Il rapporto di lavoro parasubordinato è disciplinato dall’articolo 2094 del Codice Civile: “è prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore.”

Il contratto di lavoro subordinato è:

  • tipico (disciplinato dal Codice Civile),
  • consensuale (si perfeziona con il consenso delle parti),
  • ad effetti obbligatori (produce obbligazioni),
  • non solenne (lettera d’assunzione è un mezzo di prova),
  • a titolo oneroso (produce un onere per le parti),
  • a prestazioni corrispettive (prestazioni a carico di entrambi le parti),
  • di durata (non istantaneo),
  • non aleatorio (il rischio non è l’elemento essenziale),
  • bilaterale,
  • per adesione (non c’è la possibilità di fare una controproposta).

Quando si ha a che fare con le dinamiche lavorative è sempre necessario tenere gli occhi ben aperti e conoscere la miriade di tipologie di lavoro e di contratti presenti in Italia. Al fine di incappare in errori e per scegliere la tipologia di lavoro che più si predilige e che è più adatto alle proprie attitudini e competenze.

E' bene dunque fare molta attenzione al tipo di contratto che il datore di lavoro propone e chiede di far firmare al suo futuro dipendente. È inoltre necessario valutare il periodo di tempo disponibile per lavorare e prediligere così il contratto di lavoro con durata più idonea.

Cos'è il lavoro parasubordinato

Il lavoro parasubordinato è un tipo di professione lavorativa che si trova a metà strada tra il lavoro subordinato e il lavoro autonomo; presenta infatti caratteristiche sia dell’una che dell’altra forma professionale. È dunque definito lavoro parasubordinato una prestazione tra un collaboratore che presta servizio presso un committente, anche se non è direttamente dipendente di quest’ultimo.

Con l’introduzione della legge Biagi numero 30 del 14 febbraio 2003 e dopo il suo decreto legislativo numero 276 del 10 settemre 2003, si è cercato di regolamentare al meglio le dinamiche di lavoro parasubordinato. È stato inoltre deciso che la precedente collaborazione coordinata continuativa sarà di pertinenza unicamente delle pubbliche amministrazioni, mentre per gli altri settori sarà sostituita dal lavoro a progetto.

Quali categorie di lavoratori sono previste per il parasubordinato

E’ definito lavoratore parasubordinato colui che firma un contratto a progetto e colui che instaura con il proprio datore di lavoro un rapporto di collaborazione occasionale, che prevede una continuità lavorativa di un massimo di trenta giorni durante l’anno solare e una retribuzione massima di 5.000 euro l’anno.

Chi è soggetto a lavoro di questo genere, ai sensi della Legge 335/95 art. 2, deve iscriversi infine alla Gestione Separata Inps,versando una quota pari a 1/3 a carico del lavoratore e 2/3 a carico del committente.

Aggiornamento: dati e cifre

Stando agli ultimi dati riferibili al secondo trimestre del 2014, in Italia si è avuta una crescita delle assunzioni del 3%, con più di due milioni e mezzo di rapporti avviati tra lavoro dipendente e parasubordinato. Di fronte a questi dati positivi, c’è tuttavia da analizzare un altro dato, ossia che appena il 15% dei rapporti instaurati sono stati contratti a tempo indeterminato. Questo significa che stiamo parlando di rapporti lavorativi “mordi e fuggi” con contratti a termine che non permettono ai giovani di crearsi un futuro e avere chissà quali aspettative. Secondo queste cifre, infatti, il 70% dei lavoratori ha un contratto da precario e questo certamente non rappresenta una risorsa per una vita da vivere “alla giornata” e senza poter progettare piani a medio-lungo termine.
Anche questa tipologia di contratto potrebbe essere al centro della revisione del Governo con il famoso Jobs Act: il Presidente del Consiglio Renzi vuole infatti semplificare la materia con massimo 4-5 proposte contrattuali, abolendo la distinzione tra lavoratori di Serie A e Serie B attraverso la stipula del contratto a tutele crescenti, che manderebbe in soffitta quello a tempo indeterminato. Per i primi tre anni infatti il lavoratore non avrebbe il paracadute dell’articolo 18 (tema di forte scontro tra politica e sindacati) e in caso di licenziamento l’indennizzo economico andrebbe calcolato in base all’anzianità di servizio, con il reintegro valevole solo nei licenziamenti discriminatori.

Problema pensioni?

lavoro parasubordinato

Ovviamente questa precarietà potrebbe avere ripercussioni molto forti anche sulle future pensioni. Già per i giovani d’oggi non è certo poter ricevere un assegno pensionistico nel futuro ma dalle prime proiezioni questo assegno potrebbe essere molto basso per chi lavora attraverso tutte le tipologie di contratto appena elencate. Le prime simulazioni parlano di una pensione da 670 euro dopo trent’anni: una cifra molto esigua che unita alla precarierà del momento, non getta nessun fascio di luce su questa situazione. Urge quindi una riforma sostanziale del mercato del lavoro per porre fine finalmente a questo problema atavico in Italia, ossia la precarietà.

Le caratteristiche del lavoro parasubordinato

I contratti di lavoro parasubordinati si collocano a metà strada tra le tipologie di lavoro autonomo e subordinato. Vengono dunque firmati soprattutto nei casi di lavoratori a progetto e di collaboratori occasionali, con tipologie di prestazione che abbiano la caratteristica principale della continuità.

Parasubordinato e INPS

I contratti di lavoro di questo tipo, prevedono inoltre l’iscrizione alla Gestione Separata dell’Inps e il versamente di un onere contributivo. La contribuzione dei lavoratori va pagata secondo l’aliquota del 26,72%; se non si possiede ancora la pensione o si è dei lavoratori non iscritti ad altre casse previdenziali; è invece del 17% nel caso in cui si fosse titolari di pensione o iscritti presso casse previdenziali.

Le indennità dei contratti parasubordinati

lavoro parasubordinato

I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinati e iscritti alla Gestione Separata dell’Inps hanno inoltre diritto all’indennità di maternità all’indennità di malattia, nonché agli assegni per il nucleo familiare.

Per concludere, questa tipologia di rapporto di lavoro viene regolamentata dal decreto legislativo numero 276 del. 10 settembre 2003 e dalla Legge numero 30 del 14 febbraio 2003. I lavoratori con contratti di lavoro parasubordinato devono inoltre possedere un’assicurazione presso l’Inail.

Per i collaboratori a progetto esistono infine alcune forme sperimentali di sostegno al reddito; da esse sono invece escluse le altre tipologie di lavoratori di cui stiamo parlando, e coloro che possiedono la partita IVA.

Lavoro parasubordinato e contratti a progetto

La riforma Fornero del mercato di lavoro, che ha preso corpo nella legge 92/2012, ha attuato delle modifiche su quello che è possibile considerare come la forma principale di lavoro subordinato, ovvero il cosiddetto contratto a progetto. Tale intervento è servito a disciplinare al meglio questa formula contrattuale, onde evitare un uso improprio dello stesso da parte di aziende e datori di lavoro.

Questo ha significato inserire delle norme che portassero i datori di lavoro a utilizzarlo il meno possibile (attraverso anche un maggior peso di contributi), nonché a darne una definizione migliore rispetto a quanto formulato dalla precedente riforma denominata Biagi, del 2003.
In questo modo, il progetto diventa il principale strumento per cui considerare il contratto di collaborazione parasubordinata.

La definizione di progetto

Stando dunque alla riformulazione della normativa, un lavoro di questo tipo viene considerato tale solo alla presenza di un determinato progetto (o anche più di uno) impostato dal committente e gestito, in maniera del tutto autonoma, dalla persona scelta per la collaborazione.

Le caratteristiche dunque di questa tipologia di lavoro parasubordinato devono essere innanzitutto l'individuazione di un risultato finale (obiettivo) a cui il contratto è direttamente connesso.

Durante il periodo di collaborazione, il lavoratore non è portato a svolgere una serie di compiti considerabili come puramente ripetitivi o esecutivi, e si deve coordinare con il responsabile dell'organizzazione che ha commissionato il lavoro.

Infine, un lavoro di questo tipo non è connesso a orari prestabiliti: il lavoro è del tutto legato all'obiettivo e non ai tempi necessari per la sua realizzazione (in pratica non esiste un preciso orario di lavoro).

Una volta definite le caratteristiche del progetto, il contratto può essere scritto e stipulato in forma scritta, e non deve mancare di una serie di requisiti.
Bisogna indicare la durate della collaborazione, descrivere il tipo di progetto partendo dal contenuto e dai risultati da ottenere.
Vanno indicati anche il corrispettivo economico e tutte le informazioni su tempi e modi di pagamento, nonché eventuali rimborsi.
Non devono mancare anche indicazioni sulla tutela della salute e della sicurezza del lavoratore parasubordinato.

Guida 2019 alla gestione separata INPS

liberoprofessionista

La gestione separata dell’INPS è una forma di regime contributivo che interessa i professionisti che non appartengono ad alcuna cassa previdenziale autonoma e i lavoratori parasubordinati. I soggetti tenuti all’applicazione di questo regime devono versare i contributi in percentuale rispetto al reddito generato da attività autonome o parasubordinate.

Per il 2019 le aliquote previste sono:

  • 25,72 % per i cosiddetti “professionisti senza cassa”;
  • 34,23 % per i lavoratori parasubordinati.

I soggetti tenuti all’iscrizione alla gestione separata INPS sono:

  1. Lavoratori a progetto titolari di contratti in essere al 25 giugno 2015 e che non presentino gli indici di non genuinità come previsti dal D. Lgs. 81/2015;
  2. Collaboratori coordinati e continuativi (Co.Co.Co) anche occasionali e titolari di rapporti di lavoro esclusi dall’applicazione della disciplina sul lavoro subordinato.
  3. Spedizionieri doganali non dipendenti;
  4. Titolari di borsa di studio per dottorati di ricerca;
  5. Associati in partecipazione;
  6. Lavoratori autonomi occasionali e di vendita a domicilio che raggiungono un reddito annuo superiore a 5.000 € derivante dalle suddette attività;
  7. Lavoratori autonomi professionali titolari di partita IVA ma senza cassa previdenziale. A quest’ultima categoria appartengono coloro che:
    1. Svolgono attività il cui esercizio non è subordinato all’iscrizione di albi o elenchi professionali;
    2. Svolgono attività per cui è prevista l’iscrizione all’albo ma non hanno casse previdenziali di categoria in base ai rispettivi statuti o regolamenti.

Onere contributivo e ripartizione

L’onere contributivo per chi si iscrive alla gestione separata non è sempre e totalmente a carico del lavoratore; vi sono casi in cui esiste una ripartizione dell’onere tra lavoratore e datore di lavoro:

  • Co.Co. e lavoro occasionale: nei casi di collaborazioni coordinative e continuative, occasionali, dei venditori a domicilio e assimilati, l’obbligo del versamento dei contributi è ripartito nel modo seguente
    • In capo al committente, sia la quota di 2/3 a proprio carico, sia la quota a carico del lavoratore pari a 1/3. L’onere si assolve con modello F24 entro il 16 del mese successivo la corresponsione dei compensi.
  • Lavoratori autonomi occasionali per somme superiori a 5000 € annui:
    • 1/3 del contributo a carico del lavoratore;
    • 2/3 a carico del datore di lavoro. Il lavoratore che supera la soglia dei 5000 € è tenuto a informare i propri committenti affinché operino la ritenuta fiscale sul compenso e anche quella previdenziale.
  • Associati in partecipazione: per coloro che apportano solo lavoro, l’onere contributivo è ripartito per il 45% a carico dell’associato e per il 55% a carico dell’associante.
  • Professionisti senza cassa professionale: l’obbligo di versamento dei contributo è a capo esclusivamente del lavoratore, fatta salva la facolta di rivalsa nella misura del 4% dei compensi lordi.

Come si effettua l’iscrizione alla gestione separata

giovani lavoro

L’iscrizione alla Gestione separata deve essere svolta dal lavoratore autonomo da se stesso, mentre per i lavoratori parasubordinati, l’iscrizione è a cura del datore di lavoro. L’iscrizione avviene esclusivamente per via telematica accedendo attraverso le proprie credenziali INPS. Per ottenere le credenziali INPS occorre registrarsi al sito. All’interno della sezione “Servizi per il cittadino” si trova la voce Iscrizione Gestione Separata INPS; una volta effettuato l’accesso occorre indicare la tipologia d attività svolta (autonoma o parasubordinata). Il lavoratore autonomo deve indicare la data di inizio dell’attività e il codice dell’attività, lo stesso comunicato in fase di apertura della partita IVA.

Il lavoratore parasubordinato, invece, deve indicare solo la data di inizio dell’attività. L’iscrizione è automatica e viene subito rilasciata una ricevuta attestante l’avvenuta iscrizione. L’iscrizione si effettua una sola volta anche se l’attività viene interrotta e ripresa più volte.

L’iscrizione alla gestione separata INPS deve essere effettuata entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa.

Potrebbe interessarti

Autorizzazione al trattamento dei dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Immagine usata per illustrare l'articolo Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Il calcolo dei ratei tredicesima:ecco le informazioni necessarie!

I lavoratori subordinati con contratto a tempo determinato o indeterminato percepiscono una mensilità definita tredicesima che viene calcolata seguendo criteri ben precisi e che varia a seconda della tipologia di lavoro e di contratto.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Livello del CCNL: tutto quello che devi sapere sui quattro livelli

Immagine d'esempio usata nell'articolo Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Il CCNL è il contratto che ha per contraenti: le associazioni sindacali di lavoratori e datori di lavoro.

Lavoro nel campo dell'Infermieristica: possibilità legate alla professione

Infermieristica: lavoro e possibilità legate alla professione

Lavorare nell'area infermieristica coincide con le figure professionali del campo sanitario: le mansioni in questo campo sono diverse, ma tutte puntano all'assistenza del malato.

Rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi anche...

Corsi di formazione utili per trovare lavoro: sai scegliere?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti. Oltre a scegliere l'università giusta o il settore lavorativo adatto, è dunque indispensabile cercare nuove forme di ampliamento e aggiornamento delle competenze ed avere così maggiore probabilità di crescere tramite i corsi lavorativi. Si consiglia ovviamente di scegliere con cautela il corso (tra le centinaia di enti che erogano formazione e/o che semplicemente affittano l'aula a terzi per questo scopo).

Leggi anche...

Lavorare con gli animali: la carica delle 101 opportunità di lavoro!

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Lavorare con gli animali: la carica delle 101 opportunità di lavoro!

Tra il veterinario e il dog sitter si inseriscono una quantità incredibile di tipologie di attività che fanno lavorare con gli animali, dal toelettatore, al pet therapist, dall’addestratore al nutrizionista, dal rivenditore specializzato al fisioterapista, dal conduttore cinofilo al tecnico veterinario.