Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Dopo aver fatto richiesta all'Ente di previdenza, sarà pervenuto a casa un bollettino con la somma da pagare in un'unica soluzione entro 60 giorni o in più rate.

Contributi da riscatto della laurea

Affinché si possano riscattare gli anni della laurea, occorre questa sia già stata conseguita prima dell'invio della domanda all'Inps e che non sia stato accreditato nessun altro contributo presso altri fondi pensionistici.
I tipi di laurea riscattabili sono:

  • Diplomi universitari
  • Diplomi di laurea
  • Diplomi di specializzazione
  • Dottorati di ricerca
  • Titoli accademici di cui al dl. 509/1999
  • Diplomi di alta formazione artistica e musicale, ma solo per i corsi attivati dopo il 2005

Dal 12 luglio 1997, è possibile riscattare due o più corsi di laurea conseguiti anche prima di questa data. Dal 2008, infine, è possibile procedere anche per i soggetti che non sono mai stati iscritti ad alcun fondo di previdenza.

L'ammontare dell'onore da pagare dipende innanzitutto dalla data di conseguimento della laurea – che determina, peraltro, se verrà utilizzato il sistema retributivo o contributivo – e, in secondo luogo dall'età del cittadino, dal sesso e dalle ultime retribuzioni.

Per le lauree conseguite prima del 1996, il sistema di riferimento sarà quello retributivo: da quell'anno in poi, si sbloccherà il contributivo.

Per calcolare l'ammontare, si utilizza l'aliquota relativa agli anni in questione e si applica alle entrate relative ai 12 mesi meno remoti rispetto la data della domanda.

Contributi relativi ad attività lavorative in paesi non convenzionati

Contributi da riscatto

L'Italia ha stipulato convenzioni bilaterali in materia contributiva con numerosi paesi: se un cittadino italiano svolge regolare attività in uno di questi stati, i contributi possono essere facilmente fatti valere per via di tali accordi.
Se l'attività, invece, avviene in paesi diversi è necessario chiederne il riscatto.
È possibile far domanda per i contributi da riscatto per l'intero ammontare di tale lavorativo per tutti i cittadini di nazionalità italiana.
Il metodo di calcolo è del tutto simile a quello relativo agli anni di laurea.

È possibile, infine, riscattare a titolo oneroso i contributi relativi a periodi quali:

  • Interruzione del rapporto di lavoro
  • Formazione professionale
  • Contratti part time

Anche qui, l'ammontare dell'onere dipende da numerosi fattori e dal tipo di attività svolta. Per maggiori informazioni, si rimanda al Portale Inps relativo ai Contributi.

Come contribuiscono ai fini pensionistici

Per i fini pensionistici, i contributi da riscatto, assumono lo stesso valore che ha la contribuzione obbligatoria. Per questo motivo può essere usata per la misura e per il diritto di tutte quelle prestazioni che vengono erogate dalle assicurazioni generali obbligatorie e dai suoi fondi esclusivi o sostitutivi. Quindi ha valore anche per il perfezionamento di tutti i requisiti contributivi che necessitano per la pensione anticipata e per il requisito contributivo di vent’anni utile per l’accesso alla tradizionale pensione di vecchiaia. Infine, grazia ad essa si può accedere al perfezionamento di quei requisiti immancabili per usufruire delle prestazioni previdenziali per il lavoratore iscritto al sistema contributivo.

Pertanto con il riscatto, il lavoratore può ottenere un aumento sulla pensione e, in base al proprio caso, un valido anticipo sull’età pensionabile. Ovviamente, il singolo lavoratore, deve valutare la propria convenienza analizzando i vantaggi offerti dalla copertura contributiva ma, anche, i relativi costi.

Il calcolo dell’onere dei riscatti varia in base alla collocazione temporale dei fatti; infatti, tutti i riscatti prima del 1996 si calcolano mediante il sistema della riserva matematica, quelli successivi al 2011, invece, si determinano tramite il sistema detto “dell’aliquota percentuale”. Durante la valutazione di tale calcolo, è necessario considerare che, dal 2011, la legge permette la deducibilità dell’intero costo del riscatto dal reddito complessivo e che, il versamento di questa operazione si può anche rateizzare in 120 rate a scadenza mensile privi dell’aggiunta di qualsiasi interesse.

La richiesta di riscatto può essere presentata da:

  • Lavoratori con regolare iscrizione all’assicurazione obbligatoria generale,
  • Coloro che hanno effettuato l’iscrizione a una gestione speciale per i lavoratori autonomi;
  • Tutti gli appartenenti alla gestione separata per lavoratori parasubordinati;
  • Gli iscritti ad uno dei fondi speciali che sono sotto la gestione dell’Inps.

Potrebbe interessarti

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

lettera di accompagnamento

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Gestione di un chiosco sulla spiaggia

L'estate si avvicina e aumenta di giorno in giorno la richiesta di lavori da effettuare unicamente durante i tre mesi stagionali.

Impresa Italia: un ‘cassetto digitale’ per aiutare gli imprenditori post Covid

AreaLavoro_cassetto1.jpg

Oltre 600mila imprese utilizzano il portale gratuito che consente l’accesso tutti i documenti ufficiali della propria azienda anche in mobile. 

Ecocert INPS: ecco cos'è l'estratto conto contributivo

Ecocert INPS

Prima di riscuotere la rata della pensione, è bene controllare il suo ammontare e quello che eventualmente non quadra in merito. Un lavoratore ha la possibilità di valutare la propria posizione previdenziale servendosi dell'estratto conto contributivo.

Leggi anche...

Lo stipendio di una Commessa: il contratto, la retribuzione, le offerte online

Lo stipendio di una Commessa

Il lavoro di commessa è sicuramente uno dei più difficili. Non serve una formazione di studi particolare per essere assunta, ma contano molto la personalità e la predisposizione ai rapporti interpersonali. Questo lavoro può diventare anche stagionale magari per determinati periodi dell’anno, come può essere sotto le feste natalizie o in periodi di saldi.

Leggi anche...

Turni di lavoro e di riposo settimanale: ecco il piano d'Impresa

turni di lavoro

Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione: