In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare. Il limite fissato a quella cifra grazie alla Jobs Act, prima infatti era pari a 5.050 euro; se tale tipologia di lavoro accessiorio invece fosse svolta da un imprenditore commerciale o un semplice libero professionista, il guadagno massimo scende a 2.000 euro netti.

Come funzionano i voucher lavoro nel 2016? Sono detraibili? A chi presentare le domande?

giovani e lavori occasionali

Le prestazioni accessorio vengono pagate, come accennato ad inizio articolo, attraverso voucher lavoro occasionale o buoni lavoro prepagati dal complessivo valore nominale pari a 10, 20 o 50 euro.

Il buono della somma di 10 euro dovrebbe corrispondere al minimo compenso per un ora di lavoro; questi buoni devono essere ovviamente acquistati dal proprio datore e versati al lavoratore occasionale una volta avvenuta la prestazione di lavoro richiesta.

Un voucher lavoro occasionale nominale comprende:

  • contributi INAIL pari a circa il 7% per coprire eventuali infortuni;
  • gestione del servizio INPS al 5%;
  • contributi previdenziali per la gestione separata INPS, pari a circa il 13%;

In sostanza, su un voucher dal valore di 10 euro il netto che spetta al lavoratore occasionale dovrebbe essere pari a circa 7,50 euro, così come quello da 20 è al netto di 15 e quello da 50 è pari al 37,50 euro. E’ bene sapere che questi voucher non incidono in alcun modo su eventuali stati di disoccupazione e sono completamente esenti da tutte le imposizioni legate al fisco; di conseguenza attraverso il trattamento dei voucher non si maturano alcun tipo di ferie, nessun diritto di indennità di malattia, nè di maternità ne tantomeno il trattamento di fine rapporto.

Una volta il datore di lavoro acquista e versa il dovuto è possibile riscuotere il compenso nei pressi di un qualsiasi ufficio postale; a pagamento avvenuto immediatamento si attiva l’INPS il quale accrediterò i contributi riguardo la Gestione Separata e la quota relativa all’assicurazione INAIL.

Cosa fare per acquistarli (in settori come l'agricoltura, edilizia e contabilità). Enti locali e pubblici per un rapporto di lavoro più equo

A seconda della tipologia del committente, l’acquisto può avvenire seguento alcune modalità di acquisto, se ad esempio il committente è un imprenditore o un semplice libero professionista, può acquistare buoni tranquillamente attraverso la via telematica sul sito ufficiale dell’INPS; al contrario se il datore non è nè un imprenditore nè un professionista si potrà acquistare i voucher attraverso le rivendite autorizzate. E’ possibile acquistare sia buoni telematici che buoni cartacei:

  • per i primi, i buoni telematici, il datore deve registrarsi all’INPS o attraverso l’apposito sportello, o tramite l’utilissimo e pratico sito web o contattanto direttamente il centro; una volta eseguita la registrazione si potrà procedere con l’acquisto dei voucher lavoro occasionale telematici indicando precisamente tutti i dati anagrafici del prestatore, compresa data di inizio e fine attività del lavoro richiesto compreso del luogo in cui verrà svolto. Una volta fatto questo si potrà procedere con il versamento dell’importo a seconda del costo dei voucher desiderati. Questi possono essere riscossi successivamente attraverso l’INPS Card o un bonifico.
  • I buoni cartacei invece vanno richiesti direttamente nella sede della Direzione Regionale dell’INPS, compilando un modulo. Una volta eseguita la richiesta, il datore stesso li potrà ritirare direttamente presso le sedi provinciali dell’INPS stesso esibendo ovviamente la ricevuta di pagamento. Inoltre è possibile acquistare i voucher lavoro occasionale anche presso le tabaccherie abilitate, fino a duemila euro di buoni, purché si esibisca il proprio codice fiscale, presso gli appositi sportelli bancari o uffici postali abilitati.

Vediamo com’è possibile riscuoterli per le aziende (per offrire un ulteriore sostegno al reddito dei propri collaboratori)

Riscuoterete i buoni del lavoro occasionale non è per niente complicati anzi, è possibile riscuoterli sia presso le tabaccheria abilitate già a partire dalla fine della prestazione richiesta entro un massimo di 12 mesi dall’emissione del voucher stesso, così come quelli acquistati attraverso gli appositi sportelli bancari, pagabili dallo stesso identico circuito bancario entro i 12 mesi. Al contrario i voucher acquistati direttamente dall’INPS o dalle Poste è possibile ritirali entro i 24 mesi dalla data in cui sono state emessi, ovviamente presso gli appositi uffici su tutto il territorio nazionale.

Potrebbe interessarti

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Aprire un e-commerce: il drop shipping è l’alternativa per vendere online

Immagine per aprire un e-commerce

Aprire un e-commerce in drop shipping rappresenta una soluzione molto utile per coloro che vogliono avviare un'attività online. Difatti, con questa modalità ti possono vendere i propri prodotti su internet ma senza dover gestire un magazzino e la spedizione delle merci.

Pensioni quota 96: ultimissime novità sempre aggiornate

pensioni quota 96

Ultimissime novità sullapensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Orario di lavoro notturno: quali sono i termini del tuo contratto?

CCNLOrario di lavoro notturno

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo. Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

Leggi anche...

Aprire un'officina: scopri come cominciare con la tua nuova attività

Immagine esemplificativa per l'articolo Aprire un'officina: scopri come cominciare con la tua nuova attività

Una professione che certamente non avrà mai problemi di carenza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto o per moto.

Leggi anche...

Lettera di referenze: scrivila con un paio di consigli imperdibili!

Immagine usata nell'articolo Lettera di referenze: impariamo a scriverla con un paio di consigli imperdibili!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.