Il cash flow. da un altro punto di vista è la differenza tra le entrate e le uscite monetarie di un determinato periodo contabile.

Quando si ha un incremento si parla di cash inflow, quando si ha il decremento si ha un cash outflow.

Come può essere scomposto?

Il cash flow si può scomporre in:

  • cash flow operazionale (o Unlevered Free Cash Flow), che è originato dalle operazioni caratteristiche di esercizio;
  • cash flow extra-operazionale (o Flow to Equity), che è originato dalle altre operazioni di gestione (acquisto e vendita di immobilizzazioni, prestiti, variazioni del capitale, pagamento degli utili ai soci).

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Lo schema di seguito può aiutare a comprendere:

  • Utile Operativo (EBIT) -
  • Tasse su Utile Operativo +
  • Ammortamenti +
  • Accantonamenti +
  • Voci non monetarie di accantonamento =
  • Flusso primaro (dopo le tasse) ±
  • Variazione del Capitale Circolante ±
  • Investimenti/Disinvestimenti =
  • Cash Flow Operazionale o Unlevered Free Cash Flow (After tax) o Operating Cash Flow -
  • Interessi -
  • Dividendi =
  • Flusso di Cassa Effettivo o Flow to Equity o Effective Equity Flow

Fondi genarati da

  • Primary Cash Flow
  • Levered Cash Flows
  • Flow to Equity

L’aspetto finanziario, lo statement e il calcolo

Nonostante quanto illustrato sopra, non possiamo non portare alla memoria come nel nostro mondo reale, le dilazioni, sono effettivamente frequenti. Queste consentono infatti a chi compra di acquistare dopo pochissimo tempo, portando conseguentemente alla prevenzione da parte di chi vende incassi dopo qualche margine temporale che si può definire di “attesa”.

Su questo piano viene inoltre alla luce come, ogni qual volta che l’azienda concede credito regolarmente alla propria clientela, l’azienda finisce con il compiere un letterale “sovvenzionamento” verso la propria utenza, motivo per cui dovrà disporre delle risorse sufficienti per poterselo permettere. Nel caso contrario invece, le risorse finanziarie, verranno conseguentemente assimilate per la concessione del credito alla propria clientela, essendo automaticamente sottratte per altre esigenze, come i pagamenti di stipendi, delle impose o dei fornitori di riferimento. In queste dinamiche, il cash flow è una vera misura di autofinanziamento aziendale, per cui se un’impresa non ha le forze per generare sufficienti flussi di cassa, bisogna approfondire le caratteristiche della prima amministrazione. Ma quindi come si calcola il flusso di cassa?

Proprio il calcolo del clash flow, considerato come effettivo flusso di cassa operativo, può essere avviato attuando come dato iniziale il reddito operativo emesso, a cui si aggiungono tutti i costi non monetari come gli ammortamenti, l’accantonamento a TFR e così via, per poi fare la somma tenendo conto della differenza positiva o negativa della variazione dei crediti e dei debiti a partire dall’inizio dell’anno lavorativo fino alla chiusura dell’esercizio. Un esempio può semplificare la spiegazione teorica: se il reddito operativo è infatti uguale a 100, gli ammortamenti a 20 e l’accantonamento è a 8, allora il flusso di cassa operativo sarà corrispondente a 100+20+8-30 (variazione dei crediti e dei debiti)= 98.

In questa prospettiva, rendere pubblici i dati del proprio cash flow ha una non indifferente importanza verso tutti gli stakeholders della società, i quali mediante l’ausilio di analisi del flusso di cassa, potranno “rassicurarsi” relativamente alla praticità dell’impresa di omaggiare i propri ruoli. Avere un cash flow concreto significa infatti disporre di un importante strumento per poter gestire i propri beni e per poter impiegare al meglio la liquidità reperibile, rasserenando così banche, fornitori e dipendenti sull’abilità aziendale di mantenersi in uno scenario di solvibilità.

Ma in conclusione quindi potremmo dire che il cash flow è una grandezza finanziaria sia per l’impresa che per gli analisti? Assolutamente si, tanto che quando si analizza il bilancio della società, l’attenzione corre in maniera prioritaria a un ristretto gruppo di indicatori da approfondire tra i quali, non può che comparire il cash flow.

Potrebbe interessarti

Condono fiscale 2019: tutto quello che devi sapere

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Vacanze studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lavorare in ospedale: quale professione scegliere?

In ambito ospedaliero esistono diverse professionalità, dal “portantino” al medico chirurgo. Per lavorare nelle aziende ospedaliere pubbliche con contratto a tempo indeterminato è necessario superare un concorso pubblico bandito dall’azienda ospedaliera stessa per poter accedere alle graduatorie.

Lavoro Categorie Protette: chi ne ha diritto e le offerte online

Contratto per lavoratori delle categorie protette

Il tema del lavoro per le categorie protette è disciplinato dalla legge numero 68 del 1999. e rientra nella dinamica legata alla tutela del lavoratore. I lavoratori che fanno parte di questa dimensione hanno oltre di 15 anni d'età e non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile.

Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Legge sull'imprenditoria femminile: facciamo chiarezza

La legge che disciplina l’imprenditoria femminile è la legge 215/92. Norma attraverso la quale il Ministero dell’Industria propone delle agevolazioni all’imprenditoria femminile.

Leggi anche...

Offerte di lavoro Marche: sai come trovarle?

in cerca di lavoro nella marche

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro Marche.

Leggi anche...

Il lavoro in hotel: sai come farti assumere?

Il lavoro in hotel è una delle occupazioni del settore turistico alberghiero e dell'hospitality; nella maggior parte dei casi, coloro che desiderano ottenere un impiego in questo campo devono possedere una buona conoscenza e preparazione del settore turistico.