In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa il codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Elenco dei codici

E' bene sapere che l'elenco di codice tributo è stato modificato più volte e spesso nascono dei codici nuovi relativi alla liquidazione di nuove tasse. Per tale ragione abbiamo scelto di fornirvi una guida derivante direttamente dall'Agenzia delle Entrate per poter disporre di informazioni e novità sui modelli di pagamento F23, F24 e sui codici tributi per la liquidazione di imposte e tasse sempre aggiornati.

Ecco alcuni codici:

001t, 109t, 105t, 171t, 114t, 104t, 115t, 109t, 456t 649t 674t, 678t, 778t, 741t, 731t, 741t, 806t, 886t, 806t, 907t, 941t, 964t

Accedi alla pagina dedicata alla ricerca del codice tributo per accedere ai seguenti servizi:

  • Elenco Codici tributo più ricorrenti
  • Ricerca guidata
  • Ricerca per singolo codice tributo
  • Tabelle di servizio

E' anche possibile ricercare un singolo codice tributo inserendo il numero del codice tributo da cercare nella form e visualizzando l'imposta a cui esso corrisponde. Per informazioni circa le tabelle dei codici tributo e altri codici per il modello F23, clicca su www.agenziaentrate.it



Vi suggeriamo anche: la Guida al modello F24 e la pagina dedicata al Modello F23: guida e compilazione

Tipologia di tasse che si possono pagare con l’F23

Il modello F23 è utilizzato per il pagamento di alcune particolari categorie di tasse e tributi che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Imposta relativa alle successioni e alle donazioni.
  • Tassa di registro, catastale e ipotecaria.
  • Sanzioni che sono state redatte da autorità amministrative e giudiziarie, come le multe.
  • Tasse dovute all’erario e al demanio, ad esempio le concessioni dei beni che appartengono al demanio marittimo.
  • preliminare compravendita
  • affitto terreno
  • atti giudiziari
  • affitto azienda
  • caparra confirmatoria
  • sanzione imposta registro

Il pagamento di questo modello può essere effettuato direttamente presso l’agente della riscossione, come Equitalia, in una banca o in ufficio postale. E’importante sapere che il versamento della somma dovuta può essere effettuato in contanti, con assegni bancari o postali, attraverso vaglia cambiari o tramite carta Bancomat. In linea di massima i dati che devono essere inseriti all’interno del modello sono quelli che appartengono a chi effettua il pagamento. In alcuni casi la documentazione arriva presso il domicilio dell’interessato, già compilata da parte dell’ente di riscossione unitamente all’atto in cui sono illustrate le motivazioni del pagamento richiesto.

Tipologie di tasse che si possono pagare con l’F24

Il modello F24 è usato da tutti quei contribuenti che devono provvedere al pagamento di contributi, tasse e premi. Coloro che sono possessori di partita Iva devono provvedere al pagamento delle somme riportate nel modello, obbligatoriamente per via telematica, ma possono affidarsi anche a intermediari come commercialisti, Caf ecc. Di seguito sono illustrati alcuni dei vari tributi che possono essere pagati con l’F24.

  • Tasse sui redditi, come Inps, Irpef ecc.
  • L’Iva.
  • Imposta sostitutiva sulle vendite immobiliari.
  • Ritenute sui redditi provenienti da lavoro o da capitale.
  • L’Irap.
  • Imposte sostitutive, ad esempio quelle sugli intrattenimenti.
  • Addizionale regionale e comunale all’Irpef.
  • Contributi e premi Inail, Enpals, Inpgi e Inps.
  • Tassa di consumo e fabbricazione.
  • L’Imu.
  • La Teres.
  • La Tari.
  • La Tasi.
  • Diritti camerali.
  • successione
  • Tasse speciali catastali e interessi.
  • Canoni di locazione Inpdap.
  • La Tarsu/Tariffa e la Tosap/Cosap.
  • Pene pecuniare.
  • Ravvedimento.
  • Autoliquidazione da dichiarazioni.
  • Controllo automatizzato e documentale della dichiarazione.
  • Avviso d’irrogazione di sanzioni.
  • Comunicazione di accertamento
  • registrazione comodato




Potrebbe interessarti


Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

I più condivisi


Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi tutto...

Dipendente pubblico e Partita IVA: alcune considerazioni

Salve, mi sto preparando per un concorso al Comune di Roma ma contemporaneamente sto anche studiando per prendere il patentino di guida turista, che è la mia vera passione.

Leggi tutto...

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

In caso di scadenza del contratto di lavoro (a tempo determinato), una lavoratrice ha diritto all’indennità INPS per la maternità anticipata o obbligatoria, in base a quanto sancito con la circolare ministeriale del 1 dicembre 2004.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Leggi anche...


Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Malattia Inps: come fare la domanda

fare domanda per la malattia

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavorare nella moda: passione, stile e guadagno

Un'attività in questo ambito prevede soprattutto un talento e una propensione creativa in grado di far emergere le proprie idee su quelle degli altri. È importante anche seguire le tendenze del momento, creandone di nuove e stare al passo con i cambiamenti e il rinnovarsi dei trend.

Leggi tutto...
Go to Top