I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.
Il rapporto lavorativo può avere termine per scelta del collaboratore familiare o del datore di lavoro, purché ci sia un regolare preavviso; in questa breve guida indicheremo al lettore tempi e modi per redigere una comunicazione di licenziamento della colf nel rispetto della legge.

I tempi della comunicazione di licenziamento

La comunicazione di licenziamento della colf, nel caso il rapporto di lavoro superi le 24 ore settimanali va data col seguente preavviso:

  • 15 giorni, incluse le festività (fino a 5 anni di anzianità)
  • 30 giorni, incluse le festività (oltre i 5 anni di anzianità).
  • La comunicazione di licenziamento della colf, nel caso l’impegno lavorativo non superi le 24 ore settimanali, va data col seguente preavviso:
  • 8 giorni, inclusi i festivi (fino a 2 anni di anzianità)
  • 15 giorni, inclusi i festivi (oltre i 2 anni di anzianità).

Se è il collaboratore a dare le dimissioni i suddetti termini sono ridotti del 50%.

La tutela nel licenziamento della colf

Nel caso in cui il datore di lavoro non rilasci la comunicazione di licenziamento della colf, il lavoratore ha diritto a un’indennità che corrisponde alla retribuzione spettante nel periodo di preavviso. Se il collaboratore familiare non presta lavoro durante il periodo di preavviso, la retribuzione a lui spettante in tale periodo gli viene sottratta dalla liquidazione.

Dal 29 gennaio 2009 le comunicazioni licenziamento vanno trasmesse all’Inps entro cinque giorni dall’avvenuta cessazione del rapporto di lavoro. Da aprile 2011 è obbligatorio utilizzare il servizio online dell’INPS per la Variazione e Cessazione, oppure contattare il numero verde 803164 del Contact Center. La comunicazione di licenziamento si trasmette accedendo, tramite PIN, dal Menu Servizionline/Servizi al cittadino/Lavoratori domestici del portale INPS.

L’ultimo metodo è tramite gli intermediari dell’Inps come patronati, Caf, commercialisti che sono abilitati ai servizi online. Sul sito dell’Ente Previdenziale c’è una pagina web apposita con i passaggi da compiere per espletare in modo corretto la pratica.

La comunicazione licenziamento colf, in caso di decesso del datore di lavoro, va effettuata tramite il Contact Center e chi effettua la comunicazione deve fornire il proprio PIN, il codice fiscale del datore di lavoro e il codice del rapporto di lavoro. In caso di personale extracomunitario, bisogna informare lo Sportello Unico per l’Immigrazione cinque giorni prima che si interrompi il rapporto di lavoro.

La validità della comunicazione di licenziamento

La comunicazione licenziamento colf, se inoltrata in modo corretto, è valida per tutti gli altri uffici di competenza: del Ministero del lavoro, delle politiche sociali, della salute, dell’INAIL (Istituo nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro), della Prefettura.

Un mestiere anche “italiano”

Se un tempo essere una badante era un’occupazione riservata solo agli stranieri, con la crisi economica che si è abbattuta dal 2008 in Italia, in questi ruoli si vedono anche cittadini italiani. I tanti licenziamenti e i pochi posti di lavoro presenti attualmente rendono la situazione molto complicata per cui queste persone decidono di accettare anche queste mansioni per sostenere le spese correnti e mensili. Rispetto agli ultimi anni, nel 2014 c’è un lieve aumento della presenza italiana nel ruolo di badanti anche se loro rimangono sempre la minoranza rispetto al totale rappresentato da persone straniere. La percentuale è infatti del 20% contro l’80%. Tuttavia, la crisi economica ha fatto diminuire le presenza di badanti nelle famiglie, visto che si contano 43mila posti in meno negli ultimi anni. Una diminuzione spiegata con la necessità di far quadrare il bilancio familiare non togliendo quelle spese che sono invece essenziali in una casa.

Le multe e gli aggiornamenti legislativi

comunicazione di licenziamento alla colf

Bisogna sapere che sono previste delle multe per i datori di lavori riguardo la posizione della propria colf. La mancata comunicazione all’Inps infatti vale una sanzione da 200 a 500 euro mentre la vicenda diventa più pesante per le tasche del datore di lavoro qualora venga scoperto di non pagare i contributi o che assuma personale senza regolare permesso di soggiorno. Nel primo caso la sanzione arriva oltre i 1000 euro mentre nel secondo caso è prevista anche la reclusione.
Il progetto di riforma del Governo Renzi sul Trf nella busta paga mensile, vera novità nelle intenzioni legislative per il 2015, non dovrebbe coinvolgere questa categoria lavorativa, che sarebbe esclusa così come i lavoratori dell’agricoltura e i dipendenti pubblici. Alla base della motivazione c’è il fatto che estendere anche a loro il Trattamento di Fine Rapporto nella busta paga potrebbe pesare ulteriormente sul bilancio familiare, andando a togliere a quest’ultima i benefici come per esempio il bonus Irpef da 80 euro.



Potrebbe interessarti

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Leggi tutto...

I più condivisi

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...

Cerco lavoro call center: ecco le offerte

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Leggi tutto...

Interdizione anticipata per maternità: quanto ne sai?

quando si rimane incinta si puo richiedere l'interdizione anticipata per maternità

La lavoratrice madre ha per legge diritto ad essere tutelata durante la gravidanza e i primi anni di vita del bambino. Per la tutela della sua salute non può eseguire lavori pericolosi dall’inizio della gravidanza e fino al settimo mese di età del figlio, né lavori notturni (dalle 24 alle 6).

Leggi tutto...

Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro per disabili: la tutela della legislazione

lavori e normative per i disabili

La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Leggi tutto...
Go to Top