I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.
Il rapporto lavorativo può avere termine per scelta del collaboratore familiare o del datore di lavoro, purché ci sia un regolare preavviso; in questa breve guida indicheremo al lettore tempi e modi per redigere una comunicazione di licenziamento della colf nel rispetto della legge.

I tempi della comunicazione di licenziamento

La comunicazione di licenziamento della colf, nel caso il rapporto di lavoro superi le 24 ore settimanali va data col seguente preavviso:

  • 15 giorni, incluse le festività (fino a 5 anni di anzianità)
  • 30 giorni, incluse le festività (oltre i 5 anni di anzianità).
  • La comunicazione di licenziamento della colf, nel caso l’impegno lavorativo non superi le 24 ore settimanali, va data col seguente preavviso:
  • 8 giorni, inclusi i festivi (fino a 2 anni di anzianità)
  • 15 giorni, inclusi i festivi (oltre i 2 anni di anzianità).

Se è il collaboratore a dare le dimissioni i suddetti termini sono ridotti del 50%.

La tutela nel licenziamento della colf

Nel caso in cui il datore di lavoro non rilasci la comunicazione di licenziamento della colf, il lavoratore ha diritto a un’indennità che corrisponde alla retribuzione spettante nel periodo di preavviso. Se il collaboratore familiare non presta lavoro durante il periodo di preavviso, la retribuzione a lui spettante in tale periodo gli viene sottratta dalla liquidazione.

Dal 29 gennaio 2009 le comunicazioni licenziamento vanno trasmesse all’Inps entro cinque giorni dall’avvenuta cessazione del rapporto di lavoro. Da aprile 2011 è obbligatorio utilizzare il servizio online dell’INPS per la Variazione e Cessazione, oppure contattare il numero verde 803164 del Contact Center. La comunicazione di licenziamento si trasmette accedendo, tramite PIN, dal Menu Servizionline/Servizi al cittadino/Lavoratori domestici del portale INPS.

L’ultimo metodo è tramite gli intermediari dell’Inps come patronati, Caf, commercialisti che sono abilitati ai servizi online. Sul sito dell’Ente Previdenziale c’è una pagina web apposita con i passaggi da compiere per espletare in modo corretto la pratica.

La comunicazione licenziamento colf, in caso di decesso del datore di lavoro, va effettuata tramite il Contact Center e chi effettua la comunicazione deve fornire il proprio PIN, il codice fiscale del datore di lavoro e il codice del rapporto di lavoro. In caso di personale extracomunitario, bisogna informare lo Sportello Unico per l’Immigrazione cinque giorni prima che si interrompi il rapporto di lavoro.

La validità della comunicazione di licenziamento

La comunicazione licenziamento colf, se inoltrata in modo corretto, è valida per tutti gli altri uffici di competenza: del Ministero del lavoro, delle politiche sociali, della salute, dell’INAIL (Istituo nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro), della Prefettura.

Un mestiere anche “italiano”

Se un tempo essere una badante era un’occupazione riservata solo agli stranieri, con la crisi economica che si è abbattuta dal 2008 in Italia, in questi ruoli si vedono anche cittadini italiani. I tanti licenziamenti e i pochi posti di lavoro presenti attualmente rendono la situazione molto complicata per cui queste persone decidono di accettare anche queste mansioni per sostenere le spese correnti e mensili. Rispetto agli ultimi anni, nel 2014 c’è un lieve aumento della presenza italiana nel ruolo di badanti anche se loro rimangono sempre la minoranza rispetto al totale rappresentato da persone straniere. La percentuale è infatti del 20% contro l’80%. Tuttavia, la crisi economica ha fatto diminuire le presenza di badanti nelle famiglie, visto che si contano 43mila posti in meno negli ultimi anni. Una diminuzione spiegata con la necessità di far quadrare il bilancio familiare non togliendo quelle spese che sono invece essenziali in una casa.

Le multe e gli aggiornamenti legislativi

comunicazione di licenziamento alla colf

Bisogna sapere che sono previste delle multe per i datori di lavori riguardo la posizione della propria colf. La mancata comunicazione all’Inps infatti vale una sanzione da 200 a 500 euro mentre la vicenda diventa più pesante per le tasche del datore di lavoro qualora venga scoperto di non pagare i contributi o che assuma personale senza regolare permesso di soggiorno. Nel primo caso la sanzione arriva oltre i 1000 euro mentre nel secondo caso è prevista anche la reclusione.
Il progetto di riforma del Governo Renzi sul Trf nella busta paga mensile, vera novità nelle intenzioni legislative per il 2015, non dovrebbe coinvolgere questa categoria lavorativa, che sarebbe esclusa così come i lavoratori dell’agricoltura e i dipendenti pubblici. Alla base della motivazione c’è il fatto che estendere anche a loro il Trattamento di Fine Rapporto nella busta paga potrebbe pesare ulteriormente sul bilancio familiare, andando a togliere a quest’ultima i benefici come per esempio il bonus Irpef da 80 euro.



Potrebbe interessarti

Riforma del contratto a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi tutto...

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Lavoro nella Regione Sicilia: trova le offerte sul web!

Partiamo dal Sud Italia per suggerirvi alcuni portali dedicati alle offerte di lavoro in Sicilia. Così come fatto per CalabriaBasilicataCampaniaSardegna e Puglia, oggi vi presenteremo un approfondimento che certamente catturerà il vostro interesse.

Leggi tutto...

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro in Molise: scopri come trovarlo!

Trovare lavoro in Molise può risultare difficile, specie quando molti sono disposti ad attraversare l’Italia pur di ottenere un impiego. Saper cercare nel modo giusto si rivela quindi fondamentale per avere successo; vedremo, nell’articolo che segue, quali sono le località con più richiesta di lavoro e a chi rivolgersi per trovare un’occupazione in questa regione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...
Go to Top