Il congedo in caso di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4, allo scopo del sostenimento della genitorialità, promuovendo una  maggiore condivisione dei compiti per curare i figli. Il congedo rappresenta un’agevolazione esistente già da tempo in diversi paesi europei, ma una specie di novità in Italia, che comunque beneficiava del ‘congedo parentale’.

Il testo della riforma e il congedo per paternità

Nello specifico l’articolo 4 al comma e 24 lettera A della suddetta Riforma Fornero Legge numero 92 del 2012 sancisce che per gli anni 2013, 2014 e 2015, in via sperimentale, il padre lavoratore dipendente si dovrà astenere dal lavoro per un giorno, entro cinque mesi dalla nascita del proprio figlio, e di altri due giorni di astensione continuativa, goduti in sostituzione della madre, per cui viene riconosciuta un’indennità giornaliera a totale carico INPS del 100% della retribuzione.

Come ottenere il congedo per i papà

Quando spetta il congedo di paternità

Ottenere il congedo di paternità è semplice, si deve comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro i giorni prescelti per astenersi dall’attività, con almeno15 giorni di preavviso. Però solo il 6,9% dei padri ne usufruiscono. Il motivo di ciò potrebbe ricondursi ad una visione arcaica della famiglia per alcuni punti di vista, come quello secondo il quale sono per la maggior parte le donne a doversi occupare dei figli.

Ma le radici potrebbero nascondersi anche nella paura di non essere ben visti dal datore di lavoro. Parliamo di un identikit che ha poco in comune con il nuovo papà ‘high care’ che è stato identificato da non pochi autorevoli studi. Sono quei padri che introducono ad una società in trasformazione e che mostrano una simmetria di ruoli sinora sconosciuta: colori che si occupano completamente dei figli, accudendoli, accompagnandoli a scuola e giocando con loro.

I dettagli del congedo paternità obbligatorio

L’articolo 4 ai commi 24, 25 e 26 della Legge numero 92 del 2012 mette in luce non soltanto il congedo di paternità obbligatorio, ma pure la concessione di voucher per l’acquisto dei servizi di baby sitting oppure per il sostenimento di spese per servizi per l’infanzia.

Inoltre, il comma 24 prevede la possibilità per la mamma lavoratrice di usufruire di altri voucher il cui importo è modulato in base ai parametri Isee familiari da utilizzare alla fine del periodo di congedo di maternità e per gli 11 mesi successivi, al posto del congedo parentale.

Paternità naturale

Frequentemente uno dei motivi della separazione delle giovani coppie è il non riconoscimento della paternità di un figlio.
Nel diritto della famiglia è indicato chiaramente che per riconoscere la paternità dei figli, la madre può richiedere al presunto padre di sottoporsi ad un test genetico.

Chiaramente questo test genetico per il riconoscimento della paternità di un figlio è la prova finale che identifica oneri e doveri che il genitore riconosciuto in questa maniera ha nei confronti della mamma e dello stesso figlio.

Ma una persona si può rifiutare di sottoporsi a tale test? In base a quanto deciso di recente dalla Cassazione Civile, Sezione I del 9 aprile 2009 numero 8733, in caso di giudizio diretto ad ottenere una sentenza dichiarativa di paternità naturale, rifiutarsi di sottoporsi al test di riconoscimento del figlio in mancanza di valide giustificazioni costituisce un comportamento valutabile dal giudice, ai sensi dell'articolo 116 al comma 2 nel Cpc. Il giudice può anche desumere il riconoscimento della paternità proprio da tale condotta processuale volta al rifiuto del riconoscimento, in caso di assenza di ulteriori prove certe di rapporti sessuali.





Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Il video curriculum: sfrutta questo strumento!

video curriculum

Negli ultimi due anni, il video curriculum ha modificato profondamente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, negli USA. Anche in Italia, le grandi aziende affermano che la fase di recruiting sarà influenzata dalle nuove video-candidature.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Contratto nullo o annullabile

contratto nullo

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavorare in Abruzzo: conosci queste opportunità?

lavorare in abruzzo

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte per lavorare in Abruzzo.

Leggi tutto...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Giornalista pubblicista: ecco come iscriversi all'albo

Chi è il pubblicista? Il giornalista pubblicista è la figura professionale disciplinata dalla legge 69/1963. L'art. 1 della suddetta legge afferma che “Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi”.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Telelavoro da casa: tipologie, classificazioni e vantaggi

telelavoro da casa

Il telelavoro da casa è oggi sempre più diffuso grazie ai nuovi mezzi telematici ed informatici, che consentono di lavorare dalla propria abitazione o da qualsiasi altro posto superando i limiti fisici e logistici dell'azienda.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pensione Enasarco: ecco la riforma

La Fondazione Enasarco, istituita nel 1938, è l' Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti e Rappresentanti di Commercio; grazie alla pensione Enasarco, gli oltre 100.000 agenti e rappresentanti di commercio (che lavorano a commissione) che abbiano concluso la loro esperienza lavorativa, possono usufruire di formule pensionistiche integrative. Di seguito un approfondimento sul regolamento da rispettare per usufruirne.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Inps: modulistica online e attività dell'Ente

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Leggi tutto...
Go to Top