Il congedo di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4. Rappresenta un’agevolazione esistente già da tempo in diversi paesi europei, ma una specie di novità in Italia, che comunque beneficiava del ‘congedo parentale’.

Il testo della riforma

Nello specifico l’articolo 4 al comma e 24 lettera A della suddetta Riforma Fornero Legge numero 92 del 2012 sancisce che per gli anni 2013, 2014 e 2015, in via sperimentale, il padre lavoratoredipendente si dovrà astenere dal lavoro per un giorno, entro cinque mesi dalla nascita del proprio figlio, per l'appunto grazie al congedo di paternità.

Come ottenerlo

Ottenere il congedo di paternità è semplice, si deve comunicare in forma scritta al proprio datore i lavoro i giorni prescelti per astenersi dall’attività, con almeno15 giorni di preavviso. Però solo il 6,9% dei padri ne usufruiscono. Il motivo di ciò potrebbe ricondursi ad una visione arcaica della famiglia per alcuni punti di vista, come quello secondo il quale sono per la maggior parte le donne a doversi occupare dei figli.

Ma le radici del congedo di paternità potrebbero nascondersi anche nella paura di non essere ben visti dal datore di lavoro. Parliamo di un identikit che ha poco in comune con il nuovo papà ‘high care’ che è stato identificato da non pochi autorevoli studi. Sono quei padri che introducono ad una società in trasformazione e che mostrano una simmetria di ruoli sinora sconosciuta: coloro che si occupano completamente dei figli, accudendoli, accompagnandoli a scuola e giocando con loro.

I dettagli del congedo di paternità obbligatorio

L’articolo 4 ai commi 24, 25 e 26 della Legge numero 92 del 2012 mette in luce non soltanto il congedo di paternità obbligatorio, ma pure la concessione di voucher per l’acquisto dei servizi di baby sitting oppure per il sostenimento di spese per servizi per l’infanzia.

Inoltre, il comma 24 prevede la possibilità per la mamma lavoratrice di usufruire di altri voucher il cui importo è modulato in base ai parametri Isee familiari da utilizzare alla fine del periodo di congedo di maternità e per gli 11 mesi successivi, al posto del congedo parentale.

Paternità naturale

Quando spetta il congedo di paternità

Frequentemente uno dei motivi della separazione delle giovani coppie è il non riconoscimento della paternità di un figlio.
Nel diritto della famiglia è indicato chiaramente che per riconoscere la paternità dei figli, la madre può richiedere al presunto padre di sottoporsi ad un test genetico.

Chiaramente questo test genetico per il riconoscimento della paternità di un figlio è la prova finale che identifica oneri e doveri che il genitore riconosciuto in questa maniera ha nei confronti della mamma e dello stesso figlio.

Ma una persona si può rifiutare di sottoporsi a tale test? In base a quanto deciso di recente dalla Cassazione Civile, Sezione I del 9 aprile 2009 numero 8733, in caso di giudizio diretto ad ottenere una sentenza dichiarativa di paternità naturale, rifiutarsi di sottoporsi al test di riconoscimento del figlio in mancanza di valide giustificazioni costituisce un comportamento valutabile dal giudice, ai sensi dell'articolo 116 al comma 2 nel Cpc. Il giudice può anche desumere il riconoscimento della paternità proprio da tale condotta processuale volta al rifiuto del riconoscimento, in caso di assenza di ulteriori prove certe di rapporti sessuali.

Congedo di paternità, le novità 2020

congedo di paternità

Cosa cambia nel 2020 per il congedo di paternità? La legge di Bilancio di quest’anno ha introdotto diverse novità, tra cui quella principale relativa ai giorni di congedo riconosciuti che salgono da cinque e sette completamente retribuiti. Inoltre, nella manovra finanziaria si è riconosciuto al padre anche il diritto di richiedere un congedo facoltativo in alternativa alla mamma. Da tempo si discuteva della necessità di aumentare la durata del congedo per il papà di un nuovo arrivato, anche in vista del necessario adeguamento dell’Italia alla normativa Europea che ha esteso fino a dieci giorni il congedo per i neo-papà dipendenti. Entro il 2022, quindi, anche il nostro Paese dovrà, per fortuna, uniformarsi agli altri paesi europei estendendo il periodo di stop riconosciuto per legge ai papà per stare con il proprio bebè e aiutare la mamma. Dunque, i giorni aumentati da cinque a sette ancora non soddisfano la direttiva europea, ma comunque rappresentano un passo in avanti. Da ricordare anche che la normativa europea a cui si fa riferimento risale ad aprile 2019.

Ma cos’altro contiene questa direttiva presa come riferimento normativo? Sicuramente, come già detto, l’estensione della durata del congedo a dieci giorni lavorativi normalmente retribuiti al 100 per cento che vengono riconosciuti al padre o comunque al secondo genitore. Il nostro Paese ha altri due anni per adeguarsi alla durata fissata dall’Unione Europea. Tuttavia, il nuovo congedo parentale non è la sola manovra e il solo sostegno riconosciuto dalla Legge di Bilancio alle famiglie. Pensiamo, ad esempio, a nuovi incentivi come il cosiddetto bonus latte artificiale che viene riconosciuto per legge, quest’anno, alle madri che non possano allattare al seno per problemi certificati dal proprio medico. Un’altra novità altrettanto importante è il bonus seggiolino che riconosce 30 euro a sostegno dell’acquisto di un sistema anti-abbandono per l’auto, diventato per legge obbligatorio da novembre 2019 per tutti i bimbi sotto i 4 anni. Tornando, invece, al congedo di paternità, quindi, da quest’anno tutti i neo-papà dipendenti potranno beneficiare di ben sette giorni retribuiti normalmente anziché cinque come accadeva in passato. A questa durata può essere aggiunto un giorno ulteriore, che viene definito tuttavia congedo facoltativo, se la mamma rinuncia, dal suo canto, a un giorno di congedo previsto per la maternità. In tutto, quindi, il papà può avere otto giorni di congedo, da richiedere entro i primi cinque mesi dalla nascita, dall’adozione o anche dall’affido del bimbo.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

ccnl artigianato

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Calcolo pensione Inarcassa: come fare?

calcolo della pensione inarcassa

In materia di pensione e di previdenza esistono delle strutture pensionistiche apposite chiamate casse di previdenza. Le casse di previdenza sono degli organismi ben precisi ai quali fanno riferimento specifiche categorie di lavoratori: vediamo come muoversi per il calcolo pensione Inarcassa.

Testo della Legge Biagi: spiegazione della piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

I più condivisi

Contratto collettivo nazionale del lavoro o CCNL: scopriamo i dettagli

Scopri tutto sul contratto nazionale del lavoro

Il contratto collettivo nazionale del lavoro è il contratto che ha per contraenti: le associazioni sindacali di lavoratori e datori di lavoro. Il contratto collettivo nazionale di lavoro ha come fine quello di regolare il contenuto dei contratti individuali tra singolo lavoratore e il datore di lavoro.

Redditi diversi: normativa e caratteristiche qui in Italia

Immagine usata per illustrare l'articolo Redditi diversi: normativa e caratteristiche

Il TUIR è il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modifiche. Il TUIR comprende gli articoli tra il 67 e il 71 dedicati alla voce Redditi Diversi.

Pensione di reversibilità Inps: vediamo nel dettaglio in cosa consiste

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi anche...

CCNL dirigenti: conosci le norme e i livelli connessi a questo contratto?

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

Leggi anche...

Disoccupazione e requisiti ridotti: di cosa si parla esattamente?

Disoccupazione e requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.