La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Vedremo, nell'articolo che segue, come si ottiene e quali necessità può soddisfare.

Il Fondo Sociale Europeo

La carta ILA è sostenuta dal Fondo Sociale Europeo, che pone particolare attenzione allo sviluppo dell'occupazione creando nuove opportunità di lavoro attraverso il rilascio di specializzazioni, competenze, aggiornamenti professionali in questo senso.

Cos' è la carta ILA? 

L'ILA è una a carta prepagata di credito formativo individuale che può essere ricaricata fino a un massimo di 2.500 euro, attraverso singole ricariche di 500 euro ciascuna, da spendere nel settore della formazione per un periodo massimo di due anni. Una delle prime città a dotarsi di questa carta è stata Firenze, che ha promosso progetti e incentivi sull’utilizzo di questa prepagata che sta riscuotendo diverso successo. Infatti lo scorso luglio a Roma è stato organizzato un convegno da Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali volto a far conoscere questo strumento e le sue dinamiche di sviluppo. L’obiettivo del seminario era proprio quello di alimentare l’uso dell’ILA supportando le Regioni e le Province che decidevano di intraprendere questa via. La Toscana è stata la prima Regione a dotarsi di questo dispositivo, dimostrandosi all’avanguardia per ciò che riguarda le ultime innovazioni. La speranza è che anche altre Regioni o città seguano lo stesso percorso della Toscana per alimentare e stimolare ancora di più l’importanza della formazione.

Le altre spese coperte

La carta ILA può essere usata anche per coprire le spese accessorie alla formazione, quali viaggi, vitto, alloggio, acquisto di materiale didattico, e per rimuovere eventuali ostacoli alla formazione mediante il finanziamento di servizi familiari di cura.

Chi può richiedere la carta ILA?

Possono ottenere la carta ILA: i disoccupati iscritti ai Centri per l’Impiego delle Province aderenti, tra i 18 e i 35 anni, i lavoratori atipici (es. Contratti a Progetto) senza limiti di età, con priorità per donne, laureati, diplomati e immigrati.
La carta viene rilasciata a chi presenta un progetto di formazione a seguito di valutazione dell'operatore del Centro per l'Impiego delle province aderenti a progetto.

Come ottenere la prepagata

Per ottenere la carta ILA è necessario presentare la domanda in risposta a un bando pubblico; oltre alle categorie sopra elencate, requisito fondamentale è quello di essere iscritti al Centro per l'impiego della provincia da almeno tre mesi.

Come affrontare il colloquio

Come anticipato, per ottenere la carta ILA è necessario il superamento di un colloquio con gli orientatori e i consulenti specialistici dei Centri per l'impiego.
Essendo l'unica valutazione per ottenere la prepagata, è importante persuadere i periti di essere le persone giuste per essere considerate idonee; per ottenere ciò è necessario:
- convincere gli esaminatori che si è davvero in cerca di un impiego;
- far capire che la carta servirà a coprire spese altrimenti insostenibili.

Fatto questo, senza dimostrando senza troppi giri di parole che si hanno le idee chiare sul proprio futuro ma servono i mezzi per arrivarci, non sarà difficile godere di questo beneficio.

I commenti degli internauti

Sul web si trovano alcuni commenti degli utenti che hanno avuto modo di poter usufruire di questo strumento. I giudizi sono tutti positivi: anche se i Centri per l’Impiego spesso latitano o hanno delle mancanze abbastanza evidenti, questa possibilità è stata invece salutata con soddisfazione da parte di coloro che hanno potuto investire sulla propria formazione tramite questa carta. Concepita come uno degli strumenti più innovativi per quanto riguarda la formazione individuale, l’Individual Learning Account può essere davvero la soluzione a diverse problematiche. Nel mondo globalizzato d’oggi già non è facile trovare lavoro e per questo motivo bisogna investire tempo e risorse sulla formazione in modo da presentarsi preparati e con molte competenze al momento in cui un datore di lavoro ci chiamerà. Il mondo d’oggi infatti è profondamente cambiato, le dinamiche si sono evolute in maniera rapidissima, la conoscenze delle lingue è divenuta fondamentale, i social network hanno preso il sopravvento e la competenza sul proprio settore d’appartenenza deve essere la più accurata possibile, per fare in modo di saper rispondere a tutte le esigenze. Il progetto promosso da questo dispositivo può risultare un’arma utilissima in quanti credono nella formazione per accrescere il proprio bagaglio di competenze e arricchire il proprio curriculum vitae di dettagli molto importanti, per se stessi e per l’azienda che seleziona il personale. 

Potrebbe interessarti

Tutte le facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Lista delle facoltà universitarie: ecco un'aula 

Cosa fare dopo le scuole superiori? La lista delle facoltà universitarie è lunga e questa è una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Curriculum vitae in tedesco: il modello per chi cerca lavoro in Germania

curriculum in tedesco: ecco la bandiera tedesca

Scrivere un curriculum in tedesco? Attualmente sono molte le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere il lingua straniera; oltre ad inglese e francese, anche il tedesco è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Jobs Act: cos'è? Te lo spieghiamo in maniera semplice

jobs act

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Lettera di licenziamento alla colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi anche...

Outplacement individuale: conosci questo strumento di supporto al lavoro?

L'outplacement è il servizio offerto da alcune imprese autorizzate che si occupano della ricollocazione professionale dei dipendenti usciti da una azienda. Si tratta quindi di uno strumento moderno di supporto per il dipendente nel passaggio da un'azienda all'altra.

Leggi anche...

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.