Perchè sempre più giovani si informano su come diventare barman?

La tendenza al lavoro autonomo è in crescita e tra le professioni più avviate ci sono le attività commerciali, in genere, e gli esercizi di ristorazione in particolare: ristoranti, bar, street food, pasticcerie, tea-room, forni e catering e tutto quanto riguardi gli aspetti della ristorazione creativa o industriale.

I giovani, affascinati dai miti cinematografici o dai piaceri dell’alcool fine a se stesso, sono sempre più orientati all’apertura di bar o, in assenza di fondi, informarsi su come diventare barman per avvicinarsi al colorato mondo dei drink, dei cocktail, degli after dinner, tra shaker, mixer e bottiglie da roteare acrobaticamente. E allora vediamo come diventare un barman di professione e quali sono gli step da superare e se esistono corsi di formazione adatti.

Intraprendere la professione di barman richiede impegno, tenacia, creatività e molto studio. L’acquisizione delle giuste competenze non garantisce l’inizio brillante dell’attività, soprattutto se si aspira a diventare barman acrobatico o, addirittura, ambire alla gestione di un bar. La gavetta - spesso lunga - è il vero “banco” di prova, perché serve pratica e anche tempo per sperimentare. Durante la gavetta è indispensabile aggiornarsi sulle nuove tendenze. Il lavoro di barman, infine, richiede anche il “fisico” per via degli orari e dei ritmi serrati e di molte ore da trascorrere in piedi.

Per diventare barman di professione è importante capire soprattutto le motivazioni che spingono ad intraprendere una professione faticosa e poco remunerativa soprattutto agli esordi. La prima ragione deve risiedere nella passione, un’autentica cultura delle bevande e delle miscele, del gusto e dei sapori, della ricerca continua della qualità dei prodotti utilizzati. La creatività è sia una dote che una spinta per diventare bravi professionisti, ma il “talento” deve essere coltivato frequentando corsi di specializzazione. Al termine di un percorso di formazione si può ambire ad una carriera da bar tender e barman accreditato con guadagni molto interessanti (anche 400 € a serata, nel caso di barman freelance).

Un’abilità che non deve mancare al barman è il “palato”, la capacità di mixare sapori, sperimentare, innovare ed esplorare nuovi gusti. Ma l’innovazione richiede la conoscenza delle basi e l’abilità di riprodurre cocktail internazionali famosi per poterli modificare o personalizzare, offrendo quel tocco distintivo che rende unici e riconoscibili, proprio come i disc jockey, i musicisti o qualsiasi altro lavoro artistico. Il bartending è, a modo suo, un’arte e si può imparare.

Quali sono i corsi per diventare un barman

come diventare barmban

Diventare barman professionista richiede, oltre alla passione e alla creatività, di avere alle spalle una solida formazione e requisiti specifici:

  • Diploma di scuola alberghiera come “operatore di sala-bar”;
  • Esame di idoneità per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande;
  • Corso di specializzazione accreditato e riconosciuto.

In Italia, i corsi di formazione che rilasciano attestati accreditati sono diversi, i più importanti sono i seguenti:

  • Aibes;
  • Planet One;
  • Flair Academy Milano;
  • Drink Factory Bologna;
  • Flair Bartender’s School;
  • Fipe;
  • Mixology Academy;

I corsi di specializzazione possono essere frequentati anche senza aver conseguito il diploma alberghiero. Attraverso i corsi, è possibile entrare in contatto con i professionisti del settore e apprendere le tecniche e i segreti del mestiere. Quando si frequenta un corso per diventare barman, è possibile scegliere dei percorsi ulteriori di specializzazione o “materie” di studio:

  • Preparazione di cocktail classici;
  • Preparazione di cocktail molecolari;
  • Bar tending acrobatico;
  • Mixologia;
  • Bar chef;
  • Flair bar tender.

Scegliere dove lavorare e in che stagione

Dopo aver conseguito tutti gli attestati necessari e avere le “carte” in regola per poter affrontare la professione, occorre fare le prime scelte come per esempio decidere di lavorare presso una struttura in pianta stabile oppure solo durante determinate stagioni (alta stagione invernale o estiva).

Una volta scelto dove lavorare e quando, occorre ampliare le conoscenze e creare una rete di relazioni che significa conoscere i locali della concorrenza, osservare i clienti, dialogare con loro per conoscere i gusti, conoscere altri barman, possibilmente già con qualche anno di esperienza, per carpire altri trucchi del mestiere, mantenere i contatti con le persone conosciute durante i corsi. Un lavoratore alle prime armi deve saper assorbire quante più informazioni possibili sul mestiere. Allo stesso tempo, un barman di esperienza non deve smettere di aggiornarsi e apprendere nuove tecniche e nuovi mix, nonché nuovi strumenti e oggetti per esercitare la professione.

La voglia di osare non è sinonimo di vanità nel caso del barman, perché se si desidera ampliare le opportunità di lavoro occorre farsi conoscere e notare – senza per questo diventare famoso. In un mercato competitivo, distinguersi fa la differenza attraverso la creatività, la sperimentazione e qualche acrobazia. Un punto di forza del bravo barman è l’essere riconoscibile, ma allo stesso tempo deve seguire le tendenze per saperle adattare al proprio stile: per esempio, l’uso dello zenzero nei cocktail è una moda che ha conquistato il mondo e che necessitava di essere “cavalcata” per non perdere i clienti che lo richiedono.

Un professionista non rinuncia mai alla qualità dei prodotti, la scelta dei liquori e la sapienza della miscelazione. La qualità e la professionalità fanno bene alla reputazione del barman, ma anche e soprattutto ai clienti che sanno riconoscere e apprezzare entrambe e la fiducia è la prima moneta con cui i clienti ripagano i sacrifici di un buon barman costruendo le basi della sua futura carriera e magari del successo.

Potrebbe interessarti

Rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Lifelong learning: imparare per crescere e migliorarsi

La Feltrinelli ha creato la piattaforma di formazione dove puoi trovare i corsi on demand per costruire il tuo personale percorso di lifelong learning, corsi che possono rispondere a ogni esigenza e necessità. Scopriamone alcuni per farci un’idea più precisa.

Giornate massime di disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Il lavoro nero non ha, nel nostro paese, definizione giuridica che si possa definire chiara al 100%. Le definizioni infatti sono state nel corso degli ultimi anni le seguenti (dovute alle leggi uscite dal nostro Parlamento):

Taglio del cuneo fiscale: ecco in cosa consiste davvero

taglio del cune fiscale

Il cuneo fiscale, parlando ovviamente di lavoro, analizza gli effetti delle tasse che gravano sui lavoratori e sull'occupazione in generale. Viene rappresentato da un indicatore percentuale che corrisponde al rapporto tra le tasse appunto che gravano sui dipendenti e il costo del lavoro complessivo.

CO CO PRO: tutte le caratteristiche di questo tipo di contratto

CO CO PRO

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi anche...

Diritto al lavoro dei disabili: la tutela della legislazione

diritto al lavoro dei disabili

La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Leggi anche...

Dichiarazione Red: scopri le novità sui contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.