Oggi affronteremo un tema delicato e caro a molti italiani: il Calcolo della tredicesima per la badante. Per molti, coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi. La regolarizzazione di colf e badanti èobbligatoria e prevista per legge già dal 2009; è inoltre fondamentale che le badanti e le colf abbiano attualmente un regolare contratto.

Le badanti e le colf, e tutti coloro che svolgono delle attività lavorative in ambito domestico, hanno inoltre diritto alla relativa tredicesima. Anche per loro la tredicesima va data nel mese di dicembre e calcolata in modo consono e evitando errori di sorta.

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo  Calcolo della tredicesima per la badante: ecco alcuni spunti interessanti

Entro tale mese al lavoratore domestico spetta infatti una mensilità aggiuntiva che scaturisce dalla retribuzione totale, incluso eventuale vitto e alloggio. Se l'assunzione è avvenuta nel corso dell'anno e non all'inizio dello stesso, in questo caso bisogna tenere conto anche di questo come quando il lavoratore chiede periodi di aspettativa non pagata.

Come si calcola?

Il calcolo della tredicesima per le badanti si effettua in base al tipo di paga effettuata. Se questa è settimanale sarà necessario effettuare una moltiplicazione tra l'ammontare dell'ultima retribuzione e le cinquantadue settimane che costituiscono l'anno. Il valore che viene fuori andrà poi diviso per i dodici mesi dell'anno.

La tredicesima per le badanti di natura mensile corrisponde alla mensilità intera percepita, con aggiunta del vitto e dell'alloggio sia se emesso attraverso indennità assicurativa che se effettuato fornendo l'abitazione o la camera.

Se si effettuano delle retribuzioni giornaliere il calcolo è differente. Serve dunque in primis calcolare quanto si percepisce in una settimana effettuando la moltiplicazione tra il numero di ore di lavoro e l'ammontare della paga a ore. Solo dopo andrà effettuato il calcolo previsto anche per la retribuzione settimanale.

Nel calcolo della tredicesima per le badanti non vanno ascritti i casi di malattia, infortuni, maternità, mentre si devono inserire: il periodo di prova, il congedo matrimoniale, l'eventuale preavviso.Nel caso in cui il lavoratore domestico non abbia lavorato tutto l'intero anno solare, ma sia entrato dopo l'inizio dell'anno, non è prevista la mensilità totale.

In questo caso risulterà inferiore e andrà calcolata in base ai mesi effettivi di lavoro. Nei casi di numeri decimali superiori o inferiori a quindici giorni, essi si considerano, per agevolare il calcolo della tredicesima badanti stessi, come mese totale.

Il calcolo di questa mensilità extra infatti deve partire dai mesi lavorati dalla colf rispetto all’intero anno solare: visto che questa misura è obbligatoria per tutti i datori di lavoro, qualora la colf sia stata assunta durante l’anno, verrà corrisposta a lei una somma ridotta in base ai mesi lavorati effettivamente. In questo conteggio, come appena detto, le frazioni di mese sono calcolati per intero qualora si raggiungano almeno i quindici giorni lavorativi. In caso contrario, non viene conteggiato questa mensilità per la tredicesima. Infine, su questa mensilità non devono essere calcolati i contributi Inps.

Perché regolarizzare questa posizione lavorativa?

Regolarizzare la colf diventa un atto non solo morale per quanto riguarda il fisco ma anche necessario per evitare le sanzioni che colpiscono il datore di lavoro qualora venisse scoperto di far lavorare questa persona in nero. Sono previste solo delle multe nei casi in cui non venga dichiarata la comunicazione dell’assunzione della colf (la somma da pagare è minimo 200 euro, massimo 500 euro). Ben diversa la situazione qualora si venga scoperti di non versare i necessari contributi: qui la multa arriva anche a migliaia di euro con il caso limite dell’assunzione della colf di origine extracomunitaria non in possesso di regolare permesso di soggiorno o con lo stesso non aggiornato o scaduto prima del termine della verifica. In questa circostanza, il reato viene punito con la reclusione e una sanzione pecuniaria di 5000 euro. Per evitare il lavoro nero, è notizia recente del numero verde installato dalla Regione Toscana in tre province per favorire il progetto che punta a creare una sinergia con le famiglie nella ricerca di colf qualificate e preparate. A riguardo, la Regione ha stanziato inizialmente 300 euro a famiglia per i primi giorni di prova; se l’iniziativa dovesse riscuotere successo, allora si estenderà a tutte le province toscane.

Bisogna aggiungere che nell’epoca attuale questa posizione non è più occupata soltanto da persone extracomunitarie o comunque straniere perchè la disoccupazione crescente in Italia ha creato enormi buchi nei posti di lavoro per cui non è più una novità trovare italiani svolgere questa mansione che fino a pochi anni fa era appannaggio esclusivo degli stranieri. Ciò viene spiegato con la mancanza di lavoro che costringe i nostri connazionali a cercare occupazione in questo settore per non restare inoccupati. La richiesta maggiore di colf arriva nel periodo estivo perchè molti anziani rimangono soli per le vacanze per cui i parenti cercano personale da affiancargli per qualsiasi necessità.





Potrebbe interessarti

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine esemplificativa di colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Portale Mepa: cos'é e come funziona, una breve guida

spiegazione del portale mepa

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

lavoratore in trasferta con indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Lavorare in ospedale: quale professione scegliere?

In ambito ospedaliero esistono diverse professionalità, dal “portantino” al medico chirurgo. Per lavorare nelle aziende ospedaliere pubbliche con contratto a tempo indeterminato è necessario superare un concorso pubblico bandito dall’azienda ospedaliera stessa per poter accedere alle graduatorie.

Tredicesima Colf: spetta davvero?

Come molti altri professionisti e lavoratori, anche le colf a contratto hanno diritto alla tredicesima mensilità durante il periodo di Dicembre.

Lavorare all’ONU, individua se sei un potenziale funzionario!

Intraprendere una carriera nelle organizzazioni internazionali è una scelta che richiede un notevole impegno, una forte motivazione, un carattere equilibrato e forte.

Doppio lavoro: quando è lecito?

svolgere un doppio lavoro

Il doppio lavoro è lecito? Un secondo lavoro si può integrare con un part-time? È sempre vietato il doppio lavoro per un dipendente nella pubblica amministrazione? In questa guida cercheremo di rispondere a tutte le domande e considerare i casi, nel pubblico e nel privato, in cui fare un secondo lavoro è lecito e non può essere impedito dal datore. 

Fondi per l’imprenditoria femminile: ecco come richiederli

fondi per l'imprenditoria femminile

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...
Go to Top