a seconda dei casi o al datore di lavoro oppure al lavoratore stesso.

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile: le informazioni più importanti

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Le ultime statistiche parlano di una crescita vigorosa delle donne che vogliono intraprendere questo cammino e attuare i propri progetti. Non è un caso che si sono moltiplicate iniziative e corsi e che le percentuali siano in forte ascesa soprattutto al Sud, segno che le donne vogliono essere protagoniste in un mondo che ha visto sorgere e diventare famosi solo personalità al maschile. Se le istituzioni sapranno cogliere questo cambiamento, a giovarne sarà l’intera Italia. Ecco perchè sono state stanziati anche molti fondi diretti alle agevolazioni per l'imprenditoria femminile.

Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Immagine d'esempio usata nell'articolo Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Secondo un recente studio effettuato in Gran Bretagna, il rischio depressione sul lavoro per chi lavora più di 11 ore al giorno è maggiore di 2,5 volte rispetto al resto dei lavoratori. In particolare, il rischio depressione è più elevato per soggetti giovani e di sesso femminile.

Leggi anche...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

contributi previdenziali

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi anche...

Tutte le facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Lista delle facoltà universitarie: ecco un'aula 

Cosa fare dopo le scuole superiori? La lista delle facoltà universitarie è lunga e questa è una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.