Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. Spesso inoltre, ma qui parliamo di problemi successivi alla firma del contratto, può accadere che il dipendente sia suo malgrado protagonista di situazioni in cui si verifichino mancati pagamenti di stipendio o ritardi nella retribuzione. L’incomprensione spesso dipende dal fatto che l’importo del salario venga espresso, in fase di trattativa, come lordo e che dunque risulti errato il Calcolo della retribuzione.

Importo del salario lordo mensile. Non il massimo se confrontato con i compensi in Germania o Svizzera

Ci sono diversi metodi per il calcolo dello stipendio netto. Di seguito riportiamo gli step fondamentali:

  • dall’importo relativo all’imponibile previdenziale o imponibile INAIL
    • detrarre
  • i contributi previdenziali INPS o i contributi previdenziali supplementari per i lavoratori iscritti ad un Fondo Pensione
    • si ottiene dunque l’imponibile fiscale (su cui si calcola la tassa dell’IRPEF)
    • da questo detrarre
  • la voce addizionali regionali e comunali, tasse definite dalla legge Finanziaria da corrispondere a Regione o Comune.

La legge e la busta paga che regola la nostra rimunerazione

All'importo dovrà essere aggiunto l’eventuale assegno famigliare (non soggetto a tassazione). Su internet è possibile trovare portali che consentono il calcolo dello stipendio netto. Segnaliamo a questo scopo il sito Virgilio Lavoro e quello di Repubblica (sezione MioJob).

Gli elementi della retribuzione netta: calcola il tuo stipendio

Ci sono alcuni particolari e specifici elementi che concorrono alla formazione della retribuzione netta e sono riportati nell’elenco che segue.

  • Elementi variabili: vale a dire che possono essere presi in considerazione per il calcolo della retribuzione di un mese ma non in quello di un altro e sono riferiti all’esecuzione della prestazione lavorativa. Sono considerati elementi variabili le ore lavorative straordinarie, la prestazione lavorativa prestata durante i giorni festivi, le indennità varie, come il lavoro notturno, le trasferte, i turni ecc., il lavoro supplementare, le giornate di malattia e gli eventuali premi lavorativi.
  • Elementi fissi: vale a dire che sono nominati nella busta paga del lavoratore ogni mese e generalmente hanno sempre lo stesso importo. Sono considerati elementi fissi la paga base, il superminimo, il terzo elemento e gli scatti di anzianità. Gli elementi fissi possono variare nel caso in cui un dipendente abbia maturato il rinnovo del contratto collettivo.
  • Elementi detrattivi, vale a dire tutti quei elementi che devono essere sottratti dalla retribuzione per poter calcolare la paga netta del lavoratore. Sono considerati elementi detrattivi i contributi che il lavoratore deve versare all’Inps, il pagamento dell’Irpef e le relative addizionali, i vari contributi volontari, come i versamenti a favore del proprio sindacato di appartenenza, del CRAL ecc., eventuali rimborsi della società, magari dovuti a somme di denaro prese in prestito.
    • All’interno degli elementi detrattivi è possibile fare un’ulteriore distinzione tra quelli fissi e quelli che invece sono variabili. Sono elementi detrattivi fissi, quindi sempre considerati nel calcolo dello stipendio netto, il versamento dei contributi Inps e l’Irpef. Sono invece elementi detrattivi variabili quelli che possono essere presenti in busta paga solo in alcuni periodi e il loro importo può cambiare con il trascorrere del tempo, ad esempio i contributi volontari al proprio sindacato non devono essere necessariamente versati tutti i mesi, lo stesso discorso vale per i rimborsi che l’azienda versa ai dipendenti.

Documenti per il calcolo della paga del personale

Ci sono due documenti in base ai quali si calcola la retribuzione del personale: Job Description e Job Profile.

Job Description si basa sulla:

  • valutazione della posizione; da cui deriva la retribuzione fissa
  • valutazione della prestazione; da cui deriva la retribuzione variabile

Job Profile anaizza la valutazione potenziale, quindi lo sviluppo e le possibilità di carriera.

La Job Profile è il profilo ideale della persona che deve coprire una determinata posizione e si compone di competenze (capacità, esperienze, conoscenze).

Il calcolo del valore per retribuire un dipendente deriva dalle “3 P del personale” che sono: posizione, prestazione e potenziale.

I requisiti della retribuzione: ecco cosa deve comprendere il tuo stipendio

La retribuzione è un diritto fondamentale di ogni lavoratore che presta un’attività lavorativa presso un ente o una società. L’articolo 36 della Costituzione è dedicato ai requisiti che deve obbligatoriamente possedere la retribuzione e sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Proporzionalità, vale a dire che l’ammontare economico del salario deve essere proporzionale alle ore lavorative svolte, alla difficoltà, complessità, responsabilità e importanza della prestazione lavorativa eseguita.
  • Sufficienza, il salario deve ammontare ad una somma di denaro adeguata a sostenere le esigenze del lavoratore e della sua famiglia.

Nel caso in cui questi requisiti non siano rispettati dal datore di lavoro nell’erogazione dello stipendio al dipendente, intervengono i sindacati, organizzazioni che si dedicano all’attuazione e alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori. E’ importante sottolineare che la giurisprudenza considera sufficiente una retribuzione quando è uguale o supera i minimi tabellari stabiliti nei contratti collettivi.

La retribuzione minima è contenuta quindi all’interno del contratto collettivo del lavoro, ma viene spesso aggiornata in seguito ad accordi di rinnovo. L’articolo 2099 del Codice Civile stabilisce che il compenso deve essere effettuato preferibilmente sul posto di lavoro, in denaro e entro un periodo di tempo determinato, generalmente i lavoratori percepiscono lo stipendio ogni mese.

Esistono però quattro diverse tipologie di pagamenti per prestazioni di lavoro e sono illustrate di seguito.

  • La prima è detta a tempo e stabilisce che la somma dello stipendio erogato debba essere proporzionale alla prestazione lavorativa effettuata.
  • La seconda è chiamata a cottimo ed è in relazione al risultato con un singolo lavoratore o un gruppo ha realizzato. In questo caso lo stipendio sarà in parte composto dal numero di unità che sono state realizzate. I contratti collettivi non utilizzano quasi mai questo genere di retribuzione, ma concedono ai lavoratori di determinati settori di avere una maggiorazione sullo stipendio minimo. Nel caso in cui una persona stia effettuando un tirocinio la legge non permette il cottimo, perchè andrebbe a discapito del lavoratore inesperto che non è ancora in grado di produrre in modo sufficiente. E’invece considerato obbligatorio per tutti quei mestieri che devono mantenere un determinato ritmo produttivo e per i lavoratori a domicilio.
  • La terza è definita a premio e dipende dai risultati raggiunti.
  • La quarta è la partecipazione agli utili, è una forma aggiuntiva alla retribuzione ma in questo caso il lavoratore è soggetto ai rischi d’impresa.

Casi in cui lo stipendio viene pignorato

La riscossione dello stipendio è un diritto di tutti i lavoratori; in alcuni casi ciò non avviene a causa del mancato pagamento del salario o dei ritardi sul versamendo della retribuzione che spetta al lavoratore.

Per motivi di varia natura, soprattutto dovuti a debiti da parte del dipendente, si può inoltre verificare il pignoramento dello stipendio. È infatti possibile che un lavoratore si veda pignorato il proprio stipendio; sono altresì soggetti a pignoramento anche le pensioni e le indennità.

Il pignoramento dello stipendio, dei salari e delle pensioni relative ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni era regolato dagli artt. da 1 a 4 del D.P.R. Del 5 gennaio 1950 n.180. Con la Finanziaria del 2005 (legge 311/04), il pignoramento degli stipendi privati e di quelli pubblici è stato equiparato.

  • Iè previsto in caso di debiti con nei confronti dello Stato, delle Provincie, dei Comuni, delle imprese, delle aziende o di altri enti, soprattutto di natura contributiva o legati a rapporti d'impiego; in questi casi viene pignorato un quinto dello stipendio dell'impiegato o salariato.
  • È possibile anche il pignoramento di un terzo dello stipendio per crediti di natura alimentare.

Il pignoramento dello stipendio viene applicato immediatamente dal momento della notifica.

In Italia è crisi nera per gli stipendi

Nel nostro paese le piccole e medie imprese sono una risorsa preziosa per l’andamento dell’economia, ma purtroppo la crisi economica che ha colpito l’Europa negli ultimi anni ha avuto conseguenze negative in particolar modo su queste. Da alcuni recenti studi di mercato è emerso che negli ultimi sei anni sono ben 134 mila le piccole e medie imprese che hanno dovuto chiudere la propria attività.

Si tratta in particolra modo di artigiani e commercianti che a causa della crisi economica per le piccole imprese, hanno visto andare in pezzi anni di lavoro. In alcuni casi si trattava addirittura di attività che erano presenti sul territorio da anni e che venivano tramandate di generazione in generazione.

Le problematiche maggiori

Gli artigiani e i commercianti non usufruiscono neanche di nessuna forma di cassa integrazione o mobilità, quindi si ritrovano senza lavoro e molto spesso anche con numerosi debiti da saldare, che magari hanno contratto per riuscire e non chiudere l’attività, ma che purtroppo non sono serviti a molto. Alcune piccole imprese per cercare di combattere la crisi economica hanno aderito a un nuovo trend, vale a dire lo scambio di merci e servizi.





Potrebbe interessarti

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Contratto a tempo determinato: informazioni su durata e proroga

Immagine d'esempio usata nell'articolo Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

ccnl artigianato

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Regime fiscale agevolato: come funziona questo tipo di Partita IVA

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Tipi di contratti di lavoro: vediamo in quest'articolo quali sono!

immagine esemplificativa di tipi di contratto di lavoro

I tipi di contratti di lavoro sono vari ma la definizione di contratto è una sola, ovvero si tratta di un negozio giuridico. quindi “una manifestazione di volontà destinata a produrre effetti giuridici ammessi dall’ordinamento giuridico”.

Corsi lavorativi: sai scegliere il meglio per il tuo futuro?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti.

Sviluppo Italia e il suo nuovo sito www.invitalia.it

Invitalia, già Sviluppo Italia, è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa. Sviluppo Italia svolge l'incarico affidatogli dal Governo per migliorare la competitività imprenditoriale e aziendale dell'Italia e supportare nuove iniziative e progetti aziendali.

Leggi anche...

Lavoro in cooperativa: qual è il suo compito?

Immagine usata per illustrare l'articolo Lavoro in cooperativa: qual è il suo compito?

Una cooperativa lavoro è una società nata per gestire un'impresa in comune tra più persone; essa è regolarmente disciplinata dall'articolo 45 della Costituzione Italiana. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro per call center

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Organigramma aziendale: creare e leggere una struttura organizzativa

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Organigramma aziendale: creare e leggere una struttura organizzativa

Due o più persone che collaborino insieme per raggiungere un obiettivo necessitano di un’organizzazione aziendale per coordinarsi. Il termine organizzazione indica il set di strumenti che influenza ed indirizza i comportamenti affinché le persone raggiungano gli obiettivi prefissati.

Leggi tutto...
Go to Top