Quando arriva il momento di aprire un portale online o di lanciare la propria attività nel mondo del web si deve sempre scegliere a quale server di riferimento affidarsi sia per quanto riguarda la relativa gestione che il perfetto funzionamento della struttura. Ci sono molte opzioni tra le quali è possibile scegliere, ad ogni modo sempre più spesso si finisce per ricorrere al cloud server.

Leggere la parola cloud ci fa subito pensare alla capacità di condivisione e memorizzazione di dati e informazioni legata ai sistemi operativi di smartphone e pc. I cloud server fanno riferimento alla tecnologia cloud computing che offre un numero illimitato di macchine che agiscono come un sistema unico. Si tratta insomma di una macchina che ha risorse proprie, condivise online, come CPU e RAM.

Il sito internet non sarà ospitato su un server di tipo fisico, quanto piuttosto su una partizione del server di tipo virtuale che va ad attingere le risorse da una rete di macchine esistenti. Il cloud server è ormai divenuto una risorsa importante alla quale fanno riferimento sia le grandi imprese che le realtà di più ridotte dimensioni. Il cloud con IP dedicato è una soluzione molto versatile, perfetta per sviluppare portali digitali con un alto traffico in ingresso e siti di e-commerce ma anche database e sistemi di ERP. 

Flessibilità, scalabilità e alti livelli di performance

I vantaggi che il cloud server è in grado di offrire, a patto di essere correttamente organizzato, riguardano sia i concetti di affidabilità e flessibilità che quello di disponibilità di risorse. Anche la scalabilità è molto importante quando si parla di cloud server: si potrà infatti andare ad aumentare, in base alle proprie necessità e in modo immediato, le singole risorse (spazio disco, RAM e CPU). Tutto questo senza avere la necessità di dover cambiare macchina né di doverla bloccare.

Per quanto riguarda poi gli aspetti di flessibilità e sicurezza, è importante ricorrere a soluzioni come quelle offerte da Shellrent.com che sono pensate per evitare il downtime. In questo modo il progetto potrà essere sempre online e il portale non correrà mai il rischio di perdere neppure un potenziale visitatore.

Il cloud server si offre quale soluzione ideale per portare avanti e supportare progetti che abbiano bisogno di un alto livello di personalizzazione e maggiori risorse. Possono essere infatti processati grandi carichi di lavoro, assicurando al proprietario la possibilità di controllare a gestire in assoluta autonomia il server. Nel caso in cui si dovesse peraltro disporre di un ridotto budget da investire allo scopo, ancora una volta il cloud server si offre quale soluzione ideale per via dei prezzi molto più bassi rispetto a quelli di un server dedicato. Tutto questo continuando ad assicurare alti livelli di performance e assoluta autonomia gestionale.

Infine uno sguardo anche ai tempi di delivery del cloud server, che risultano essere estremamente veloci per non dire praticamente istantanei. Tra le altre cose, sarà anche interessante sottolineare come non vi sia la necessità di molta configurazione in fase di avvio.

Cloud vs VPS: come scegliere consapevolmente

Al di là di quanto detto fino ad ora vi sarete sicuramente trovati, durante il vostro percorso di informazione, davanti all’hosting VPS che viene in genere consigliato per startup e piccole imprese, mentre, il cloud server appare più adatto per reti e siti più grandi.
In entrambi i casi è importante pianificare un percorso per la scalabilità: man mano che il vostro sito cresce occorre sapere preventivamente comeaggiornare in modo facile le risorse.
Secondo il nostro parere è conveniente tenere in considerazione il VPS quando:

  • l’attività o il sito web in questione è, appunto, di piccole o medie dimensioni e soprattutto non ci si aspettano picchi di traffico improvvisi
  • si ha abbastanza esperienza per saperlo gestire
  • si ha bisogno di un server che sia altamente personalizzabile e dedicato
  • si ha bisogno di una soluzione più conveniente rispetto all’attuale

Per quanto riguarda invece il Cloud server, questo è l’opzione migliore quando:

cloud server

  • si ha dimestichezza con la gestione tecnica di un cloud server o si ha in azienda un operatore in grado di gestirlo
  • si ha a che fare con un sito web grande, con picchi di traffico più o meno frequenti per via di eventuali contenuti virali
  • la propria attività sta crescendo rapidamente o si è sicuri che il proprio host sappia tenere il passo 
  • il VPS appare poco adatto, soprattutto perché troppo costoso 
  • si ha bisogno di una soluzione più conveniente

Se vi siete già ritrovati ad analizzare entrambe le soluzioni e sembrano fare al caso vostro entrambe sia perché le conoscete poco, sia perché non siete ancora ben definiti come azienda, speriamo che queste brevi liste siano sufficienti ad indicarvi una direzione.
In più, anche se sia il VPS che il Cloud server sono basati su ambienti di hosting virtuale, si hanno delle differenze concrete: il Cloud server vi farà pagare in funzione al consumo effettivo delle risorse, andando quindi a modificare lo spazio disponibile, inoltre un VPS è anche segmentato da un server fisico, mentre il Cloud server è segmentato da un numero ampio di server fisici non necessariamente tutti in uso contemporaneamente, garantendo tendenzialmente prestazioni, affidabilità e sicurezza più elevate, oltre che un elevato e maggiore potenziale di crescita rispetto a quello di un VPS.
Qualunque sia la vostra scelta sappiate che la differenza la fa chi usa il servizio: se siete capaci il vostro sito non potrà che trarne vantaggio.

 

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.