Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

La figura di dirigente però ha meno tutele di quelle riconosciute per le altre categorie di lavoratori; d'altra parte esistono dei sindacati per le sole figure dirigenziali e un regime previdenziale particolare. La contrattazione collettiva nazionale disciplina il lavoro di dirigente; è pur vero che non sempre risulta semplice stabilire la figura dirigenziale e separarla nettamente con quella dei quadri aziendali. 


La normativa italiana tutela in negativo poiché mancano per tale impiego le norme in materia di: orario di lavoro, contrattazione a tempo determinato e co.co.pro e le tutele per il licenziamento. Infatti, sia la legge 604/1966 che lo Statuto dei lavoratori non prevedono la tutela dellicenziamento per giusta causa o giustificato motivo per i dirigenti.

 

Come funziona nella P.A. Italiana

Le funzioni delle figure dirigenziali nell'ambito statale sono di due tipi:

  • cui è attribuita la responsabilità di direzione di un ufficio dirigenziale generale;
  • cui è attribuita la responsabilità di direzione di un ufficio dirigenziale non generale.

Compiti e funzioni

Per accedere al lavoro di dirigenti nel settore pubblico e statale è necessario superare un concorso indetto, tramite bando pubblico, da ogni singola amministrazione. La fase di recruiting della figura dirigenziale può anche essere legata a quanto previsto dall'art. 19 del D.lgs. 165/2001 che stabilisce come le singole amministrazioni possono attribuire incarichi dirigenziali a soggetti esterni.

Una volta guadagnato il posto da dirigente, questo deve tenere sotto controllo l'intera area a lui affidata. Questo significa che deve organizzare il lavoro, dividendolo fra i suoi dipendenti in maniera intelligente, e controllarne la qualità.
È anche spesso elemento di collegamento con altri uffici o enti, dovendo rappresentare parti della pubblica amministrazione per la quale svolge anche attività di consulenza.
Inoltre deve proporre progetti e iniziative caratterizzate da un alto grado di fattibilità e utilità.

I concorsi

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Come si diceva, per lavorare come dirigente nel settore pubblico occorre superare un concorso.
Le modalità sono quasi sempre standard: preselezione, esame scritto, prova orale.
Le differenze sono nelle materie. Sicuramente sono presenti argomento di diritto, soprattutto amministrativo ma anche relativo alla sicurezza sul lavoro, ai contratti nazionali, alla materie – più genericamente – dedicate al lavoro.

In secondo luogo, sono richieste competenze specifiche che variano a seconda del tipo di lavoro.
I concorsi di questo tipo possono essere dedicati ai dirigenti scolastici, dirigenti di aziende sanitarie o pubbliche amministrazioni.

È giusto sottolineare come il percorso sia lungo e complesso. Possono passare anche molti mesi dall'inizio delle prova al termine delle stesse e la concorrenza è davvero importante.
In ogni caso, un requisito fondamentale è l'esperienza del settore. Anche se questa non è stata conseguita come manager, sicuramente conoscere l'ambiente della scuola o della sanità permetterà di sostenere le varie prove con maggiori competenze.

Uno dei lavori molto ambito è sicuramente quello del dirigente che svolge un ruolo importante e di controllo all'interno di un'impresa. Il dirigente infatti incarna un ruolo davvero importante all'interno di un'azienda, perché è lui ad avere potere decisionale, di coordinamento, di responsabilità e di controllo.

Il dirigente è una figura minore rispetto al proprietario, datore di lavoro e imprenditore dell'azienda; viene infatti considerato lavoratore subordinato, ma riveste comunque un ruolo di prestigio all'interno della stessa. Come per tutte le categorie lavorative presenti in Italia, al fine di garantire l'attività stessa, anche i dirigenti hanno il loro contratto collettivo nazionale del lavoro. Contratto che è stato rinnovato negli ultimi non senza alcuna difficoltà, visto il momento attuale che sta vivendo il Paese Italiano.

Le norme che regolano il ccnl dirigenti (2015 art 13)

Il contratto collettivo nazionale dei dirigenti è volto dunque a disciplinare e tutelare questa figura professionale definendo tutto quello che concerne tale attività lavorativa. In realtà lo Stato italiano non definisce però bene le dinamiche legate alla tutela in caso licenziamenti, agli orari di lavoro o ai contratti specifici come i co.co.pro.

Il ccnl dirigenti contiene comunque tutte le linee guida volte a garantire la trasparenza e la minor concorrenza all'interno dell'ambiente lavorativo cercando di tutelare al meglio il lavoro di dirigente stesso.

I livelli per la pubblica amministrazione

Il ccnl dirigenti legato alla pubblica amministrazione viene suddiviso in otto aree ben distinte:

  • I - (Aziende, Ministeri),
  • II - (Regioni ed Autonomie locali),
  • III - (Sanità - amministrativa, sanitaria, tecnica e professionale),
  • IV - (Sanità - medica e veterinaria),
  • V - (Scuola), VI (Agenzie fiscali, Enti pubblici non economici),
  • VII - (Ricerca, Università ),
  • VIII - (Presidenza del Consiglio dei Ministri).


Il rinnovo del ccnl dirigenti

L'ultimo rinnovo del ccnl dirigenti è stata effettuata il 29 febbraio 2012 dall'ABI, DICREDITO -FB, SINFUB e per adesione FABI, FIBA.CISL, FISAC.CGIL, UGL CREDITO, UILCA. Il rinnovo è stato effettuato in seguito alla decorrenza del precedente ccnl del 10 gennaio 2008.

Il rinnovo ccnl dirigenti contiene le procedure stesse per il rinnovo contrattuale e tratta dei permessi ex festività e di come essi devono essere concessi. Il rinnovo del ccnl dirigenti prevede altresì informazioni relative alla retribuzione, alle indennità di vacanza e tutto quello concerne i contenuti dei precedenti ccnl legati a salari, pensione, contratti ecc.

Aggiornamento 2014 (per i servizi pubblici)

Per quanto riguarda dirigenti e quadri delle piccole e medie aziende che producono i cosiddetti beni di servizi, è stato rinnovato il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro lo scorso 31 gennaio, con termine di validità fino al 31 dicembre 2016. Al momento della stipula non sono stati previsti aumenti di stipendi per quanto riguarda la parte minima. Sono state invece apportate modifiche sulla parte variabile legati alla produttività nell’ottica di un sistema di gestione più al passo con i tempi e che premia i risultati ottenuti sul posto di lavoro. Si è intervenuto inoltre sulla rescissione dei rapporti di lavoro dando più risalto ed importanza alla figura del Quadro Superiore, un ruolo a metà tra dirigente e quadro. Questa figura ha all’interno dell’organigramma una grande responsabilità e gli permette di accumulare un’enorme esperienza a livello personale e di azienda.

La situazione generale (vale per i dirigenti agricoli e per quelli di banca)

Non è un periodo floridissimo per i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro. La crisi economica ancora imperversa e non si conosce la data di fine di questa stagnazione attuale. I CCNL si dividono in diversi ruoli a seconda dei lavori e in questo momento ci sono diverse trattative in atto legati al settore della banca, marittimo, al trasporto aereo e alle cooperative. E’ stato raggiunto invece l’accordo per il comparto grafico editoriale. Una buona notizia visto che in quest’ultimo ambito la produzione negli ultimi anni è calata in una percentuale variabile tra il 25% e il 40% a causa delle recenti innovazioni tecnologiche. Secondo gli accordi che saranno ratificati nei prossimi giorni, sono previsti aumenti a livello B3 di circa 45 euro con bonus una tantum di 90 euro.
Il blocco dei contratti nella Pubblica Amministrazione è un tema abbastanza caldo in questi mesi, visto che non ci sono le risorse necessarie per aumentare gli stipendi fermi da diversi anni. Le forze dell’ordine, dopo una violenta protesta, sono riusciti a far rivalere i propri diritti, con lo stanziamento di circa 1 miliardo di euro nell’ultima Legge di Stabilità, con questi soldi che andranno a coprire gli scatti di carriera.



Potrebbe interessarti

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Interdizione anticipata per maternità: quanto ne sai?

quando si rimane incinta si puo richiedere l'interdizione anticipata per maternità

La lavoratrice madre ha per legge diritto ad essere tutelata durante la gravidanza e i primi anni di vita del bambino. Per la tutela della sua salute non può eseguire lavori pericolosi dall’inizio della gravidanza e fino al settimo mese di età del figlio, né lavori notturni (dalle 24 alle 6).

Leggi tutto...

Ecco la verità sul Condono 2019

come funziona il condono per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Leggi tutto...

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Leggi tutto...
Go to Top