Il congedo in caso di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4, allo scopo del sostenimento della genitorialità, promuovendo una  maggiore condivisione dei compiti per curare i figli. Il congedo rappresenta un’agevolazione esistente già da tempo in diversi paesi europei, ma una specie di novità in Italia, che comunque beneficiava del ‘congedo parentale’.

Il testo della riforma e il congedo per paternità

Nello specifico l’articolo 4 al comma e 24 lettera A della suddetta Riforma Fornero Legge numero 92 del 2012 sancisce che per gli anni 2013, 2014 e 2015, in via sperimentale, il padre lavoratore dipendente si dovrà astenere dal lavoro per un giorno, entro cinque mesi dalla nascita del proprio figlio, e di altri due giorni di astensione continuativa, goduti in sostituzione della madre, per cui viene riconosciuta un’indennità giornaliera a totale carico INPS del 100% della retribuzione.

Come ottenere il congedo per i papà

Quando spetta il congedo di paternità

Ottenere il congedo di paternità è semplice, si deve comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro i giorni prescelti per astenersi dall’attività, con almeno15 giorni di preavviso. Però solo il 6,9% dei padri ne usufruiscono. Il motivo di ciò potrebbe ricondursi ad una visione arcaica della famiglia per alcuni punti di vista, come quello secondo il quale sono per la maggior parte le donne a doversi occupare dei figli.

Ma le radici potrebbero nascondersi anche nella paura di non essere ben visti dal datore di lavoro. Parliamo di un identikit che ha poco in comune con il nuovo papà ‘high care’ che è stato identificato da non pochi autorevoli studi. Sono quei padri che introducono ad una società in trasformazione e che mostrano una simmetria di ruoli sinora sconosciuta: colori che si occupano completamente dei figli, accudendoli, accompagnandoli a scuola e giocando con loro.

I dettagli del congedo paternità obbligatorio

L’articolo 4 ai commi 24, 25 e 26 della Legge numero 92 del 2012 mette in luce non soltanto il congedo di paternità obbligatorio, ma pure la concessione di voucher per l’acquisto dei servizi di baby sitting oppure per il sostenimento di spese per servizi per l’infanzia.

Inoltre, il comma 24 prevede la possibilità per la mamma lavoratrice di usufruire di altri voucher il cui importo è modulato in base ai parametri Isee familiari da utilizzare alla fine del periodo di congedo di maternità e per gli 11 mesi successivi, al posto del congedo parentale.

Paternità naturale

Frequentemente uno dei motivi della separazione delle giovani coppie è il non riconoscimento della paternità di un figlio.
Nel diritto della famiglia è indicato chiaramente che per riconoscere la paternità dei figli, la madre può richiedere al presunto padre di sottoporsi ad un test genetico.

Chiaramente questo test genetico per il riconoscimento della paternità di un figlio è la prova finale che identifica oneri e doveri che il genitore riconosciuto in questa maniera ha nei confronti della mamma e dello stesso figlio.

Ma una persona si può rifiutare di sottoporsi a tale test? In base a quanto deciso di recente dalla Cassazione Civile, Sezione I del 9 aprile 2009 numero 8733, in caso di giudizio diretto ad ottenere una sentenza dichiarativa di paternità naturale, rifiutarsi di sottoporsi al test di riconoscimento del figlio in mancanza di valide giustificazioni costituisce un comportamento valutabile dal giudice, ai sensi dell'articolo 116 al comma 2 nel Cpc. Il giudice può anche desumere il riconoscimento della paternità proprio da tale condotta processuale volta al rifiuto del riconoscimento, in caso di assenza di ulteriori prove certe di rapporti sessuali.



Potrebbe interessarti

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Straordinari non pagati: sai cosa fare?

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Leggi tutto...

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CCNL dirigenti: norme e livelli

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi per l’imprenditoria giovanile: a chi rivolgersi?

Non è facile ottenere dei contributi per un giovane imprenditore, ma è fattibile se si ha la tenacia di mantenersi informati e un’idea in cui credere, competitiva e convincente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...
Go to Top