Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.

Che si tratti di provvedere alla stampa di locandine, di brochure, di volantini, di manifesti o di prodotti di qualsiasi altro tipo, essere in possesso di competenze afferenti al settore grafico non è essenziale, ma di sicuro può rappresentare un vantaggio rispetto alla concorrenza: tali competenze, infatti, permettono di non dover fare affidamento su professionisti esterni per la realizzazione di layout e per tutto ciò che riguarda la definizione del design dei prodotti. Anche non potendo contare su un diploma in ambito grafico, si può rimediare frequentando un corso ad hoc in web design o in grafica digitale: vale la pena di verificare se la Regione in cui si risiede li mette a disposizione in forma gratuita o se sia necessario pagare per prendervi parte.

Insomma, oggi chi decide di diventare un tipografo si avvia a un mestiere che non è più caratterizzato da quell'aspetto artigianale che lo contraddistingueva fino a qualche anno fa: oggi si tratta soprattutto di avere dimestichezza con tecnologie recenti e innovative, anche per conoscere le ultime novità del mercato e non farsi superare dalla concorrenza. Per quanto concerne i costi, c'è da valutare in primo luogo l'affitto dei locali che dovranno ospitare il laboratorio: locali che dovranno mettere a disposizione una superficie minima di 60 metri quadri, e magari dovranno essere situati in una zona geografica densamente popolata in cui non sono ancora presenti tipografie.

L'investimento atteso di capitale è piuttosto consistente soprattutto in relazione all'acquisto di macchinari, a meno che non si voglia prendere in considerazione la possibilità di ricorrere al comodato d'uso. Le opportunità che il mercato attuale mette a disposizione, in ogni caso, sono numerose e variegate, anche perché oggi il mondo della stampa è molto più eterogeneo rispetto al passato: alla stampa su carta - per le guide, le riviste, le brochure, i volantini, i libri, i cataloghi, e così via - si è affiancata quella su altri supporti, dalla plastica ai tessuti, per la realizzazione e la decorazione di cappelli, tovaglie, magliette a maniche corte, lenzuola, eccetera.

Stampa di locandine e non solo: cosa fa un tipografo?

A meno che non si sia intenzionati ad aprire una tipografia di grandi dimensioni, è consigliabile comprendere e stabilire in quale settore si è intenzionati a specializzarsi: dalla stampa di locandine alla stampa digitale su striscioni e cartelli, le opzioni non mancano di certo, e l'obiettivo deve essere quello di elevarsi rispetto alla concorrenza e di farsi notare. Nulla vieta di prendere spunto dai competitor, o comunque da altre tipografie presenti sul territorio nazionale, per cogliere idee e tramutarle in realtà. Dal punto di vista burocratico e normativo, è necessario aprire la partita Iva se non se ne è ancora in possesso: a tal proposito è sempre meglio richiedere il supporto di un commercialista, per non incappare in falle e lacune che potrebbero rivelarsi gravi o pericolose.

Tra le qualità che devono essere offerte alla clientela, oltre alla bontà dei prodotti realizzati, c'è anche la puntualità delle consegne e il rispetto delle scadenze: tempistiche rapide aumentano il numero di clienti che si è in grado di attirare. Per non correre il rischio di rimanere indietro rispetto alla concorrenza, poi, vale la pena di frequentare corsi di aggiornamento e di sfruttare quella fonte infinita di informazioni e approfondimenti che è Internet, magari iscrivendosi a forum di tipografi o consultando le pagine dei social network dedicate agli addetti ai lavori.

E a proposito di social media, per promuovere la propria attività in modo efficace e senza spendere alcunché, non si può fare a meno di creare pagine e profili della propria attività su LinkedIn, su Facebook e soprattutto su Instagram: il social per eccellenza dedicato alle foto, alle immagini e ai contenuti visivi merita di essere sfruttato per farsi pubblicità.

Dopo essersi affiliati alla Camera di Commercio locale, poi, si può pensare di sponsorizzare, se non addirittura di organizzare, gli eventi pubblici che si svolgono nella zona in cui la tipografia è collocata. La collaborazione con uno studio grafico si può rivelare molto importante, mentre per quel che riguarda la strumentazione tecnologica non si può fare a meno di un computer, di un plotter che stampi in A0 per i lavori di quantità modeste e una stampante laser che consenta di stampare almeno in Tabloid Plus. Da non dimenticare il bromografo, che permette di realizzare le lastre di stampa, così come la rilegatrice, la piegatrice e il tagliacarte. Oltre, ovviamente, ai materiali di consumo, dagli inchiostri alla carta.



Potrebbe interessarti

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Leggi tutto...

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Come entrare nell’Esercito italiano

Quando si valuta di intraprendere la carriera militare, bisogna prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali affinché il nostro percorso sia dei più accurati e idonei possibile. Del resto ne va del proprio futuro e non si può improvvisare niente o lasciare nulla al caso.

Leggi tutto...

Offerte di lavoro Marche: sai come trovarle?

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro Marche.

Leggi tutto...

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Il colloquio di gruppo, anche detto Assesment Center, è un tipo di selezione in cui i candidati vengono invitati alla fase di recruitment insieme ad altri allo scopo di verificarne il potenziale tecnico, ma anche psico-sociale.

Leggi tutto...

Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

Ampliamo le informazioni relative alle forme di sostegno del reddito e gli incentivi spettanti le lavoratrici madri, dedicando spazio all'assegno di maternità.

Leggi tutto...

Il calcolo per la ritenuta d'acconto: una guida completa

Cosa deve compilare un lavoratore dipendente per dichiarare le ritenute fiscali? Quali moduli deve presentare? Nel diritto tributario italiano, e dunque in area fiscale, con il termine ritenuta d'acconto si intende una trattenuta effettuata dallo Stato su di un compenso assoggettato a tassazione, corrisposto dal soggetto sostituto di imposta nei confronti di un altro soggetto, denominato percipiente. Di seguito una guida dettagliata su come si calcola e su come si dichiara la ritenuta d'acconto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come diventare agente di commercio?

L'agente di commercio è un intermediario fra le imprese manifatturiere e le organizzazioni della distribuzione.
Per poter accedere a questa professione è necessario che l'interessato disponga di una serie di caratteristiche e competenze; vedremo a seguire in cosa consistono.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Requisiti per lavorare in banca

Per coloro che sognano il posto fisso, il lavoro in banca è sicuramente un' opportunità imperdibile; sono infatti numerose le aziende del settore che in Italia vanno alla ricerca di nuovo personale.

Leggi tutto...
Go to Top