Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.
La prima domanda da porsi per scegliere un master riguarda i propri obiettivi di lavoro e le proprie aspettative future; successivamente è bene valutare dettagliatamente il programma del master e analizzare se i vari moduli di cui è composto rientrano nella propria area di interesse.

I principi nella scelta di un master

Quando si deve scegliere un master, è necessario innanzitutto chiedersi quale sia l’ambito professionale in cui ci si vuole specializzare, quali sono gli interessi professionali, le attitudini e le competenze che si possiedono.
Scegliere un percorso di questo tipo, significa anche valutare il mercato del lavoro, quali sono al momento le figure professionali più richieste nel mondo del recruitment e la spendibilità del master in ambito placement.

L’importanza del fattore tempo

Per scegliere un master è necessario anche valutare il tempo che si può dedicare allo stesso, sia in termini di lezioni in aula da seguire, sia in termini di tempo da dedicare allo studio individuale. In base a tali considerazioni si può scegliere un master organizzato durante il week end rispetto ad un master fulltime.

Come stabilirne il valore

A questo punto, l’aspetto da analizzare è l’ente promotore del master. La maggior parte dei master sono organizzati da Università e/o Business School, un numero minore è invece prodotto da imprese che sfruttano il loro know-how per la formazione dei futuri professionisti del settore. Prima di scegliere un master è bene reperire informazioni circa: l’ente che organizza il master, i partner promotori e le aziende partner che ospitano gli stagisti. Queste informazioni possono stabilire un “valore” del master.

Informarsi sui docenti del corso

Altre informazioni che contribuiscono a riconoscere un determinato valore al master sono relative al corpo docente (di cui è consigliato conoscere il curriculum e l’autorevolezza). Solitamente un buon master presenta un corpo docente con un giusto rapporto tra professori universitari, che rappresentano l’alta formazione teorica, e insegnanti provenienti dalle aziende che si occuperanno degli aspetti e delle problematiche pratiche della realtà aziendale.

Perché considerare il placement

Dato importante da considerare prima di scegliere un master concerne le informazioni relative al placement (l'insieme delle attività svolte per facilitare l'inserimento dello studente nel mondo del lavoro) delle edizioni precedenti.

Il rapporto con il titolo di studio

Questo è un dato molto importante, da considerare soprattutto per i neolaureati, poiché indica la spendibilità del titolo di studio nel mondo del lavoro e il grado di apprezzamento che le imprese riconoscono alle competenze che il master insegna.

Infine, un ulteriore titolo distintivo per scegliere un master è il valore riconosciuto dall'accreditamento Asfor.

Organizzazione: gli enti promotori e le tipologie della formazione post laurea

L’organizzazione dei master può essere curata dalle Business School oppure dalle università; negli ultimi anni anche alcune grandi imprese private si occupano dell’organizzazione dei master curati da esperti del settore e da figure professionali dell’azienda.

Enti erogatori

Vi sono diverse tipologie di master. I master post-laurea a cui accedono solitamente i neolaureati sono promossi da Business School, università e aziende. I master post-experience sono destinati a tutti coloro che hanno già un’esperienza in un determinato settore lavorativo, come i master executive che corrispondono a prodotti formativi con l’obiettivo di organizzare e renderle meglio fruibili le competenze di coloro che già lavorano.

Le Business School, come leuniversità, si occupano dell’organizzazione master post-laurea aperti sia ai laureati dei corsi triennali che della specialistica. Le aziende che curano l’organizzazione master solitamente ammettono i frequentanti in base alla loro esperienza maturata.

Tipologie

Esistono diversi tipologie e formule di Master:

  • master universitari di primo livello a cui si accede se si è in possesso almeno di una laurea di primo livello,
  • di secondo livello che nello statuto dell’organizzazione del master richiedono il possesso della laurea specialistica o di una laurea del "vecchio ordinamento".
  • post- experience in cui per accedervi sono necessari alcuni requisiti minimi e un numero x di anni di esperienza lavorativain un determinato settore. I master post-experience sono soprattutto organizzati dalle Business School. Quest’ultime hanno ovviamente orientato la propria offerta formativa lungo le linee guida del mercato, in base alle figure professionali maggiormente richieste dalle aziende. Ciò ha determinato un'offerta sempre maggiore di Master in Marketing, in Risorse Umane e in Gestione aziendale.
  • executive sono destinati a chi lavora. L’organizzazione del master Executive è basata su un'ampia opportunità di formazione manageriale in un mercato del lavoro che richiede competenze sempre maggiori.
    Anche in tal caso un requisito minimo dell'organizzazione del master è quello di ammettere solamente coloro che già lavorano o che abbiano un tot di anni di esperienza lavorativa in un determinato settore.


Potrebbe interessarti

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi tutto...

Estratto conto contributivo

come ottenere l'estratto conto contributivo

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

La vacanza studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

lavoratore in trasferta con indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Leggi tutto...

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi tutto...

Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Leggi tutto...

Modello curriculum tedesco: per chi cerca lavoro in Germania

bandiera tedescaCome scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile.

Leggi tutto...

Ditta individuale: vantaggi e svantaggi

Sono molti quelli che decidono di mettersi in proprio, aprendo un negozio o un'attività. Il modo migliore e semplice per farlo è quello di creare una ditta individuale. La ditta individuale si verifica quando il soggetto giuridico, che non intende associarsi ad altri individui, è una persona fisica che risponde da sé alla gestione dell'impresa anche nei casi di mancanze della stessa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dichiarazione Red per i contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti imprenditoria femminile

La legge che regola i finanziamenti imprenditoria femminile è la legge numero 215/92. Il fine della legge consiste nell'incrementare l’imprenditoria rosa garantendo pari opportunità e facilitando l’economia di un territorio. 

Leggi tutto...
Go to Top