Con il termine “stage in azienda” si indica un’esperienza lavorativa svolta all’interno di un’azienda con obiettivo formativo. Lo stage in azienda consente allo stagista di essere inserito in una realtà aziendale che gli permetterà di apprendere maggiormente e più facilmente.

Nei paesi anglosassoni tale modalità di apprendimento e di inserimento nel mondo del lavoro è denominata internship ed è una sistema per assumere (dopo il periodo di inserimento attraverso lo stage) giovani neodiplomati o neolaureati. Anche in Italia lo stage in azienda è una modalità per inserirsi in un contesto lavorativo rivolta agli studenti o a coloro che desiderano cambiare lavoro o reinserirsi in un contesto lavorativo dopo un periodo di pausa.

Obiettivi dello stage in azienda

Le proposte di stage sono generalmente il risultato del dialogo tra aziende, associazioni di studenti ed enti di formazione (scuole e università). Attraverso lo stage si acquisiscono delle competenze professionali e un’idea più chiara relativa al lavoro che si svolgerà in seguito.

Per affrontare a 360° l’argomento si consiglia la lettura del libro: Tirocini e stage di servizio sociale. Manuale per studenti e supervisori

Quali aziende propongono uno stage?

Possono proporre stage in azienda: aziende private, enti pubblici, organizzazioni no-profit. In Italia, nelle aziende che hanno più di 20 dipendenti, il numero di stagisti non può essere superiore al 10% del personale dipendente. La durata dello stage in azienda è variabile, solitamente è di tre o sei mesi rinnovabile sino ad 1 anno.

Obblighi dell’ente erogatore: Gli stage in azienda possono prevedere un rimborso spese, ma tale decisione è riservata all’ente erogatore. In Italia non è obbligatorio neanche il versamento dei contributi previdenziali da parte delle aziende; l’unico dovere dell’azienda che ospita lo stagista è quella di sostenere la spesa relativa alla copertura assicurativa antinfortunistica.

Contratto di stage

Per attivare uno stage o un tirocinio formativo è necessario che esista un contratto di stage basato sulla convenzione stipulata tra l’ente promotore ed il soggetto ospitante (vedi i soggetti del contratto di stage) includente il progetto formativo stilato dal soggetto ospitante (sia pubblico che privato). Il progetto formativo deve essere firmato dal soggetto ospitante, dal tirocinante e dall’ente promotore. Quest’ultimo avrà l’onere di inviarne una copia alla Regione, al Ministero del Lavoro e alle rappresentanze aziendali.

Lo svolgimento del progetto formativo e il tirocinante sono seguiti da altri due soggetti: tutor aziendale e tutor del soggetto promotore. Il tutor aziendale è un dipendente dell’azienda ospitante il tirocinio nominato responsabile aziendale dello stage; il tutor del soggetto promotore è appunto nominato dall’ente che promuove lo stage (ad es. il tutor accademico se il contratto di stage è promosso dall’università).

Il contratto di Stage è composto da diversi elementi tra cui la durata del tirocinio ed eventuali rimborsi spesa a favore del tirocinante. La durata del tirocinio formativo ha dei limiti massimi stabiliti in base alla condizione scolastica e occupazionale del tirocinante e va dai 4 mesi per gli studenti di istituti scolastici secondari ai 24 mesi per i soggetti portatori di handicap. Il contratto di stage “non costituisce rapporto di lavoro”, ai sensi dell’articolo 1, co.2, DM 142/98 e quindi non prevede alcuna forma di retribuzione. Il soggetto ospitante, a sua discrezione, può corrispondere allo stagista un compenso come rimborso spese assoggettato alla ritenuta d’acconto a fini IRPEF del 20%.

In base alla legge Treu i soggetti ospitanti che accolgono giovani provenienti dalle regioni del sud Italia possono ottenere il rimborso totale o parziale degli oneri finanziari sostenuti per coprire le spese di vitto e alloggio del tirocinante (art.9 regolamento, art.18, L.196/97). La finalità del contratto di stage è quello di conseguire un’esperienza lavorativa pratica che per il tirocinante può essere il trampolino di lancio per il mondo del lavoro e per l’azienda ospitante consente di acquisire informazioni sui giovani prima dell’assunzione con notevoli vantaggi economici. Se il contratto di stage non si trasformi in contratto di lavoro, i tirocinanti possono spendere tale esperienza in termini di crediti formativi, se certificata dall’ente promotore.

Gli svantaggi dello stage in azienda

Il contratto di stage non include i minimi contrattuali previsti nei “classici” contratti di lavoro. Sono numerosi i casi in cui gli stagisti sono “invitati” in azienda perché essa necessità di personale in determinati momenti (es. sostituzione di un dipendente in maternità). Alcune aziende, a volte, ne approfittano per ottenere manovalanza a costi tendenti allo zero o per avere personale a cui far svolgere mansioni dequalificanti. E’ da considerare che per un’impresa in costo sostenuto per uno stagista è ancora più economico del personale assunto attraverso i co.co.pro.

Per tali ragioni, di contro, i stagisti insoddisfatti interrompono lo stage appena trovata un’occupazione più gratificante e stabile.

Soggetti contratto di tirocinio

I tirocini sono rivolti, in base alla L. 1859/62, a tutti coloro che abbiano adempiuto gli obblighi scolastici, ai soggetti disoccupati o inoccupati e ai cittadini della Comunità Europea o extracomunitari, se sussiste il principio di reciprocità.

Chi può essere l’ente promotore dei tirocini?

In base alla legge TREU possono essere soggetti promotori dei tirocini i seguenti soggetti:

  • centri, agenzie e sezioni circoscrizionali per l’impiego o enti che si occupino di obiettivi analoghi
  • istituti ed università che rilascino titoli accademici (gli enti possono essere statali e non statali)
  • provveditorati agli studi
  • organismi scolastici (statali e non statali) che rilascino titoli di studio legalmente riconosciuti
  • enti pubblici o a partecipazione pubblica che si occupino della formazione professionale e dell’orientamento al lavoro
  • enti che offrano servizi di inserimento lavorativo per disabili
  • organismi formativi privati, senza fini di lucro se autorizzati dalla regione
  • le comunità terapeutiche e cooperative sociali

A volte la proposta ad uno di questi enti di attuare tirocini può essere promossa da enti bilaterali, dalle associazioni sindacali di lavoratori o di datori di lavoro.

Doveri del soggetto promotore

Gli obblighi dei soggetti promotori del tirocinio sono:

  • assicurare i tirocinanti controgli infortuni sul lavoro presso l’INAIL
  • assicurare i tirocinanti per la responsabilità civile verso terzi
  • definire il progetto formativo del tirocinante
  • stipulare il contratto di stage

E’ necessario che la copertura assicurativa comprenda anche le attività che il tirocinante svolge fuori dell’azienda, ma che rientrano nel progetto formativo.

Chi sono i soggetti ospitanti dei tirocini?

Possono ospitare tirocinanti tutte le imprese pubbliche o private. Il numero dei tirocinanti che un’azienda può ospitare dipende dal numero di dipendenti con contratto a tempo indeterminato (in base all’art. 1 DM 142/98) e sono:

  • massimo un tirocinante per le aziende fino a 5 lavoratori a tempo indeterminato
  • 1 o 2 tirocinanti nelle aziende che hanno tra i 6 e i 19 dipendenti a tempo indeterminato
  • un numero di tirocinanti non superiore al 10% dei dipendenti per le imprese con più di 20 lavoratori a tempo indeterminato

Ulteriori informazioni in merito a questo tipo di contratto, presso i Centri per l'impiego, Informagiovani, Università, Enti Bilaterali e Associazioni Sindacali. Se invece siete interessati a lavorare all’estero, consultate la rete Eures che propone offerte di lavoro e di studio in più di 30 paesi europei.

Quali informazioni trovare sul sito ufficiale dell’USR Lazio

L’USR (ex USP) (Ufficio Scolastico Regionale) è un ufficio che si occupa della gestione della comunicazione a livello regionale e delle iniziative che riguardano l’amministrazione scolastica e le Istituzioni scolastiche, compresa la relazione con gli organi di stampa. Istituito e presente in tutti i capoluoghi d’Italia, fatta eccezione per quelle regioni disciplinate separatamente come il Trentino e la Valle d’Aosta, sostituisce a tutti gli effetti quello che fino a qualche tempo fa era il Provveditorato agli studi.

Ha ereditato le competenze del Provveditorato seppur in forma più ridotta, dal momento che per alcuni aspetti gli organi scolastici sono divenuti più autonomi. Nello specifico si presenta come un punto di riferimento per informazioni importanti e approfondite, che possono tornare utili sia ai docenti, che al personale ATA e alle famiglie.

Ovviamente si occupa anche del Coordinamento e del monitoraggio degli UU. RR. PP., della promozione della lettura e delle biblioteche scolastiche di Roma e Provincia e della realizzazione della banca dati della Direzione e del coordinamento delle rilevazioni numeriche integrative regionali delle scuole statali e non statali. Gestisce dunque i data-base dei progetti delle Scuole, diffondendo all’interno degli istituti i bandi di concorso e le Concessione dei Patrocini.

Il portale web dell’USR della nostra regione è costantemente aggiornato e si presenta come un sito istituzionale ben strutturato in cui trovare, in modo intuitivo, tutte le novità e gli approndimenti sul mondo scolastico.

Piu nel dettaglio, durante la navigazione, troviamo in evidenza la sezione news in cui vengono veicolate le ultimissime notizie che possono riguardare i vari aspetti della scuola, dai nuovi progetti agli avvisi relativi ai concorsi per il personale. Accanto poi sono inseriti una serie di collegamenti alle pagine specifiche, tra cui quelli per:

  • Prove INVALSI (test per la verifica dell’apprendimento nelle varie materie)
  • Progetto PON (aggiornamenti sul programma dei Fondi Strutturali Europei)
  • Piano di Formazione (per docenti e personale)
  • Norme di valutazione per gli esami finali di Stato
  • Concorso dei docenti (prove, graduatorie e avvisi relativi all’ultimo concorso svolto)

Una sezione, principalmente dedicata ad alunni e famiglie, raccoglie dei documenti informativi volti all’orientamento scolastico e agli avvisi relativi all’anno scolastico in corso, nonchè alla pubblicazione di tutte le circolari riguardanti le scuole del territorio.

Questa la lista degli uffici USR di Roma, i contatti di riferimento e le competenze specifiche

Ufficio Scolastico Regionale del Lazio – Sede centrale

Viale Giorgio Ribotta, 41
Direttore Generale
Gildo De Angelis
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono segreteria
Tel.: 06 77391
Fax.: 06 70476649

UFFICIO I

Gestione delle risorse finanziarie e umane, rapporti con i sindacati e altri enti

Dirigente
Piergiorgio Cosi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono centralino
06 77392511

UFFICIO II

Ordinamenti delle scuole paritarie e non

Dirigente
Esterina Lucia Oliva

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono segreteria
06 77392449

UFFICIO III

Comunicazioni, progetti europei e politiche relative alla formazione

Dirigente
Michela Corsi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono segreteria
06 77392562

UFFICIO IV

Formazione docenti e personale scolastico, innovazione tecnologica nei plessi

Dirigente
Rosaria Spallino

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono segreteria
0677392571

UFFICIO V

Area legale

Dirigente
Maria Rita Calvosa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono segreteria
06 77392303

Come raggiungere gli Uffici Scolastici Regionali per chiedere informazioni

La Direzione Generale dell'USR per il Lazio si trova in Via Giorgio Ribotta 41

La sede è raggiungibile dalla Stazione Termini prendendo la metropolitana B in direzione Laurentina e scendendo a Eur-Palasport. Proseguire con l’autobus 788 (fino alla fermata Avignone-Bilbao) oppure con l’autobus 708 (fino alla fermata Grande Muraglia-Rotterdam





Potrebbe interessarti


La vacanza studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Leggi tutto...

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Leggi tutto...

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi


Modello aziendale: quale scegliere?

scegli il modello aziendale che adatto alla tua attività

Il modello aziendale viene scelto in base a numerosi parametri (mercato, prodotto, risorse) ma, qualunque sia la scelta effettuata quello che conta è l'efficienza della struttura selezionata: un'impresa inefficiente è un'impresa in perdita.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...

L'Ammortizzatore sociale: tutto sulla riforma che cambia l'Italia

Immagine esemplificativa di ammortizzatore sociale

Secondo quanto previsto dall'attuale Governo, i nuovi ammortizzatori sociali entreranno a regime non più nel 2015, ma molto più probabilmente la transizione sarà effettuata a partire dal 2017. Attualmente, il sistema di ammortizzatori sociali, all'analisi del Governo per la riforma, mostra una serie di disomogeneità fra i vari settori del lavoro, per quanto riguarda la tutela e le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Diventare consulente del lavoro: come fare?

come diventare consulente del lavoro

Questa professione lavorativa trova una sua regolamentazione giuridica grazie alla legge del 1964 che istituisce l’apposito Albo mentre dal 1979 può godere del riconoscimento da parte dell’Ordine professionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...


L'Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori: vi spieghiamo le modifiche

Continua il dibattito fra Governo e Parti Sociali in merito alle modifiche previste all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Andiamo ad approfondire il tema legate a questo punto controverso.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...
Go to Top