Può presentare domanda per ottener un fondo per l’imprenditoria femminile uno dei seguenti soggetti giuridici:

  • cooperative e società di persone composte almeno per il 60% da donne
  • società di capitali in cui almeno due terzi del capitale e degli organi di amministrazione siano controllati da donne
  • imprese individuali in cui il titolare è una donna
  • tutti gli enti (associazioni, imprese, società di promozione imprenditoriale, centri di formazione) che favoriscono corsi di formazione imprenditoriale e consulenza manageriale a gruppi che per almeno il 70% sono composti da donne.

Come fare domanda?

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

I soggetti che beneficiano dei fondi per l’imprenditoria femminile non possono:

  • ottenere o richiedere altre agevolazioni nazionali, regionali, comunitarie;
  • cedere o vendere i beni oggetto dell’agevolazione per i cinque anni successivi alla data di concessione della facilitazione, senza che ne sia data immediata comunicazione all'Amministrazione competente;
  • perdere i requisiti relativi alla presenza femminile in base ai quali si è ottenuta l’agevolazione per i cinque anni dalla data di concessione. E’ inoltre obbligatorio comunicare velocemente ogni cambiamento che comporti il venir meno dei requisiti previsti.

La marca da bollo

fondi per l'imprenditoria femminile

La richiesta dei fondi per l’imprenditoria femminile deve essere in linea con le tracce previste dai modelli appositamente predisposti e devono essere in regola con la marca da bollo.
Per partecipare al bando per i fondi per l’imprenditoria femminile è necessario presentare:

  • un modulo di richiesta delle agevolazioni, da redigere come dichiarazione sostitutiva di atto notarile, che includa anche i dati principali dell’impresa e sul programma di investimenti;
  • una scheda tecnica che include la descrizione minuziosa dell’iniziativa proposta e le indicazioni economico-finanziarie;
  • in allegato, la documentazione necessaria per la richiesta delle certificazioni antimafia (D.P.R. 252/98). Tale documentazione non è necessaria se si tratta di imprese individuali che, alla data di presentazione della domanda, non siano ancora iscritte nel Registro delle imprese.

Richieste sottoposte ad istruttoria

Tutte le richieste per i fondi per l’imprenditoria femminile vengono sottoposte ad un'istruttoria e, se ritenute ammissibili, vengono inserite in differenti graduatorie regionali suddivise nei macrosettori di intervento (agricoltura, manifatturiero e assimilati, commercio, turismo e servizi).

Le graduatorie della richiesta dei fondi per l’imprenditoria femminile appaiono ordinate in senso decrescente in base ad unpunteggio che deriva dai criteri di priorità uniformi sull’intero territorio nazionale.

I soggetti interessati devono controllare spesso i bandi pubblicati sui siti delle Regioni a cui si appartiene: la maggior parte dei fondi infatti proviene dalla risorse messe a disposizione dall’Unione Europea e le tipologie di agevolazioni sono diverse:

  • finanziamento a fondo perduto (senza obbligo che sia restituito): questo tipo di agevolazione varia in base alle norme regionali e dipende sia dall’importo dell’investimento che dal territorio dove si vuole investire tale somma di denaro;
  • finanziamento a tasso agevolato: viene fissato un tasso molto basso, dell’ordine dello 0.5%, per restituire il prestito erogato in un limite massimo consentito di dieci anni;
  • credito d’imposta: questa agevolazione è da considerarsi alternativa al finanziamento a fondo perduto

La crisi lavorativa in Italia 

Se è pur vero che in Italia, dal 2015 in poi ovvero dal momento in cui si è deciso di intervenire con il Jobs Act le cose stanno leggermente migliorando, la situazione lavorativa si può definire ancora del tutto deficitaria. A testimoniarlo non ci sono solo i racconti di soggetti che vengono puntualmente sfruttati e licenziati ma lo dicono i numeri: dall’ormai lontano 2007, anno antecedente all’apertura della grande crisi del Belpaese ma dell’Europa in generale, la soglia di occupati è nettamente diminuita. 
E non bisogna farsi abbindolare da presunte tabelle più o meno comprensibili che ci dicono che il numero degli occupati è tornato ad essere tanto quanto lo era dieci anni fa. Tantissime cose sono cambiate: nessuno infatti, quando si parla di grafici occupazionali, si preoccupa di stilare una differenza tra coloro che sono assunti a tempo determinato e quelli a tempo indeterminato. Esatto, la differenza sta proprio qui e nessuno ce lo dice. 
Il numero degli occupati è di 25milioni di italiani ovvero tanto quanti lo erano nel 2007 ma il numero dei lavoratori a tempo indeterminato si è ridotto in modo drastico. Che significa? Che tantissimi italiani sono certi di lavorare da qui a qualche mese e poi? Il buio. Vuoi comprarti una casa e metter su famiglia? E come fai se nessun istituto bancario con un contratto a termine ti fa un mutuo? 

E vogliamo parlare delle ore di lavoro? Anche questa è una conseguenza di questa finta ripresa occupazionale che è solo fumo negli occhi: sono infatti migliaia per non dire milioni gli italiani che vengono assunti per lavorare qualche ora al giorno o nei week end ovvero quando i grandi centri commerciali conoscono il sold out. E questa viene ribattezzata dal nostro governo ripresa occupazionale? Ma ne siamo certi? 

E vogliamo parlare dell’età media che si è inesorabilmente alzata all’interno degli istituti pubblici? E i giovani di ieri e di oggi, che nel frattempo aspettano, quando vedono arrivare il proprio turno? Quando sarà troppo tardi per essere inseriti poiché etichettati come ‘vecchi’? 

E allora a questo punto l’unica soluzione da prendere in considerazione, oltre a quella di andar via dall’Italia, è quella di mettersi in proprio tentando la fortuna gettandosi nel mondo dell’imprenditoria alla ricerca di una novità assoluta capace di aprirci le porte di un futuro quantomeno più roseo e soddisfacente di quello che si preannuncia oggi.  

La crescita del settore

L’Italia sta mostrando un vivace interesse per questo settore, visto che è la seconda Nazione in Europa per la domanda di investimenti per questo ambito femminile.
Sempre più donne infatti sono spinte negli ultimi tempi a entrare nel mondo dell’imprenditoria, che nell’immaginario collettivo per moltissimi anni è stato sempre di dominio maschile. A tale proposito, si sono moltiplicati seminari, convegni, stage e premi volti a questo mondo in rosa, voglioso di trasformare le proprie idee e progetti in realtà. Da un certo punto di vista, il mondo imprenditoriale in rosa può essere paragonato a quello giovanile: in entrambe le sfere infatti ci sono persone che hanno spunti, invenzioni e creatività (molto spesso valide dal punto di vista dell’innovazione) da voler realizzare ma tutto ciò deve essere sostenuto dalle istituzioni attraverso norme ed agevolazioni che possano permettere a questi soggetti di poter lavorare ed esaudire i loro progetti di vita. Per questo motivo sono fondamentali i fondi dell’Unione Europea messi a disposizione dei singoli Stati. Saranno poi le Regioni a veicolare queste risorse per i progetti ritenuti migliori e validi. Le persone interessate, quindi, devono tenere sempre un occhio al sito della Regione di riferimento per non farsi scappare importanti opportunità e cercare di realizzare i propri sogni. Citiamo, infine, altri contatti per le donne interessate: Comitati per l’imprenditoria femminile, Ministero dello Sviluppo Economico, Unioncamere e il portale delle Camere di Commercio dell’Italia oltre i portali regionali già segnalati.

Ecco le tipologie di fondi per cui si può attualmente fare richiesta

Esistono molti differenti tipi di agevolazioni per l’imprenditoria femminile e ognuno ha dei differenti requisiti necessari per l’accesso, fra questi ricordiamo:

  • Le agevolazioni per le imprese al femminile: abbiamo diversi contributi che rientrano in questa categoria e sono destinati a realizzare dei nuovi progetti aziendali oppure dedicati all’acquisto di prodotti e servizi necessari all’azienda;
  • I contributi a fondo perduto: di questo tipo di contributi fanno parte tutta una serie di incentivi che vengono concessi alle donne con lo scopo di avviare un’impresa, nel caso specifico, appunto, al femminile. Di questi, una parte del capitale erogato che solitamente ammonta al 50 per cento, non necessita di essere restituito, invece la somma restante si può rimborsare attraverso rate mensili che godono di un tasso agevolato;
  • Il Fondo di Garanzia: rappresenta uno strumento che dà la possibilità di richiedere un finanziamento che viene garantito dallo Stato italiano. Tale Fondo, però, non può intervenire nei rapporti fra l’impresa e le banche e nemmeno sui tassi di interesse che sono stati applicati, ma soltanto sul fronte delle garanzie. Esso può essere richiesto dalle professioniste e dalle imprese femminili inviando la propria domanda alla banca e al Fondo;
  • Il microcredito: è un’agevolazione per imprese femminili che va a fornire una garanzia sul prestito che è stato richiesto dalle professioniste in possesso di una partita Iva di almeno 5 anni o da imprese femminili già costituite le quali non abbiano oltre le 5 dipendenti (che diventano 10 in caso di Srl semplificate, di società di persone e di cooperative);
  • L’autoimpiego Invitalia: che viene in aiuto alle donne che vogliono provare ad avviare una attività imprenditoriale, valutando sia le domande di contributi a fondo perduto sia di mutuo a tasso agevolato. Inoltre offre assistenza alle ditte autonome, alle microimprese e alle ditte in franchising.


Potrebbe interessarti

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima

Il calcolo della tredicesima si effettua a dicembre, tenendo in considerazione la retribuzione prevista per quel mese. Nel caso in cui il contratto di lavoro sia stato rescisso (dal datore di lavoro o dal dipendete non importa), viene considerato l’importo dello stipendio percepito l’ultimo mese di lavoro.

Leggi tutto...

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Permessi retribuiti: cosa sono e i casi in cui richiederli

Prima specifica da fare relativa ai permessi retribuiti è che questi sono differenti dalle ferie. Il diritto di ogni dipendente di godere di alcuni giorni di ferie ogni anno è sancito dalla Costituzione, la misura in cui essi sono maturati e possono essere goduti è fissato dai CCNL; mentre la misura e la modalità in cui si possono utilizzare i permessi retribuiti sono dettati dai contratti collettivi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Leggi anche...

Stipendi Pa: sul portale NoiPA è on line il cedolino

portale noipa

Per quel che concerne lo stipendio dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, ricordiamo come abbia subito delle sensibili variazioni durante gli ultimi anni (oltre che nella forma anche e soprattutto nelle modalità che riguardano l'accesso alle informazioni che lo riguardano).

Leggi tutto...
Go to Top