Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.
La prima domanda da porsi per scegliere un master riguarda i propri obiettivi di lavoro e le proprie aspettative future; successivamente è bene valutare dettagliatamente il programma del master e analizzare se i vari moduli di cui è composto rientrano nella propria area di interesse.

I principi nella scelta di un master

Quando si deve scegliere un master, è necessario innanzitutto chiedersi quale sia l’ambito professionale in cui ci si vuole specializzare, quali sono gli interessi professionali, le attitudini e le competenze che si possiedono.
Scegliere un percorso di questo tipo, significa anche valutare il mercato del lavoro, quali sono al momento le figure professionali più richieste nel mondo del recruitment e la spendibilità del master in ambito placement.

L’importanza del fattore tempo

Per scegliere un master è necessario anche valutare il tempo che si può dedicare allo stesso, sia in termini di lezioni in aula da seguire, sia in termini di tempo da dedicare allo studio individuale. In base a tali considerazioni si può scegliere un master organizzato durante il week end rispetto ad un master fulltime.

Come stabilirne il valore

A questo punto, l’aspetto da analizzare è l’ente promotore del master. La maggior parte dei master sono organizzati da Università e/o Business School, un numero minore è invece prodotto da imprese che sfruttano il loro know-how per la formazione dei futuri professionisti del settore. Prima di scegliere un master è bene reperire informazioni circa: l’ente che organizza il master, i partner promotori e le aziende partner che ospitano gli stagisti. Queste informazioni possono stabilire un “valore” del master.

Informarsi sui docenti del corso

Altre informazioni che contribuiscono a riconoscere un determinato valore al master sono relative al corpo docente (di cui è consigliato conoscere il curriculum e l’autorevolezza). Solitamente un buon master presenta un corpo docente con un giusto rapporto tra professori universitari, che rappresentano l’alta formazione teorica, e insegnanti provenienti dalle aziende che si occuperanno degli aspetti e delle problematiche pratiche della realtà aziendale.

Perché considerare il placement

Dato importante da considerare prima di scegliere un master concerne le informazioni relative al placement (l'insieme delle attività svolte per facilitare l'inserimento dello studente nel mondo del lavoro) delle edizioni precedenti.

Il rapporto con il titolo di studio

Questo è un dato molto importante, da considerare soprattutto per i neolaureati, poiché indica la spendibilità del titolo di studio nel mondo del lavoro e il grado di apprezzamento che le imprese riconoscono alle competenze che il master insegna.

Infine, un ulteriore titolo distintivo per scegliere un master è il valore riconosciuto dall'accreditamento Asfor.

Organizzazione: gli enti promotori e le tipologie della formazione post laurea

L’organizzazione dei master può essere curata dalle Business School oppure dalle università; negli ultimi anni anche alcune grandi imprese private si occupano dell’organizzazione dei master curati da esperti del settore e da figure professionali dell’azienda.

Enti erogatori

Vi sono diverse tipologie di master. I master post-laurea a cui accedono solitamente i neolaureati sono promossi da Business School, università e aziende. I master post-experience sono destinati a tutti coloro che hanno già un’esperienza in un determinato settore lavorativo, come i master executive che corrispondono a prodotti formativi con l’obiettivo di organizzare e renderle meglio fruibili le competenze di coloro che già lavorano.

Le Business School, come leuniversità, si occupano dell’organizzazione master post-laurea aperti sia ai laureati dei corsi triennali che della specialistica. Le aziende che curano l’organizzazione master solitamente ammettono i frequentanti in base alla loro esperienza maturata.

Tipologie

Esistono diversi tipologie e formule di Master:

  • master universitari di primo livello a cui si accede se si è in possesso almeno di una laurea di primo livello,
  • di secondo livello che nello statuto dell’organizzazione del master richiedono il possesso della laurea specialistica o di una laurea del "vecchio ordinamento".
  • post- experience in cui per accedervi sono necessari alcuni requisiti minimi e un numero x di anni di esperienza lavorativain un determinato settore. I master post-experience sono soprattutto organizzati dalle Business School. Quest’ultime hanno ovviamente orientato la propria offerta formativa lungo le linee guida del mercato, in base alle figure professionali maggiormente richieste dalle aziende. Ciò ha determinato un'offerta sempre maggiore di Master in Marketing, in Risorse Umane e in Gestione aziendale.
  • executive sono destinati a chi lavora. L’organizzazione del master Executive è basata su un'ampia opportunità di formazione manageriale in un mercato del lavoro che richiede competenze sempre maggiori.
    Anche in tal caso un requisito minimo dell'organizzazione del master è quello di ammettere solamente coloro che già lavorano o che abbiano un tot di anni di esperienza lavorativa in un determinato settore.


Potrebbe interessarti

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Leggi tutto...

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Estratto conto contributivo

come ottenere l'estratto conto contributivo

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Green Manager, i manager del futuro

Il mercato del lavoro è divenuto gioco forza uno dei temi più discussi nel Paese; la crisi globale che ha colpito anche l’Italia ha posto ulteriori problematiche a tutti quei giovani in cerca di un posto di lavoro per garantirsi il futuro.

Leggi tutto...

Contratti con Partita Iva: quali tipologie?

Il Dlgs n. 276/2003, che include al suo interno i dettami della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003 (legge Biagi), prevede l'inserimento di nuovi tipi di contratti, tra i quali c'è quello con partita Iva destinato alle classi di lavoratori autonomi (cooperatori, liberi professionisti, consulenti ecc.).

Leggi tutto...

Offerte di lavoro nella professione di architetto: progetta il tuo futuro!

progetto disegnato da un architetto

La creatività e l'ingegno va spesso a braccetto anche con la realizzazione e la costruzione di case e interni per le stesse. Esistono infatti figure professionali che si occupano proprio di questo, ovvero di realizzare progetti per le vostre abitazioni seguendo i vostri gusti e le vostre esigenze.

Leggi tutto...

Lavorare nell'immobiliare: cosa bisogna conoscere?

Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.

Leggi tutto...

Il lavoro di impiegato: la classificazione, i ruoli, i requisiti

Lavoro dell'impiegato è un rapporto di lavoro subordinato. Il lavoro degli impiegati infatti è legato soprattutto alle attività di tipo amministrativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sanzioni disciplinari sul lavoro

provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. In questo modo il datore tutela i suoi diritti e sanziona il lavoratore affinchè egli rispetti gli obblighi e gli impegni presi. Accanto a questi, verrà poi approfondito il tema dei licenziamenti illegittimi che sono al centro dell’agenda politica del Presidente del Consiglio Renzi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la meritata pensione e godersi serenamente il resto della propria vita. Tuttavia, alcune persone riescono ad ottenere soltanto il minimo indispensabile per fare una vita dignitosa, mentre altre possono permettersene una ben più ricca e spensierata.

Leggi tutto...
Go to Top