Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.

Che si tratti di provvedere alla stampa di locandine, di brochure, di volantini, di manifesti o di prodotti di qualsiasi altro tipo, essere in possesso di competenze afferenti al settore grafico non è essenziale, ma di sicuro può rappresentare un vantaggio rispetto alla concorrenza: tali competenze, infatti, permettono di non dover fare affidamento su professionisti esterni per la realizzazione di layout e per tutto ciò che riguarda la definizione del design dei prodotti. Anche non potendo contare su un diploma in ambito grafico, si può rimediare frequentando un corso ad hoc in web design o in grafica digitale: vale la pena di verificare se la Regione in cui si risiede li mette a disposizione in forma gratuita o se sia necessario pagare per prendervi parte.

Insomma, oggi chi decide di diventare un tipografo si avvia a un mestiere che non è più caratterizzato da quell'aspetto artigianale che lo contraddistingueva fino a qualche anno fa: oggi si tratta soprattutto di avere dimestichezza con tecnologie recenti e innovative, anche per conoscere le ultime novità del mercato e non farsi superare dalla concorrenza. Per quanto concerne i costi, c'è da valutare in primo luogo l'affitto dei locali che dovranno ospitare il laboratorio: locali che dovranno mettere a disposizione una superficie minima di 60 metri quadri, e magari dovranno essere situati in una zona geografica densamente popolata in cui non sono ancora presenti tipografie.

L'investimento atteso di capitale è piuttosto consistente soprattutto in relazione all'acquisto di macchinari, a meno che non si voglia prendere in considerazione la possibilità di ricorrere al comodato d'uso. Le opportunità che il mercato attuale mette a disposizione, in ogni caso, sono numerose e variegate, anche perché oggi il mondo della stampa è molto più eterogeneo rispetto al passato: alla stampa su carta - per le guide, le riviste, le brochure, i volantini, i libri, i cataloghi, e così via - si è affiancata quella su altri supporti, dalla plastica ai tessuti, per la realizzazione e la decorazione di cappelli, tovaglie, magliette a maniche corte, lenzuola, eccetera.

Stampa di locandine e non solo: cosa fa un tipografo?

A meno che non si sia intenzionati ad aprire una tipografia di grandi dimensioni, è consigliabile comprendere e stabilire in quale settore si è intenzionati a specializzarsi: dalla stampa di locandine alla stampa digitale su striscioni e cartelli, le opzioni non mancano di certo, e l'obiettivo deve essere quello di elevarsi rispetto alla concorrenza e di farsi notare. Nulla vieta di prendere spunto dai competitor, o comunque da altre tipografie presenti sul territorio nazionale, per cogliere idee e tramutarle in realtà. Dal punto di vista burocratico e normativo, è necessario aprire la partita Iva se non se ne è ancora in possesso: a tal proposito è sempre meglio richiedere il supporto di un commercialista, per non incappare in falle e lacune che potrebbero rivelarsi gravi o pericolose.

Tra le qualità che devono essere offerte alla clientela, oltre alla bontà dei prodotti realizzati, c'è anche la puntualità delle consegne e il rispetto delle scadenze: tempistiche rapide aumentano il numero di clienti che si è in grado di attirare. Per non correre il rischio di rimanere indietro rispetto alla concorrenza, poi, vale la pena di frequentare corsi di aggiornamento e di sfruttare quella fonte infinita di informazioni e approfondimenti che è Internet, magari iscrivendosi a forum di tipografi o consultando le pagine dei social network dedicate agli addetti ai lavori.

E a proposito di social media, per promuovere la propria attività in modo efficace e senza spendere alcunché, non si può fare a meno di creare pagine e profili della propria attività su LinkedIn, su Facebook e soprattutto su Instagram: il social per eccellenza dedicato alle foto, alle immagini e ai contenuti visivi merita di essere sfruttato per farsi pubblicità.

Dopo essersi affiliati alla Camera di Commercio locale, poi, si può pensare di sponsorizzare, se non addirittura di organizzare, gli eventi pubblici che si svolgono nella zona in cui la tipografia è collocata. La collaborazione con uno studio grafico si può rivelare molto importante, mentre per quel che riguarda la strumentazione tecnologica non si può fare a meno di un computer, di un plotter che stampi in A0 per i lavori di quantità modeste e una stampante laser che consenta di stampare almeno in Tabloid Plus. Da non dimenticare il bromografo, che permette di realizzare le lastre di stampa, così come la rilegatrice, la piegatrice e il tagliacarte. Oltre, ovviamente, ai materiali di consumo, dagli inchiostri alla carta.





Potrebbe interessarti


Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Leggi tutto...

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Leggi tutto...

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Tour Leader: ecco il lavoro dell'hostess di terra

La Tour Leader è un'hostess di terra che prende un gruppo in partenza per un viaggio dal proprio paese d’origine, lo accompagna, assiste e segue in un viaggio all’estero e lo riaccompagna nel paese d’origine senza mai lasciarlo.

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Straordinari non pagati: sai cosa fare?

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Leggi tutto...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavorare in Abruzzo: conosci queste opportunità?

lavorare in abruzzo

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte per lavorare in Abruzzo.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Lavoro Categorie Protette: chi ne ha diritto e le offerte online

Contratto per lavoratori delle categorie protette

Il tema del lavoro per le categorie protette è disciplinato dalla legge numero 68 del 1999. e rientra nella dinamica legata alla tutela del lavoratore. I lavoratori che fanno parte di questa dimensione hanno oltre di 15 anni d'età e non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Codice tributo per F23: ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa il codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Leggi tutto...
Go to Top