Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che  l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento. Dati per la compilazione della busta paga, come il rapporto di lavoro,il mese di retribuzione, la data di assunzione, il tipo di contratto lavorativo, il livello di inquadramento e la qualifica del lavoratore, la sede di lavoro, nonché il trattamento salariale e le ferie, sono elementi che andranno indicati sul cedolino, unitamente alle modalità di pagamento dello stipendio. L’INPS (Istituto Nazionale di previdenza sociale) è l’ente che ha la funzione di erogare le pensioni, fornendo altresì le principali prestazioni a sostegno del reddito. Le buste paga sono state al centro del dibattito dell’opinione pubblica grazie al bonus fiscale approvato dal Governo Renzi che ha dato 80 euro in più mensili ai lavoratori dipendenti che hanno un guadagno tra 8 mila e 24 mila euro. La misura è stata accolta con molto entusiasmo dalla maggioranza mentre l’opposizione l’ha aspramente criticata definendola fumo negli occhi.

Dati per la compilazione del prospetto

Nel corpo del documento, per la compilazione della busta paga, si inseriscono poi gli elementi riguardanti i giorni retribuiti, i giorni lavorati (o le ore), gli scatti di anzianità, le trattenute e le competenze, oltre alle indicazioni sui contributi, come riportato nelle colonne dei vari modelli della busta. Infine, il piede del documento, va compilato inserendovi i dati previdenziali, i dati fiscali, il TFR e gli importi netti in busta.

Da cosa è composta la busta paga

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

La retribuzione si compone di una parte fissa e di una parte variabile.
Il minimo sindacale è la parte fissa dello stipendio, ossia la parte della retribuzione sancita da precedenti accordi sindacali e inserita nel Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro CCNL. La parte variabile è quella comprensiva di straordinari, assegni di indennità, assegni familiari, tredicesima e quattordicesima (laddove prevista) mensilità.

Riguardo i contributi, ossia parte dei soldi che vengono versati ogni mese dal dipendente e dal datore di lavoro per finanziare l'INPS, nei casi di dipendenti privati l’istituto di riferimento è l’INPS, mentre per i dipendenti pubblici è l’INPDAP. La differenza è che i contributi versati dal datore di lavoro non sono visibili sulla busta; al contrario, i contributi versati dal lavoratore sono indicati nell’apposita casella.

Altre voci

Il lavoratore è soggetto a due tipologie di trattenute, riconducibili nei contributi che finanziano l'Inps e nell’ Irpef che va allo Stato. Vediamo nel dettaglio alcune voci utili nella compilazione della busta paga:

  • La rata addizionale comunale. L’addizionale comunale viene fissata entro il 15 dicembre di ogni anno in misura fissa, tuttavia ciascun comune può stabilirla a propria discrezione. Ecco come comprendere quale aliquota è stata applicata al vostro reddito complessivo
  • La rata addizionale regionale. Riguardo a quale regione fare riferimento per il pagamento delle addizionali, si prenderà in considerazione la regione relativa al domicilio al 31 dicembre dell’anno per cui si versa l’addizionale.

Gli 80 euro di Renzi

E’ stato il principale atto del Governo Renzi, ossia il bonus da 80 euro mensili riversati ai lavoratori dipendenti con stipendio compreso tra 8 mila e 24 mila euro. Il bonus decresce fino ad arrivare allo zero per chi guadagna oltre 26 mila euro. C’è stata molta discussione su questa misura varata dall’esecutivo, tra chi la paragonava a un’elemosina e chi invece assegnava alle persone un surplus che nell’arco dell’anno diventavano più di 800 euro. Il Governo ha pensato a questa misura per alimentare la crescita dei consumi, frenata dalla crisi economica che non permetteva di poter eccedere in alcune spese ritenute secondarie. Purtroppo almeno per ora il bonus non ha dato riscontri oggettivi in termini di consumi però sicuramente rimane senz’altro una minima boccata d’ossigeno per quanti comunque possono permettersi una spesa in più grazie a questi 80 euro. L’obiettivo dell’esecutivo è di confermare il bonus anche per il prossimo anno, cercando addirittura di allargare la platea. Sarà necessario trovare però le risorse necessarie per finanziare quest’opera.

Il contributo di solidarietà del 2014

Lo stipendio spesso è stato oggetto di grandi dibattitti e polemiche. Ed ecco quindi che è arrivata una notizia negativa per chi lavora. L’esecutivo ha confermato che anche per tutto il 2015 gli stipendi degli statali resteranno bloccati ma emerge una nuova piccola tassa che deriva dalla riforma Fornero del 2012. Infatti, per i lavoratori dipendenti scattera il contributo di solidarietà che come riporta l’Inps sarà dello 0.50%. Si è calcolato che da una busta paga di 1500 euro lordi ciò che sarà prelevato equivarrà a 8 euro in più. Lo scatto andrà a colpire i lavoratori non coperti dalla Cig e saranno levati gli arretrati a partire dal gennaio 2014. Non proprio una misura ad hoc, anche se è stata varata due anni fa, quella annunciata dall’ente previdenziale: se si vuole riportare la crescita a dati dignitosi, bisogna incentivare il consumo attraverso stipendi decenti, non togliendo soldi dalle buste paga.

 





Potrebbe interessarti

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Calcolo della tredicesima per la badante: ecco alcuni spunti interessanti

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo  Calcolo della tredicesima per la badante: ecco alcuni spunti interessanti

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

Futura mamma lavoratrice: l'astensione obbligatoria

L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”.

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Il patto di prova: orientamento della giurisprudenza

Immagine di patto di prova

Il patto di prova è il F precedente al vero e proprio inizio del contratto di lavoro. In questo periodo entrambe le parti hanno la possibilità di recedere dal contratto. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il lavoro di impiegato: la classificazione, i ruoli, i requisiti

Lavoro dell'impiegato è un rapporto di lavoro subordinato. Il lavoro degli impiegati infatti è legato soprattutto alle attività di tipo amministrativo.

La comunicazione di licenziamento alla Colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Benefit aziendali: cambia la politica delle aziende

Immagine esemplificativa di benefit aziendali

Gli incentivi ai dipendenti aiutano a tenere alta la motivazione nel posto di lavoro, che rappresenta uno fra i fattori determinanti per il buon successo di un progetto e di una impresa; per questo motivo, in questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento di questa pratica da parte di numerose aziende, che ne hanno capito l'importanza.

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Offerte di lavoro in Toscana: scopri gli annunci online

Immagine di un giornale con offerte di lavoro in Toscana

Trovare offerte di lavoro in Toscana, anche in tempi di crisi come questi, è meno difficile di quanto possa sembrare: tra le regioni più ricche di storia e cultura che ogni anno attira ogni anno moltissimi turisti, rendendo il settore terziario una fra le risorse più importanti per chi cerca un impiego.

Leggi anche...

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto a progetto: le caratteristiche nel dettaglio

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...
Go to Top