Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato,  negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica. Di nella prevista Legge di Bilancio 2019, è stata disposta la "Pace Fiscale", il condono fiscale 2019 che, fra le altre cose, consentirà, almeno in teoria, altre entrate allo Stato. 

Il Decreto, in fase di definizione, è sottoposto a una serie di emendamenti e correttivi fino alla sua definitiva approvazione e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

La cosiddetta pace fiscale o, secondo altre persone, in effetti un vero e proprio condono fiscale 2019 e che perciò è stata al centro di varie polemiche politiche, è composta da varie iniziative che coinvolgono diversi soggetti che, come detto, si trovano al centro di un contenzioso di varia natura col fisco italiano. Obiettivo finale del condono fiscale 2019 e delle autorità governative, oltre ad ottenere delle entrate finanziarie, è almeno la drastica riduzione delle liti pendenti con i contribuenti. Andiamo quindi a conoscere meglio i punti principali di questa iniziativa.

Il cosiddetto decreto fiscale in generale

Complessivamente, il piano previsto dal governo è composto da varie singole iniziative. Vi rientrano quindi una definizione agevolata delle liti tributarie, un condono fiscale nel 2019 per le cartelle fino ad un massimo di 1.000 Euro, la cosiddetta rottamazione ter per quelle esattoriali, la possibilità di effettuare una dichiarazione integrativa speciale e, infine, una sorta di sanatoria doganale.

I “debiti” che sicuramente potranno essere sanati con il Fisco mediante il condono fiscale 2019 riguardano:

  • Le cartelle di pagamento;
  • Le multe;
  • Le sanzioni;
  • Gli accertamenti fiscali in corso;
  • Liti fiscali con ricorso fino in Cassazione;
  • Piccoli errori formali che non hanno comportato minore esborso di imposte.

Sono esclusi dalla possibilità di accedere al condono fiscale 2019 coloro che non sono in regola con il versamento delle rate precedenti pur avendo aderito alla rottamazione delle cartelle e rottamazione cartelle bis nei precedenti Governi, ovvero dal periodo compreso tra l’anno 2000 fino a settembre 2017; ciò è stato voluto per non creare continuità a chi è già moroso avendo aderito alle precedenti rottamazioni. Tuttavia, possono aderire alla rottamazione anche coloro che hanno aderito alla rottamazione bis purché entro la scadenza del 7 dicembre 2018 abbiano versato le rate di luglio, settembre e ottobre omesse, riuscendo a ottenere così una proroga automatica per il versamento delle restanti somme in 18 rate a importo fisso.

Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratti ed in particolare di approfondire quali punti potrebbero rientrare nel cosiddetto condono fiscale 2019.

Rottamazione e condono fiscale 2019: le mini cartelle

come funziona il condono fiscale per il 2019

La cosiddetta rottamazione non è destinata a tutti, ma solo a coloro che avevano già in precedenza aderito ad analoghe iniziative avvenute negli anni precedenti (e quindi nel 2016 e 2017) oppure a coloro che si ritrovano ad avere una pendenza col fisco italiano per dei debiti aperti tra il 2000 ed il 2017 e che vorrebbero aderire per la prima volta. Le autorità, in effetti, permettono a questi soggetti di concludere in maniera definitiva un'eventuale controversia tributaria.

In particolare, a tali contribuenti è concesso, infatti, di non pagare more o sanzioni sul debito e, nel caso volessero rateizzarlo, lo possono fare attraverso 10 rate distribuite in un quinquennio, su cui pagheranno un interesse soltanto del 2% anziché del consueto 4,5%. Inoltre, per quelle persone che si ritrovano ad avere un credito verso la Pubblica Amministrazione, è possibile scontare il debito accumulato col fisco italiano appunto col suddetto credito con la P.A. La riscossione attesa dalla rottamazione ammonta a circa 3.048 miliardi di €.

Coloro i quali, invece, sono stati destinatari di cartelle esattoriali da pagare e di importo sino a 1.000 Euro, relative al periodo intercorso tra il 2000 ed il 2010, ne otterranno l'annullamento completo e la definitiva cancellazione al 31 Dicembre 2018. Un esempio di questo genere di cartelle possono essere le multe stradali oppure le sanzioni connesse alla tassa sui rifiuti o ad altri tipi di imposte o tributi locali, esclusi Imu e Tasi (perché non vi è il parere favorevole della Ragioneria di Stato). Inoltre, un emendamento aggiunto riguarda una misura specifica per chi ha riscontrato difficoltà economiche i quali possono ottenere un saldo e lo “stralcio” delle cartelle non pagate. Le aliquote proposte sono tre: 6%, 10 % e 25%.

La dichiarazione 730 integrativa è stata abolita

Recenti emendamenti alla manovra, hanno indotto all’eliminazione della dichiarazione integrativa “speciale” al 20%. Si sarebbe trattato di un'agevolazione considerevole arriva anche per quelle persone che hanno omesso di presentare, in sede di dichiarazione dei redditi, eventuali ulteriori entrate percepite o guadagni. Infatti, questi contribuenti, presentando una dichiarazione 730 integrativa al fisco, potranno versare soltanto il 20% di quanto omesso in quelle precedenti, mettendosi così al sicuro da un'eventuale contenzioso con la temuta Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione integrativa viene sostituita dalla formula della “pace fiscale per errori formali” riguardo gli adempimenti fiscali. La misura prevede la possibilità di sanare quelle irregolarità formali che, tuttavia, non hanno determinato minori imposte nel periodo dal 2013 al 2017. Per regolarizzare la posizione occorrerà versare 200 € per ogni anno di irregolarità nell’arco temporale interessato dalla sanatoria.

Tuttavia, quelli che potranno usufruire di tale beneficio saranno soltanto coloro che hanno effettuato la dichiarazione dei redditi e le cui somme omesse non supereranno il 30% di quanto dichiarato e con un tetto massimo di 100.000 Euro. Diverso trattamento, invece, è riservato ad eventuali evasori fiscali veri e propri, i quali vedranno inasprite le pene rispetto agli anni passati, nel caso venissero scoperti. Un’importante novità a riguardo interessa la misura per cui viene dato il via libera alla Guardia di Finanza di accedere alla superanagrafe dei conti correnti senza richiedere l’autorizzazione alla Magistratura.

Tutte queste misure, come detto, non sono dissimili rispetto a quelle realizzate in Italia nel corso del tempo e da altri tipi di governo. A cambiare è stata soltanto la denominazione dell'intervento. Di conseguenza, permettendo una sanatoria o una cancellazione parziale delle imposte, che avrebbero dovute essere pagate dal contribuente attraverso modalità ordinarie e soprattutto obbligatorie, si è dato il via a varie polemiche. 

Altre misure previste dalla Pace Fiscale

Rispetto alla versione precedente del Decreto, sono stati cancellati altri emendamenti come quello che consentiva ai Comuni di aderire alla sanatoria, così come è stata cancellata la proroga della moratoria sulle sanzioni per l’applicazione della fatturazione elettronica. Altri emendamenti riguardano:

  • Concessioni autostradali: è stata ritirata la modifica che prevedeva – in attesa di future gare di appalto per l’assegnazione delle concessioni autostradali – di prorogare al vecchio concessionario il proseguimento delle attività di progettazione e realizzazione degli interventi urgenti di manutenzione per garantire il mantenimento o incrementare la sicurezza delle infrastrutture autostradali.
  • Cancellazione del carcere per gli evasori: è stata eliminata dal testo la proposta di introdurre il carcere per gli evasori fiscali.
  • Sanatoria dei verbali e accertamenti immediati: in caso in cui – entro l’entrata in vigore del Decreto – si riceva un verbale di contestazione, sarà possibile sanare il contenzioso ripresentando la dichiarazione entro il 31 maggio 2019, versando le imposte dovute senza sanzioni e interessi, in un’unica rata o in 20 rate trimestrali. Sono altresì abolite le sanzioni e gli interessi in caso di avviso di accertamento, rettifica, liquidazione o per atti di recupero notificati entro la data di entrata in vigore del Decreto Legge, purché non vengano impugnati. Dalla pubblicazione del decreto si ha tempo 30 giorni per la messa a regola.
  • Proroga di 12 mesi per la cassa integrazione straordinaria (crisi aziendali): in caso di crisi aziendale scompare la soglia minima di 100 lavoratori per la CIG straordinaria e si autorizza la proroga per dodici mesi. La proroga è, però concessa, alle aziende in crisi che hanno stipulato contratti di solidarietà e nel caso in cui permanga, anche solo parzialmente, l’esubero di personale come dichiarato negli accordi di solidarietà. Nel 2018, la proroga era stata concessa per le imprese con organico superiore a 100 dipendenti e sarà ulteriormente prorogata qualora permane lo stato di difficoltà occupazionale a livello territoriale o rilevanti problematiche di riorganizzazione aziendale (massimo 12 mesi) o crisi (massimo 6 mesi) per il biennio 2018/2019. 
  • Scontrini digitali: a partire dal primo gennaio 2020 è obbligatoria la trasmissione e la memorizzazione telematica degli scontrini.
  • Riduzione sanzioni fatturazione elettronica: sono state ridotte le sanzioni sui ritardi di attuazione della fatturazione elettronica obbligatoria, però, dal 1 gennaio 2020.
  • Condono fino a 30 000 € per società e associazioni sportive dilettantistiche: le società e le associazioni sportive dilettantesche regolarmente iscritte al CONI potranno avvalersi di un condono fiscale 2019 nel limite complessivo di 30 000 € di imponibile annuo per tutte le imposte dovute e non versate. Le società potranno avvalersi dell’agevolazione versando il 50% delle maggiori imposte accertate (Iva esclusa, ché deve essere versata per intero) e il 5% delle sanzioni applicate e interessi dovuti.

Per finanziare le misure previste, saranno effettuati tagli ai Ministeri per 589,2 milioni di €, così distribuiti:

  • 470 milioni a carico del Ministero dell’Economia;
  • 29 milioni in tagli per il Ministero dell’Istruzione e la Ricerca;
  • 24 milioni in meno per il Ministero del Lavoro;
  • 17 milioni a carico del Ministero degli Interni;
  • 14 milioni dal Ministero della Difesa.

Contribuiscono anche, ma in misura minore, il Ministero degli Esteri con 9 milioni e il Ministero della Giustizia con 11 milioni. 

Pace fiscale e condono: novità 2021

Dopo il condono fiscale 2019, le novità sui condoni per il 2021 sono molte e in gran parte derivate dall’esigenza di tamponare alcune criticità generate dalla crisi economica scatenata dalla pandemia e dall’arresto forzato di molte attività commerciali. Pur rimanendo aggiornata l’attività dell’Agenzia delle Entrate con l’invio di 50 nuovi milioni di atti di riscossione, il Ministero dell’Economia rassicura che anche per il 2021 sono previsti saldi e rinvii per le posizioni di morosità apertesi nel 2020, il proseguimento della pace fiscale che si sintetizza nella rottamazione quater e un mini condono per i debiti con il Fisco inferiori a 1000 €.

La rottamazione quater

Le cartelle esattoriali dal 2016 al 2019 sono soggette alla possibilità del cosiddetto saldo e stralcio tramite il meccanismo definito rottamazione esattoriale, giunta alla quarta applicazione. È in particolar modo rivolta ai soggetti penalizzati dagli effetti economici devastanti generati dall’emergenza sanitaria corrente. La rottamazione consiste nella gestione straordinaria di milioni di cartelle esattoriali in base alle condizioni dell’utente. Chi è nelle condizioni di pagare, lo potrà fare con l’applicazione di uno sconto sule sanzioni e gli interessi maturati; mentre gli utenti più fragili potranno usufruire di condizioni di sospensione o rimando del pagamento. Un mini-condono per pagamenti inferiori a 1000 € è ipotizzato per le cartelle emesse fino al 2015, pari a circa 1000 miliardi di crediti inesigibili che si riferiscono a soggetti defunti o falliti. Si tratterebbe di cancellare circa 55 miliardi di euro su un totale di 171 milioni di cartelle. Il mini-condono interesserebbe in particolare anche i lavoratori autonomi e i liberi professionisti danneggiati dagli effetti del coronavirus.

È bene ricordare che per rottamazione non si intende la cancellazione totale del debito, bensì l’applicazione di agevolazioni per facilitare il pagamento, dando un po’ di respiro ai contribuenti e per andare incontro ai morosi incolpevoli.

Il Ministero delle Finanze sta vagliando anche la possibilità di una riforma della riscossione per i debiti inesigibili e non più riscuotibili per via di contribuenti falliti o deceduti. La riforma implica l’intervento sul “magazzino” di ex-Equitalia in cui sono depositati 20 anni di ruoli inesigibili per un ammontare di diverse centinaia di miliardi di euro.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Contributi da riscatto: ecco tutte le informazioni di cui hai bisogno!

Contributi da riscatto

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

I più condivisi

Lavoro ripartito: diritti e doveri spiegati nel dettaglio

lavoro ripartito

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

La Bacheca lavoro a Trento: ecco di cosa si tratta e come sfruttarla

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo La Bacheca del lavoro a Trento: ecco di cosa si tratta e come puoi sfruttarla

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Trentino.

Attestato sulla sicurezza sul lavoro: perché frequentare dei corsi conviene?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro

Leggi anche...

Orario di lavoro notturno: quali sono i termini del tuo contratto?

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo. Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

Leggi anche...

Globalizzazione economica: elemento positivo o negativo?

Globalizzazione economica

La globalizzazione infatti facilita il lavoro (inteso come produzione e scambio di bene e servizi) con l'uso di varia tecnologia, tuttavia, al tempo stesso, ne determina una profonda modifica, alterandone le modalità di svolgimento da Paese a Paese. In alcuni di questi portando addirittura ad uno sfruttamento della manodopera umana, al fine di una maggiore produzione di beni, sempre più richiesti, e all'ottenimento di minori tempi di consegna.