Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL artigianato) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Anche gli artigiani hanno un loro Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, che si suddivide in base ai beni trattati e alle figure di riferimento.

Cosa prevede il contratto per l'artigianato?

Il CCNL Artigianato prevede, come tutti i i contratti di questo tipo, una forma contrattualistica scritta contenente: data di assunzione; il tipo di lavoro svolto e di rapporto instaurato col datore (contratto a tempo determinato, indeterminato ecc); durata del periodo di prova; i modi di retribuzione.

Le figure professionali inserite all'interno dei CCNL Artigianato sono:

  • Alimentaristi
  • Lavanderie
  • Metalmeccanici Artigianato
  • Orafi Artigianato
  • Parrucchieri
  • barbieri
  • estetica Artigianato
  • Pulimento Artigianato
  • Tessili
  • Chimica.

Per ulteriori informazioni legate specificatamente al CCNL Artigiani visitate anche il sito www.confterziario.it, che propone ogni singolo contratto suddiviso per figure professionali.

Caratteristiche del CCNL Artigianato

Il CCNL artigianato è un contratto che si applica alle imprese artigiane che operano anche nel settore calzaturiero, dell’abbigliamento e tessile. Fanno parte del suddetto settore i comparti illustrati nell’elenco che segue.

  • Alta moda.
  • Tessile tradizionale, come la seta, la lana, il cotone, i tessuti tessili vari ecc.
  • Lavorazione e confezione di calzature, pantofole, ombrelli per la pioggia e ombrelloni per la spiaggia e per il giardino.
  • Lavorazione e confezionamento su misura di vestiario vario, ad esempio l’intimo, la biancheria da letto, da bagno, da cucina e da tavola.
  • Bottoni.
  • Modisterie.
  • Lavorazione e confezione di pellicceria.
  • Lavorazione di articoli realizzati in pelle e cuoio.
  • Creazione di guanti.
  • Lavorazione o confezione su misura o a mano di vari generi di vestiario.
  • Riparazione oggetti in pelle, cuoio e scarpe.
  • Rammendo.
  • Merletti.
  • Ricamo.
  • Bomboniere in tessuto.
  • Borse e pelletteria varia con ricami realizzati ad uncinetto.
  • Retine per i capelli.
  • Modelli in carta.
  • Fiori artificiali.
  • Foulard e ventagli.
  • Articoli in cucito in generale.
  • Realizzazione e confezione di oggetti sacri.
  • Studi di disegni tessili, messa in carta, lucidi ecc.

E’importante sottolineare che appartengono alla categoria artigianato anche le imprese che collaborano in sub fornitura. Con la denominazione d’imprese artigiane s’intendono tutte quelle società che sono in possesso dei requisiti stabiliti dalla legge 8-8 del 1985, dal suo regolamento, dal decreto del Presidente della Repubblica dell’8 giugno del 1964, numero 537 e da tutte le sue successive modificazioni e integrazioni. In base alla legge numero 443 dell’ 8 agosto del 1985, le società che sono in possesso dei requisiti enunciati nella legge, che hanno effettuato la regolare registrazione all’Albo delle imprese artigiane, ma che però provengono da una diversa regolamentazione contrattuale, dovranno stipulare un contratto con l’ausilio delle Organizzazioni sindacali e le Associazioni artigiane che operano a livello regionale. Eventuali reclami o problemi individuali tra le parti possono essere risolti con l’intervento di un delegato oppure nel caso in cui non sia prevista la sua presenza, tramite incontri a livello territoriale.

Confartigianato imprese, vediamo il suo ruolo

Il Confartigianato Imprese, rappresenta una delle organizzazione italiane relative all’artigianato e alle imprese (micro o piccole) più significative; è stata fondata da Manlio Germozzi nel 1946 ed oggi conta più di 700.000 imprese e associati e in Europa è una delle reti di servizi e di assistenza delle PMI più vasta.

Chi può far parte dell'organizzazione?

Possono far parte dell’organizzazione tutti i costituenti geografici, culturali e settoriali relativi all’imprenditoria artigiana e quindi alle piccole - micro imprese; queste ultime trovano nel Confartigianato Imprese, informazione, rapporto con Istituzioni e con le controparti negoziali e la rappresentanza di interessi generali.

Come accennato, oggi a far parte della confartigianato Imprese sono oltre 700.000 mila tra imprese e imprenditori che appartengono ad oltre 870 settori di attività, ben strutturati ed organizzati in circa 120 Associazioni Territoriali, 20 Federazioni Regionali, 12 Federazioni di Categoria e 74 Gruppi di Mestiere.

Le attività e gli obbiettivi dell’organizzazione

ccnl artigianato

L’obbiettivo della Confartigianato Imprese e dell’attività che svolge è quello di rappresentare le imprese artigianali, grandi, medie o piccole che siano di ogni tipologia di settore e quindi industriale, commerciale e dei servizi, così come le forme di lavoro indipendente, cooperativo, autonomo, il tutto secondo un accettazione europea e aderenti alle Associazioni Territoriali che la formano. Inoltre, la Confartigianato viene estesa anche nei confronti dei lavoratori parasubordinati e pensionati, grazie all’ ANAP, Associazione Nazionale Anziani e Pensionati di Confartigianato.

Oggi, con i suoi 1.215 sportelli circa sparsi in tutto il territorio italiano e con un patrimonio a livello professionale di 14.000 collaboratori, l’organizzazione si propone a tutte le imprese come il partner ideale con cui nascere, crescere e competere nel mercato di oggi, sempre in continua evoluzione grazie ad un sistema sofisticato di servizi personalizzati ed integrati.

L’attività che svolge, l’azione sia sindacale che organizzativa e politica di Confartigianato Imprese, mira a porre al centro la singola impresa artigiana e con l’ascolto dei bisogni sia a livello politico che economico, cercando in tutti i modi di programmare, gestire ed individuare le azioni necessarie a far crescere il valore dell’impresa sia dal punto di vista politico che le relazioni economiche e associative.

Le aree d’azione del CCNL Artigianato

Attraverso il Confartigianato Imprese, non viene trattata solo l’impresa e la sua crescita, ci sono delle aree d’interesse in cui l’organizzazione opera, come ad esempio le relazioni sindacali, la formazione professionale, la sicurezza sul lavoro, l’innovazione, l’ambiente, la tutela e la promozione dell’apprendistato, anche quello professionalizzante, le relazioni istituzionali e legislative, la qualità e la norma tecnica, le politiche economiche, il marketing associativo e tantissimi altri aspetti, più o meno importanti legati sempre all’impresa stessa.

Oltre a questo è deciso a curare alcune delle attività imprenditoriali soprattutto grazie all’operato di 5 rami ben precisi:

  • Politiche Economiche ossia quelle attività che hanno lo scopo di promuovere qualsiasi tipologia di fattore strategico al fine di aumentare la competitività dell’impresa, che sia micro, piccola o media e quindi parliamo di credito, di incentivi, reti, internazionalizzazione, innovazione, energia ecc.
  • Relazioni Sindacali riguardano quelle attività legate in un certo senso ai temi lavorativi e quindi alle relazioni sindacali, alla formazione professionale, la sicurezza in ambito lavorativo, la bilateralità, l’ambiente. Insomma Tale aspetto è necessario per fornire assistenza e consulenza in particolar modo alle Associazioni Territoriali, organizzando anche importanti iniziative di informazione e di divulgazione.
  • Relazioni Istituzionali e quindi quelle attività di relazione, rappresentanza e lobbying nelle comparazioni delle istituzioni italiane ed europee. Con questo Ramo la Confartigianato Imprese vuole tutelare e valorizzare le iniziative promosse dalla Direzione, per cercare di creare un ambiente favorevole all’attività dell’impresa stessa.
  • Politiche Fiscali, qui la Direzione viene incontro alle imprese contribuendo per elaborare alcune strategie a livello fiscale, interviene laddove si devono definite alcune politiche o dove si attuano alcuni interventi fiscali, vedi il Parlamento, la Pubblica Amministrazione o il Governo stesso, fornendo indicazioni ed assistenza.
  • Politiche Organizzative, riguardano prettamente la gestione dei rapporti con tutte le Associazioni del Sistema Confederale. Tra le attività svolte troviamo i servizi di elaborazione dei dati, la gestione dei contributi, l’organizzazione degli eventi nazionali, la gestione e la completa amministrazione della Sede Nazionale di Confartigianato Impreseecc.




Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover mettere fine a un rapporto di lavoro. Succede che il datore di lavoro effettui il licenziamento che va a riguardare il singolo lavoratore o più di uno; in questo ultimo caso si dice licenziamento collettivo, il quale si verifica specialmente nelle situazioni in cui un'azienda vive particolari periodi di difficoltà di carattere economico o produttivo.

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Immagine d'esempio usata nell'articolo RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

L’art. 2 del D.Lgs.81/2008 e s.m.i. definisce il RSPP come «persona in possesso delle capacità e dei requisitiprofessionali (...omissis...) designata dal datore di lavoro che svolge "insieme a persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda.

Lavorare in Giappone: le offerte dove non serve la laurea!

Lavorare in Giappone? In tempi di crisi come quelli che viviamo è legittimo pensare di fuggire e di costruirsi una vita nuova altrove. Trovare un lavoro in Giappone può costituire una buona alternativa di vita; tuttavia, è chiaro che per fuggire è necessario sapere di poter lavorare: ergo, quale che sia il luogo dove vogliamo emigrare, dobbiamo almeno avere chiara in testa l’idea di un lavoro da cercare e trovare in tempi brevi.

CCNL dirigenti: conosci le norme e i livelli connessi a questo contratto?

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

Teoria delle opzioni reali

Questa teoria elabora il concetto di incertezza in modo non convenzionale, considerando la stessa sotto un aspetto positivo e negativo. Essa nasce negli anni ’70 e si sviluppa negli anni ‘90, quando il metodo dei flussi di cassa attualizzati e del VAN (basati su scenari caratterizzati da certezza) vengono accantonati, in assenza di miglioramenti.

Leggi anche...

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La comunicazione di licenziamento alla Colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro ripartito: diritti e doveri spiegati nel dettaglio

lavoro ripartito

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...
Go to Top