Entrare nelle forze dell'ordine ed indossare una divisa rappresenta il sogno di diversi giovani, sia uomini che donne. Per molti, servire il proprio Paese in questa maniera non solo permette di adempiere al proprio dovere di cittadino, ma anche fornire il proprio contributo alla sicurezza delle persone, soprattutto quelle più deboli e vulnerabili. Un senso civico che porta diversi soggetti in divisa a rischiare ogni giorno la propria vita per il bene comune.

Per venire incontro a questa passione per la divisa e, al tempo stesso, far fronte al pensionamento graduale di vari ufficiali di pubblica sicurezza, periodicamente vengono indetti diversi bandi di concorso della polizia di stato e selezioni per entrare a far parte delle forze dell'ordine. Uno degli ultimi ad essere stato bandito è stato un concorso della Polizia di Stato 2019. Cerchiamo di approfondire di cosa si tratti, quali i requisiti richiesti, le prove previste e come poter partecipare. Informazioni che potrebbero essere utili per coloro che magari sognano un giorno di indossare la divisa da poliziotto.

Posti messi al concorso della polizia di stato e requisiti per parteciparvi

Uscito nei primi giorni di Novembre del 2018, il bando prevede la selezione di 654 agenti di Polizia di Stato. Coloro che vi vorranno partecipare tuttavia dovranno soddisfare alcuni semplici ma importanti requisiti. Il primo di questi riguarda l'età anagrafica. Infatti possono presentare la domanda di partecipazione soltanto coloro che siano maggiorenni ma che non abbiano compiuto i 26 anni di età. Così come altri concorsi del genere, un primo limite quindi riguarda quelle persone che abbiano superato tale soglia anagrafica.

Altro importante requisito è che tale selezione è destinata unicamente a quei soggetti che hanno fatto parte o ancora sono membri delle forze armate, come volontari in ferma breve per un anno o quattro anni (i cosiddetti VFP1 e VFP4). Per quanto riguarda il titolo di studio, ulteriore elemento specifico necessario alla partecipazione, basta essere in possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado, cioè dell'attestato di scuola media inferiore.

Accanto a tali requisiti particolari, vi sono anche quelli generali, richiesti in tutti i concorsi pubblici. Nello specifico, essere cittadini italiani ed in possesso dei diritti politici, non essere stati condannati per reati penali oppure essere stati sottoposti a misure cautelari o di prevenzione. Infine, non essere stati oggetto di precedente espulsione dalle forze armate o da altri corpi militari organizzati.

Come si effettua la domanda di partecipazione e le prove di selezione 

Gli interessati possono presentare la propria domanda al concorso della polizia di stato tramite procedura online e quindi soltanto tramite internet, collegandosi al link messo a disposizione per l'occasione dalla Polizia di Stato. Tuttavia, elemento necessario per effettuare in maniera corretta tale procedura è il possesso di un'identità digitale SPID, che può essere ottenuta tramite il sito di Poste Italiane oppure, a pagamento, attraverso società private online.

Per quanto concerne le prove selettive, ne sono previste in sostanza quattro di vario genere. La prima è un test scritto, sotto forma di questionario a risposta multipla, di cultura generale, lingua inglese ed informatica. Tale prova, comunque, è di un livello conforme agli studi richiesti ai partecipanti. La seconda prova è un test riguardante l'efficienza fisica dei candidati e quindi di verifica delle condizioni atletiche di tali soggetti.

Superate positivamente queste due selezioni, gli aspiranti poliziotti devono sottoporsi poi a degli accertamenti di natura psico-fisica per ottenere l'idoneità richiesta, in pratica saranno effettuate delle visite mediche accurate. Infine, come ultima prova ,vi sono dei cosiddetti accertamenti attitudinali, sotto forma di colloqui con degli psicologi. Ricordiamo, comunque, che il mancato superamento anche di una sola di queste prove determina l'esclusione dalla procedura concorsuale.

Testi di preparazione alla prova scritta

Così come per altre selezione pubbliche di questo genere, sono stati realizzati e sono in vendita nelle librerie dei manuali di preparazione al test scritto di cultura generale. Alcune società inoltre propongono, assieme ad un testo per esercitarsi ad affrontare tale prova, una sorta di kit completo per essere preparati anche alle selezioni di efficienza fisica ed ai colloqui psico-attitudinali previsti per i candidati.

Concorso della Polizia di Stato 2021

polizia di stato 2

Entro il 14 giugno 2021 sarà possibile inviare la propria candidatura per entrare a far parte delle forze armate, nello specifico, della polizia di stato. Non è ancora ben definita la data del concorso della Polizia di stato 2021 ma è certo che ci saranno 1650 posizioni aperte.

Requisiti necessari

Ovviamente, per partecipare al concorso della Polizia di Stato 2021 bisogna soddisfare determinati requisiti che vi elencheremo nelle prossime righe:

  • Cittadinanza italiana
  • Diploma della scuola secondaria, fatta eccezione per i riservatari che non hanno fatto il servizio militare;
  • La fascia di età del candidato dovrà essere tra i 18 anni e i 25 anni compiuti;
  • Il candidato al concorso della Polizia di Stato 2021 dovrà essere idoneo a livello fisico e psicologico, tali condizioni saranno accertate in fase di selezione.

Non saranno prese in considerazione le domande di tutti coloro che sono già stati espulsi in precedenza dalle forze dell’ordine oppure sono stati licenziati da incarichi di ordine pubblico.

Come candidarsi e quali prove dovrai affrontare

polizia di stato 3

Sarà possibile candidarsi al concorso della polizia di stato compilando il documento idoneo sul sito ufficiale della polizia di stato ed inviando la tua domanda entro il 14 Giugno 2021. Per accedere al portale dovrai essere munito delle tue credenziali SPID oppure di una carta d’identità digitale. Se la tua domanda sarà presa in considerazione, dovrai affrontare le seguenti prove:

  • Prova scritta: si tratta di un quiz a risposta multipla riguardo tematiche di cultura generale, dove il candidato avrà l’opportunità di far emergere le proprie competenze per quanto riguarda la conoscenza della lingua inglese o in materia di tecnologie di comune utilizzo;
  • I primi 2700 idonei alla prova scritta, potranno passare alla prova di test fisico e successivamente di test psicologico;
  • Infine, verranno valutati i titoli di cui il candidato è in possesso.

Terminato l’iter selettivo ci sarà disponibilità per 1650 persone di entrare a far parte ufficialmente della Polizia dello Stato Italiano.

Come memorizzare la Banca Dati della Polizia di Stato dei quiz

L’impegno di memorizzare i quiz è solitamente richiesto in due circostanze: gli esami scritti per accedere a facoltà o partecipare a concorsi con quiz che prevedono risposte multiple oppure gli esami di stato di abilitazione alle professioni, i concorsi pubblici e i quiz della Banca Dati della Polizia di Statodati per i concorsi che permettono l’accesso a questi ruoli.

Per superare questa tipologia di esame è molto più utile imparare un metodo per poter studiare e memorizzare la Banca Dati della Polizia di Stato e i quiz con i quali ci si esercita. Soprattutto quando si ha poco tempo a disposizione per imparare e memorizzare circa 500 quesiti. L’errore più comune è quello di leggere e ripetere continuamente lo stesso quiz per impararlo a memoria. Il cervello umano fatica maggiormente in questo modo, cercando di ricordare esattamente le singole parole. È, invece, più utile, leggere e “visualizzare”, immaginare il testo e la relativa risposta corretta. Il cervello visualizzando la domanda, memorizza e immagazzina a lungo termine con maggiore efficacia. Quando ci sono limiti di tempo e una grande quantità di informazioni da immagazzinare, occorre procedere con metodo, organizzando il tempo di studio e applicando le tecniche di memorizzazione.

In soli 4 step è possibile riuscire a memorizzare dai 50 ai 100 quesiti al giorno in modo permanente:

  1. Pianificare il tempo di studio: dal momento della pubblicazione dei quiz fino al giorno dell’esame, occorre pianificare ogni singolo giorno scrivendo sul calendario le ore che si intende dedicare allo studio e quanti quesiti si desidera o si riesce a memorizzare in quelle ore di studio. Una volta fissato il piano di gestione del tempo ci si dovrà attenere con scrupolo;
  2. Imparare solo la risposta giusta: le risposte ai quiz sono solitamente allegate ai quesiti. È pertanto conveniente nei tempi brevi a disposizione, memorizzare solo la domanda formulata con la rispettiva risposta corretta.
  3. Usare la memoria visiva e associare a ciascuna domanda e risposta corrette un’immagine: la frequenza di ripetizione non è sufficiente per la memoria, occorre spesso raffigurare mentalmente la risposta o la domanda stessa. L’uso di immagini – anche paradossali – associate a una domanda rendono l’apprendimento più veloce e la memorizzazione più efficace;
  4. Pianificare il ripasso e dilazionarlo nel tempo: l’apprendimento abbinato alla ripetizione delle nozioni con specifica cadenza temporale permette al cervello di passare l’informazione dalla memoria a breve termine a quella a lungo termine. Questo non significa ripetere 10 volte a pappagallo la stessa frase per ricordarla, bensì significa accumulare una certa quantità di informazioni e poi ripeterla mentalmente con cadenza dilazionata dopo 5 o 10 giorni. La tecnica della ripetizione dilazionata aiuta a fissare le nozioni. Il “piano di dilazionamento” dipende dalla mole di dati da memorizzare.

Dove esercitarsi con le banche dati dei quiz

Ci sono numerosi siti web che pubblicano i quiz dei concorsi pubblici passati, ma anche quelli in corso per cui prepararsi. Gli stessi enti promotori dei bandi di concorso e le stesse istituzioni forniscono la Banca Dati della Polizia di Stato dati dei quiz oggetto di esame, proprio come la Banca Dati della Polizia di Stato e simili. Per chi vuole semplicemente esercitarsi con il metodo di memorizzazione, esistono invece altri siti e scuole di formazione che propongono metodi di apprendimento rapido, così come diverse tipologie di quiz con cui esercitarsi.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group