I concorsi per le forze armate sono una delle tante possibilità di lavoro per lo Stato Italiano. Se per alcuni può sembrare solo una delle tante possibilità remote di raggiungere un posto fisso garantito, per molti ragazzi è una vera e propria vocazioneuna chiamata al servizio del proprio paese

Già a partire dal concorso, le Forze armate richiedono una dedizione ed un impegno senza eguali, tra cui anche uno sforzo fisico notevole. Infatti alcuni concorsi per le forze armate, come la VFP1 (Volontari in Ferma Prefissata 1 anno), la VFP4 (Volontari in Ferma Prefissata 4 anni) o i concorsi da maresciallo o per L’accademia, richiedono il superamento di alcune prove fisiche specifiche. 

Le date dei Concorsi e le varie fasi

La pubblicazione dei bandi di concorsi per le Forze Armate non avviene simultaneamente per tutte, ma il periodo è diverso a seconda della forza scelta. 

Nel periodo di maggio-giugno vengono pubblicati i bandi relativi all’Esercito, mentre la Marina Militare a luglio e agosto

Per quanto riguarda l’Aeronautica il periodo per mettersi alla prova è quello di ottobre-novembre

Qualsiasi sia la nostra vocazione ed il bando a cui vogliamo partecipare ci saranno almeno due fasi di reclutamento. La prima fase comprende la valutazione delle domande cartacee e quindi dei titoli di merito. La seconda fase, che può essere a sua volta divisa in più fasi, riguarda l’accertamento dell’idoneità psico-fisica – attitudinale e, se previste, le prove fisiche

Tutte queste prove porteranno ad un punteggio totale e ad una graduatoria, che deciderà le persone idonee a quel determinato concorso e quindi, l’entrata all’interno della forza armata e dell’addestramento. 

Le prove scritte dei concorsi per le forze armate

Concorsi per le Forze Armate

Nonostante la diversità tra i concorsi per le forze armate, le prove scritte saranno principalmente quiz di cultura generale.  Il modo migliore per affrontarli non è lo studio disperato a memoria di tutte le domande esistenti, ma un susseguirsi di studio teorico e di esercitazioni tramite i tanti libri e software a disposizione. 

Queste prime prove, sono studiate attentamente per scremare i tantissimi candidati delle prime selezioni dei concorsi per le forze armate, quindi richiedono una preparazione intelligente, senza farsi prendere dal panico e senza tecniche astruse per la memoria. 

Il giorno dell’esame la mossa migliore è leggere tutte le domande del test, rispondendo, all’inizio, solo a quelle di cui siamo sicuri al 100% della risposta e lasciare in bianco le altre. Quindi, poi, torniamo sulle domande a cui non abbiamo risposto perché dubbiosi e ragioniamo dandoci il giusto tempo. 

In queste prove, la fretta e lo stress fanno crollare anche persone molto preparate, per cui dobbiamo anche allenare la nostra mente a ragionare in queste situazioni. 

Le prove fisiche

Nei concorsi per le Forze Armate non mancano le prove fisiche, dei veri e propri test creati per valutare, appunto, le capacità fisiche dei candidati, come la forza e la resistenza

Queste prove cambiano e diventano sempre più dure a seconda del posto per cui stiamo concorrendo e presentano dei punteggi molto importanti per avanzare nella graduatoria finale. 

Ad esempio, nelle prove fisiche legate ai concorsi per le forze armate VFP1 (Volontario in Ferma Prefissata 1 anno) la prova fisica è composta da 4 esercizi fondamentali che i candidati devono effettuare in successione, in un ordine sempre diverso, stabilito dalla commissione giudicante. 

Un esercizio riguarda la corsa: 2.000 metri da effettuare in un tempo massimo di 10 minuti e 30 secondi per gli uomini e 11 minuti e 30 per le donne. Ogni secondo in meno rispetto al tempo massimo, fino a 173 secondi, darà un punteggio aggiuntivo. 

Oltre alla corsa, ci sono le trazioni alla sbarra: minimo 4 per gli uomini e 2 per le donne in un tempo massimo di 2 minuti. Ogni ulteriore trazione, determina, anche qui, dei punti ulteriori. 

Non possono mancare i piegamenti sulle braccia: minimo 8 per gli uomini e minimo 6 per le donne, per un 0,25 punti in più per ogni piegamento aggiuntivo fino ad un max di 20. 

Per finire, le flessioni addominali: Minimo 8 sia per gli uomini che per le donne, con un 0,125 di punto in più per ogni flessione ulteriore fino ad un massimo di 40. 

Si tratta quindi, di prove assolutamente superabili per qualunque persona con un allenamento base ed una vita attiva.

Adesso sapete abbastanza per superare i concorsi per le forze armate.

Potrebbe interessarti

Edux: per implementare le competenze linguistiche

formazione

Implementare le competenze linguistiche è fondamentale per avere delle migliori chance nella ricerca del lavoro non solo, avere un cv vincente non può prescindere dalla conoscenza di una o più lingue straniere: per questo motivo Education First, nota ai più come EF, da anni operante nel settore della formazione linguistica dalle vacanze studio all’anno all’estero, sabato 16 gennaio a partire dalle ore 9 organizza la prima fiera digitale dedicata al comparto.

Il calcolo dei ratei tredicesima:ecco le informazioni necessarie!

I lavoratori subordinati con contratto a tempo determinato o indeterminato percepiscono una mensilità definita tredicesima che viene calcolata seguendo criteri ben precisi e che varia a seconda della tipologia di lavoro e di contratto.

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo dell'età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

calcolo dell'età pensionabile

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi anche...

Come trovare lavoro sui i social network: scoprilo con noi!

immagine per come trovare lavoro sui social network

In un mondo in cui la concorrenza si fa sempre più serrata e arriva a valicare i confini nazionali, vedremo in che modo si possano aumentare le probabilità di trovare un’occupazione tramite il web, o comunque di sfruttarlo per trasformare una passione in una professione ben pagata. Quindi come trovare lavoro sui social network?

Leggi anche...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.