Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time. I soggetti che "collaborano" al rapporto definito Job Sharing sono di solito due, mentre le fasce orarie lavorative sono due o più di due.

Rapporto di lavoro con l'azienda

Lo Job sharing è differente dal contratto part- time, poichè è uno solo il rapporto di lavoro con l'azienda. I due o più soggetti hanno un obbligo comune nei confronti del datore di lavoro. Le caratteristiche principali dello Job Sharing che lo differenziano dal contratto di lavoro part- time sono:

  • il job sharing implica un'unica obbligazione tra i soggetti- lavoratori nei confronti del datore di lavoro, i coobligati quindi devono essere legati da un forte rapporto di fiducia l'un l'altro tale da consentir loro di impegnarsi nei confronti di terzi (azienda);
  • i lavoratori devono indicare la ripartizione dell'attività al datore di lavoro. Tale ripartizione deve essere comunicata all'azienda sia in percentuale che nel dettaglio (il giorno, il mese e l’anno). I coobligati devono anche definire la possibilità o meno di modificare questa percentuale in futuro.

Informare il datore

Job Sharing significa letteralmente condivisione del lavoro. Per tale ragione i lavoratori devono informare il datore di lavoro, con cadenza almeno settimanale, della distribuzione dell’orario di lavoro e in caso di assenza di uno dei lavoratori, il datore di lavoro può pretendere l’adempimento dell’intera prestazione dall’altro, senza corrispondere maggiorazioni per lavoro straordinario.

I punti di forza

Questa particolare forma contrattuale ha l’obiettivo principale di rendere più semplice la conciliazione delle ore dedicate al lavoro con quelle delle propria vita, in modo da poter contare su lavoratori meno stressati e felici, soprattutto che l’azienda sia andata incontro alle esigenze dei suoi dipendenti. Un lavoratore sereno è in grado di svolgere al meglio la sua attività lavorativa rispetto ad uno che invece ha mille problemi, legati in particolar modo alla gestione del rapporto vita-lavoro e quindi anche l’azienda che propone questo tipo di contratto ne trae i suoi vantaggi. Il Job Sharing conosciuto anche con il nome di lavoro ripartito può essere usato da tutti i lavoratori, ad eccezione di quelli che lavorano nella pubblica amministrazione. Questo particolare genere di contratto deve avere delle specifiche caratteristiche, che sono riportate nell’elenco che segue.

  • E’un contratto subordinato e deve contenere obbligatoriamente tutti gli elementi che caratterizzano la forma contrattuale subordinata. Inoltre deve essere redatto in forma scritta.
  • Deve contenere i dati anagrafici dei due lavoratori coinvolti, la prestazione svolta da entrambi e la divisione delle ore lavorative.
  • Deve indicare le varie misure di sicurezza e tutela del lavoratore usate.
  • Può avere una durata determinata o essere a tempo indeterminato.

E’importante sapere che per quanto riguarda la retribuzione mensile, i lavoratori coinvolti devono ricevere lo stesso trattamento economico dei colleghi che svolgono la stessa mansione e hanno lo stesso livello. Naturalmente la retribuzione è proporzionale alle ore lavorative prestate.

La suddivisione lavorativa

Il datore di lavoro non può nella maniera più assoluta intervenire nella ripartizione delle ore lavorative, che sono a cura dei due lavoratori. Di seguito sono illustrate le principali regole che i due lavoratori sono tenuti a rispettare.

  • La suddivisione del lavoro può essere verticale o orizzontale. Nel primo caso i due lavoratori possono ad esempio lavorare una settimana, un mese o addirittura un anno per uno. Nel secondo caso invece possono darsi il cambio nella stessa giornata.
  • I due lavoratori possono decidere autonomamente di scambiarsi i turni lavorativi, in base alle loro necessità.
  • Le eventuali sostituzioni non possono essere eseguite da terzi.
  • I due lavoratori sono considerati dall’azienda un’unica unità lavorativa.

Potrebbe interessarti

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

immagine per Curriculum vitae in spagnolo

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum vitae in spagnolo.

Autorizzazione al trattamento dei dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Immagine usata per illustrare l'articolo Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo dellavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Leggi anche...

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi anche...

Il lavoro di impiegato: la classificazione, i ruoli, i requisiti

Lavoro dell'impiegato è un rapporto di lavoro subordinato. Il lavoro degli impiegati infatti è legato soprattutto alle attività di tipo amministrativo.

Leggi anche...

Contratto a intermittenza: in cosa consiste esattamente?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.