In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa il codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Elenco dei codici

E' bene sapere che l'elenco di codice tributo è stato modificato più volte e spesso nascono dei codici nuovi relativi alla liquidazione di nuove tasse. Per tale ragione abbiamo scelto di fornirvi una guida derivante direttamente dall'Agenzia delle Entrate per poter disporre di informazioni e novità sui modelli di pagamento F23, F24 e sui codici tributi per la liquidazione di imposte e tasse sempre aggiornati.

Ecco alcuni codici:

001t, 109t, 105t, 171t, 114t, 104t, 115t, 109t, 456t 649t 674t, 678t, 778t, 741t, 731t, 741t, 806t, 886t, 806t, 907t, 941t, 964t

Accedi alla pagina dedicata alla ricerca del codice tributo per accedere ai seguenti servizi:

  • Elenco Codici tributo più ricorrenti
  • Ricerca guidata
  • Ricerca per singolo codice tributo
  • Tabelle di servizio

E' anche possibile ricercare un singolo codice tributo inserendo il numero del codice tributo da cercare nella form e visualizzando l'imposta a cui esso corrisponde. Per informazioni circa le tabelle dei codici tributo e altri codici per il modello F23, clicca su www.agenziaentrate.it



Vi suggeriamo anche: la Guida al modello F24 e la pagina dedicata al Modello F23: guida e compilazione

Tipologia di tasse che si possono pagare con l’F23

Il modello F23 è utilizzato per il pagamento di alcune particolari categorie di tasse e tributi che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Imposta relativa alle successioni e alle donazioni.
  • Tassa di registro, catastale e ipotecaria.
  • Sanzioni che sono state redatte da autorità amministrative e giudiziarie, come le multe.
  • Tasse dovute all’erario e al demanio, ad esempio le concessioni dei beni che appartengono al demanio marittimo.
  • preliminare compravendita
  • affitto terreno
  • atti giudiziari
  • affitto azienda
  • caparra confirmatoria
  • sanzione imposta registro

Il pagamento di questo modello può essere effettuato direttamente presso l’agente della riscossione, come Equitalia, in una banca o in ufficio postale. E’importante sapere che il versamento della somma dovuta può essere effettuato in contanti, con assegni bancari o postali, attraverso vaglia cambiari o tramite carta Bancomat. In linea di massima i dati che devono essere inseriti all’interno del modello sono quelli che appartengono a chi effettua il pagamento. In alcuni casi la documentazione arriva presso il domicilio dell’interessato, già compilata da parte dell’ente di riscossione unitamente all’atto in cui sono illustrate le motivazioni del pagamento richiesto.

Tipologie di tasse che si possono pagare con l’F24

Il modello F24 è usato da tutti quei contribuenti che devono provvedere al pagamento di contributi, tasse e premi. Coloro che sono possessori di partita Iva devono provvedere al pagamento delle somme riportate nel modello, obbligatoriamente per via telematica, ma possono affidarsi anche a intermediari come commercialisti, Caf ecc. Di seguito sono illustrati alcuni dei vari tributi che possono essere pagati con l’F24.

  • Tasse sui redditi, come Inps, Irpef ecc.
  • L’Iva.
  • Imposta sostitutiva sulle vendite immobiliari.
  • Ritenute sui redditi provenienti da lavoro o da capitale.
  • L’Irap.
  • Imposte sostitutive, ad esempio quelle sugli intrattenimenti.
  • Addizionale regionale e comunale all’Irpef.
  • Contributi e premi Inail, Enpals, Inpgi e Inps.
  • Tassa di consumo e fabbricazione.
  • L’Imu.
  • La Teres.
  • La Tari.
  • La Tasi.
  • Diritti camerali.
  • successione
  • Tasse speciali catastali e interessi.
  • Canoni di locazione Inpdap.
  • La Tarsu/Tariffa e la Tosap/Cosap.
  • Pene pecuniare.
  • Ravvedimento.
  • Autoliquidazione da dichiarazioni.
  • Controllo automatizzato e documentale della dichiarazione.
  • Avviso d’irrogazione di sanzioni.
  • Comunicazione di accertamento
  • registrazione comodato


Potrebbe interessarti

Il congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Leggi tutto...

Diventare medico: l'iter formativo in Italia

Essere medico è un sogno per tanti giovani e giovanissimi. L'iter formativo da seguire è abbastanza complesso e probabilmente solo se si è spinti da una grande passione si porta a termine il percorso di studi entro i tempi prefissati. 

Leggi tutto...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

Dopo aver terminato gli studi ognuno di noi comincia l’infinito percorso lavorativo che ci trasporta dalla giovane età dei vent’anni circa alla veneranda dei sessanta e al conseguimento della famosa pensione

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

I più condivisi

Sedi sindacati Roma: CGIL CISL e UIL

In questa pagina riportiamo la testimonianza di una nostra lettrice. Salve, mi chiamo Loredana, ho 31 anni , sono stata assunta a parole tramite un annuncio che avevo inserito a maggio su un portale di annunci di lavoro, io vengo da Palermo, la persona che mi ha contattata mi ha chiesto di trasferirmi a settembre.

Leggi tutto...

Operatore per infanzia: requisiti, mansioni e sbocchi professionali

L’operatore per l’infanzia si occupa di assistere e intrattenere i bambini presso strutture pubbliche o private. Questa figura professionale opera nel campo dei servizi socio-ricreativi per l’infanzia: baby parking e ludoteche, servizi integrativi al nido e alla scuola materna, asili aziendali, centri gioco, ecc.

Leggi tutto...

Riforma del contratto a progetto

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Attivazione di un numero verde in azienda

icona del numero verde

Uno dei metodi più efficaci per essere contattati dai propri clienti è quello di affidarsi ad un numero verde. Si tratta appunto di un servizio telefonico che un'azienda mette a disposizione dei clienti per rispondere a particolari domande e richieste.

Leggi tutto...

Leggi anche...

L'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma

Fino all'anno 2008, i romani che avessero aspirato a lavorare come attori professionisti o semplici comparse, avrebbero dovuto registrarsi presso l'Ufficio di Collocamento dello Spettacolo di Roma: superato l'iter burocratico il richiedente si sarebbe ritrovato iscritto in un'apposita lista unica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il CCNL per l'industria: un approfondimento

La presenza di un Ccnl, ovvero di un Contratto collettivo nazionale del Lavoro e di settore, è fondamentale per regolare al meglio le dinamiche di lavoro e le direttive di una determinata categoria lavorativa.

Leggi tutto...
Go to Top