Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.

Che si tratti di provvedere alla stampa di locandine, di brochure, di volantini, di manifesti o di prodotti di qualsiasi altro tipo, essere in possesso di competenze afferenti al settore grafico non è essenziale, ma di sicuro può rappresentare un vantaggio rispetto alla concorrenza: tali competenze, infatti, permettono di non dover fare affidamento su professionisti esterni per la realizzazione di layout e per tutto ciò che riguarda la definizione del design dei prodotti. Anche non potendo contare su un diploma in ambito grafico, si può rimediare frequentando un corso ad hoc in web design o in grafica digitale: vale la pena di verificare se la Regione in cui si risiede li mette a disposizione in forma gratuita o se sia necessario pagare per prendervi parte.

Insomma, oggi chi decide di diventare un tipografo si avvia a un mestiere che non è più caratterizzato da quell'aspetto artigianale che lo contraddistingueva fino a qualche anno fa: oggi si tratta soprattutto di avere dimestichezza con tecnologie recenti e innovative, anche per conoscere le ultime novità del mercato e non farsi superare dalla concorrenza. Per quanto concerne i costi, c'è da valutare in primo luogo l'affitto dei locali che dovranno ospitare il laboratorio: locali che dovranno mettere a disposizione una superficie minima di 60 metri quadri, e magari dovranno essere situati in una zona geografica densamente popolata in cui non sono ancora presenti tipografie.

L'investimento atteso di capitale è piuttosto consistente soprattutto in relazione all'acquisto di macchinari, a meno che non si voglia prendere in considerazione la possibilità di ricorrere al comodato d'uso. Le opportunità che il mercato attuale mette a disposizione, in ogni caso, sono numerose e variegate, anche perché oggi il mondo della stampa è molto più eterogeneo rispetto al passato: alla stampa su carta - per le guide, le riviste, le brochure, i volantini, i libri, i cataloghi, e così via - si è affiancata quella su altri supporti, dalla plastica ai tessuti, per la realizzazione e la decorazione di cappelli, tovaglie, magliette a maniche corte, lenzuola, eccetera.

Stampa di locandine e non solo: cosa fa un tipografo?

A meno che non si sia intenzionati ad aprire una tipografia di grandi dimensioni, è consigliabile comprendere e stabilire in quale settore si è intenzionati a specializzarsi: dalla stampa di locandine alla stampa digitale su striscioni e cartelli, le opzioni non mancano di certo, e l'obiettivo deve essere quello di elevarsi rispetto alla concorrenza e di farsi notare. Nulla vieta di prendere spunto dai competitor, o comunque da altre tipografie presenti sul territorio nazionale, per cogliere idee e tramutarle in realtà. Dal punto di vista burocratico e normativo, è necessario aprire la partita Iva se non se ne è ancora in possesso: a tal proposito è sempre meglio richiedere il supporto di un commercialista, per non incappare in falle e lacune che potrebbero rivelarsi gravi o pericolose.

Tra le qualità che devono essere offerte alla clientela, oltre alla bontà dei prodotti realizzati, c'è anche la puntualità delle consegne e il rispetto delle scadenze: tempistiche rapide aumentano il numero di clienti che si è in grado di attirare. Per non correre il rischio di rimanere indietro rispetto alla concorrenza, poi, vale la pena di frequentare corsi di aggiornamento e di sfruttare quella fonte infinita di informazioni e approfondimenti che è Internet, magari iscrivendosi a forum di tipografi o consultando le pagine dei social network dedicate agli addetti ai lavori.

E a proposito di social media, per promuovere la propria attività in modo efficace e senza spendere alcunché, non si può fare a meno di creare pagine e profili della propria attività su LinkedIn, su Facebook e soprattutto su Instagram: il social per eccellenza dedicato alle foto, alle immagini e ai contenuti visivi merita di essere sfruttato per farsi pubblicità.

Dopo essersi affiliati alla Camera di Commercio locale, poi, si può pensare di sponsorizzare, se non addirittura di organizzare, gli eventi pubblici che si svolgono nella zona in cui la tipografia è collocata. La collaborazione con uno studio grafico si può rivelare molto importante, mentre per quel che riguarda la strumentazione tecnologica non si può fare a meno di un computer, di un plotter che stampi in A0 per i lavori di quantità modeste e una stampante laser che consenta di stampare almeno in Tabloid Plus. Da non dimenticare il bromografo, che permette di realizzare le lastre di stampa, così come la rilegatrice, la piegatrice e il tagliacarte. Oltre, ovviamente, ai materiali di consumo, dagli inchiostri alla carta.





Potrebbe interessarti

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavorare con la Partita Iva: quali sono gli obblighi?

libero professionista che lavora con la partita iva

Chi intende aprire una partita IVA deve sapere che, oltre ai vantaggi che da essa potrà trarne, sarà soggetto al rispetto e all'osservanza di alcuni obblighi specifici.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Globalizzazione economica: positiva o negativa?

Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imprenditore agricolo: come ottenere la qualifica?

Per il Codice Civile (ai sensi dell’art. 2135 C.C., come modificato dal D. Lgs. 228/2001), è imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali; attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione del territorio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro segretaria: conosci i requisiti?

In ogni ufficio o azienda che si rispetti, la presenza di una segretaria è quantomeno indispensabile per gestire e organizzare l'agenda quotidiana. L'attività che deve svolgere è legata naturalmente agli impegni del datore di lavoro: essa infatti ha come compito quello di organizzare la giornata lavorativa del "capo".

Leggi tutto...
Go to Top