Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato,  negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica. Di nella prevista Legge di Bilancio 2019, è stata disposta la "Pace Fiscale", un condono fiscale nel 2019 che, fra le altre cose, consentirà, almeno in teoria, altre entrate allo Stato. 

Il Decreto, in fase di definizione, è sottoposto a una serie di emendamenti e correttivi fino alla sua definitiva approvazione e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

La cosiddetta pace fiscale o, secondo altre persone, in effetti un vero e proprio condono fiscale e che perciò è stata al centro di varie polemiche politiche, è composta da varie iniziative che coinvolgono diversi soggetti che, come detto, si trovano al centro di un contenzioso di varia natura col fisco italiano. Obiettivo finale di quest'ultimo e delle autorità governative, oltre ad ottenere delle entrate finanziarie, è almeno la drastica riduzione delle liti pendenti con i contribuenti. Andiamo quindi a conoscere meglio i punti principali di questa iniziativa.

Il cosiddetto decreto fiscale 2019 in generale

come funziona il condono fiscale per il 2019

Complessivamente, il piano previsto dal governo è composto da varie singole iniziative. Vi rientrano quindi una definizione agevolata delle liti tributarie, un condono fiscale per le cartelle fino ad un massimo di 1.000 Euro, la cosiddetta rottamazione ter per quelle esattoriali, la possibilità di effettuare una dichiarazione integrativa speciale e, infine, una sorta di sanatoria doganale.

I “debiti” che sicuramente potranno essere sanati con il Fisco riguardano:

  • Le cartelle di pagamento;
  • Le multe;
  • Le sanzioni;
  • Gli accertamenti fiscali in corso;
  • Liti fiscali con ricorso fino in Cassazione;
  • Piccoli errori formali che non hanno comportato minore esborso di imposte.

Sono esclusi dalla possibilità di accedere alla Pace Fiscale 2019 coloro che non sono in regola con il versamento delle rate precedenti pur avendo aderito alla rottamazione delle cartelle e rottamazione cartelle bis nei precedenti Governi, ovvero dal periodo compreso tra l’anno 2000 fino a settembre 2017; ciò è stato voluto per non creare continuità a chi è già moroso avendo aderito alle precedenti rottamazioni. Tuttavia, possono aderire alla rottamazione anche coloro che hanno aderito alla rottamazione bis purché entro la scadenza del 7 dicembre 2018 abbiano versato le rate di luglio, settembre e ottobre omesse, riuscendo a ottenere così una proroga automatica per il versamento delle restanti somme in 18 rate a importo fisso.

Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratti ed in particolare di approfondire quali punti potrebbero rientrare nel cosiddetto condono fiscale.

Rottamazione e condono fiscale mini cartelle

La cosiddetta rottamazione non è destinata a tutti, ma solo a coloro che avevano già in precedenza aderito ad analoghe iniziative avvenute negli anni precedenti (e quindi nel 2016 e 2017) oppure a coloro che si ritrovano ad avere una pendenza col fisco italiano per dei debiti aperti tra il 2000 ed il 2017 e che vorrebbero aderire per la prima volta. Le autorità, in effetti, permettono a questi soggetti di concludere in maniera definitiva un'eventuale controversia tributaria.

In particolare, a tali contribuenti è concesso, infatti, di non pagare more o sanzioni sul debito e, nel caso volessero rateizzarlo, lo possono fare attraverso 10 rate distribuite in un quinquennio, su cui pagheranno un interesse soltanto del 2% anziché del consueto 4,5%. Inoltre, per quelle persone che si ritrovano ad avere un credito verso la Pubblica Amministrazione, è possibile scontare il debito accumulato col fisco italiano appunto col suddetto credito con la P.A. 

La riscossione attesa dalla rottamazione ammonta a circa 3.048 miliardi di €.

Coloro i quali, invece, sono stati destinatari di cartelle esattoriali da pagare e di importo sino a 1.000 Euro, relative al periodo intercorso tra il 2000 ed il 2010, ne otterranno l'annullamento completo e la definitiva cancellazione al 31 Dicembre 2018. Un esempio di questo genere di cartelle possono essere le multe stradali oppure le sanzioni connesse alla tassa sui rifiuti o ad altri tipi di imposte o tributi locali, esclusi Imu e Tasi (perché non vi è il parere favorevole della Ragioneria di Stato). Inoltre, un emendamento aggiunto riguarda una misura specifica per chi ha riscontrato difficoltà economiche i quali possono ottenere un saldo e lo “stralcio” delle cartelle non pagate. Le aliquote proposte sono tre: 6%, 10 % e 25%.

La dichiarazione 730 integrativa è stata abolita

Recenti emendamenti alla manovra, hanno indotto all’eliminazione della dichiarazione integrativa “speciale” al 20%. Si sarebbe trattato di un'agevolazione considerevole arriva anche per quelle persone che hanno omesso di presentare, in sede di dichiarazione dei redditi, eventuali ulteriori entrate percepite o guadagni. Infatti, questi contribuenti, presentando una dichiarazione 730 integrativa al fisco, potranno versare soltanto il 20% di quanto omesso in quelle precedenti, mettendosi così al sicuro da un'eventuale contenzioso con la temuta Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione integrativa viene sostituita dalla formula della “pace fiscale per errori formali” riguardo gli adempimenti fiscali. La misura prevede la possibilità di sanare quelle irregolarità formali che, tuttavia, non hanno determinato minori imposte nel periodo dal 2013 al 2017. Per regolarizzare la posizione occorrerà versare 200 € per ogni anno di irregolarità nell’arco temporale interessato dalla sanatoria.

Tuttavia, quelli che potranno usufruire di tale beneficio saranno soltanto coloro che hanno effettuato la dichiarazione dei redditi e le cui somme omesse non supereranno il 30% di quanto dichiarato e con un tetto massimo di 100.000 Euro. Diverso trattamento, invece, è riservato ad eventuali evasori fiscali veri e propri, i quali vedranno inasprite le pene rispetto agli anni passati, nel caso venissero scoperti. Un’importante novità a riguardo interessa la misura per cui viene dato il via libera alla Guardia di Finanza di accedere alla superanagrafe dei conti correnti senza richiedere l’autorizzazione alla Magistratura.

Tutte queste misure, come detto, non sono dissimili rispetto a quelle realizzate in Italia nel corso del tempo e da altri tipi di governo. A cambiare è stata soltanto la denominazione dell'intervento. Di conseguenza, permettendo una sanatoria o una cancellazione parziale delle imposte, che avrebbero dovute essere pagate dal contribuente attraverso modalità ordinarie e soprattutto obbligatorie, si è dato il via a varie polemiche. 

Altre misure previste dalla Pace Fiscale

Rispetto alla versione precedente del Decreto, sono stati cancellati altri emendamenti come quello che consentiva ai Comuni di aderire alla sanatoria, così come è stata cancellata la proroga della moratoria sulle sanzioni per l’applicazione della fatturazione elettronica. Altri emendamenti riguardano:

  • Concessioni autostradali: è stata ritirata la modifica che prevedeva – in attesa di future gare di appalto per l’assegnazione delle concessioni autostradali – di prorogare al vecchio concessionario il proseguimento delle attività di progettazione e realizzazione degli interventi urgenti di manutenzione per garantire il mantenimento o incrementare la sicurezza delle infrastrutture autostradali.
  • Cancellazione del carcere per gli evasori: è stata eliminata dal testo la proposta di introdurre il carcere per gli evasori fiscali.
  • Sanatoria dei verbali e accertamenti immediati: in caso in cui – entro l’entrata in vigore del Decreto – si riceva un verbale di contestazione, sarà possibile sanare il contenzioso ripresentando la dichiarazione entro il 31 maggio 2019, versando le imposte dovute senza sanzioni e interessi, in un’unica rata o in 20 rate trimestrali. Sono altresì abolite le sanzioni e gli interessi in caso di avviso di accertamento, rettifica, liquidazione o per atti di recupero notificati entro la data di entrata in vigore del Decreto Legge, purché non vengano impugnati. Dalla pubblicazione del decreto si ha tempo 30 giorni per la messa a regola.
  • Proroga di 12 mesi per la cassa integrazione straordinaria (crisi aziendali): in caso di crisi aziendale scompare la soglia minima di 100 lavoratori per la CIG straordinaria e si autorizza la proroga per dodici mesi. La proroga è, però concessa, alle aziende in crisi che hanno stipulato contratti di solidarietà e nel caso in cui permanga, anche solo parzialmente, l’esubero di personale come dichiarato negli accordi di solidarietà. Nel 2018, la proroga era stata concessa per le imprese con organico superiore a 100 dipendenti e sarà ulteriormente prorogata qualora permane lo stato di difficoltà occupazionale a livello territoriale o rilevanti problematiche di riorganizzazione aziendale (massimo 12 mesi) o crisi (massimo 6 mesi) per il biennio 2018/2019. 
  • Scontrini digitali: a partire dal primo gennaio 2020 è obbligatoria la trasmissione e la memorizzazione telematica degli scontrini.
  • Riduzione sanzioni fatturazione elettronica: sono state ridotte le sanzioni sui ritardi di attuazione della fatturazione elettronica obbligatoria, però, dal 1 gennaio 2020.
  • Condono fino a 30 000 € per società e associazioni sportive dilettantistiche: le società e le associazioni sportive dilettantesche regolarmente iscritte al CONI potranno avvalersi di un condono fiscale nel limite complessivo di 30 000 € di imponibile annuo per tutte le imposte dovute e non versate. Le società potranno avvalersi dell’agevolazione versando il 50% delle maggiori imposte accertate (Iva esclusa, ché deve essere versata per intero) e il 5% delle sanzioni applicate e interessi dovuti.

Per finanziare le misure previste, saranno effettuati tagli ai Ministeri per 589,2 milioni di €, così distribuiti:

  • 470 milioni a carico del Ministero dell’Economia;
  • 29 milioni in tagli per il Ministero dell’Istruzione e la Ricerca;
  • 24 milioni in meno per il Ministero del Lavoro;
  • 17 milioni a carico del Ministero degli Interni;
  • 14 milioni dal Ministero della Difesa.

Contribuiscono anche, ma in misura minore, il Ministero degli Esteri con 9 milioni e il Ministero della Giustizia con 11 milioni. 





Potrebbe interessarti

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Tabella pensionamento: una guida completa dell'argomento

Immagine d'esempio usata nell'articolo sulle tabelle di pensionamento

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Fondi per l’imprenditoria femminile: ecco come richiederli

fondi per l'imprenditoria femminile

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Modello organizzativo aziendale: quale scegliere per la propria società?

scegli il modello aziendale che adatto alla tua attività

Il modello aziendale si sceglie sulla base di numerosi parametri (come mercato, risorse, prodotto) ma, qualsiasi sia la scelta effettuata ciò che conta è l'efficienza delle strutture selezionate: l'impresa inefficiente sarà un'impresa in perdita.

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Leggi anche...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Ritardo nel pagamento dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto a progetto: le caratteristiche nel dettaglio

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...
Go to Top